Archivi tag: PIL

IL PAESE PIU’ FELICE NEL 2015 E’ …

… la Svizzera!

Secondo il  ”World Happiness Report” che, invece del PIL , valuta il FIL  (Felicità Interna Lorda) al primo posto c’è la Svizzera! 

150423130327-large

E questo nonostante abbia”subito” un modernissimo tunnel ferroviario …  (°°)

Seguono poi Islanda e Danimarca. E ancora nella ”top ten” troviamo: Norvegia, Canada, Finlandia, Paesi Bassi, Svezia, Nuova Zelanda e Australia!

Gli Stati Uniti sono al quindicesimo posto.

Le cose vanno molto peggio per Italia, Grecia e Spagna.

Il rapporto afferma che le istituzioni di questi  tre Stati europei sono state troppo deboli ed incapaci nel gestire la crisi finanziaria, e per questo motivo,  il ”tasso di felicità media nazionale” è crollato. Se si confrontano i livelli attuali con quelli pre-crisi, la Grecia è la Nazione che ha visto il calo maggiore, con un peggioramento dell’1,5%,  seguita dall’Italia con lo 0,8% e dalla Spagna con lo 0,7%.

Tra i 158 Stati analizzati dagli esperti dell’UN Sustainable Development Solutions Network, noialtri ci siamo piazzati al 50° posto  mentre la Grecia è  al 102°,  la Spagna al 36° , La Gran Bretagna al 21°,  la Germania al 26°, e la Francia al 29° posto.

Gli otto paesi più infelici si trovano nell’Africa sub-sahariana. La cosa ovviamente non stupisce nessuno, considerate le guerre e le carestie, sarà difficile che siano contenti.  La bandiera nera va al Togo, preceduto di poco dal Burundi, e ancora da Siria, Benin e Ruanda. Costoro, per la cronaca, fan parte di quei poveri disperati che, cercando  un futuro, diventano cibo per squali nel Mediterraneo …

The World Happiness Report misura la Felicità Interna Lorda, ed invita i Paesi dell’Onu ad adottare il proprio indice di felicità come guida per migliorare le politiche interne.

Il benessere dei cittadini,  la nostra ”serenità”, la nostra speranza nel futuro è indice della ”salute di un paese”!

La nostra felicità (FIL) è molto più importante del freddo ed ”inumano” PIL .

Meditiamo gente … meditiamo …

 

Alla prossima

 

Elena

 

 

fonte: http://www.sciencedaily.com/releases/2015/04/150423130327.htm

°° situazione tunnel ferroviario San Gottardo- https://www.alptransit.ch/it/home/

GRECIA – ELEZIONI 25 GENNAIO 2015

Tutti aspettiamo il risultato delle elezioni della Grecia di domenica 25 gennaio.

La Grecia, sull’orlo ormai del fallimento,  aveva ricevuto dalla Troika (BCE, FMI, Commissione Europea) qualche cosa come 240 miliardi di euro per toglierla dal disastro in cui si era infilata.

Ma, sempre la Troika ha preteso una cura di austerità senza precedenti per evitare sia il fallimento del Paese che il riassicurarsi la restituzione del credito.

Ovvio che questa cura drastica li ha messo in crisi ancora di più.  Il tasso di disoccupazione è arrivato a più del 25% della popolazione attiva.

Come sempre quando chi è al ”potere” gestisce male o ne approfitta  … il popolo minuto ne fa le spese.

Syriza (Tsipras) propone una ristrutturazione del debito, che nel 2013 era circa il 175% del PIL greco.  (Il nostro, e tutti sappiamo che non siamo certo dei ”virtuosi” è attorno al 136%) .

 Debito_pubblico_Grecia_1999-2010

Tsiprsas vorrebbe fare per la Grecia quello che fu fatto per la Germania nel 1953. Legare cioè gli indici di rimborso sulla crescita effettiva del Paese ed annullare, nello stesso tempo, una parte del debito.

In teoria niente di sbagliato … per carità.  Ma oggi NON siamo più nel 1953. La situazione è ben diversa. Oggi siamo tutti su una barca chiamata Europa e si suppone che tra gli stati non debbano esserci differenze immense.

Facciamo un esempio:

Se nostro figlio non studiasse … si drogasse … avesse insomma dei gravi problemi …  noi genitori saremmo i primi a sostenerlo a ”prescindere”! Magari anche a costo di evitargli di affrontare la ”dura realtà”.  Ora proviamo a metterci nei panni del nostro ”vicino di casa” nei confronti di ”nostro figlio”!

Sarebbe disposto, con lo stesso zelo, ad occuparsene”?  Non credo …

La realtà è che davvero in Europa ci sono ”velocità” diverse.

La Grecia è un paese corrotto dove tutti hanno ”mangiato” di tutto di più … e oggi NON vuole pagare le sue inefficenze.

Tsipras è dalla parte dei più deboli … più che giusto … ma bisogna vedere se saprà gestire il popolo greco ”dopo” le elezioni.

C’è un vecchio proverbio che dice: ”il medico pietoso fa la piaga cancrenosa” .

Alla prossima

Elena

fonte: ttp://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/4/4a/Debito_pubblico_Grecia_1999-2010.png