Archivi tag: Raggi

Per chi non sapesse che cosa significa la ”marcia su Roma” …

Vediamo di capire che cosa si intende per ”marcia su Roma” … per farlo bisogna partire da lontano ovviamente …

Il due giugno del 1946 si tenne in Italia un referendum che chiedeva ai cittadini di scegliere tra Monarchia e Repubblica e, dopo 85 anni di regno sabaudo, con 12.718.641 voti contro 10.718.502 l’Italia divenne una Repubblica ed i monarchi di casa Savoia vennero esiliati.

Come mai la maggioranza dei cittadini italiani preferirono la Repubblica invece della Monarchia?

Bè … dobbiamo andare indietro nel tempo e capire innanzitutto come mai in Italia la Monarchia non fu capace di fermare il ‘’fascismo’’, che riuscì ad arrivare al potere, grazie al silenzio connivente di Vittorio Emanuele III!
Vediamo un pò di riassumere velocemente.
La nascita del Fascismo fu aiutata dal clima difficile che c’era nel nostro paese dopo la prima guerra mondiale.
L’Italia si trovava in condizioni economiche drammatiche … e si sa, quando la ‘’gente’’ sta male si rivolge a chi gli promette sicurezza e benessere … ai famosi ‘’salvatori della patria’’, quelli che fanno credere di avere la soluzione in tasca per tutto!
Il fascismo, guarda un pò, nacque non come partito bensì come ‘’movimento’’ anti-partito!
Nel marzo del 1919 Benito Mussolini, dopo la sua espulsione dal partito socialista, fonda il movimento chiamato ‘’Fasci di combattimento’’.
Come in tutti i ‘’movimenti’’ anche ai giorni nostri, dentro c’era un pò di tutto. All’epoca vi erano dai socialisti ai repubblicani, dai sindacalisti rivoluzionari ai futuristi.
Il programma inizialmente era di sinistra, repubblicano, anticlericale e democratico. Prometteva il diritto di voto alle donne, l’abolizione dell’elezione del senato da parte del Re e una giornata lavorativa di 8 ore, insomma decisamente allettante … ma le cose in seguito cambiarono.
Alle elezioni del 1919 i fascisti si presentarono ma non ottennero nessun seggio. Mussolini deluso virò decisamente a ‘’destra’’ e, guarda caso,  immediatamente ottenne l’ appoggio della borghesia!
Iniziarono in quel periodo le spedizioni violente delle squadre d’azione fasciste contro esponenti e sedi del movimento socialista, specie nelle campagne.
Furono i  proprietari terrieri ad utilizzare “le camicie nere” ( squadre d’azione fasciste)  per stroncare il movimento contadino “rosso” .
Le squadre fasciste distruggevano le case del popolo, i circoli, le cooperative ecc. prelevavano dalle loro case i militanti sindacali e politici, uccidendoli, bastonandoli … e dando loro da bere l’olio di ricino, che, come sappiamo tutti, ingerito in grandi quantità provoca spasmi intestinali molto gravi. La faccenda dell’olio di ricino, vissuta in maniera ‘’goliardica’’ da chi lo somministrava in realtà toglieva dignità agli individui che la subivano. Ma questi erano solo gli ‘’inizi’’, in seguito le cose peggiorarono.
L’atteggiamento delle forze dell’ordine e della magistratura, nel reprimere queste azioni, fu esitante e spesso connivente. La violenza squadrista trovò purtroppo tolleranza e complicità di molte autorità locali.
La situazione politica era instabile e nonostante le elezioni del 1919 avessero dato la maggioranza al partito socialista e al cattolico partito popolare (°), questi due gruppi non andavano affatto d’accordo e non riuscivano e legiferare. La parte ‘’liberale’’ del cattolico partito popolare decise quindi un’alleanza elettorale che comprendesse nazionalisti e fascisti.
Alle elezioni politiche del 1921 i fascisti si presentarono all’interno delle liste di questo blocco nazionale con i liberali e altri gruppi di centro e ottennero 31 seggi. Così facendo il parlamento risultò ancora più diviso e frazionato rendendo debolissimo il nuovo governo ma facendo crescere il peso politico dei fascisti che nel frattempo, grazie al ‘’carisma’’ di Mussolini erano ‘’padroni’’ tra la gente comune nelle piazze.
Mussolini voleva uno stato ‘’forte’’, il che significava: limitare il potere del parlamento, esaltare il potere della nazione, l’amore per la patria, il Nazionalismo, voleva restituire all’industria privata i servizi essenziali gestiti dallo stato (ferrovie e telefoni) e vietava lo sciopero nei servizi essenziali pubblici.
Famosa la frase che molti nostalgici ripetono: ‘’Quando c’era LUI i treni arrivano puntuali’’! Spesso a questa frase si ribatte: ‘’Avrebbe dovuto fare il Capostazione’’!
Questo tipo di politica rassicurava la borghesia … in tutto ciò … il Re stava a guardare e non interveniva.
Il partito socialista nel frattempo si divise e nacque il partito comunista … questa instabilità della sinistra giocava a favore di Mussolini.
Nel 1922 Mussolini riorganizzando le squadre delle camicie nere in una vera e propria “milizia” fascista marciò su Roma’’ e, contemporaneamente, occupò gli edifici pubblici in varie città d’Italia … il 28 ottobre 1922 i fascisti entrarono nella capitale, senza trovare nessuna resistenza delle forze dell’ordine o dell’esercito.

iu
L’allora ministro Facta chiese al Re di firmare lo ‘’Stato di assedio’’ da parte di Mussolini alla capitale. Vittorio Emanuele III non solo si rifiutò di firmare ma convocò addirittura a Roma Mussolini e gli diede l’incarico di formare un nuovo Governo. Davvero un monarca poco lungimirante!
Ma come? Mussolini si era fatto assegnare il mandato governativo con la minaccia delle armi e il re, invece di contrastarlo gli aveva consegnato il Paese?
Nel giro di pochi anni il fascismo cancellò ogni forma di legalità democratica e di libertà politica e sindacale, istituendo la triste ‘’polizia politica’’ … giustificando la tortura … epurando gli Ebrei …
Anche il re aveva ceduto al fascino esercitato dall’uomo Mussolini, grande comunicatore dell’epoca, capace di coinvolgere le masse? Oppure era semplicemente un inetto?
Le forze che si opposero al regime fascista organizzarono, durante la guerra, la ‘’resistenza’’ ed aiutarono gli ‘’alleati’’ a porre fine al conflitto armato.
Il risultato della seconda guerra mondiale che ci vedeva alleati alla Germania di Hitler mise fine alla dittatura.
Il popolo durante la guerra patì anni terribili! Bombardamenti … fame … disperazione … capì anche che il totalitarismo dittatoriale fosse una pessima forma di governo, in più disgustato dall’incapacità del Re, il giorno del referendum la maggioranza scelse quindi la Repubblica!

L’assemblea Costituente della repubblica mise a punto la Costituzione Italiana che è il vamecum su cui si fonda il nostro paese e che ‘’blinda’’ la democrazia per difenderla da eventuali rigurgiti dittatoriali.

Alla prossima

 

Elena

 

 

(°) partito cattolico/liberale fondato da Don Sturzo – diciamo la base da cui poi nacque la Democrazia Cristiana.

Telenovela: ”La giunta Capitolina” …

I vertici del Movimento Cinque Stelle e la sindacaVirginia Raggi vanno allo scontro. E oggi sarà a Roma Beppe Grillo per chiedere alla sindaca pentastellata di dare seguito alle richieste arrivate dal direttorio, riunito in sessione fiume a Montecitorio per oltre dieci ore: le dimissioni dell’assessora all’Ambiente Paola Muraro, indagata dal 21 aprile e consapevole di essere iscritta nel registro degli indagati dal 19 luglio, e dell’assessore al Bilancio appena nominato Raffaele De Dominicis, per sua stessa ammissione indicato alla sindaca dall’avvocato Pieremilio Sammarco.
Ma pretendono anche l’allontanamento di chi, per dirlo con le parole della deputata Roberta Lombardi, «con il M5S non c’entra nulla e non c’entrerà mai nulla»: l’attivista Cinque Stelle Salvatore Romeo “promosso” da funzionario comunale a capo segreteria di Raggi con stipendio triplicato da 40mila a 120mila euro, e Raffaele Marra, ex collaboratore di Gianni Alemanno e Renata Polverini, e ancora vice capo di gabinetto, di cui ieri anche l’assessore all’Urbanistica Paolo Berdini ha auspicato «un passo indietro» per la «scellerata lettera all’Anac» costata alla magistrata Carla Romana Raineri la casella chiave di capo di gabinetto (sulla nomina di Raineri, dopo l’esposto di Fratelli d’Italia che ipotizza il reato di abuso d’ufficio, la procura ha aperto un fascicolo).
Ieri, alla fine di una giornata tesisissima e dopo aver incontrato assessori e consiglieri, Raggi ha provato a resistere: De Dominicis non si tocca, Muraro resta «in attesa di leggere le carte», Romeo rimane capo segreteria ma con taglio dello stipendio e delle deleghe (tra cui quella al raccordo con la giunta sulle partecipate), Marra andrà via dal gabinetto, in attesa di nuova collocazione. Grillo le aveva telefonato: «Ce la facciamo se ripartiamo con il piede giusto». Sarebbe stato lo stesso leader a chiedere al direttorio il “depotenziamento” dei due fedelissimi della sindaca. Oggi ribadirà la linea. Un tentativo di ricucire lo strappo nel velo della sbandierata trasparenza e di salvare il salvabile: quell’esperienza romana ritenuta il trampolino di lancio verso il governo nazionale che nell’ultima settimana è stata travolta prima dalla raffica di dimissioni di giovedì e poi dal caso Muraro. Ma la sindaca non vorrebbe essere commissariata in nome del recupero dello «spirito del Movimento». E continua a difendere l’assessora all’Ambiente che, dopo aver consegnato alla commissione Ecomafie il suo dossier di mille pagine sul lavoro svolto per dodici anni da consulente di Ama, la partecipata dei rifiuti, ha chiesto ai pm della procura di Roma di essere ascoltata.

iu

Alla Camera era presente il direttorio al completo: Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista (che ha interrotto il suo tour per il no al referendum sulle riforme), Carla Ruocco, Carlo Sibilia e Roberto Fico. Più tre dei quattro componenti del mini-direttorio (Stefano Vignaroli, Paola Taverna e il consigliere regionale Gianluca Perilli) che avrebbe dovuto coadiuvare Raggi e che, in rotta con molte scelte della sindaca, ha fallito la mission. Tanto che sarà cancellato. Gli animi erano surriscaldati, quasi quanto quelli della base pentastellata in rivolta sui social. La grana da risolvere era anche un’altra: chi ha mentito? Raggi in audizione alla Ecomafie lunedì ha inizialmente affermato di aver informato «i vertici» del M5S sul fatto che Muraro fosse indagata. Poi ha corretto il tiro, sostenendo di averlo comunicato soltanto al mini-direttorio. Ma Luigi Di Maio, nel direttorio, sapeva, come dimostrano le email che il mini-direttorio gli ha inviato a fine luglio. La difesa fatta trapelare dal suo staff suona così: è stato un misunderstanding. Poiché le indagini sono legate ai 14 esposti presentati dall’ex presidente Ama Daniele Fortini, il vicepresidente della Camera avrebbe inteso che il fascicolo era riferito all’affaire Fortini.
Ma che ora Di Maio sia nell’occhio del ciclone lo dimostra il forfait dato al nuovo programma Rai “politics” condotto da Gianluca Semprini, di cui avrebbe dovuto essere ieri sera il primo ospite. Il giornalista ha ironizzato: «Doveva essere #DiMaioRisponde, sarà #DiMaioNonRisponde». È sua la posizione più debole. È lui che rischia la corsa per la candidatura a premier, a vantaggio di Di Battista. Ma è l’intero Movimento che vacilla, e il destino dell’amministrazione capitolina è tutto da verificare. (tratto da: Sole24ore)
.-.-.-.-.-.

Poveri grillini …  un conto è sparare a 360° su tutto e tutti … un conto è gestire la nuda e cruda ”realtà”! Una realtà che per esser gestita ”bene” ha bisogno di ”teste autonome e pensanti”, persone oneste, capaci, preparate e con grande esperienza! Bè … nella ”galassia grillina” pare non ce ne siano poi tantissime di queste ”teste”… quindi, in questo caso,  sono ”costretti” a pescarle nelle conoscenze della Raggi, che, avendo svolto il suo mestiere di praticante avvocato, in uno degli studi di Previti,  ha le amicizie che ha …
Sono pochi gli eletti del M5S con esperienza … come ad esempio quella vantata dalla Signora Paola Taverna, che è membro permanente della Commissione Sanità, grazie al fatto di esse stata ”segretaria” in un poliambulatorio romano!

Quindi o si prende gente ”capace”, sperando sia anche onesta, ma che non ha nulla a che vedere con il M5S … oppure si mettono nei posti chiavi degli onestissimi disoccupati e delle onestissime casalinghe!
Peccato che questi ultimi non sappiano fare una ”cippa”! Quindi ”mafia capitale” se li ”mangerebbe vivi”!   Che fare? mah …
Alla prossima

Elena