Ostinatamente contro il/la TAV …

Quanti personaggi in cerca d’autore hanno ”sposato” questa causa?  Quanti lo hanno fatto con uno spirito razionale, ragionato e con i ”piedi ben ancorati a terra”?  Mah … va a sapere.

Molti però, sposando la ”causa” hanno potuto vendere dei libri e farsi conoscere dai No Tav, come degli illuminati rispettosi del pianeta!

Vero è che ci si senta tutti un pò come ”Turi” (°)  quando si grida NO contro lo scempio della montagna! No contro un mondo che si ostina ad arrabattarsi per ”andare avanti” in qualche modo, cercando di creare economia e lavoro. Ci si sente tanto  ”eroi” quando si dice basta!

Ma … sono veramente ”rispettosi del pianeta” costoro?

Eppure … in un mondo inquinato come il nostro, il cui unico futuro sostenibile,  sarà quello del trasporto su rotaia … continuano imperterriti ad incaponirsi sulla NO TAV privilegiando di conseguenza il trasporto su ‘’gomma’’ o aereo che, come  tutti sappiamo, è altamente inquinante. 

Leggo sulla pagina FB del mio ”amico” Guido Imanon quanto segue:

”DENUNCIATO FOIETTA!

”Avernino Di Croce, sindaco di Venaus, ha inviato una lettera di denuncia contro Paolo Foietta alla Procura della Repubblica di Torino, per il reato di “Usurpazione”. Infatti Foietta, noto losco figuro, da anni è dedito ad attività socialmente ed economicamente dannose, quali serie analisi e valutazioni tecniche assolutamente inattaccabili dai tecnici del trasporto e delle valutazioni ambientali, nonché lo smontare le pseudo-analisi costi benefici totalmente farlocche. Ora il suddetto, non pago di queste sue manifeste cialtronerie, ha addirittura osato riunire in una sede informale, con una convocazione su carta non intestata e come semplice “portavoce” i membri del comitato sulla TAV, per un commiato generale e per presentare una sintesi scritta di tutto il lavoro relativo alla TAV, svolto dal 2006 in avanti, sintesi che, pubblicata e gratuitamente distribuita, permetterà a chi lo vorrà, di documentarsi seriamente su un progetto che permetterà a Torino di ”non cadere in un totale isolamento internazionale”.  Attendo, spero, numerose proposte per iniziative a favore di Foietta e io mi impegno a comunicare e proporre eventuali passi che magari con altri enti e comitati, potessero rivelarsi utili per salvaguardare la sua immagine e il suo lavoro. Per intanto , penso non sarebbe male testimoniare la nostra solidarietà, sia sui social, sia con lettere ai Media”.

Conosco personalmente Avernino Di Croce, in quanto siamo stati entrambi tesserati IDV, ai tempi di Di Pietro e, onestamente,  lo ritenevo più ‘’lungimirante’’. 

Contro questa galleria è stato detto e fatto di tutto di più, compreso il contestare l’annullamento delle tratte ferroviarie notturne sul territorio italiano ed il ridimensionamento dei treni dei pendolari.

Vorrei sommessamente ricordare a chi contesta queste realtà che sia le automobili private sia le compagnie aeree low cost hanno fatto al trasporto ferroviario una concorrenza enorme.

Far viaggiare un treno di pendolari con magari soli otto passeggeri, voi mi insegnate che non è propriamente ”economico” … o no?

Far viaggiare un treno notturno con cuccette a 200/euro quando su un aereo Low cost se ne spendono 80 per lo stesso tragitto voi mi insegnate che non è proprio ”economico” o .. no?

Eppure … oggi come oggi tutti sappiamo che gli aerei inquinano no? Quindi che fare? La risposta da ‘’asilo infantile’’ sarebbe quella di ‘’limitarne’’ l’uso vero?

Quindi … in tutta Europa sarà necessario privilegiare il trasporto su treni ‘’veloci’’ sia per i passeggeri che per le merci. E’ decisamente meglio usare un treno veloce che non inquina per andare dal centro di Milano a quello di Parigi o dal centro di Torino a, per esempio, il centro di Marsiglia,  invece che usare un aereo … che non solo inquina, ma ti obbliga ad arrivare in un aeroporto lontano comunque dal centro della città, aumentando di conseguenza i tempi di trasporto.

Va da se che da cosa nasce cosa e quindi, se le ferrovie smetteranno di esser in perdita, ne verranno fatte di nuove e/o migliorate quelle esistenti, e i costi per gli utilizzatori scenderanno.

Signori … che vi piaccia o no il treno tornerà ad essere il trasporto del futuro. Se non volete ”bucare” le montagne rimarremo isolati dal resto d’Europa, e questo grazie alla nostra conformazione geografica. 

Abbiamo, se non ve ne siete accorti, delle montagne che ci dividono dal resto d’Europa … in compenso siamo molto più ”vicini” al Maghreb! 

E non solo ‘’geograficamente’’ …

Alla prossima

Elena

Ostinatamente contro il/la TAV …ultima modifica: 2020-01-26T11:19:48+01:00da elenasaita
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento