Ma … gli americani, si sono messi un ”buone mani” con D. Trump?

Questi sono i ”consiglieri economici” scelti da Donald Trump …

  • Harold Hamm, un miliardario del petrolio ex consigliere  per l’energia di Mitt Romey durante la campagna presidenziale del 2012;
  • Dan DiMicco, ex direttore esecutivo di  ”steelmaker Nucor”;
  • Steven Mnuchin, Direttore Generale e capo esecutivo della ” hedge found Dune Capital Management”;
  • Steve Roth,  fondatore e direttore Generale del ”Vornado Realty Trust”;
  • John Paulson,  miliardario che deve la sua ricchezza sugli ”hedge found”
  • Howard Lorber, Direttore Esecutivo della ”Vector Group”;
  • Tom Barrack, miliardario investitore nel campo dell’immobiliare
  • Stephen M. Calk and Andy Beal –  entrambi banchieri
  • Steve Feinberg – finanziere miliardario
  • Peter Navarro l’unico con una laurea in economia e che ha participato, senza successo, al ”public office” in San Diego.
  • Stephen Moore, fondatore del ”Club for Growth” e giornalista  per il  Wall Street Journal.
  • David Malpass che ha lavorato nell’Amministrazione Reagan e in quella di  George H.W. Bush;
  • Il the team è supervisionato da Stephen Miller, ex aiuto del Senatore Jeff Sessions dell’ Alabama.

Premesso che i signori sopra elencati hanno in comune il fatto di esser tutti multi miliardari,  pensiamo ora ai ”toni” della campagna presidenziale fatta da Donald Trump.  Una campagna in cui ha sostenuto di non far parte dall’establishment cattivo … una campagna in cui cui Hillary Clinton è stata dipinta come la ”cattiva candidata di Wall Street” … messaggi questi diretti alla pancia di un elettorato stanco e deluso, che li ha ”digeriti” senza nemmeno mettere in funzione il cervello.

Ora il team economico di Trump è composto da miliardari suddivisi tra:  ”hedge found managers”, speculatori  sia in ambito finanziario che immobiliare.  Insomma, in costoro è concentrata proprio la ”creme de la creme” di tutto l’orrore che imputiamo alla finanza.

kudelka_new_matilda_cartoon_parasite1

Facciamoci una domanda: ”Siamo sicuri che lo ”scontento” popolo americano abbia davvero votato per la persona fuori dall’establishment”? E … siamo sicuri che questi signori abbiano una visione economico-politica di lungo termine per il ”bene della collettività” o che propendano piuttosto per una molto più ”prosaica”  visione del ”mordi e fuggi”?

Meditiamo gente … meditiamo …

Alla prossima

Elena

 

 

fonte:WP The Washington post

 

 

Ma … gli americani, si sono messi un ”buone mani” con D. Trump?ultima modifica: 2016-11-16T09:15:54+01:00da elenasaita
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento