Archivi tag: Nordio

PICCONATE ALLA GIUSTIZIA …

E adesso anche la picconata alla Giustizia! La separazione delle carriere.
Ora, onestamente, anche se non siamo laureati in Giurisprudenza, come facciamo a non renderci conto che questa manovra non ha nulla a che fare con la vera necessità della Giustizia che sarebbe poi quella della velocità della stessa?
L’apparato giudiziario è sotto organico da sempre, corrono avanti e indietro come dei matti, non hanno nemmeno il tempo di consultare le carte come dovrebbero. Cosa questa che fa tanto comodo a qualcuno!
Leggete per favore il libro ‘’Toghe Rotte’’ dello scomparso, troppo presto, Bruno Tinti e vi renderete meglio conto della loro situazione.
Nel tempo il Berlusconi e i suoi accoliti hanno legiferato per salvarsi il fondello, accorciando le prescrizioni ed aumentando la lunghezza dei processi.
Maniera questa che, se possiedi un buon avvocato, è uno scherzo far andare le tue rogne in prescrizione. E tutti sappiamo che i colletti bianchi di ‘’buoni avvocati’’ ne hanno a profusione.
Coppi un esempio lampante per tutti.
Ovviamente i buoni avvocati non li hanno i poveri cristi, i quali, difesi da distratti avvocati d’ufficio, guarda caso finiscono tutti in galera.
Tant’è che le nostre carceri scoppiano di extracomunitari e di drogati, vigliacco se ci trovi un ‘’colletto bianco’’!
Ma lasciamo perdere queste ”sottigliezze’’.
Il problema vero di questo Paese, e di cui pare NON si renda conto quasi nessuno è che ‘sta destra sta dando picconate a secoli di lotte e di conquiste!
Riflettete un attimo… se il Primo Ministro viene eletto da noi ‘’popollo’’, facendoci credere che lo scegliamo noi, cosa questa non vera, perché ci faranno un lavaggio tale di meningi che noi voteremo quello che ci dicono di votare.
Notoriamente noialtri tra Barabba e Gesù, non è che avessimo avuto dei dubbi no? E all’epoca il potere non aveva nemmeno i media a disposizione, figuriamoci adesso.
Quindi che cosa potrebbe succedere?
Che costui/costei dovrebbe avere un Parlamento dalla ‘’sua’’ parte per poter Governare serenamente, quindi? Quindi farà in modo che questo avvenga.
Se la Giustizia viene addomesticata e quindi non più autonoma, che ne sarebbe della sacra autonomia dei tre poteri per garantire la democrazia?

image

Il Premier avrebbe in mano il potere legislativo, quello esecutivo e quella della Giustizia.
La stampa l’hanno già imbavagliata da tempo … ergo…
Ci rendiamo conto che stiamo tornando indietro alla velocità della luce? SI o NO?
Guardate che qui la situazione è grave… ma tanto!
Se alla prossima tornata elettorale non daremo un colpo di reni, ma continueremo ad assecondare ‘sta becera destra ne usciremo con le ossa rotte.
Ma poi, come al solito, se a votare ci vanno solo Genoveffa, Anastasia e Cenerentola… vinceranno sicuramente le prime due, ma non è detto che Cenerentola avesse torto!

Quindi andiamo a votare tutti e… possibilmente NON la destra.

Alla prossima

Elena

.-.-.-.-.-.

copiare ed incollare sul proprio browser per ascoltare l’opinione di Paolo Borsellino: https://www.youtube.com/watch?v=hMkLxqH0ugs

Ilaria Salis … la Procura di Budapest chiede per lei 11 anni di carcere…

Questa insegnante italiana, antifascista nell’animo, è in carcere in Ungheria da un anno, senza aver ancora avuto accesso agli atti che la incriminano.
Abbiamo visto tutti ai TG come era incatenata durante l’udienza no?
Tajani, il nostro Ministro degli Esteri sostiene di non aver saputo nulla di questa detenzione.

Ma possibile mai? Ci dicono sempre: ‘’Se andate all’Estero, avvisate la Farnesina così potremo intervenire, in caso di necessità, in vostro aiuto’’.
Si vede che la Salis non gli aveva avvisati… colpa sua quindi?

Eppure ci sono state, secondo il giornale ‘’Domani’’:

– interrogazioni parlamentari in merito. Che ovviamente sono finite nei ‘’cassetti’’ dell’oblio;
– Membri dell’Ambasciata italiana in Ungheria erano stati allertati sulla sua detenzione;
– persino i Giudici di Milano erano al corrente di questo fatto.

Tajani invece? Lui no! Vabbè…

Nordio, per minimizzare, ha anche detto che la Magistratura Ungherese è sovrana quindi in pratica il suo messaggio è: ‘’Non rompeteci le ‘’OO’’! Avete solo da stare a casa vostra e non andare a manifestare contro i fascisti ungheresi.

Per giustificare l’amico Orban, ora salta persin fuori, e lo dicono personaggi come Ignazio Benito Maria La Russa, Presidente del Senato, che anche in Italia i carcerati li teniamo nello stesso modo. Con guinzagli e ceppi ai piedi!

Cosa gravissima! Ma, ammesso e non concesso sia vero, sicuramente non si tratta di ‘’colletti bianchi’’, quelli in galera non ci finiscono mai! Legiferano espressamente per tenerli al più sicuro possibile, ma tratteranno così immigrati e spacciatori, sempre immigrati, ovviamente.

Tutti sappiamo che grazie alla Bossi/Fini, che vigliacco se la eliminano, gli immigrati NON possono lavorare per sopravvivere. Quindi, se sono onestissimi e buoni come il pane, chiedono l’elemosina – ed ecco che questo Governo – ha reintrodotto il reato di accattonaggio – oppure finiscono nelle mani del ‘’Caporalato’’ e/o della malavita organizzata.

Ma lasciamo perdere questo tristissimo discorso e vediamo come mai ‘sta Signora è in galera in Ungheria.
Il 13 febbraio del 2023, Ilaria Salis era lì per contestare la manifestazione dei nazisti che “celebravano il giorno dell’onore”.

In Ungheria il 13 febbraio si celebra il ‘’Giorno dell’Onore’’, che altro non è se non il ritrovo di gruppi di estrema destra da tutta Europa.
L’insegnante 39enne italiana, aveva deciso, assieme ad altri, di partecipare a una contromanifestazione. La polizia locale la accusa di un’aggressione nei confronti di uno di quegli ”angioletti neri”.
E lo fa nonostante nel video siano tutti a volto coperto, quindi non si capisca affatto di chi si tratti.
Comunque, per questo motivo la Procura di Budapest ha chiesto per lei 11 anni di carcere!
Capito come si sta nella bella Ungheria di Orban?

Adesso aspettiamo la telefonata della Giorgia nazionale ad Orban, il cui tenore sarà: ‘’E daje falla tornare in Italia, fallo per me. Non famme fa ‘sta brutta figura in Europa, proprio adesso che sono er Presidente del G7 e c’ho ‘na carriera aperta in Europa’’.

Morale della favola? La morale è che i ‘’neri’’ ti possono menare come vogliono con i loro manganelli, avvolti da finte bandiere.
Se avete partecipato a manifestazioni a Roma, lo sapete tutti come funziona no?
Ma… se tu ne tocchi uno, specie in Ungheria, finisci in galera legato come un salame!

Che dire? No comment…

Alla prossima

Elena

Pensierino del mattino: Marina difende il papà…

Pensierino del mattino: Marina difende il papà…
Silvio Berlusconi è morto, ma memoria e impero berlusconiano sono sotto attacco e così la figlia primogenita ha preso carta e penna, e ha scritto una lettera indirizzata a ‘’Il Giornale’’, un tempo quotidiano di famiglia, che contiene la summa degli strali indirizzati dal padre ai pubblici ministeri, un bignami che è un promemoria anche per i partiti di maggioranza.
Ma dietro le invettive della presidente di Fininvest e Mondadori c’è anche altro: c’è un messaggio politico al partito azzurro e all’esecutivo guidato da Giorgia Meloni.
Si può riassumere così: bisogna salvare il soldato Marcello, mai nominato nella missiva, e la ‘’roba’’, intesa come l’azienda Fininvest e la sua onorabilità, bene supremo fin dalla discesa in campo dell’ex cavaliere.
L’ex senatore azzurro (Dell’Utri) è stato condannato a sette anni per collusione con la mafia, per quell’ODIOSO reato di CONCORSO ESTERNO oggi picconato dal ministro Carlo Nordio e difeso da Meloni e compagni di partito. Per Dell’Utri quindi i guai non sono finiti.
Secondo la procura fiorentina, che ha ordinato la perquisizione e lo indaga per concorso in strage, Dell’Utri avrebbe, con Berlusconi, sollecitato la mafia nella realizzazione della campagna stragista del 1993-1994 per preparare la strada alla discesa in campo.
Dell’Utri, destinatario di 30 milioni di euro dopo l’apertura del testamento, è stato convocato per oggi dai magistrati, ma quasi certamente rinuncerà all’interrogatorio avvalendosi della facoltà di non rispondere aspettando le mosse della procura.
La primogenita dell’ex premier: ‘’Sia ben chiaro, spetta solo a politica e istituzioni, nel rispetto del dettato costituzionale, affrontare problemi gravi come questo. Sento però la necessità di portare una testimonianza, e una denuncia, innanzitutto come figlia’’.
Scrive ‘’politica e istituzioni’’, ma si legge maggioranza e governo, quelli che sono in carica grazie a Berlusconi, alla sua scelta di sdoganare la destra missina, alle sue leggi ad personam, a Ruby nipote di Mubarak, a quella costante idea di smontare e rimontare le istituzioni a proprio uso e consumo. Quindi la Meloni è un ‘’frutto’’ di Berlusconi e tutto questo, Meloni e compagnia, non devono dimenticarlo!
C’è un altro ragionamento sotteso alle parole di fuoco di Marina Berlusconi e riguarda le prese di posizione di palazzo Chigi.
Il 6 luglio scorso la presidenza del Consiglio aveva fatto uscire, in forma anonima visto che era firmato solo come ‘’fonti di Chigi’’, un comunicato che altro non era se non un attacco contro le toghe: ’’È lecito domandarsi se una fascia della magistratura abbia scelto di svolgere un ruolo attivo di opposizione’’.
Ovviamente era una difesa di Andrea Delmastro Delle Vedove, fresco di imputazione coatta, e di Daniela Santanchè, indagata e protagonista di una gestione più che ‘’allegra’’ delle sue società. Una difesa che anticipava anche la grana di La Russa con l’indagine per violenza sessuale a carico del figlio del Presidente del Senato.

Per farla breve, Marina Berlusconi sostiene che il Governo spenda ‘’Parole di fuoco’’ contro i magistrati quando sotto attacco finiscono i ‘’compagni di partito’’ di Meloni ma sta in silenzio quando viene attaccato Dell’Utri, braccio destro del fondatore e custode di segreti!
Così è toccato a Marina Berlusconi ricordare a Giorgia Meloni il ‘’meccanismo diabolico’’, questa ‘’tenaglia pm-giornalisti complici’’, che rovina la vita ai ‘’diretti interessati’’, avvelena il clima (il loro) e condiziona la vita democratica del paese’’. (Sempre la loro)

A leggere, neanche tanto tra le righe, pare lampante che l’obiettivo di Marina sia quello di zittire questa magistratura che non fa far loro quel che vogliono.
Noialtri cittadini da che parte stiamo? Cosa farà la Meloni? Continuerà a difendere solo i ‘’suoi’’? Lasciando il ‘’Povero dell’Utri’’ nella melma? Certo che alla vigilia della Strage di Via D’Amelio questa ‘’rogna’’ non porta consenso alla povera Giorgia, donna, madre, cristiana, etero…
La cosa certa però è che a costoro della ‘’giustizia’’ intesa come tale non importi un fico secco! L’importante è che il ‘’guidatore non venga disturbato’’!
Ma tanto ‘’noialtri’’ non disturberemo nessuno, siamo troppo occupati, giustamente, a tirare la carretta mentre ‘’loro’’ sono troppo occupati a farsi gli ‘’affari loro’’. Quindi noi non disturberemo. Ci racconteranno quello che vogliono e noi ce lo berremo come facciamo sempre. Anzi molti sono sempre più convinti che il ‘’cancro’’ nel nostro paese sia proprio la Magistratura.
Ah… come il lavaggio delle meningi del GF ha plasmato il popolo!
Mah …

Alla prossima

Elena