BERLUSCONI ASSOLTO IN APPELLO!

Insomma, alla fin dei fini il processo in Appello del Troll relativo al caso Ruby  è finito con una assoluzione piena!

Non ”sussiste il fatto”! Questo è quanto deciso dalla seconda corte d’appello di Milano presieduta dal giudice ENRICO TRANFA!

sentenza

Hanno dato retta agli avvocati della difesa di Berlusconi, il famigerato Franco Coppi  – quello che difende l’indifendibile Andreotti compreso, coadiuvato  da Filippo Dinacci.

Il Troll era accusato di concussione per costrizione e di prostituzione minorile.

La notte in cui la ”bella Ruby” era finita agli arresti per furto  – proprio una signorina ”per bene” – il Silvio nazionale,  per far uscire la sua ”amichetta minorenne ”,  aveva telefonato al Capo del Gabinetto della questura di Milano, Pietro Ostuni, facendogli  ”pressioni” affinché facesse rilasciare la fanciulla!

Immaginatevi ‘sto Ostuni … se ne sta tranquillo sul posto di  lavoro, quando all’improvviso riceve la telefonata del Primo Ministro della Repubblica Italiana che lo prega di rilasciare Ruby , facendogli tra l’altro credere, raccontandogli quindi una ”balla” colossale, cosa che gli riesce benissimo, che costei è  la nipote di Mubarak!

Ruby è marocchina … Mubarak è egiziano ma non importa … tanto nessuno conosce la geografia in ‘sto Paese!

Morale della favola … i due marpioni di avvocati del Troll, si attaccano a tutti i cavilli del mondo e sostengono che il ”povero Silvio” fosse proprio convinto che Ruby fosse la nipote di Mubarak …  che non fosse minorenne … che il povero Silvio NON impartì NESSUN ORDINE ad Ostuni quella sera, ma che l’Ostuni stesso, agì di sua iniziativa … giusto per far piacere al Presidente del Consiglio!

(Capito? Se c’è una colpa … ‘sta a vedere che è quella di Ostuni!)

Comunque il Coppi ha insistito molto  sulla’  INUTILIZZABILITA’ delle intercettazioni … e sull’incompetenza territoriale del Tribunale di Milano.

Il Sostituto Procuratore De Petris, ha ricordato in aula che l’acquisizione dei dati, quindi anche le intercettazioni,  viene richiesta non dalle autorità di polizia ma da quella giudiziaria. Inoltre il provvedimento deve essere motivato ed è sottoposto al controllo dei giudici, che possono dichiarare la nullità delle intercettazioni, cosa che avevano deciso di NON fare. Quindi erano utilizzabili eccome ‘ste intercettazioni!”

Dinacci il collega di Coppi ha replicato sostenendo che la sentenza della Corte europea pone dei requisiti minimi di validità in base a requisiti minimi di legittimità e che tutto ciò che non è previsto è vietato …  bla … bla … bla …

Insomma attaccandosi a ”cavilli’ e NON al reato in sé … il Troll l’ha di nuovo fatta ”franca”!

Noialtri  si preferisce attaccarsi ai ”cavilli” … ottima scusa  per NON prendere decisioni personali! Meglio tergiversare con i ”cavilli” piuttosto di affrontare di petto il marcio della situazione! Se poi il ”marcio” è fatto da un ”UOMO DI PANZA” meglio lasciar perdere del tutto!

Nel nostro Paese … quando dimostri di ”aver potere” hai tutto e tutti ai tuoi piedi!

Siamo geneticamente portati  per rimanere nel Medio Evo!

In un Paese NORMALE non sarebbero nemmeno stati necessari dei processi … uno come Silvio Berlusconi sarebbe stato ghettizzato anche dai suoi ”compagni di partito”  e  sarebbe scomparso dalla vita pubblica!

Ognuno ha veramente quel che si merita … e ancora oggi, nonostante tutto, il Troll è votato da un terzo del popolo italiano!

A questo punto mi chiedo se ha senso lamentarsi del fatto che a ”noialtri”  non si diano  gli strumenti per votare il proprio candidato!

Ma … ‘sto popolo italiano … se la merita una legge elettorale ”evoluta”? Mah …

Alla prossima

 

Elena

 

 

 

 

 

 

 

 

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-07-18/ruby-conto-rovescia-la-sentenza-appello-berlusconi-giudici-camera-consiglio-100530.shtml?uuid=ABV4h6bB

 

 

BERLUSCONI ASSOLTO IN APPELLO!ultima modifica: 2014-07-19T08:16:05+02:00da elenasaita
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento