Luigi Di Maio, il M5S e Farage …

Luigi Di Maio quando parla di Farage, il leader dell’Ukip – il partito di destra che ha vinto le elezioni europee in Inghilterra mi fa venire i brividi!

farage-grillo-332813

Non voglio entrar troppo nel merito di quello che è effettivamente il M5S, e cioè una risposta ”di pancia” di un elettorato che non ne può più! E non ne può più perché effettivamente le cose vanno male. E vanno male per tutti! Sappiamo tutti benissimo che il M5S è semplicemente il ”contenitore” del lamento che ci accomuna.
Lo scontento oggi è a 360° … sono scontenti quelli di sinistra, di destra e di centro. Ergo dentro il M5S sia nell’elettorato, sia negli eletti, c’è di tutto! Destra, sinistra, centro.
Ora un ”partito” simile avrà dei problemi a trovare delle ”sintesi” al di fuori della protesta. La protesta è facile … il difficile è prendere decisioni e far politica per il bene del Paese. Cosa questa un ”tantino più impegnativa”.
Al di là del fatto che purtroppo anche il M5S , altro non è se non un ”partito padronale”, che sta assieme grazie agli spettacoli comici del proprietarioideatore Beppe Grillo, mi chiedo quanto incide il voto/opinione della rete?

Di Maio sostiene che ”deciderà la ”rete” se va bene stare con Farage o con altri gruppi!
Deciderà la rete …
Come quando la rete decise che Rodotà dovesse essere il Presidente italiano?
Senza aver assolutamente nulla da dire contro di lui, anzi! Ce ne fossero tanti di Stefani Rodotà! … tutti sappiamo che in Italia, prima che saltasse fuori questo nome dall’elezione grillina in rete, le persone che conoscessero Rodotà si sarebbero potute contare sulla punta delle dita.

Senza voler scendere in polemiche tutti ci ricordiamo che il: ”Lo vuole il popolo in rete” si era poi tradotto in circa 4000 voti”!
Noialtri siamo 50 milioni … il bacino d’utenza del M5S – almeno per quanto riguardava l’elettorato di allora – era di circa 8 milioni! Sorge inevitabile la domanda: ”Ma quanti sono quelli che decidono in rete”? Non vi paiono un po’ pochini 4000 su 8 milioni?

E poi … decide la rete o … ”viene imboccata”? Ma soprattutto qual’è la percentuale per decidere se effettivamente il voto si può considerare espressione del Paese? Lo decidono Grillo/Casaleggio?

Facciamo come i bimbi che non mangiano il dolce? Quelli a cui Fabio Fucci, sindaco 5 stelle di Pomezia ha fatto un menù a prezzi differenziati. Chi ha i soldi mangia il dolce … chi non li ha ”ciccia”!
Ve li vedete dei bimbi di 4 anni vicini (°) … uno che mangia il dolce l’altro no? Verranno fuori delle tragedie! I bimbi non capiscono il problema economico … loro vogliono il dolce. Punto!

Ora capisco che il sindaco grillino debba far cassa … ma far passare la faccenda come un : ”lo vuole il popolo” … non vi lascia un tantino perplessi?
Quando ho sentito la risposta del Fucci, mi è venuto in mente Ponzio Pilato!

Tornando alle coalizioni in Europa … ma ‘sto popolo vorrà davvero stare con Farage … oppure dato che 4 gatti in rete voteranno che va bene … ci diranno che è un ”must” del popolo italiano?

Ma chi controlla ‘sta rete? Ma … siamo proprio sicuri? O facciamo a ”fidarsi”?

Mah …

Alla prossima

Elena

(°) il menù è stato fatto per le classi materne ed elementari …

Luigi Di Maio, il M5S e Farage …ultima modifica: 2014-06-04T08:12:05+02:00da elenasaita
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento