Archivi tag: disoccupazione

Le Multinazionali … fanno morire i mercati?

A chi caspita vendono le Multinazionali?

La Bayer ha fatto un’offerta per acquistare la Monsanto! 62 miliardi di dollari in contanti per comprare la Monsanto! Mica briscole! Si direbbe la Bayer abbia soldi per fare le guerre nel vero senso della parola!

 13256142_10206638339813401_3354204240541780717_n

Dopo questo ”sforzo economico”,  dovrà naturalmente fare dei ”risparmi” per rientrare nei costi sostenuti, quindi ”ristrutturazioni” ! La parola ”ristrutturazione”, lo abbiamo imparato a nostre spese,  significa prevalentemente ”riduzione del personale”!

Inizio a pensare che gli investimenti che vengono fatti nella ”robotica” mirino a sostituire quella ”esosa” categoria di umani che vogliono sì lavorare ma che ”pretendono” di esser pagati … di far le ferie … di avere la ”mutua” … di far la ”pipì” mentre sono sul posto di lavoro e … udite udite, dopo una ”vita di lavoro” ‘sti umani vorrebbero pure avere una ”pensione”!

Insomma mi vien da pensare che per le multinazionali i ”robot”  siano la soluzione migliore, meglio ancora dei cinesi! Non chiedono niente e lavorano 24 ore su 24! Gli schiavi perfetti!

La domanda che mi faccio è: ”ma se nessuno essere umano lavora … quindi se nessun essere umano ha denaro per acquistare  … le multinazionali,  a chi cavolo venderanno  i prodotti che producono?

Mah … misteri della scienza …

Alla prossima

 

Elena

 

Come mai giovani cresciuti in Europa rimpinguano le file dei terroristi islamici?

Morti e feriti negli attentati di Parigi. Siamo tutti inorriditi … ma iniziamo anche a dividerci sulle azioni future da intraprendere.

Cosa intende esattamente Hollande quando dice: ”Prenderemo provvedimenti sia in Patria che all’estero … quando parla di rafforzamento nella vigilanza”.

Che cosa significa ”prendere provvedimenti all’estero? Bombardare? Siamo nel 2015 e non riusciamo ancora a risolvere i problemi del pianeta in cui viviamo senza prenderci a ”mazzate”?

Che cosa significa poi rafforzamento nella vigilanza? Saremo passati tutti al setaccio ogni volta che usciamo di casa e ci infiliamo in un supermercato?

Perché non ci chiediamo invece come mai sia così facile al giorno d’oggi per i terroristi dell’Isis trovare dei seguaci anche tra le schiere di ragazzi nati e cresciuti nella vecchia e democratica Europa?

Eppure sappiamo benissimo che la disoccupazione tra i giovani ha raggiunto proporzioni inquietanti … quanti sono i giovani senza né arte né parte che cercano di immaginarsi un futuro?

Quanti sono i giovani che si sentono sicuri di avere le forze necessarie per combattere con la stessa o meglio con ”maggiore energia” di quella che possiede un loro coetaneo cinese?

Non dimentichiamo che il loro coetaneo cinese sta vivendo in questi anni quello che in Europa si viveva nel ”dopo guerra” … quando tutto sembrava possibile e a portata di mano. Quando c’era un’effettiva speranza per migliorare la propria condizione sociale.

Oggi che ”speranze” hanno i giovani? In che cosa dovrebbero credere? Quanto è facile per loro trovare un lavoro?

Eppure dovremmo renderci tutti perfettamente conto di quanto sia facile, quando si è disperati,  cadere negli artigli di chi ti promette che combattendo per la ”giusta causa” avrai la gloria che ti permetterà la pace eterna nei cieli. O, male che vada,  la sensazione di combattere contro un sistema che ti ha deluso, tradito e non ti garantisce sicurezze per il futuro?

Non sarebbe meglio, invece che dichiarare guerra all’Islam, dare un lavoro dignitoso ai nostri giovani? Siamo sicuri che se avessero un futuro a portata di mano, seguirebbero le ”sirene” islamiche?11221399_10207117902082498_172702672308775895_nEppure di gente ricchissima a questo mondo ce n’è tanta … non sarebbe ora di ridistribuire un po’ di questa ricchezza? Impedire a costoro di continuare a far quattrini giocando in borsa ma fare invece qualche cosa di ”reale” che dia la possibilità alla gente di LAVORARE! Quante sarebbero le ”periferie” delle nostre città da rivedere? Buttar giù vecchi palazzi fatiscenti e costruire in maniera ecologica? Fare ”polmoni” verdi nelle città? Quante le scuole da mettere a norma? Quanti gli acquedotti che ”fanno acqua da tutte le parti” tranne che da quella giusta?

Non sarebbe forse meglio che la società si fondasse su valori come ”cultura e conoscenza” invece che su ”Ferrari e Rolex”?

Mah …

 

Alla prossima

 

 

Elena