CHE FINE HA FATTO IL COMUNISMO?

Mah … Il ”comunismo” per eccellenza, quello in Russia per intenderci,  è morto e sepolto.   Oggi la  Federazione Russa è una repubblica federale semipresidenziale.   Secondo la costituzione il presidente è il capo dello stato e di un sistema multipartitico dove il potere esecutivo viene esercitato dal governo, guidato dal Primo Ministro, che viene nominato dal presidente e approvato dal parlamento. Il potere legislativo viene gestito dalle due camere dell’ Assemblea federale … detto così potrebbe anche sembrare una faccenda democratica … ma visto che c’è Putin (ex KGB) le cose vanno come vanno. Quello che è certo è che in Russia il ”comunismo” NON esiste più, mettiamoci il cuore in pace. 

Fino a prova contraria, per regime comunista si intende un regime dittatoriale ufficiale, il cosiddetto Stato Socialista, cioè fedele ai principi del marxismo-leninismo e non paesi dove c’è l’ autoritarismo nazionalista come in Venezuela. Il nazionalismo è l’esatto contrario del comunismo.

Gli stati dove ancora il potere è detenuto da un partito che dirige il regime totalitario non sono certo esempi da imitare ad occhi chiusi:

– Repubblica Popolare Cinese (dal 1949); Partito Comunista Cinese

– Repubblica di Cuba (Rivoluzione cubana nel 1959, stato socialista dichiarato nel 1961); il Partito Comunista di Cuba ha il compito di difendere la rivoluzione, ma NON presenta candidati in parlamento

– Repubblica Democratica Popolare Laotiana (dal 1975); Partito Popolare Rivoluzionario Laotiano

– Repubblica Democratica Popolare di Corea (dal 1948); Partito dei Lavoratori di Corea

– Repubblica Socialista del Vietnam (dal 1976); Partito Comunista del Vietnam

– Stato dell’Eritrea (dal 1993); Fronte Popolare per la Democrazia e la Giustizia

– Turkmenistan (dal 1924); Partito Democratico del Turkmenistan, fino al 1991 Partito Comunista del Turkmenistan

– Bielorussia – Partito del comunismo democratico

Che siano ”comunisti” poi bisogna vedere,  la Cina ad esempio si è dovuta inventare una nuova ideologia che è una specie di ossimoro …  il Socialismo di Mercato!  Mah …

La Corea del Nord poi è una tragedia, il regime ”comunista”  si è trasformato in una monarchia assoluta ereditaria, retta da monarchi-dittatori comunisti.

06_kim_jong_un.w529.h352.2xKim Jong Un 

Meditiamo gente … meditiamo …

Scrivendo quanto sopra mi è venuta in mente questa canzone di Giorgio Gaber:

 

Qualcuno era comunista perché era nato in Emilia. 

Qualcuno era comunista perché il nonno, lo zio, il papà. .. la mamma no. 

Qualcuno era comunista perché vedeva la Russia come una promessa, la Cina come una poesia, il comunismo come il paradiso terrestre. 

Qualcuno era comunista perché si sentiva solo. 

Qualcuno era comunista perché aveva avuto una educazione troppo cattolica. 

Qualcuno era comunista perché il cinema lo esigeva, il teatro lo esigeva, la pittura lo esigeva, la letteratura anche. . . lo esigevano tutti. 

Qualcuno era comunista perché glielo avevano detto. 

Qualcuno era comunista perché non gli avevano detto tutto. 

Qualcuno era comunista perché prima… prima…prima… era fascista. Qualcuno era comunista perché aveva capito che la Russia andava piano, ma lontano. 

Qualcuno era comunista perché Berlinguer era una brava persona. 

Qualcuno era comunista perché Andreotti non era una brava persona. Qualcuno era comunista perché era ricco ma amava il popolo. 

Qualcuno era comunista perché beveva il vino e si commuoveva alle feste popolari. 

Qualcuno era comunista perché era così ateo che aveva bisogno di un altro Dio. 

Qualcuno era comunista perché era talmente affascinato dagli operai che voleva essere uno di loro. 

Qualcuno era comunista perché non ne poteva più di fare l’operaio. Qualcuno era comunista perché voleva l’aumento di stipendio. 

Qualcuno era comunista perché la rivoluzione oggi no, domani forse, ma dopodomani sicuramente. 

Qualcuno era comunista perché la borghesia, il proletariato, la lotta di classe… 

Qualcuno era comunista per fare rabbia a suo padre. 

Qualcuno era comunista perché guardava solo RAI TRE. 

Qualcuno era comunista per moda, qualcuno per principio, qualcuno per frustrazione. 

Qualcuno era comunista perché voleva statalizzare tutto. 

Qualcuno era comunista perché non conosceva gli impiegati statali, parastatali e affini. 

Qualcuno era comunista perché aveva scambiato il materialismo dialettico per il Vangelo secondo Lenin. 

Qualcuno era comunista perché era convinto di avere dietro di sé la classe operaia. 

Qualcuno era comunista perché era più comunista degli altri. 

Qualcuno era comunista perché c’era il grande partito comunista. 

Qualcuno era comunista malgrado ci fosse il grande partito comunista. Qualcuno era comunista perché non c’era niente di meglio. 

Qualcuno era comunista perché abbiamo avuto il peggior partito socialista d’Europa. 

Qualcuno era comunista perché lo Stato peggio che da noi, solo in Uganda. Qualcuno era comunista perché non ne poteva più di quarant’anni di governi democristiani incapaci e mafiosi. 

Qualcuno era comunista perché Piazza Fontana, Brescia, la stazione di Bologna, l’Italicus, Ustica eccetera, eccetera, eccetera… 

Qualcuno era comunista perché chi era contro era comunista. 

Qualcuno era comunista perché non sopportava più quella cosa sporca che ci ostiniamo a chiamare democrazia. 

Qualcuno credeva di essere comunista, e forse era qualcos’altro. 

Qualcuno era comunista perché sognava una libertà diversa da quella americana. 

Qualcuno era comunista perché credeva di poter essere vivo e felice solo se lo erano anche gli altri. 

Qualcuno era comunista perché aveva bisogno di una spinta verso qualcosa di nuovo. 

Perché sentiva la necessità di una morale diversa. 

Perché forse era solo una forza, un volo, un sogno era solo uno slancio, un desiderio di cambiare le cose, di cambiare la vita. 

Sì, qualcuno era comunista perché, con accanto questo slancio, ognuno era come… più di sé stesso. 

Era come… due persone in una. 

Da una parte la personale fatica quotidiana e dall’altra il senso di appartenenza a una razza che voleva spiccare il volo per cambiare veramente la vita. 

No. Niente rimpianti. 

Forse anche allora molti avevano aperto le ali senza essere capaci di volare…come dei gabbiani ipotetici. 

E ora? Anche ora ci si sente come in due. 

Da una parte l’uomo inserito che attraversa ossequiosamente 

lo squallore della propria sopravvivenza quotidiana e dall’altra il gabbiano senza più neanche l’intenzione del volo perché ormai il sogno si è rattrappito. 

Due miserie in un corpo solo.

 

Alla prossima

Elena

CHE FINE HA FATTO IL COMUNISMO?ultima modifica: 2015-09-13T09:54:26+00:00da elenasaita
Reposta per primo quest’articolo

Una risposta a “CHE FINE HA FATTO IL COMUNISMO?

  1. Il comunismo è sempre e comunque stato tradito dagli stessi uomini. Non so com’é, ma appena un gruppo è in grado di arrivare alla gestione del potere, tutti i parametri relativi alla solidarietà sociale e alla difesa dei diritti di dignitosa esistenza delle fasce più deboli, vengono immediatamente sepolti. In pratica i regimi comunisti visti fino ad ora, sembrano solo brutte rappresentazioni di quello nazista. Ciao. DiLor

Lascia un commento