ALFA ROMEO – GIULIA 952 !!!

Il suo nome è … Giulia come la vecchia vettura ”disegnata dal vento”  nata nel 1962 .  Una delle mitiche vetture dell’ Alfa Romeo che ”riaccende i motori” e si ripresenta con forti ambizioni globali !

Xtzhnqk

La nuova vettura ha esordito nella simbolica data del 24 maggio, nel giorno del 105esimo compleanno della A.L.F.A.  (Acronimo di: Anonima Lombarda Fabbrica Automobili), ed è stata presentata dalla voce di Andrea Bocelli che ha cantato in suo onore il brano: ”Nessun dorma” tratto dalla Turandot.

Che la nuova Giulia sia il simbolo della rinascita del marchio del Biscione lo testimonia anche il luogo in cui il debutto è avvenuto: Arese, nella sede del Museo Storico di Alfa Romeo, nei pressi della vecchia, e dismessa, fabbrica alle porte di Milano che diede i natali alla Giulia.

La nuova Giulia, nota con il nome in codice 952, debutta in una variante, top di gamma e superpotente, battezzata “Quadrifoglio“. Sotto linee muscolose ed eleganti e di forte impatto, abita un V6 tremila da 510 cavalli, un motore che non lascia dubbi circa le ambizioni di rilancio del marchio in chiave sportiva.

alfa-romeo-tipo-952-spied-winter-testing-its-a-giulia-sedan-test-mule-photo-gallery_8

Mira chiaramente a competere con marchi come BMW , Mercedes e Audi ed ed è strategica per sostenere le ambizioni di rilancio globale del marchio italiano del gruppo Fca.

Cribbio … dopo tanti anni, la FIAT … anzi  la FCA, ha finalmente capito che marchi come Alfa Romeo e Lancia non erano da ”inglobare” senza tirar fuori un soldo, come avrebbe potuto fare un’ameba per eliminare la concorrenza, ma si doveva ”giocare” sul nome che queste vetture avevano nel mondo, per ”allargare” appunto,  la presenza nel mondo.  La visione globale e a lungo termine la Fiat proprio non l’aveva.  Grazie al mercato interno che la teneva in vita senza colpo ferire, e al fatto che, quando c’erano problemi, la Cassa Integrazione le ”toglieva le castagne dal fuoco”,  il ”salto” qualitativo necessario per competere non lo ha fatto.  Come al solito abbiamo sfruttato il periodo delle ”vacche grasse” come le ”cicale”! All’epoca vivevano di ”rendita” insomma, poi le cose sono cambiate e loro non hanno capito … vedremo se oggi ce la faranno.  Speriamo tutti che marchi prestigiosi come Alfa Romeo e Lancia  non siano stati ”bruciati” completamente.

Quando ero ”giovane” le vetture dell’Alfa Romeo erano molto apprezzate. Anche se la ”nomea”, specie a Torino e Milano,  non era proprio quella della vettura elegante e di classe, quanto quella della ”vettura” che ti permetteva di ”scappare” in fretta.

Oltre ad esser la vettura dei ”commenda” e delle persone ”arrivate” … era anche considerata la vettura dei … ”garga”! Appellativo che oggi non dice probabilmente nulla a nessuno, ma che si riferiva a quei personaggi dai traffici ”poco puliti” che ruotavano attorno al malaffare.

La polizia disponeva all’epoca di Alfa Romeo e … stessa cosa facevano i ”garga” … per poter seminare facilmente la ”madama”, nomignolo dato dai piemontesi alla polizia,  nel caso si fosse fatta troppo intraprendente.

In quel periodo il nostro vecchio ”maggiolino” aveva deciso di rendere l’anima al costruttore,  decidemmo quindi di acquistare una Giulietta blu d’occasione,  allora il costo della benzina non era ancora un problema eccessivo.

Dopo aver trascorso una domenica intera a togliere ”decalcomanie” da vetri e  carrozzeria,  ed averla resa il meno ”taroccata” possibile,  andammo la sera, a fare un giro d’inaugurazione!  Ma … con quella macchina, due giovani proprio non potevano circolare. Ad ogni piè sospinto c’erano poliziotti che, a bordo di una ”Giulietta” , ci fermava per chieder il controllo dei documenti, quasi ci considerassero dei criminali!

Ma … bando agli scherzi, speriamo oggi che questa vettura, dallo stile morbido ma muscoloso, con una motorizzazione di tutto rispetto, piaccia a parecchi.

L’Italia ha bisogno di ”ripartire” anche e soprattutto dai suoi ”fiori all’occhiello”!

 

Alla prossima

 

 

Elena

 

ALFA ROMEO – GIULIA 952 !!!ultima modifica: 2015-06-25T07:47:36+00:00da elenasaita
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento