Archivi tag: Api

Le api sono sempre di meno …

Pensierino del mattino …

Le api sono sempre di meno. Noi tutti sappiamo che gli insetti impollinatori sono fondamentali per la nostra sopravvivenza, eppure questi animali sono sempre di meno e quindi fanno sempre di meno il loro fondamentale mestiere che è poi quello di impollinare, andando di fiore in fiore e quindi di permettere alle piante di riprodursi e a noi, grazie a questa loro attività, di sopravvivere.

Queste piccole cretaure sono legate a noi a doppio filo. Senza di loro noi ci estingueremo.

Queste piccole cretaure sono legate a noi a doppio filo. Senza di loro noi ci estingueremo.

Come mai sono sempre di meno questi insetti? Beh … anche questo lo sappiamo tutti.
Sono anni che multinazionali come Bayer e Syngenta utilizzano pesticidi per tenere sotto controllo gli insetti che infestano le produzioni agricole, ma tutti sappiamo anche che questi prodotti, nonostante le rassicurazioni e le pressioni mediatiche esercitate dai giganti farmaceutici, sono dannose anche per le nostre amiche api.
Le coltivazioni estensive sono costrette ad utilizzare pesticidi, viceversa la loro manovalanza dovrebbe essere immensa. Solo i contadini di un tempo, conoscevano ed esercitavano un controllo locale e naturale sulle loro produzioni. Come ad esempio favorivano la presenza di coccinelle e di uccelli che si nutrivano di insetti nocivi. Ma oggi? Oggi non abbiamo nemmeno più le rondini invece.
Oggi le produzioni agricole sono immense distese pelate dove un singolo individuo, seduto dentro un trattore mastodontico, con aria condizionata e musica, getta nel terreno, nell’ordine: fertilizzante, seme, pesticida. Che cosa volete che costui abbia a che fare con l’equilibrio della natura? Che cosa volete che a costui importi di quello che effettivamente succede sotto di lui? Lui vuole solo un buon raccolto a fine stagione. Non importa se per produrlo muoiono milioni di insetti impollinatori.

Proteggiamole. Alziamo la voce ...

Proteggiamole. Alziamo la voce …

Ma … alla lunga, questo ‘’sistema’’ siamo sicuri sia quello ‘’vincente’’?
Naaaa …
Forse sarebbe preferibile ritornare ad una dimensione più umana e ridotta della produzione agricola. Per non perdere quel ‘’contatto’’ meraviglioso e fondamentale tra noi e la natura che ci circonda e che ci permette di vivere in equilibrio con essa.

Alla prossima

Elena

Francia, iniziano le scuole e ci sono delle ‘’novità’’.

Oggi, 2 settembre, 6,7 milioni di allievi delle scuole elementari , 3,4 milioni di allievi delle ‘’medie inferiori’’  e 2,3 milioni di liceali fanno il loro rientro. Qualche cosa come 12,5 milioni di allievi ai quali si aggiungono 207.000 ‘’apprendisti’’ (°) e 272.850 allievi direttamente a carico dei Ministeri di agricoltura e Salute.

Schema del sistema scolastico francese

Quest’anno ci sono delle novità …

Primo –  l’istruzione obbligatoria non inizierà più a 6 anni ma a 3. Questa è la riforma voluta dal Ministro dell’Educazione Jean-Michel Blanquer a luglio. La cosa in fondo non interesserà che  26.000 bambini in quanto già il 98% dei bambini di tre anni vanno alla scuola materna.  

Secondo – il deputato Eric Ciotti – Un deputato del Dipartimento delle Alpi Marittime – ha ottenuto che ci saranno,  in tutte le aule del territorio,  le bandiere francese ed europea, il motto. ‘’Libertà, Uguaglianza e Fraternità’’ e il testo della Marsigliese. 

Terzo –  alcune classi saranno raddoppiate. Signfica che, in zone di periferie un pò ‘’sfavorite’’ , il numero degli studenti verrà ridotto della metà, in maniera tale che ci sia una maggiore attenzione da parte degli insegnanti, nei confronti di ragazzi diciamo un pò troppo ‘’vivaci’’. 

Quarto – considerato che quest’anno il numero di allievi portatori di handicap sarà di 24.500, il che significa che gli scolari accolti nel sistema statale sarà più di 361.000 – senza contare i bambini che fanno la scuola negli centri ospedalieri –  a fronte di questo verranno assunti 4.500 accompagnatori per questi allievi. Ogni Dipartimento francese è fornito di un ‘’centro’’ con un numero telefonico di ascolto tra genitori e bambini in situazione di handicap permettendo di dare una risposta mirata e veloce. 

Quinto – Circa 250.000 insegnanti, detti ‘’eco-delegati’’, in pratica uno per classe,  sia nelle scuole medie che al liceo,  saranno designati per spiegare agli allievi i problemi dell’inquinamento alimentando nel contempo un comportamento eco-compatibile. 

Sesto – Un piano conto la violenza nelle scuole. Ogni scuola avrà un ‘’referente sulla violenza in ambito scolare, i professori minacciati saranno scortati e gli allievi ritenuti violenti saranno inviati in classi speciali senza aver bisogno dell’autorizzazione della loro famiglia. 

Sarà anche rivisto lo svolgimento del Bac (nostro Diploma liceale) che dovrebbe concentrarsi su 4 prove scritte ed un ‘’orale generale’’ … e verranno messi a punto nuovi sistemi di valutazione degli allievi durante il periodo scolastico, ma sono troppo ‘’tecnici’’ e ci capisco poco.

Comunque … tanti auguri ai nuovi allievi e ai loro insegnanti! Buon lavoro.

Alla prossima

Elena 

(°) gli apprendisti non sono intesi come studenti che imparano un mestiere presso qualcuno, ma sono dei ragazzi, con difficoltà scolastiche, che vanno in speciali scuole di ‘’recupero’’.