Archivi tag: elettorato

Italia – rigurgiti fascisti …

In allegato, qui sotto,  ho messo un link riguardante un comunicato di Davide Mattiello, deputato del Partito Democratico e membro della Commissione Anti Mafia sotto la Presidenza della Signora Rosi Bindi.

https://www.facebook.com/mattiellodavide/videos/906463229530957/

Guardando il video, mi sono subito detta: ”Ma come si fa a non essere d’accordo con Davide Mattiello”?

Partiti e movimenti chiaramente di stampo fascista stanno prendendo ”piede” nel nostro Paese. Complici crisi economica, malcontento e ignoranza.

Per qualche strano motivo molti giovani, che non hanno la minima idea di che cosa il fascismo abbia rappresentato veramente, ripetono slogano tristi e rifritti pensando di ”cambiare il mondo” con le sole parole.

iu-2

le bandiere invece di sventolare su pali di plastica sono arrotolate su corti bastoni simili a manganelli! Indovinate un pò perchè?

La cosa drammatica è che questi ”partiti”concorrono per le politiche del 4 marzo.

Speriamo di no, ma facciamo l’ipotesi che anche solo uno di loro riuscisse ad entrare in Parlamento …

Vi rendete conto di che cosa potrebbe succedere?  Pensate già solo alle ”rogne” che dovrebbe, in tal caso, affrontare la polizia per mantenere la sicurezza durante i cortei … tra antagonisti e fascisti si verrà alle mani e le conseguenze per la sicurezza diventerebbero enormi. Immaginatevi cortei di fascisti autorizzati! Perchè, ricordiamoci, se dovessero mai entrare in Parlamento, anche solo uno di loro, automaticamente i cortei fascisti sarebbero autorizzati e le nostre strade diventerebbe dei carnai! Ma siamo diventati matti? Possibile che noialtri non si abbia un briciolo di sensibilità? Si direbbe che le ”rogne” le si vada a cercare con il ”lanternino”!

D’altronde … lasciamo, senza batter ciglio, che uno come Berlusconi, che è incandidabile grazie alla legge Severino , faccia politica lo stesso come coordinatore, elemento catalizzatore,  del centro destra italiano, fregandosene altamente di tutto e di tutti e il drammatico è che costui trovi una massa di italiani a dargli retta!

E i fascisti, Forza Nuova e Casa Pound, che fanno campagna elettorale come se niente fosse …e trovino di nuovo chi li segue … mah …

Bene bene che vada inseguiamo le ”sirene” dei grillini … pensando che le cose possano cambiare con l’ HONESTA’ … e pure lì ci sarebbe da scrivere un romanzo … ma che tristezza … ma che tristezza … 🙁

Alla prossima

 

Elena

Dialogo tra Luigi Di Maio ed un cittadino qualunque …

26733935_10211198351650847_3934559236420359254_n

Luigi Di Maio a lui verrà dato il compito di Governare l’Italia?

Di Maio, candidato Premier del M5S, promette:

– reddito di cittadinanza
– pensione di cittadinanza
– taglio Irpef di 1.800 euro medi annui
– dimezzamento dell’Irap per le imprese e ‘’semplificazioni’’ varie …

Cittadino qualunque: ‘’Già qui capire dove prenderete il denaro, non è proprio chiarissimo …’’

Di Maio: ‘’Spostiamo 40 miliardi di tax expenditures, molte delle quali davvero dannose. E abbiamo le mani libere per farlo’’!

Cittadino qualunque: ’’Chissà perchè gli ‘’altri’’ non ci hanno mai pensato … visto che secondo Lei è una cosina elementare … mah …’’

Di Maio prosegue dicendo:
‘’Bisogna rovesciare la prospettiva, la prima vittima della crisi è stata la spesa per investimenti produttivi che vanno indirizzati verso i settori che possono trasformare il Paese in una ‘’Smart Nation’’!
Solo con stimoli forti all’economia si riduce il debito: il nostro obiettivo è tagliarlo di 40 punti in due legislature”!

Cittadino qualunque: ‘’Ok parole stupende … ma … quali sarebbero ‘sti ‘’stimoli forti’’?

Di Maio: ‘’Ma sono investimenti in settori ad ‘alto moltiplicatore’ e il taglio delle tasse, così da liberare le energie degli imprenditori’’!

Cittadino qualunque: ‘’Un esempio per favore’’?

Di Maio non risponde ma continua dicendo: ‘’In ambito europeo senza un principio di condivisione dei rischi non si può costruire un destino comune. Purtroppo, basta vedere il dibattito sulle banche e i crediti deteriorati per capire che non si va in questa direzione’’.

Cittadino qualunque: ‘’Bè … se da noi i soldi in banca scompaiono … non è che i tedeschi siano poi così felici di ripianare le nostre perdite non crede’’? Ma mi dica come faremo a risanare le nostre banche’’?

Di Maio non risponde ma prosegue dicendo: ‘’Con il reddito di cittadinanza e la riforma dei centri per l’impiego, garantiremo un sistema in cui la ‘’precarietà’’ diventerà ‘’flexsecurity’’ e l’impresa avrà sempre a disposizione addetti formati e competitivi’’.

Cittadino qualunque: ”Quindi i disoccupati e i precari diventeranno dei ‘’flexsecurity’’ ma sempre disoccupati e precari saranno.  Se per essere reinseriti nei nuovi posti di lavoro dovranno seguire programmi di formazione specifici … chi paga i corsi di formazione per ‘sti ‘’flexsecurity’’?

Di Maio non specifica ma continua dicendo:

‘’Su Ilva va garantito il diritto alla salute!

Cittadino qualunque: ‘’belle parole, ma allora perchè hanno bloccato la costruzione dei capannoni che avrebbero evitato alle polveri sottili di raggiungere Taranto’’?

Di Maio continua: ‘’Servono bonifiche immediate, alle quali lavoreranno gli operai adeguatamente formati”.

Cittadino qualunque: ‘’Ma … i capannoni non andavano bene? E poi, chi paga la formazione a ‘sti operai per poter esser capaci di fare le ‘’bonifiche’’?

Di Maio non risponde ma continua dicendo: ‘’Un miliardo investito nelle bonifiche genera fino a 13 mila posti di lavoro’’!

Cittadino Qualunque: ‘’Ok va bene e dopo che l’hanno bonificata l’Ilva cosa ne facciamo? Perchè ci sarebbe gente che vorrebbe comprarla, sono indiani d’accordo a noi piacciono poco … ma continueremmo a tenere un’industria siderurgica nel nostro paese …”.

Di Maio: Dopo averla ‘’bonificata’’ la chiudiamo e in quel sito facciamo nascere un centro di ricerche e sperimentazione di tecnologie green … perchè Taranto deve puntare su turismo e innovazione”!

Cittadino qualunque: ‘’Ma … e gli operai dell’Ilva … dove li mettiamo’’?

E i dialogo tra”sordi” continua. Il ”compitino” imparato a memoria e scritto da collaboratori volenterosi arriva, assieme ai roboanti vocaboli,  all’elettore che, non capendo bene di che cosa si stia parlando … spera che stavolta, con costoro, sia la ”volta buona”!

Alla prossima

 

Elena