Archivi tag: malavita organizzata

Immagine

FIDUCIA … si fa presto a dire …

Pensavo questa mattina a quanto sia vera la relazione tra economia e ‘fiducia” … sembrerebbe ”minimizzare” ma  le due cose sono strettamente correlate.

I nostri ”benamati” (si da per dire)  governanti stanno cercando di dirci: ”Ma spendeteli ‘sti soldi che avete in banca”! Investite! Create lavoro … datevi da fare!

115142676-c9c471b9-fe87-488b-8ef9-d83ff3fd7526Per carità in ”teoria” hanno anche ragione …  a parte che per investire ed assumere sarebbe necessario ”avere delle commesse” … ma pare che questo non li tocchi un gran che. Ma, voglio dire, senza voler parlare dell’industria pesante, che ormai in Italia si è ”volatilizzata”, ve lo vedete un ristorante che assume 5 camerieri stabili, mentre i clienti durante la settimana si contano sulle dita delle due mani? Oppure uno che compre casa mentre l’azienda per la quale lavora sta per chiudere ”baracca e burattini”?  Mah …

Pur non capendo nulla della materia, credo siano indispensabili per un buon funzionamento dell’economia: fiducia, serietà, stabilità politica, progetti per il futuro seri.

Progetti seri. Noi ne abbiamo? Mah … Se quello serio è l’expo 2015 … vedete un po’ voi! Sono in ”mano” a ”chi” esattamente gli appalti per l’expo? Possibile mai che ogni volta che in questo paese si fa qualche cosa … salta sempre fuori un filone ”stra-marcio”? E che cavolo!

Rischiamo di fare la figura dei PIRLA davanti a tutto il mondo, annullando lo stereotipo che ancora all’estero – almeno tra i cinesi –  resiste!  Quello del paese della pizza del sole, del mandolino, della cultura e della moda; per sostituirlo con qualche cosa di legato alla malavita a 360°!

Vigliacco se in questo paese sia mai esistito un progetto a lungo termine per un futuro decente! Mi viene in mente quando abbiamo fatto il referendum, uno dei tanti, sul nucleare. Fermo restando il fatto che sono fermamente ”contraria” al nucleare, (°) nonostante tutto un paese avesse detto e ribadito NO a questa forma di energia, nessuno, dico ”nessuno” del governo si attivò a suo tempo, con investimenti ”pesanti” nella ricerca per produrre energia non dipendente da nucleare e fossile.

Non è che noialtri siamo ”pirla” …e non abbiamo le ”teste” …  è che non c’è mai stata la ”volontà” politica per farlo. Come diceva uno dei tanti ”carciofi” che abbiamo avuto la disgrazia di avere al governo: ”La cultura, quindi la ricerca e la scuola, NON danno da mangiare”? Che dire ad uno simile? No comment.

Ormai in Italia ad investire rimangono gli ”unici” che possiedono valangate di denaro. Sapete a chi mi riferisco vero? Non mi stancherò MAI di dirlo! Sono quelli che fanno quattrini con l’unico mercato in crescita esponenziale da sempre! La cocaina! Queste ”holding” si chiamano ‘Mafia, ‘Nrangheta, Camorra e Sacra Corona Unita ! Sono le stesse che tengono lontane tutti gli investimenti ”esteri”, a meno che non siano investimenti ”arabi”!  Le ”mentalità” tra i due ”gruppi” non è che siano poi tanto lontane!

Inutile ricordare che malavita organizzata e cultura siano agli antipodi. Quindi,  i loro investimenti saranno certamente poco interessati al benessere futuro della collettività, diciamo che costoro sono più orientati al ”mordi e fuggi”.

Tornando a noi poveri cristi, disoccupati, a cui si chiede di spendere. Secondo i nostri politici, noi dovremmo ”avere fiducia” e tornare ad andare al ristorante, al cinema, dal parrucchiere, in palestra, acquistare auto nuove … insomma far ripartire i consumi.

Mi verrebbe da ritorcere: ”ma perché non lo danno i ”politici” questo buon esempio? Come mai i politici, a tutti i livelli, nonostante il loro stipendio sia più che buono … non spendono una ”cippa” e se lo fanno cercano di farlo a ”spese nostre” o accettando ”regali” dagli ”amici degli amici”?

Ce li ricordiamo tutti gli scandali nelle regioni … nelle provincie … dalle case con vista sul Colosseo,  acquistate ad ”insaputa” del proprietari … alle mutande pagate dalla ragione … all’acquisto di ”vibratori”, considerati questi ultimi come oggettistica omaggio! (°)

Voglio dire … ma come cavolo facciamo noialtri ad avere fiducia? Facciamoci  una domanda … e diamoci  una risposta!

 

Alla prossima

 

Elena

(°)  http://www.wdonna.it/emilia-romagna-consigliera-rimborso-vibratore/51298

 http://www.ladige.it/articoli/2014/03/13/sex-toys-pius-leitner-regalo-regalo

 

DON CIOTTI … RIINA E LA COCAINA …

Don Ciotti,  in seguito alle ”minacce” di Riina dal carcere, giustamente reagisce.

Reagisce dicendo che il sistema ”mafia” va eliminato e che una delle ”bestie nere” che collaborano con la malavita organizzata è la corruzione. Riferendosi a quest’ultima come ”incubatrice delle mafie’. Sante parole! Don Ciotti ribadisce che bisogna sradicare un certo tipo mentalità,  quella cioè della ”mafiosita” … quella dei patti sottobanco … dall’intrallazzo in guanti bianchi…  dalla disonestà condita da buone maniere … Continua dicendo che la corruzione sta mangiando il nostro Paese, le nostre speranze! Corrotti e corruttori si danno manforte per minimizzare o perfino negare il reato. Ai loro occhi è un’azione senza colpevoli e dunque senza vittime, invece la vittima c’e’, eccome: è la società, siamo tutti noi. Don Ciotti ricorda che il suo impegno contro la mafia e’ da sempre un atto di fedelta’ al Vangelo, alla sua denuncia delle ingiustizie, delle violenze, al suo stare dalla parte delle vittime, dei poveri, degli esclusi. Al suo richiamarci a una ‘fame e sete di giustizia’ che va vissuta a partire da qui, da questo mondo”. Tutti conosciamo l’impegno costante che Don Ciotti mette in questo suo progetto e gliene siamo grati  … ma … C’è purtroppo un ”MA” grande come una casa! Un ”MA” che fa di Don Ciotti una sorta di Don Chisciotte. Teniamo i piedi per terra e pensiamo a qual’è veramente l’unico, vero, immenso potere della malavita organizzata. Qual’è secondo voi? Forse il fatto che ”uccida”? Non credo … anche se ovviamente questo già di per se sia un ottimo deterrente. Il potere VERO della malavita e NON mi stancherò mai di dirlo sono le ”quantità industriali” di denaro che possiede … che muove… che investe … che usa per corrompere! PUNTO! Smettiamo per un attimo di fare gli ipocriti e pensiamo all’unico mercato che NON conosce crisi. Quello che da anni ormai è in crescita esponenziale! Il mercato della COCAINA! I mafiosi o per meglio dire, gli ”industriali della droga”, hanno trovato il modo di ”fidelizzare” il cliente, e lo fanno senza nemmeno investir denaro in pubblicità, quindi i loro margini sono altissimi!

La cocaina, a differenza dell’eroina NON uccide il cliente … ma lo lega per sempre in un circolo vizioso.

9590532-monton-de-cocaina-y-dinero-aislado-en-un-fondo-negro-adicto-a-drogas

Quindi grazie alla fidelizzazione del cliente costoro possiedono denaro a palate e lo devono reinvestire. Cosa serve all’economia per ”girare”? Serve denaro! Quindi?  Facciamoci una domanda … diamoci una risposta. Se gli industriali della cocaina sono gli unici ad avere denaro è più che ovvio che con costoro si tratti, e si tratti a tutti i livelli, sia economico che politico. Va da se che trattare con gente simile non significhi certo un futuro migliore. Costoro non son certo dei filantropi che investono a lungo termine per il bene della collettività. Allora mi domando: ”Come fare per eliminare questa ‘macabra’ industria”? Legalizzando la droga ed annullando di conseguenza la possibilità per costoro di arricchirsi! Considerata la globalizzazione dell’industria della cocaina, la legalizzazione dovrebbe esser fatta a livello altrettanto globale. So che la  soluzione risulterà troppo radicale e che saranno in mille a contestarla,  ma non vedo ”vie di mezzo’. Se vogliamo esser realisti dobbiamo ricordare che noialtri siamo più di 7 miliardi – e che entro il 2100 saremo 10,9 miliardi, una crescita dovuta agli alti tassi di natalità tra i Paesi in via di sviluppo. Vogliamo eliminare la malavita organizzata? Togliamole l’ossigeno legalizzando la droga.

In fondo l’essere umano possiede il libero arbitrio …

Alla prossima

Elena