Archivi tag: Meloni

L’Italia e le tasse: Una storia sbagliata…

Stamattina leggevo su Domani, alcune dichiarazioni di Landini. Eccone una: ‘’I lavoratori dipendenti pagano le tasse e il governo fa marchette elettorali agli evasori, tra l’altro è il triste modello dei subappalti a produrre morti sul lavoro.’’
Come dargli torto?
La ‘’goffa’’ a dir poco vicenda del redditometro rivela le reali intenzioni di questo governo sul rapporto difficile fra stato e cittadini: cioè LE TASSE!
In Italia tolleriamo da decenni un’evasione di massa che non ha paragoni negli altri Paesi avanzati: coinvolge milioni di persone, riguarda nella stragrande maggioranza gli autonomi, i cui voti vanno soprattutto ai partiti di centro-destra.
Questa evasione toglie ogni anno, dalle nostre casse, quasi 90 miliardi di euro (secondo le stime del Ministero dell’Economia) sono soldi che potrebbero essere utilizzati per garantire il diritto alla salute, per ridurre le disuguaglianze, per investimenti di cui l’Italia e anche la nostra economia hanno drammaticamente bisogno, dagli asili nido alle università, alla ricerca, alle infrastrutture. Tutte cose indispensabili per un paese ‘’civile)
L’evasione di massa, assieme al debito pubblico che poi è in parte una conseguenza rappresenta il motivo principale della diffidenza europea verso l’Italia.
Il redditometro sarebbe una strumento ‘’minimo’’ per scovare almeno gli evasori maggiori. Macché! Anzi per la Meloni vige il: ‘’Guai solo a provarci’’. (Altra marchetta elettorale?)
Il regime forfettario già voluto dalla Lega ai tempi del Conte I e poi ulteriormente aggravato dalla Giorgia Nazionale ha introdotto un regime fiscale enormemente favorevole, con un’imposta onnicomprensiva di appena il 15% fino alla soglia di fatturato di 65mila euro (Conte I), poi salita ad 86mila euro con la Meloni.
Quindi. Evadere diventa ancora più conveniente, per mantenersi al di sotto della soglia.(Quindi hanno legiferato per aumentare l’evasione anziché ridurla)!
Morale, per farla breve, le tasse le pagano SOLO i dipendenti e i pensionati.
Figuriamoci se con questa mentalità riusciranno a farle pagare a quelli che le tasse le ‘’eludono’’!
Da che pulpito parleranno? Mah…

Pensierino del mattino sul 1° Maggio …

Oggi è la festa dei lavoratori, donne comprese! Ma… com’è la situazione ‘’lavoro’’ per le donne in Italia?
Nonostante sia passato molto tempo dal 1951, quando l’allora Senatrice Merlin, quella che ha fatto abolire i bordelli statali, lottava in Parlamento per ottenere una legge che vietasse al datore di lavoro di licenziare una donna in caso di matrimonio, ancora oggi di madri lavoratrici non ce ne sono poi tante.
Eh… si perché all’epoca funzionava proprio così, se ti sposavi rischiavi di mettere al mondo dei figli, quindi facevi solo perdere tempo al padrone, per cui era meglio se stavi a casa ad occuparti dei figli. I mariti erano assolutamente d’accordo con questo tipo di scelte. Fa sempre comodo avere a casa qualcuno che si occupa del menage familiare e che dipende in tutto e per tutto da te ”capo famiglia”!
Ma poi… se alla moglie/madre, avanzava del tempo, oltre al lavoro di cura, poteva sempre fare qualche lavoretto in casa. Tipo per esempio, confezionare fiori di plastica o altre amenità del genere. Ovviamente in nero.
Questa si direbbe, in fondo in fondo, la stessa mentalità della Meloni. La quale dice si che dobbiamo far figli ma poi non si occupa affatto di asili! Quindi? Dove li mettiamo ‘sti figli?
Comunque solo nel 1963, in Italia venne finalmente varata la legge che vietava di licenziare le lavoratrici ‘’causa matrimonio’’.
Oggi, vivaiddio, non ti licenziano più se ti sposi. Ma tanto sei costretta a stare a casa ugualmente, in quanto non ci sono abbastanza asili. Quelli pubblici hanno liste di attesa inaccettabili mentre quelli privati costano un occhio della testa, per cui va da se che le donne siano costrette a stare a casa per il cosiddetto ‘’lavoro di cura’’.
Ora che cosa dice la Giorgia in proposito? Niente di nuovo a parte continuare con il martellante: ‘’Fate figli’’!
Ma non tutte le donne vivono, come lei, con ‘’mammà’’ che si occupa di far crescere i figli a costo zero. (A parte che con lo stipendio che NOI le paghiamo, avrà sicuramente un paio di tate), comunque le famiglie oggi non sono più patriarcali, ma nucleari, quindi si è da soli per crescere la prole e lo Stato non aiuta di certo.
Oggi a Milano, per esempio, il costo medio di un asilo privato è più di 800 euro al mese. Pensate nel caso disgraziato aveste due gemelli ed il vostro stipendio fosse di 1500 euro al mese! Non dimentichiamo che bisogna anche pagare l’affitto, le bollette e magari anche mangiare qualche cosa. Quindi?

Quindi? Quindi mentre la nostra Prima Ministra blatera propaganda gridando lo slogan del: ’fate più figli’’ e nel contempo, infila subdolamente dentro il PNRR i movimenti Pro vita nei consultori, ricordiamole che in Italia c’è solo il 55 per cento di donne madri lavoratrici, e che noi siamo secondi solo alla Turchia, dove di ‘’lavoratrici’’ c’è solo il 37 per cento.

Quindi? Che cosa dobbiamo festeggiare oggi, 1° maggio, noi donne? Mah…

Alla prossima

Elena

26 Febbraio 2023 tragedia di Cutro…

Il 26 febbraio 2023 alle 4 del mattino, a quaranta metri dalle coste di Cutro, il caicco Summer Love in balia delle onde e della risacca, si infrange in centinaia di pezzi. I 180 migranti a bordo, partiti dalle coste della Turchia, si ritrovano in pochi secondi a nuotare nell’acqua gelida, molti bambini muoiono di freddo immediatamente.

cutro-strage-1-900x600

Quell’alba del 26 febbraio sono morte 94 persone, di cui 35 minori e 10 sono i dispersi.
Ad un anno da quella strage non si sa ancora come mai, nonostante la segnalazione dell’agenzia europea per le frontiere (Frontex) trasmessa alle autorità italiane alle 23:03, non fu lanciata un’operazione di ricerca e soccorso in mare.
Perché fu sottovalutato il pericolo, considerando le cattive condizioni meteorologiche.

I primi a soccorrere i migranti furono dei pescatori locali presenti per pura coincidenza.
Nelle ore seguenti la tragedia, Frontex e le autorità italiane (guardia di finanza e guardia costiera) si sono accusati a vicenda.
E’ colpa tua! No è colpa tua… Morale, ad un anno di distanza non si sa ancora cosa sia successo di preciso in quelle ore.
La procura di Crotone ha aperto due fascicoli di inchiesta. Il primo è contro i presunti scafisti (sono quattro le persone a processo), il secondo, invece, è per accertare tutte le falle nella catena di comando e vede per ora sei indagati.
Il 9 marzo del 2023, il governo ha tenuto a Cutro una conferenza stampa a termine del Consiglio dei ministri. E’ stato un gesto prettamente ‘’simbolico’’, sull’onda emotiva della disgrazia, e soprattutto per far vedere a noi ‘’popollo’’ quanta era la loro empatia in merito alla tragedia. Abbiamo visto, a favore delle telecamere, occhi umidi e voci tremule… ma poi hanno partorito il Decreto Cutro!

Quell’obbrobrio che non prevede più la conversione automatica del permesso di soggiorno per cittadini che provengono da paesi ‘’non sicuri’ in permesso per motivi di lavoro. Quindi costoro non possono nemmeno lavorare per mantenersi e, se lo fanno, sono abbligati ad essere in ”nero”.
Quello che prevede, tra gli altri orrori, il pagamento, da parte dei disperati richiedenti asilo che vogliano evitare di finire nei lager Cpr, una ‘’garanzia finanziaria’’ di 4.938 euro.
In pratica, a gente disperata che cerca una vita migliore lo Stato Italiano chiede il ‘’pizzo’’?
Ma poi, di una legge che obbliga le navi ad intervenire per salvare solo un naufragio per volta? Che cosa ne dite? Ne vogliamo parlare?
Mettetevi nei panni di un capitano che, dopo aver salvato dei disperati, nel caso ne trovasse altri che annegano è obbligato a lasciarli annegare perché non può, grazie al decreto Cutro, fare più di un salvataggio per volta?
Inoltre, quando finalmente ‘sto Capitano ha a bordo dei disperati che han perso magari moglie e figli, e li ha salvati per esempio, vicini alle coste siciliani, lo costringono ad andare a Genova per farli sbarcare?

Ma chi è che partorisce simili obbrobri? Che menti bacate hanno costoro? Fosse per loro darebbero dei giubbotti di salvataggio in piombo a ‘sti disperati! Mah…

A muoversi ormai è, per fortuna, la società civile che si è riunita nella Rete ‘’26 febbraio’’.
Per il primo anniversario della strage la Rete ha organizzato una tre giorni di eventi e dibattiti, sulle politiche migratorie anche per chiedere giustizia su cosa è accaduto un anno fa.
L’appuntamento finale è dato alle 5 del mattino si oggi, con una fiaccolata a cui tutti sono chiamati a partecipare.

Quel che mi lascia perplessa è che in Italia c’è gente che va alla Santa Messa tutte le domeniche ma, quella stessa gente, ha scelto di votare per un Governo di ‘’destra’’.
Inutile piangere, commuoversi, partecipare emotivamente se poi, alla fin dei fini, si vota per una politica che prende queste decisioni.

Carità cristiana? Ma dove?

Alla prossima

Elena

Libertà di Stampa? Ma dove?

Pensierino del mattino …

Sono sempre più numerosi i sintomi di peggioramento.

A proposito di ‘’bavaglio’’, il giornale Domani scrive: ‘’abbiamo ricevuto una querela da parte del sottosegretario Giovanbattista Fazzolari per un articolo firmato da Stefano Iannaccone. (°)
Dopo le minacce di querele: Durigon, Santanchè, Crosetto, Giorgetti e Meloni, si tratta dell’ennesimo attacco di un esponente del governo al nostro giornale. Continueremo a fare il nostro lavoro come sempre’’.
Ovviamente la direzione del giornale conferma che continuerà a fare il proprio lavoro come sempre ma, a che prezzo?
Oggi i giornali, dal punto di vista economico, faticano a sopravvivere, e difendersi dalle ‘’querele’’ costa un sacco di quattrini. Specie da querele e da minacce fatte da personaggi che ricoprono ‘’posti di comando’’e che dispongono di conoscenze e quattrini sufficienti per gestire la cosa a proprio vantaggio. Quelli tanto per intenderci del: ‘’Lei non sa chi sono io’’!

Essere ‘’liberi’’ di dire quel che si viene a sapere è diventato una sorta di atto ‘’eroico’’.
Già informare una popolazione, assorbita completamente dal dover ‘’tirare la carretta’’ per sopravvivere, è un’impresa difficile, se poi a questa impresa difficile ci si mettono pure le pastoie delle minacce di querele costanti, bè… vedete un pò voi.

E’ mai possibile che i giornalisti debbano vivere in questa maniera? Con le spade di Damocle delle denunce sulla testa?
Se non sei allineato e coperto ti rendono la vita difficile.
Che ne è stato della libertà del famoso ‘’Quarto potere’’?
Stanno forse costringendo la categoria, per il quieto vivere, a pubblicare notizie che non vadano contro il ‘’potere costituito’’ e che quindi non disturbino il ‘’manovratore’’?

Qui le cose peggiorano a vista d’occhio invece di migliorare.

Alla prossima

Elena

(°) https://www.editorialedomani.it/politica/italia/fece-un-contratto-doro-a-fazzolari-il-governo-lo-piazza-direttore-della-3-i-spa-uknr29m9

Trino – autocandidatura per la discarica nucleare d’Italia…

Buongiorno, pensierino del mattino…
Parliamo dell’autocandidatura della Città di Trino Vercellese per ospitare, sul proprio territorio, la ‘’discarica nucleare di tutta Italia’’.
Abito a Trino solo da alcuni anni, prima abitavo in Francia, in Costa Azzurra. Non vi sto a spiegare il motivo di questo trasferimento ma ci tengo a dire che Trino mi è piaciuta subito. E questo nonostante lo stato di abbandono di molte abitazioni, alcune delle quali, un tempo sicuramente belle.
Abbandono dovuto alla diminuzione delle popolazione che da più di 10.000 abitanti è sprofondata a 6.500, nonostante l’apporto di 700 immigrati, fuggiti dai loro Paesi.
Detto questo Trino è una cittadina tranquilla e ben organizzata, grazie anche ad un un notevole volontariato sociale e culturale svolto dai cittadini stessi.
E’ a misura d’uomo e, in pochi minuti, si è nella campagna a respirare pace e silenzio, oppure a passeggiare nel magnifico Bosco della Partecipanza e/o a godersi lo spettacolo delle colline del Monferrato.
Recentemente la cittadina, quella che io considero un’oasi di pace, è stata scossa dall’autocandidatura per ospitare il Deposito Nazionale delle scorie radioattive esistenti sul territorio italiano.
Il primo fastidio è che la città di Trino, intesa come popolazione, non si è mai sognata di autocandidarsi.
Questa ‘’autocandidatura’’è stata un’iniziativa del solo Sindaco e della Sua giunta. Non si è discusso affatto della questione con la popolazione.
L’unico e solo ‘’esercizio democratico’’ sull’argomento è stato fortemente voluto dai Consiglieri di Minoranza,dove 3 tecnici – 3 per parte – hanno comunicato al pubblico i dati tecnici e le loro opinioni in merito.
Il confronto si è tenuto sotto forma di ‘’Adunanza Aperta’’ l’11 gennaio 2024 alla Biblioteca Brunod di Trino.
Eppure… una popolazione così presente e partecipativa avrebbe sicuramente meritato un pò più di considerazione da parte del Sindaco. O no?
Queste decisioni calate dall’alto ricordano troppo il Marchese del Grillo.
Ci si lamenta di aver perso dialogo e fiducia tra la popolazione e le Istituzioni, cosa questa che spalanca, pericolosamente, le porte al populismo più becero ma… di chi è la colpa?
Ma torniamo ai dettagli tecnici.
Oggi le regole per questi impianti sono dettate dall’IAEA – International Agency for Atomic Energy e dall’ISIN – Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione, quindi NON dai sindaci o da politici di ogni livello.
Questi Enti sono nati per evitare errori fatti nel passato.
Errori commessi anche a Trino, che ha sul proprio territorio i “cadaveri” delle due centrali dismesse che, a conti fatti, pare abbiano prodotto più ‘’politici’’ che KW!
Cadaveri che ci hanno lasciato un’eredità poco invidiabile come:
– il consumo inutile di territorio agricolo;
– il consumo di territorio destinato allo sviluppo industriale;
– i residui di materiale radioattivo stoccati in modo provvisorio;
– un numero di manufatti industriali abbandonati, fatiscenti e mai sanificati grava ancora sul territorio deturpandolo.

Possibile che, alla luce di quanto sopra, oggi si voglia nuovamente aggiungere un altro mastodontico manufatto?
Una discarica nucleare di 150 ettari, per la quale, le analisi fatte in base ai requisiti dettati dagli Enti di sicurezza nucleare, hanno dichiarato la zona NON IDONEA?
Possibile che non si riesca ad immaginare un futuro diverso per queste zone?
Tra l’altro qui NON stiamo nemmeno parlando di energia nucleare di ultima generazione! Macchè!Stiamo parlando solo ed esclusivamente della discarica nucleare di tutta Italia!
Discarica per la quale, sono stati identificati dagli enti competenti, ben 51 siti idonei, tra i quali Trino non esiste!
Quindi la domanda che sorge spontanea è: ‘’Per quale motivo vogliono costruire ‘sto catafalco in un sito giudicato NON idoneo?
Cambieranno le regole cosiddette ‘’amministrative’’ pur di dimostrare che il territorio è adatto? Magari, per questioni di spazio, dividendo le due costruzioni tra il deposito vero e proprio e il cosiddetto ‘’Polo tecnologico’’? (Centro che si occuperebbe della ricerca sui sistemi di stoccaggio delle scorie).
Certamente questa candidatura è una ‘’manna’’ per il Governo Meloni che, nella seduta del Consiglio dei Ministri del 27 novembre 2023, ha approvato il testo dell’ennesimo decreto – legge in materia energetica.
Fra le varie norme ne spicca una in particolare: “la possibilità di autocandidature da parte di enti territoriali a ospitare il Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi, per promuovere la possibilità di una più celere individuazione dell’area di stoccaggio”. (°)
Candidature a prescindere dalla compatibilità ambientale e territoriale del sito? Sembrerebbe proprio di si anche se noialtri speriamo proprio di no!
Se Trino non è mai stato considerato, dai tecnici, un luogo adatto da un punto di vista idrogeologico per quale motivo dovrebbe diventarlo per motivi politici?
Quindi? Quindi tutto il lavoro fatto dai tecnici Sogin, l’azienda creata dallo Stato proprio per gestire lo smantellamento delle vecchie centrali nucleari ed individuare i siti adatti per la discarica, lo si butta al vento?
L’obiettivo del Governo è ovviamente quello di risolvere l’attuale stallo causato dal fatto che tutti i comuni individuati finora si oppongono alla costruzione del deposito.
Facciamoci una domanda e diamoci una risposta! Se si oppongono ci sarà pure un motivo no? Come mai in Italia il fenomeno NIMBY (acronimo inglese per: ‘’non nel mio gardino’’) è così marcato? Forse che la fiducia tra le parti sia ai minimi storici?
Forse perchè Governo e popolazione non sono in grado di comunicare? Forse perchè ormai l’impressione che si ha è che la politica si limiti a sparare slogan ma si guardi bene dal consultare/coinvolgere la cittadinanza su istanze che li riguardano?
Ci raccontano, per farci digerire la faccenda, che in Francia uno dei depositi di scorie sia nella Regione dello Champagne. Come se fosse in mezzo ai vigneti. Ma… qualcuno ha mai attraversato la Regione della Champagne? E’ grande quanto il Piemonte, e la discarica è in mezzo ai boschi, nascosta agli occhi di tutti. Qui sarebbe nel bel mezzo delle risaie! Un altro catafalco immenso, che non gioverebbe affatto a quella che vorrebbe definirsi la ‘’Porta del Monferrato’’. Il territorio della ciclovia VENTO.
Un ulteriore aspetto di questa faccenda che mi deprime è che oggi, 2024, la generazione che attualmente occupa posizioni strategiche, non sia in grado di immaginare un sistema di crescita economico più a ‘’misura d’uomo’’ ma continui a sfruttare l’esistente, anche a discapito di una depauperazione agricola, paesaggistica e turistica. Quindi una sorta di coazione e ripetere gli stessi errori fatti dalle generazioni precedenti.
Un’economia senza visione futura, si limita al triste ‘’prendi i soldi e scappa’’. Ad un poco lungimirante: ‘’Sfruttiamo le compensazioni e quello che c’è da prendere oggi, poi… si vedrà’’. Non dimentichiamo che questo sistema, utilizzato nel passato, ci ha lasciato con un pugno di mosche in mano.  
Per farla breve, al momento si direbbe che in tutta Italia l’unico sindaco favorevole sia Daniele Pane di Trino Vercellese e che la nuova regola introdotta dal governo sembra pensata apposta per il suo comune.
Noi cittadini italiani, con le nostre tasse, abbiamo pagato tutti ‘sti studi per stabilire dove fare ‘sta discarica per anni e adesso? Adesso arriva il Sindaco di Trino e decide lui per Governo e Paese!
Sembrerebbe proprio di sì e quindi? Quindi qui si rasenta la follia!
Sicuramente ‘’qualcuno’’ ci guadagnerà, ma molti, tra i quali la vocazione turistica ne subiranno solo le conseguenze.
Alla prossima

Elena
.-.-.-.-.-
(°) Fonte: GrIG – Gruppo Intervento Giuridici

Ilaria Salis … la Procura di Budapest chiede per lei 11 anni di carcere…

Questa insegnante italiana, antifascista nell’animo, è in carcere in Ungheria da un anno, senza aver ancora avuto accesso agli atti che la incriminano.
Abbiamo visto tutti ai TG come era incatenata durante l’udienza no?
Tajani, il nostro Ministro degli Esteri sostiene di non aver saputo nulla di questa detenzione.

Ma possibile mai? Ci dicono sempre: ‘’Se andate all’Estero, avvisate la Farnesina così potremo intervenire, in caso di necessità, in vostro aiuto’’.
Si vede che la Salis non gli aveva avvisati… colpa sua quindi?

Eppure ci sono state, secondo il giornale ‘’Domani’’:

– interrogazioni parlamentari in merito. Che ovviamente sono finite nei ‘’cassetti’’ dell’oblio;
– Membri dell’Ambasciata italiana in Ungheria erano stati allertati sulla sua detenzione;
– persino i Giudici di Milano erano al corrente di questo fatto.

Tajani invece? Lui no! Vabbè…

Nordio, per minimizzare, ha anche detto che la Magistratura Ungherese è sovrana quindi in pratica il suo messaggio è: ‘’Non rompeteci le ‘’OO’’! Avete solo da stare a casa vostra e non andare a manifestare contro i fascisti ungheresi.

Per giustificare l’amico Orban, ora salta persin fuori, e lo dicono personaggi come Ignazio Benito Maria La Russa, Presidente del Senato, che anche in Italia i carcerati li teniamo nello stesso modo. Con guinzagli e ceppi ai piedi!

Cosa gravissima! Ma, ammesso e non concesso sia vero, sicuramente non si tratta di ‘’colletti bianchi’’, quelli in galera non ci finiscono mai! Legiferano espressamente per tenerli al più sicuro possibile, ma tratteranno così immigrati e spacciatori, sempre immigrati, ovviamente.

Tutti sappiamo che grazie alla Bossi/Fini, che vigliacco se la eliminano, gli immigrati NON possono lavorare per sopravvivere. Quindi, se sono onestissimi e buoni come il pane, chiedono l’elemosina – ed ecco che questo Governo – ha reintrodotto il reato di accattonaggio – oppure finiscono nelle mani del ‘’Caporalato’’ e/o della malavita organizzata.

Ma lasciamo perdere questo tristissimo discorso e vediamo come mai ‘sta Signora è in galera in Ungheria.
Il 13 febbraio del 2023, Ilaria Salis era lì per contestare la manifestazione dei nazisti che “celebravano il giorno dell’onore”.

In Ungheria il 13 febbraio si celebra il ‘’Giorno dell’Onore’’, che altro non è se non il ritrovo di gruppi di estrema destra da tutta Europa.
L’insegnante 39enne italiana, aveva deciso, assieme ad altri, di partecipare a una contromanifestazione. La polizia locale la accusa di un’aggressione nei confronti di uno di quegli ”angioletti neri”.
E lo fa nonostante nel video siano tutti a volto coperto, quindi non si capisca affatto di chi si tratti.
Comunque, per questo motivo la Procura di Budapest ha chiesto per lei 11 anni di carcere!
Capito come si sta nella bella Ungheria di Orban?

Adesso aspettiamo la telefonata della Giorgia nazionale ad Orban, il cui tenore sarà: ‘’E daje falla tornare in Italia, fallo per me. Non famme fa ‘sta brutta figura in Europa, proprio adesso che sono er Presidente del G7 e c’ho ‘na carriera aperta in Europa’’.

Morale della favola? La morale è che i ‘’neri’’ ti possono menare come vogliono con i loro manganelli, avvolti da finte bandiere.
Se avete partecipato a manifestazioni a Roma, lo sapete tutti come funziona no?
Ma… se tu ne tocchi uno, specie in Ungheria, finisci in galera legato come un salame!

Che dire? No comment…

Alla prossima

Elena

”Educare alle relazioni” – il progetto scolastico del Governo Meloni…

Ottima cosa ma… c’è sempre qualche cosa che ”stride” quando si ha a che fare con il Governo Meloni.

Dopo l’uccisione di Giulia Cecchettin, il 105° dall’inizio dell’anno, il Governo Meloni ha annunciato l’avvio di un progetto di educazione affettiva e sentimentale, intitolato: ‘’Educare alle relazioni’’.

Il progetto era già partito dopo gli stupri di Caivano e Palermo di quest’estate e si sono messi al lavoro psicologi e giuristi per elaborare il progetto che verrà presentato ufficialmente mercoledì, 22 novembre, domani.
Ottima cosa, più che giusto che, oltre alle famiglie, la scuola sensibilizzi i giovani sull’argomento ma… a coordinare questo gruppo è Alessandro Amadori, Docente a contratto di psicologia alla Cattolica di Milano.

Alessandro Amadori - la donna è il diavolo. Titolo di un Capitolo del suo libro.

Alessandro Amadori – la donna è il diavolo. Titolo di un Capitolo del suo libro.

Questo Signore fa parte dello stesso thinktank del Ministro Valditara, con il quale ha anche pubblicato il libro: ‘’E’ l’Italia che vogliamo – Il manifesto della Lega per governare il Paese’’ – prefazione di Matteo Salvini. Stiamo parlando quindi di un intellettuale organico alla Lega e, consulente per il Ministero per 80mila euro l’anno.

Vediamo ora qual’è il ”pensiero” del Signore in questione. Il Signor Alessandro Amadori, nel 2020 ha autopubblicato un libro dal titolo:  ‘’La guerra dei sessi’’ – in cui, udite udite…. nega la violenza maschile e sostiene tesi cospirazioniste sul tentativo delle donne di dominare i maschi! Uno dei capitoli era intitolato: ”Il diavolo è anche donna”!
Inutile stare a disquisire il significato intrinseco di questo titolo no? Ecco, ora sorge spontanea la domanda: ”Ma… com’è possibile che uno così sia stato scelto come consulente e coordinatore del governo per arginare i femminicidi”?

Mah…

Alla prossima

Elena

#Costituzione Italiana – volevano il Presidenzialismo, ma si sono rifugiati nella …

..nomina diretta del Presidente del Consiglio!

Dovo averci fiaccato i ”maroni” sproloquiando di #Presidenzialismo, hanno ridotto le ambizioni in una sorta di ”Premierato pasticciato”!

Dunque, come provare a far capire che il fatto di modificare la #Costituzione Italiana, inserendo l’elezione diretta del Presidente del Consiglio da parte di noi ‘’popolo’’ è una cosa sbagliata?
Vediamo se ci riesco.

La Costituzione Italiana la facciamo cambiare a costoro? Vi fidate? Non sarebbe meglio che cambiassero la legge sugli stabilimenti balneari?

La Costituzione Italiana la facciamo cambiare a costoro? Vi fidate? Non sarebbe meglio che cambiassero la legge sugli stabilimenti balneari?

A parte il fatto che nel programma costoro promettevano il Presidenzialismo, quindi l’elezione diretta del Presidente della Repubblica, poi, per qualche motivo loro personale, lo hanno cambiato in elezione diretta del Primo Ministro. Confidando in che cosa? Nel fatto che tanto per noialtri va bene tutto e non capiamo una cippa? Probabile.

Oggi il #Presidente della #Repubblica nomina il #Presidente del #Consiglio e, su proposta di questi, i ministri.

Il nome del Primo Ministro non è che cada dal cielo, ma viene identificato in seguito ad una fase di consultazioni tra il Presidente della Repubblica ed i membri della Camera e del Senato.
Se, dopo aver ascoltato tutti, viene fuori un nome che raccoglie un largo consenso, a costui il Presidente affida l’incarico.

Facciamo adesso finta che, come vuole la Giorgia, il Presidente del Consiglio lo si elegga con un referendum noi popolo.

Ci sottopongono dei nomi, che potrebbero essere ”chiunque” e noi sceglieremo tra quelli proposti.

Non dimentichiamo mai che noialtri tra Barabba e Gesù non abbiamo avuto dubbi!

Comunque, non facciamo sterili polemiche e facciamo l’ipotesi che l’eletto da noialtri piaccia solo a noi, ma non abbia, in Parlamento, i numeri per governare, che si fa?
Semplice! Per onorare, il voto di noi popolo, hanno deciso di dare un premio di maggioranza tale da permettergli di governare. La proposta del premio è il 55%! A questo punto costui avrebbe un potere enorme e potrebbe decidere alto e basso quel che gli pare.

Pensate sia una buona decisione? Ricordiamoci che costui potrebbe essere eletto con il solo 20% delle preferenze, e… quindi?

Governerebbe il Paese nonostante a sceglierlo sia stato solo il 20% dell’elettorato?
Facciamo finta di si, cosa succederebbe ora che è su quella poltrona? Visto che la maggioranza ce l’ha, grazie al premio che gli consente una maggioranza bulgara, metterebbe nei posti di comando tutti i suoi nominati, tutti i suoi fedelissimi yes man! Che ovviamente, grati dello scranno ricevuto, farebbero i fatti suoi e non i nostri.

In questa situazione a che cosa servirebbe il Presidente della Repubblica? A nulla! E il Parlamento? E le due Camere? Nemmeno visto che sono tutti nominati e fedelissimi dal Primo Ministro.

.-.-.-.-.-.-.-.-

Qui di seguito l’estratto del testo approvato dal Consiglio dei Ministri, leggetelo e fate le vostre considerazioni.

Il testo opera su cinque versanti: (tra parentesi le mie considerazioni)

1 – introduce un meccanismo di legittimazione democratica diretta del Presidente del Consiglio dei ministri, eletto a suffragio universale con apposita votazione popolare che si svolge contestualmente alle elezioni per le Camere, mediante una medesima scheda. Si prevede, inoltre, che il Presidente del Consiglio sia eletto nella Camera per la quale si è candidato e che, in ogni caso, sia necessariamente un parlamentare; (Ora facciamo un pensierino a quello che è il ‘’lavaggio delle meningi’’ che possono farci intorno al nome dell’eletto da ‘’loro’’ sponsorizzato)

2 – fissa in cinque anni la durata dell’incarico del Presidente del Consiglio, favorendo la stabilità del Governo e dell’indirizzo politico; (Quindi anche se dovesse cadere il Governo, l’Eletto resterebbe in carica oppure, al suo posto ci sarebbe un suo ‘’yesman’’!)

3 – garantisce il rispetto del voto popolare e la continuità del mandato elettorale conferito dagli elettori, prevedendo che il Presidente del Consiglio dei ministri in carica possa essere sostituito solo da un parlamentare della maggioranza e solo al fine di proseguire nell’attuazione del medesimo programma di Governo. (Come volevasi dimostrare al punto 2) L’eventuale cessazione del mandato del sostituto così individuato determina lo scioglimento delle Camere;

4 – affida alla legge la determinazione di un sistema elettorale delle Camere che, attraverso un premio assegnato su base nazionale, assicuri al partito o alla coalizione di partiti collegati al Presidente del Consiglio il 55 per cento dei seggi parlamentari, in modo da assicurare la governabilità; (Sarebbero in una botte di ferro e potrebbera fare tutto quel che vogliono!)

5 – supera la categoria dei senatori a vita di nomina del Presidente della Repubblica, precisando che i senatori a vita già nominati restano comunque in carica. (Gente troppo intelligente e libera, quindi incontrollabili dalla maggioranza.)

Il testo si ispira a un criterio “minimale” (alla faccia!) di modifica della Costituzione vigente, in modo da operare in continuità con la tradizione costituzionale e parlamentare italiana e da preservare al massimo grado le prerogative del Presidente della Repubblica, figura chiave dell’unità .
.-.-.-.-.

Se non riusciamo a capire che, quanto sopra, sia una perdita di democrazia, ci meritiamo tutto quello che potrebbe succedere.
Noi possiamo votare in Referendum che ci toccano personalmente e che siamo in grado di capire; come ad esempio: divorzio, aborto, fine vita… ma non fateci votare su probabili Primi Ministri e/o su separazione delle carriere dei magistrati! Lì noialtri, su questi argomenti, ci si perde un pò.
Quando il potere dà la parola al ”popolo” è perché confida nella sua stupidità.

D’altronde… le democrazie evolute prevedono soprattutto un popolo ‘’evoluto’’!

Alla prossima

Elena

Tutti parlano della Meloni…

… e, come recita un vecchio adagio: ”Parlate bene, parlate male ma parlate di me”!

Si direbbe che gli accordi con l’Albania servano esclusivamente a far veleggiare nel mare del ”consenso” la Signora Meloni e ad acquistare preferenze personali.

Avete visto come si da da fare la Signora per ridurre il numero dei disperati?

italian-pm-receives-albanian-counterpart-in-rome

Cosa si è inventata adesso? Dopo il fallimento dei campi di concentramento in Tunisia, mò li fa in Albania.
Campi costruiti da noi italiani ma gestiti dagli albanesi. Ovviamente, questi ultimi, remunerati per questo.

Visto che i campi in Albania sono previsti solo per uomini adulti, va da se che le famiglie di questi disperati che arrivano, quando non annegano, sulle nostre coste, verranno subito separate, donne e bambini non si sa bene dove, gli uomini in Albania!
In pratica una situazione non troppo diversa da quello che facevano gli schiavisti di un tempo.

Quindi questi disperati, in cerca di una vita migliore, verranno caricati su navi e/o aerei, accompagnati da personale della polizia italiana e portati nei campi in Albania.
Pensate che siano contenti? Non è che stiamo fomentando altre disperazioni?

Tutto questo orrore, dal punto di vista economico, rimane a carico di noialtri ‘’popolo’’!
Tra l’altro, siamo sicuri che verranno forniti a costoro avvocati ed interpreti che dovrebbero informare i migranti dei loro diritti? Ho qualche riserva in proposito.

Comunque… mica ce lo dicono che paghiamo noialtri queste belle invenzioni della Giorgia.

Tra l’altro, detto tra noi, la Signora in questione, si direbbe faccia tutto di testa sua, al massimo chiede avviso ai suoi fedelissimi mentre il Parlamento, se va bene, viene informato di quello che costoro hanno già deciso. Bontà loro!

Ma … sarebbe questo il concetto di democrazia di ‘sto Governo? Andiamo bene…

Alla prossima

Elena

Povera Meloni, capitano tutte a Lei…

Et voilà, adesso è saltata fuori una telefonata in cui la nostra Presidente del Consiglio – un paese del G7 – ha discusso di delicatissime vicende internazionali, ignara di parlare con due comici russi.
Ma possibile che nessuno controlli con chi parla ‘sta creatura?
Gli passano il primo pirla che telefona e lei gli racconta vita morte e miracoli dei fatti nostri?
Alla faccia dell’Intelligence!
Mi viene però il dubbio che questo sia un errore tutto interno di cui il governo dovrà assumersi la responsabilità e anche prendere contromisure.

Chi ha passato la comunicazione sarà stato/a un fedelissimo ma... anche un pò pirla.

Chi ha passato la comunicazione sarà stato/a un fedelissimo ma… anche un pò pirla.

Risulta infatti che nè la Farnesina nè i servizi di ”Intelligence” fossero stati informati di ‘sta telefonata tra la nostra Giorgia e il ‘’presunto’’ diplomatico africano.

Quindi nessuna verifica preliminare sarebbe stata fatta, come invece la prassi vorrebbe.

Però … quando al comando c’è il tanto agognato ‘’Uomo forte’’ i controlli da fare li decide poi lui o no? Se a passarle la telefonata è stato una/uno che lei stessa ha messo in quella posizione, come fare a non fidarsi?

Che poi chi ha passato la comunicazione non sia magari all’altezza del compito che gli si è affidato importa poco, l’importante è che sia un/una ”fedelissimo”.
Solo che i ”fedelissimi” a volte sono anche un pò ”pirla” e quindi fanno pasticci.

Quando al potere c’è uno/una che fa di testa sua in autonomia, può anche succedere che sbagli.

Ce lo ricordiamo tutti il fatto di Ruby Rubacuori, la cosiddetta nipote di Mubarak no? Quella che era stata tirata fuori dal commissariato e che era andata a recuperarla la Minetti vero? In autonomia l’allora Primo Ministro aveva raccontato una ”palla” mostruosa forte del suo potere.

Adesso pensate al ‘’potere’’ che potrebbe avere un Primo Ministro quando, come vorrebbe questo Governo, verrà eletto direttamente dal ‘’Popolo’’!

Quello stesso popolo che, tra Gesù e Barabba, non ebbe esitazioni a salvare quello sbagliato?

Mah… andiamo lentamente a scatafascio senza nemmeno rendercene conto. 🙁

Alla prossima

Elena