Un tavolo risolutivo quello con a capo Fico? Naaaa …

Ma che cosa potranno mai risolvere costoro? Questa è una ”finta” per far vedere che ci provano, ma non c’è trippa per gatti. Le cose vengono decise, chiaramente, altrove. Ammesso e non concesso che vengano decise.

Questi sono i delegati dei partiti ancora seduti al tavolo di discussione per trovare un’accordo e decidere che cosa farne di ‘sto Paese:

– M5s: Davide Crippa ed Ettore Licheri,
– PD: Graziano Delrio e Andrea Marcucci,
– Italia Viva: Maria Elena Boschi e Davide Faraone,
– Liberi e Uguali: Federico Fornaro e Loredana De Petris,
– Europeisti – Maie – Centro Democratico: Raffaele Fantetti e Maurizio Buccarella,
– Gruppo Per le Autonomie del Senato: Albet Laniece e Gianclaudio Bressa,
– Cd-Maie: Bruno Tabacci ed Antonio Tasso.

In teoria dovrebbero parlare di contenuti e non di poltrone ma … chissà che cosa sta succedendo davvero? Prima di tutto costoro hanno dei paletti, imposti dai loro rispettivi, capo partito, quindi? Quindi non è che abbiano chissà quale margine decisionale per una discussione efficace. Se davvero avessero voluto discutere ci sarebbero andati i ‘’capoccia’’, invece …
Comunque ‘sto incontro, in più, non produrrà alcun documento scritto. In quanto, come sostiene Fico, quello che potrebbe sembrare un programma di Governo sarebbe compito del Presidente incaricato, quindi, ciccia!
I renziani, ovviamente, sono rimasti di ‘’sasso’’ quando hanno avuto ‘sta notizia. Loro contavano su un qualche cosa di ‘’scritto’’, altrimenti che cosa hanno chiesto a fare ‘sto tavolo?
La cosa comica è che pare che ieri, verso le 13,00 fossero tutti affamati e volessero un tramezzino. I commessi della Camera si sono rifiutati di portare loro i tramezzini dicendo che, in base alle norme anti Covid, non si potessero fare ‘’buffet’’. Quindi ‘’ciccia’’! Non hanno nemmeno mangiato.
Più che discutere, pare che i presenti, secondo il Corriere della Sera, abbiano passato il tempo a telefonare ai loro boss, rispettivamente: Crimi, Franceschini e Renzi.
Pare che la trattativa non sia avanzata di un centimetro. Secondo Meli, del Corriere della Sera, è tutto fermo e sostiene che Pd e 5 stelle non mollino Conte, mentre Renzi vuole mandarlo via e metterci qualcun altro.
Il tavolo si è chiuso ieri alle 21,00 con un nulla di fatto. Stamattina alle 9 si ricomincia e parleranno di Giustizia.
Puoi capire!
Bonafede vuole levare, e fa bene, la prescrizione, mentre Renzi non vuole!
Qui il discorso sarebbe lunghissimo, ovvio che ‘’solo’’ togliere, cosa giusta, la prescrizione non è sufficiente per riformare la giustizia, ma è sempre meglio di un pugno in un occhio. La prescrizione è una ‘’brutta bestia’’, ce ne rendiamo tutti conto del che cosa succede quando Berlusconi deve andare in tribunale no? Che cosa fa? Si fa ricoverare in ospedale per ‘’controlli’’ o ‘’malesseri’’ … intanto la prescrizione corre … e lui la fa franca come Andreotti.

L’unica cosa che si avrà di ‘sto incontro, forse, è un verbale. Ma … a noi? Che cosa hanno risolto?

Povero Paese …

Alla prossima

Elena

Un tavolo risolutivo quello con a capo Fico? Naaaa …ultima modifica: 2021-02-02T09:42:38+01:00da elenasaita
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento