Mori, Ubinu, Le sentenze si rispettano …

Ok ! Sono perfettamente d’accordo! Ma …  è lecito che a volte facciano girare le ”OO” o no? 

13238878_10206614501937469_5912009753546006448_n

Giorni fa, dopo aver letto sui giornali la sentenza di assoluzione per Mori ed Ubinu, ho pubblicato la foto qui sopra. Foto che ha suscitato perplessità in alcuni. Un amico ha postato questa frase: ”Come sempre non sono allineato. Avete elementi concreti per il giramento? Altrimenti è berlusconesimo “toghe rosse” se SI un bell ‘esposto, se NO è fuffa”! 

Ha perfettamente ragione … continua, ad essere sempre e solo ”tuffa”. Il che è un peccato. Ma per qualche strano motivo in questo paese scovare la verità non è un’impresa facile. Si direbbe persino che qualcuno voglia ”depistare” . Che strano vero?

Facciamo un esempio che rimane politicamente nel vago. L’esempio del missile di Ustica! Vi ricordate il Dc9 che precipitò la sera del 27 giugno 1980 … quello che era in volo da Bologna a Palermo, che aveva  81 persone a bordo e che morirono tutte?  Ebbene dopo  ”SOLI”  35 anni,  l’8 aprile 2015 , la Corte d’Appello di Palermo ha decretato che fu un missile ad abbattere il Dc9 !  CONTENTI?  Magari … tra altri 30 anni sapremo anche di CHI era il missile! Con calma … noi non abbiamo fretta vero? Sigh …

Torniamo ora alla faccenda del processo sulla Mancata cattura di Provenzano in cui viene confermata l’assoluzione per il generale Mori!

Ricapitoliamo la sentenza:

Nessun favoreggiamento, nessuna complicità con il boss Bernardo Provenzano. La Corte d’appello di Palermo conferma l’assoluzione per il generale Mario Mori, ex comandante del Ros, e per il colonnello Mauro Obinu, attualmente in servizio all’Aisi.

I due erano stati accusati dalla procura di Palermo di aver fatto fallire un blitz importante, il 31 ottobre 1995, nelle campagne di Mezzojuso.  Un ufficiale dell’Arma, il colonnello Michele Riccio, ha sempre sostenuto invece che quel giorno si sarebbe potuto arrestare uno dei super latitanti di Cosa nostra, Bernardo Provenzano. Ma anche i giudici d’appello, come quelli del tribunale, non hanno creduto alla ricostruzione di Riccio, che all’epoca gestiva un confidente d’eccezione, il boss di Caltanissetta Luigi Ilardo.   “Il fatto non costituisce reato”, avevano detto i giudici di primo grado, e adesso il collegio presieduto da Salvatore Di Vitale ha confermato quella decisione!

Ora cerchiamo di far chiarezza per noi ”comuni mortali” a che cosa si riferiscono quando parlano di ‘sto incontro a Mezzojiuso? I giornali non spiegano di solito la ”rava e la fava” … partono dal concetto che tutti sappiano tutto. Il che non è vero! Mica possiamo correre dietro a tutto quel che capita in ‘sto paese no?

Allora, l’incontro era tra il ”boss (collaboratore di giustizia) Luigi Gino Ilardo” e Provenzano. Questo incontro era avvenuto il 31 ottobre ’95 nella zona di Mezzojuso, e, secondo quando sostiene il Riccio, doveva servire per catturare il boss latitante. Chiaro no? Bene!

Era stato chiesto di inserire un dispositivo nella cintura di Ilardo e  il blitz, da parte degli agenti del ROS, sarebbe scattato solo al segnale di Ilardo,  ovvero quando avrebbe avuto davanti il boss in persona. Ma … il generale Mori … DECISE  per il NO. Disse che quell’incontro doveva servire SOLO per prendere informazioni!  Infatti , grazie a questa ”decisione sbagliata”, con il senno di poi,  il Provenzano sarà catturato solo 11 anni dopo!

iuIl generale Mario Mori

Eppure secondo il colonnello Michele Riccio,  Luigi Gino Ilardo aveva un programma ben preciso … e ogni ulteriore rinvio alla prima possibilità di contatto con Provenzano, quella appunto del 31 ottobre,  lo avrebbe messo in serie difficoltà e soprattutto avrebbe messo a rischio la sua sicurezza. Infatti, guarda caso,  venne ammazzato alcuni mesi dopo, la sera del 10 maggio,  mentre rientrava nella sua abitazione a Catania.

A sapere del suo segretissimo ruolo di informatore, erano Riccio, alcuni magistrati di Palermo e Caltanissetta e i Ros. Questi Signori erano tutti presenti il 2 maggio del 1996 a Roma, giorno in cui Ilardo doveva “formalizzare” il suo ingresso tra i ”collaboratori di giustizia”, previsto ufficialmente per il 14 maggio! Combinazione lo hanno ammazzato il 10 di maggio! Quindi ”ciccia” nessuna protezione per i ”collaboratori di giustizia”! Soldi risparmiati per lo stato? Mah … Intanto Provenzano era ”libero come l’aria”!

Adesso, siamo onesti … finalmente i ROS il 31 ottobre del ’95, hanno tra le mani uno come Provenzano e NON lo arrestano? Ma sono matti?

Sarà anche che i giudici d’appello, come quelli del tribunale, siano convinti che, nonostante si potesse metter già allora,  le mani su Provenzano, e che invece dei geni come Mori e Ubinu avessero deciso di NON arrestarlo ma di prendere SOLO ”informazioni” … questo “fatto non costituisca di per se un reato”. Sarà anche giuridicamente vero … magari non costituisce reato … ma vogliamo almeno ammettere che Mori e Ubinu siano  stati degli incapaci a prendere ‘sta decisione o no?

Ma come caro Generale Mori? Hai tra le grinfie uno come Provenzano, non proprio uno ”stinco di santo” e lo lasci andare? Vuoi solo delle informazioni? Bè … così facendo hai pure fatto ammazzare un collaboratore di giustizia!  Che dire? Sarà pure che il ”fatto non costituisce reato” … ma a noi sembra che il ”fiuto” di costoro non sia proprio quello dei ”detective” che ci rifila la TV e che ci piacciono tanto. Anzi … si direbbe che costoro non ci azzecchino proprio per niente!

Ma d’altronde … il Mori aveva sostituito, a capo dei ROS, un altro ”genio” dal fiuto incredibile! Chi? Ma Antonio Subranni!

subranni-antonioAntonio Subranni

Antonio Subranni è quello che alla morte di Peppino Impastato, seguendo ostinatamente e in totale malafede,  la pista di un Peppino Impastato “terrorista”,  morto quindi perché ”saltato in aria” mentre metteva lui stesso una una bomba, aveva insistito per mettere la scorta di protezione sapete a chi? Ma al mafioso Gaetano Badalamenti!  Ritenendolo parte lesa ed in pericolo!  Hai capito il genio?

Se il ”fiuto” è quello che contraddistingue un buon poliziotto/detective … ebbene ‘sto Subranni di ”fiuto” ne aveva dimostrato proprio pochino! Visto che i fatti erano esattamente al contrario di come li aveva interpretati lui.  Tutti sappiamo che Badalamenti, ”zio Tano” aveva fatto ammazzare Peppino Impastato e non viceversa! Ma si sa … ”combinazione” proprio il giorno in cui venne trovato il corpo di Moro … fu ucciso Peppino. L’Italia era distratta dal ritrovamento di Moro e non si fece domande di sorta per questo ragazzo ”saltato per aria” sui binari del treno a Cinisi!

Eppure, nonostante la conclamata ”mancanza di fiuto” … l’allora maggiore Antonio Subranni è diventato nientepopodimeno che generale di Corpo d’Armata! E, come se non bastasse anche comandante dei ROS!  (acronimo di Raggruppamento Operativo Speciale)  Chi sono i ROS?  Sono uomini specializzati in indagini di polizia giudiziaria.  In particolare per sequestri di persona, lotta alla criminalità organizzata – Mafia, ‘Nrangheta, Camorra, Sacra Corona Unita,  terrorismo,  traffico di armi e droga.  Sono militari estremamente preparati che si infiltrano nelle bande criminali e vivono, se le indagini lo richiedono, per mesi sotto copertura … nell’ombra … “infiltrati” in ogni livello sociale e che rischiano la vita!  Uomini low profile capaci di “intercettare” e ricollocare come in un puzzle, movimenti, malesseri e traffici di soggetti che appartengono alle organizzazioni criminali e terroristiche ma anche a gruppi eversivi e che vivono e si ‘mescolano’ quotidianamente al resto della società.

Mò ci si chiede … ma com’è che uno come il Subranni prima e il Mori dopo,  gente che ha sbagliato clamorosamente nell’interpretare fatti gravissimi …  siano stati ”premiati” diventando addirittura comandanti dei ROS?  Mah …

Nei secolo fedeli … ma ”fedeli”  a ”CHI” esattamente?

Alla prossima

 

Elena

 

p.s.:

  • Non per essere ulteriormente ”maligna” … ma la Signora Danila Subranni, la biondina dal volto imbronciato sempre a fianco di Angelino Alfano, ministro della Giustizia prima e Ministro degli Interni ora, è la figlia di Antonio Subranni.
  • Il Signor Ennio Subranni, figlio di A.S. è un membro del Roc, (Reclutamento operativo centrale dei nostri servizi segreti)
  • Per il generale Subranni è stata chiesta ed ottenuta l’archiviazione della gravissima ipotesi di favoreggiamento della latitanza di Bernardo Provenzano, per decorrenza dei termini.

fonti:

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2016/05/19/news/mancata_cattura_di_provenzano_-140146626/

http://malgradotuttoblog.blogspot.fr/2012/03/subranni-famiglia-di-stato.html

http://www.palermoreport.it/notizie/processo-mori-di-matteo-riccio-voleva-catturare-provenzano-ma-fu-bloccato-dai-vertici-del-ros

 

Mori, Ubinu, Le sentenze si rispettano …ultima modifica: 2016-05-21T10:03:05+02:00da elenasaita
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento