Archivi tag: polizia

FORTUNATA – film di Sergio Castellitto

Ieri al cinema Vox di Frejus, nell’ambito della rassegna del ‘’cinema italiano’’ gestita da Jerome Reber e dal Club Italianiste de Provence, c’è stata la proiezione del film ‘’Fortunata’’ diretto da Sergio Castellitto e scritto da Margaret Mazzantini, sua moglie.

cip
Il film è ambientato principalmente a Tor Pignattara nella periferia di Roma, mentre alcune altre scene sono state girate in Liguria.
Credo di dover dare, a beneficio degli spettatori francesi, qualche notizia su Tor Pignattara, che è un quartiere un pò … ‘’speciale’’ di Roma.
Dunque vediamo un pò … prima di tutto bisogna dire che Tor Pignattara è una specie di ‘casbah'”.
E’ infatti uno dei quartieri più multietnici della capitale e soffre di un degrado notevole. La convivenza obbligata tra i pochi italiani rimasti e la variegata popolazione extracomunitaria si fa ogni giorno più difficile. Un recente reportage televisivo di Rainews24 ha raccolto informazioni destabilizzanti, come ad esempio il fatto che gli extracomunitari lascino ad essiccare sui balconi pesci e carne di manzo, infischiandosene delle più elementari norme igieniche. Ed è proprio l’igiene molto spesso al centro dei problema. Dice un intervistato: “Un giorno sono dovuto entrare nell’appartamento dei signori che vivono al piano di sopra perché c’era una infiltrazione d’acqua in casa mia … non le dico la sporcizia che ho trovato. Vivono ammassati, non è colpa loro ma di chi affitta le case e che non controlla”.
Il ‘’business’’ infatti ruota proprio attorno al mercato immobiliare: i vecchi residenti del quartiere pur di andarsene svendono le proprie case e chi le compra lo fa con l’obiettivo di ammassarci dentro il più alto numero di extracomunitari così da massimizzare i profitti.
Ovvio che in un posto simile droga, prostituzione e malavita organizzata la facciano da padroni. Ed altrettanto ovvio che ‘’alzare la testa’’ in posti simili non sia facile.
Fatta questa premessa … parliamo ora del film:
La protagonista, interpretata da una brava Jasmine Trinca, si chiama ‘’Fortunata’’ ma di fortuna nella sua vita, questa creatura, ne ha avuta proprio poca.
Fortunata è la madre della piccola Barbara (Nicole Centanni ), si sta separando da un marito ‘’difficile’’ e sogna di aprire un negozio di parrucchiera.
Per questo ‘’sogno’’ lavora come ‘’parrucchiera a domicilio’’ sperando di raggranellare il denaro sufficiente per aprire ‘sto benedetto negozio che potrebbe renderla autosufficiente.
Siamo nel mese di agosto, non c’è scuola e Fortunata, dal momento che è orfana e non può quindi nemmeno contare su dei ’nonni’’ a cui affidare la bimba,  è costretta per lavorare a mandare la figlia in un asilo frequentato soprattutto da extracomunitari.
A condividere il sogno di ‘’aprire il negozio’’ c’è ‘’Er Chicano’’ (Alessandro Borghi) un amico di infanzia di Fortunata, ma anche un tossico disperato, costretto ad occuparsi della propria madre, una ex attrice di teatro malata di Alzheimer, che va controllata 24 su 24. ‘’Er Chicano’’ fa tatuaggi ed insieme a Fortunata coltiva la  speranza di aprire questo negozio, un sogno che potrebbe dare una svolta alla loro disperazione.
Fortunata usa il denaro che l’ex marito da per il mantenimento della bambina per pagare l’affitto. L’uomo che fa la guardia giurata (Edoardo Pesce) è un violento che la critica di come si occupa della bambina, che la umilia insultandola e che, forte del fatto di pagare la pigione, la violenta regolarmente, sostenendo di essere ancora lui il ‘’padrone di casa’’.
La bambina, a sua volta, vive con la madre un rapporto conflittuale, sia per la difficile separazione in atto, sia per il lavaggio del cervello che il padre le fa per metter in cattiva luce la mamma.
Questa conflittualità sfocia in un atteggiamento aggressivo da parte della bimba e le assistenti sociali obbligano la famiglia a sottoporre la bambina ad una terapia presso uno psicologo della ASL – Patrizio, interpretato da Stefano Accorsi.
Fortunata inizialmente vive male questa ‘’imposizione’’ … le sedute dallo psicologo portano via tempo prezioso al suo misero lavoro di parrucchiera. Senza lavoro il sogno del negozio diventa sempre più lontano.
Ma … tra Fortunata e lo psicologo nasce una simpatia che si trasforma presto in un rapporto più ‘’impegnativo’’ e che fa sperare a Fortunata di aver trovato finalmente una persona con cui condividere una ‘’vita migliore’’.
Sicura di questo ‘’rapporto’’, chiede denaro in prestito ad una usuraia cinese ed apre il negozio. Nel frattempo accetta di passare un weekend assieme allo psicologo a Genova durante un fine settimana in cui la bimba avrebbe dovuto stare con il padre. All’ultimo momento il padre non si presenta e lei, piena di rimorsi, lascia la bambina all’amico di infanzia ‘’Er Chicano’’.
Purtroppo la bimba sfugge alla custodia di quest’ultimo, sale su una scala, cade e viene ricoverata con una commozione celebrale.
La madre, avvertita dell’incidente, torna immediatamente a Roma e va all’ospedale. Il padre chiede l’affidamento unico della bambina facendo passare Fortunata come ‘’madre indegna’’.
Distrutta dal dolore … cerca aiuto e conforto presso Patrizio che però, a lei chiede soprattutto ‘’sesso’’, senza darle un sostegno reale. Nel frattempo ‘’Er Chicano’’, rinuncia a combattere con la madre malata e la spinge nel fiume facendola annegare.
Le cose precipitano … Fortunata va in commissariato a cercare l’amico e prova a giustificarlo, sostenendo che ha semplicemente aiutato la madre ad ‘’andarsene’’; che in fondo si è trattato solo di un gesto d’amore! Patrizio è esterrefatto dagli eventi e accusa Fortunata di essere pazza e di non rispettare le regole basilari dell’esistenza, come ad esempio quella di non ‘’uccidere’’!
Fortunata, al limite della disperazione, gli confessa di aver, lei stessa da bambina, lasciato morire annegato il padre che, in preda alla droga era caduto privo di sensi sul bagnasciuga … e le onde lo avevano portato in mare aperto.
Nei giorni seguenti Patrizio riesca a far ricoverare ‘’Er Chicano’’ in una struttura per malati mentali evitandogli, almeno in questo modo, il carcere.
Non ho capito se Patrizio ha guadagnato al lotto, giocando i numeri datigli proprio da Er Chicano, ma in ogni caso non ne parla a Fortunata e la lascia sola. Nemmeno lui vuole ‘’impegnarsi’’ in un rapporto più concreto con una donna tanto provata dalla vita e quindi, nonostante faccia lo psicologo, sente di non avere gli strumenti per vivere con una come lei.
Fortunata restituisce le chiavi del negozio all’usuraia cinese, non avendo ormai né i soldi per ripagare il debito, nè la forza per lottare.
A salvare questa situazione miserabile sarà sua figlia che, rifiutandosi di stare con padre, preferisce tornare dalla mamma. Fortunata quindi, assieme alla sua bambina, continuerà a vivere e sperare.

E’ un film davvero ‘’duro’’. Fortunata non voleva stare con un uomo che la umiliava e la picchiava, si era sposata ‘’giovanissima’’ immaginandosi chissà che cosa, ma fin troppo in fretta i suoi ‘’sogni’’ si erano spezzati. Il problema è che gestire una separazione tra persone ‘’incivili’’ e ignoranti diventa complicatissimo per tutti.
I film del neo-realismo italiano degli anni ’60, confrontati a questo, sembrano film di Walt Disney. Allora c’era un mondo ‘’povero’’ ma era un mondo ‘’pulito’’, che nonostante la mancanza di cibo aveva dei valori di riferimento, una sensibilità umana e soprattutto una ‘’speranza’’ di riscatto.
Oggi la realtà è ben peggiore. Nelle città, anche nei quartieri degradati, non si muore di fame … ma … non si ha più nulla.
Questo film mi ha fatto venire in mente quei quartieri malfamati di New York, quartieri prede dei clan dello spaccio, dove violenza e sopruso la fanno da padroni. Dove collaborazione ed aiuto sono sempre più rari, dove ognuno vive nel ‘’proprio orticello’’, dove l’aiuto che trovi è quello di ‘’un border line’’ come ‘’Er Chicano’’, buono come il ‘’pane’’, ma talmente fuori di testa da diventare pericoloso.
Abbiamo finalmente anche noi raggiunto lo standard di vita della ‘’Grande America’’ … tra un pò, se andiamo avanti così, la polizia inizierà a sparare ad altezza uomo, anche a Tor Pignattara.

Alla prossima
Elena

Pensierino del mattino: ”come togliere ossigeno alla malavita organizzata”?

Ci si stupisce che la malavita organizzata sia ovunque … ma di che stupirsi?
La malavita, lo sappiamo tutti, cerca di infilarsi dove si possono fare ”affari”. Qualunque tipo di ”affare” e non solamente in situazioni considerate per loro una ”manna” ,  come ad esempio Expo o TAV.
La malavita si infila come un serpente strisciante in qualsiasi appalto/lavoro/progetto si faccia. Dalla costruzione di un ospedale  a quella di un asilo, dalla progettazione/costruzione di un’autostrada ad un centro ricovero per anziani,  da un centro commerciale all’area ”gioco bimbi” di una periferia qualunque.
Costoro hanno denaro liquido in quantità industriali e il ”denaro liquido e sonante” oggi giorno fa gola sempre di più.
Con denaro si fanno investimenti e, nel bene o nel male, si crea lavoro. Sigh …
Ricordo ancora come se fosse ieri, ero in Sicilia e,  parlando con un cameriere del ”sacco di Palermo”  durante l’epoca di Vito Ciancimino, mi sentii candidamente rispondere dal giovane: ”Ma allora però c’era lavoro Signora”!
La risposta mi lasciò a ”bocca aperta” … ma poi  … realizzai che dentro quelle semplici parole c’era la realtà!
Quello che a molti pare giustamente delinquenza, per altri significa lavoro.
In quest’ottica è chiaro che le resistenze contro la malavita organizzata non siano poi esattamente a 360° !
Proviamo adesso a pensare da dove derivano queste immense quantità di denaro liquido che hanno  mafia, camorra, ‘ndrangheta e sacra corona unita.
Ho l’impressione, e correggetemi se sbaglio, che derivino soprattutto dal commercio di cocaina.
L’unica ”industria rimasta al mondo” che non conosce declino!  Anzi è cresciuta talmente tanto che il prezzo delle dosi, da una ricerca fatta in rete, si è abbattuto a soli 20 euro. Cifra che moltissimi si possono permettere.

iu

Quindi la malavita dispone di entrate illimitate. Ovvio che deve riciclare questo denaro … e come lo fa? Bè in tutte le maniere possibili ed immaginabili ma certamente non investe né negli ospedali di Gino Strada né in altre opere filantropiche.
Va da se che per evitare che la malavita abbia tutto ‘sto denaro, sarebbe quello di levargli l’ossigeno.

Come si fa? Non sono certo i blitz eroici di polizia e carabinieri che risolvono il problema.
Ammesso e non concesso che vengano sequestrati ingenti quantità di prodotto … la solfa non cambia. Per costoro un sequestro è vissuto come una ”caduta in borsa” … ricominciano da capo.
L’unico vero modo per colpirli è rendere la cocaina non più fonte di guadagno! Come si fa?  Rendiamola fruibile nelle tabaccherie come le sigarette!
Mafia, camorra, sacra corona unita e ‘nrangheta, sarebbero in ginocchio!

D’altronde … esiste o no il libero arbitrio? Vuoi ucciderti? Prego … libero di farlo!
Ovviamente a chi consuma cocaina bisogna sospendere anche il servizio sanitario … non può la collettività farsi carico di chi decide di suicidarsi no? Adesso non esageriamo!
Due piccioni con una fava …

Oggi mi sento proprio cattiva!

Alla prossima

Elena

 

http://www.citiesse.org/index.php?option=com_content&view=article&id=125:droga-lallarme-degli-esperti-la-dose-ormai-e-llow-costr&catid=1:eventi-esterni

 

 

A ”CHI” FANNO COMODO I BLACK BLOC ????

In riferimento al video che circola sui social, relativo dalla trasmissione  Annozero e sull’ipotesi che i Black Bloc siano degli agenti in borghese pagati …

Vorrei metter come premessa che ”Odio le teorie del complotto” e che non ci voglio nemmeno pensare. Di cortei ne ho fatti tanti nella mia vita e con me sia polizia che Digos sono sempre stati corretti. Quando un giorno un celerino pirla ha agguantato mia figlia, che teneva in altro l’agenda rossa e non stava facendo nulla di male,  per i capelli … un altro celerino lo ha ripreso urlandogli in faccia: ‘Ma che cosa cavolo combini’  e gliel’ha tolta dalle grinfie.  In compenso mi hanno telefonato tantissimi ”personaggi in cerca di scoop/pubblicità”  … chiedendomi di denunciarlo. Cosa che ovviamente non ho fatto. Quando si fa un corteo o una manifestazione e gli animi si ”scaldano” sta al buon senso delle persone di mantenere l’equilibrio, sia da una parte che dall’altra. Se si tirano addosso ai poliziotti le transenne di metallo gridando loro: ”porci venduti” … bè vedete un po’ voi se si tratta di manifestazione alla ”Gandhi” o meno.Black-bloc-a-Milano-725x445Una mia amica, a proposito del video dice: ”Come puoi constatare non ho ritenuto opportuno neppure commentarla. Non so quanto possa essere presa in esame, ma considerando i precedenti della scuola Diaz al G8 di Genova, posso chiedere quale senso potesse avere fare una simile devastazione per le vie di Milano, colpendo attività commerciali di persone che onestamente lavorano, disturbando ed impedendo a manifestanti pacifici che avevano il solo scopo di sviluppare temi inerenti l’ EXPO ed il modo con cui era stato utilizzato il suolo pubblico, in contrasto con gli obiettivi stessi ed i principi relativi al rispetto del Pianeta e delle sue risorse, cosa che è stata IMPEDITA.

Dunque proviamo a vedere  ”chi” potrebbe trarre dei giovamenti.

  1. di sicuro la polizia gongola perché pensa: ”Vedete?  Non volete che noi si abbia la ”mano pesante’ ed ecco i risultati”. Ma da qui a dire che è ”opera loro” ce ne passa, diciamo che i black bloc ”fanno loro comodo”
  2.  la politica  – Considerando il fatto che ce la ”menano” con il ”volano expo” che farà ripartire l’Italia. Non so se la loro è una speranza basata su fatti o se è semplicemente l’ultima carta che resta loro da giocare, dal momento che come paese abbiamo perso tutta l’industria pesante – maggior serbatoio di lavoratori –  sperano che ”qualche cosa possa ripartire’ con l’expo. Quindi non vogliono che nessuno interferisca . Ma da qui a dire che organizzino loro i black blok ce  ne passa, diciamo che ”fanno loro comodo”.
  3. Le multinazionali … ma per costoro i black bloc che distruggono sono un ”regalo del cielo”! Dei buzzurri denigrati dall’opinione pubblica, mentre le multinazionali continuano a martellarci le meningi sulla loro filantropia alimentare,  che altro non è se non ipocrita falsità manipolatrice! Ma da qui a dire che sono loro ad attivare ‘sti deficienti  ce ne passa. Diciamo quindi che ”fanno loro comodo”.
  4. Poi c’è la ”malavita organizzata’ … ormai infilata ovunque e che gestisce quasi tutto. Non è un modo di dire, sappiamo tutti che l’Expo è il ”festival” della malavita appaltatrice. D’altronde, come ripeto da anni, l’unica industria in crescita esponenziale è la cocaina. Non conosce arresti e hanno soldi da investire in quantità industriali! Ovviamente chi fa denaro con la cocaina non è esattamente un filantropo che investe a lungo termine per il bene della collettività. Diciamo che tende al ”mordi e fuggi” . Costoro comunque hanno denaro a sufficienza per organizzare e strumentalizzare, anche per vie traverse quei disgraziati dei  black bloc. Saranno loro a farlo? Non lo so ma di sicuro i blck bloc  ”fanno loro molto comodo”.
  5. aggiungiamo il fatto che i black bloc si sentono i ”combattenti del futuro” … i ”rivoluzionari” che vogliono annientare il potere delle multinazionali e della finanza … e lo fanno distruggendo le saracinesche dei negozi … dando fuoco alle sedi delle banche e bruciando le Audi parcheggiate sotto casa … tutti emblemi del potere per loro … bè costoro sono ”strumentalizzabili da tutti all’ennesima potenza”.

In una situazione incasinata come questa … ognuno può fare le congetture che gli paiono meglio. Ognuno continua a seguire la propria ”pancia” e invece di identificare il ”nemico” ci si perde come al solito in mille rivoli inconcludenti.

Mi viene da pensare che i Black Bloc siano  semplicemente una ”manna” per troppi interessi, che comunque, NON sono certamente  i nostri.

Alla prossima

 

Elena

 

 

 

 

Video annozero:

https://www.youtube.com/watch?v=jjMFvNUgWZo

intervista a mia figlia : https://www.youtube.com/watch?v=5BzmHvzackk

una vita da Schifani: http://www.uonna.it/vita-da-schifani.htm