Archivi tag: provocazione

E’ morta Angela Bottari la senatrice che ha aiutato noi donne…

Ieri si è spenta, nella sua casa di Messina, la ex parlamentare Angela Bottari, aveva 78 anni.
La Signora di cui parliamo è la persona a cui dobbiamo la legge contro il delitto d’onore.
Nel nostro Paese, sino alla fine del XX secolo, un delitto commesso al fine di salvaguardare l’onore del maschio (ad esempio l’uccisione della coniuge adultera o dell’amante di questa o di entrambi) era sanzionata con pene attenuate rispetto all’analogo delitto di diverso natura, poiché si riconosceva che l’offesa all’onore arrecata da una condotta simile equivaleva ad una gravissima provocazione.
Una provocazione tale da spingere il ‘’povero cornuto’’ ad uccidere al fine di mantenere il proprio onore. E la cosa non causava, nel sentire comune, nessuna riprovazione sociale. Anzi!

angela-bottari-800x800

La Signora Bottari – tre legislature come deputata nel partito comunista italiano, dal 1976 al 1987 – è stata la prima relatrice della legge 442 che nel 1981 ha portato, finalmente, all’abrogazione del delitto d’onore e del matrimonio riparatore. 

Il film ‘’Divorzio all’italiana’’ oltre ad esser stato un successo cinematografico aveva portato in luce le ‘’ombre’’ su quello che era considerato un ‘’delitto d’onore’’.
Il delitto d’onore consisteva nel fatto che, se la donna avesse avuto una vera o una presunta relazione con un altro uomo, avrebbe ferito così tanto l’onore del compagno che si sarebbe trovato costretto, per salvare il proprio onore ad ucciderla! Povero…
Questo delitto inoltre non sarebbe stato considerato un omicidio ma bensì un ‘’delitto d’onore’’ con tutte le attenuanti del caso.

Altra follia vigente era quella che, se un uomo celibe, avesse violentato una donna, non sarebbe finito in galera se alla violenza fosse seguito il cosiddetto ‘’matrimonio riparatore’’.

La Bottari ha combattuto in Parlamento per poter cambiare questa legge assurda, che manteneva le donne in una situazione di vulnerabilità incredibile.
Oggigiorno, nonostante le leggi vigenti, molti uomini non accettano che una donna possa rifarsi una vita con un altro uomo. Si sentono talmente feriti che preferiscono ucciderla.
I numeri relativi ai femminicidi in Italia parlano chiaro in tal proposito…

Che la terra Le sia leggera Signora e … grazie per tutto quello che ha fatto per noi.

Alla prossima

Elena