Archivi tag: penalizzata

Pensierino del mattino sul 1° Maggio …

Oggi è la festa dei lavoratori, donne comprese! Ma… com’è la situazione ‘’lavoro’’ per le donne in Italia?
Nonostante sia passato molto tempo dal 1951, quando l’allora Senatrice Merlin, quella che ha fatto abolire i bordelli statali, lottava in Parlamento per ottenere una legge che vietasse al datore di lavoro di licenziare una donna in caso di matrimonio, ancora oggi di madri lavoratrici non ce ne sono poi tante.
Eh… si perché all’epoca funzionava proprio così, se ti sposavi rischiavi di mettere al mondo dei figli, quindi facevi solo perdere tempo al padrone, per cui era meglio se stavi a casa ad occuparti dei figli. I mariti erano assolutamente d’accordo con questo tipo di scelte. Fa sempre comodo avere a casa qualcuno che si occupa del menage familiare e che dipende in tutto e per tutto da te ”capo famiglia”!
Ma poi… se alla moglie/madre, avanzava del tempo, oltre al lavoro di cura, poteva sempre fare qualche lavoretto in casa. Tipo per esempio, confezionare fiori di plastica o altre amenità del genere. Ovviamente in nero.
Questa si direbbe, in fondo in fondo, la stessa mentalità della Meloni. La quale dice si che dobbiamo far figli ma poi non si occupa affatto di asili! Quindi? Dove li mettiamo ‘sti figli?
Comunque solo nel 1963, in Italia venne finalmente varata la legge che vietava di licenziare le lavoratrici ‘’causa matrimonio’’.
Oggi, vivaiddio, non ti licenziano più se ti sposi. Ma tanto sei costretta a stare a casa ugualmente, in quanto non ci sono abbastanza asili. Quelli pubblici hanno liste di attesa inaccettabili mentre quelli privati costano un occhio della testa, per cui va da se che le donne siano costrette a stare a casa per il cosiddetto ‘’lavoro di cura’’.
Ora che cosa dice la Giorgia in proposito? Niente di nuovo a parte continuare con il martellante: ‘’Fate figli’’!
Ma non tutte le donne vivono, come lei, con ‘’mammà’’ che si occupa di far crescere i figli a costo zero. (A parte che con lo stipendio che NOI le paghiamo, avrà sicuramente un paio di tate), comunque le famiglie oggi non sono più patriarcali, ma nucleari, quindi si è da soli per crescere la prole e lo Stato non aiuta di certo.
Oggi a Milano, per esempio, il costo medio di un asilo privato è più di 800 euro al mese. Pensate nel caso disgraziato aveste due gemelli ed il vostro stipendio fosse di 1500 euro al mese! Non dimentichiamo che bisogna anche pagare l’affitto, le bollette e magari anche mangiare qualche cosa. Quindi?

Quindi? Quindi mentre la nostra Prima Ministra blatera propaganda gridando lo slogan del: ’fate più figli’’ e nel contempo, infila subdolamente dentro il PNRR i movimenti Pro vita nei consultori, ricordiamole che in Italia c’è solo il 55 per cento di donne madri lavoratrici, e che noi siamo secondi solo alla Turchia, dove di ‘’lavoratrici’’ c’è solo il 37 per cento.

Quindi? Che cosa dobbiamo festeggiare oggi, 1° maggio, noi donne? Mah…

Alla prossima

Elena