Archivi tag: Giovanni Falcone

Palermo 19 luglio 1992 … Chi è ”Stato”?

Palermo,  il 19 luglio 1992 alle 16,58 in via D’ Amelio, mentre Paolo Borsellino suona al campanello di casa della mamma,  esplode una Fiat 126 rubata contenente circa 90 chilogrammi di esplosivo  Semtex-H, facendo a pezzi il Magistrato.

Pezzi di corpi ovunque … una carneficina …

Assieme a lui muoiono 5 dei 6 agenti della scorta: Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi, Claudio Traina e Vincenzo Fabio Li Muli. L’unico sopravvissuto fu l’agente Antonino Vullo, risvegliatosi in ospedale dopo l’esplosione, in gravi condizioni.

Emanuela Loi era la prima donna a fare servizio di scorta aveva 25 anni …

Eppure, come in tanti altri casi, noi non sappiamo ancora ”chi” ha dato l’ordine per l’attentato e il motivo per il quale abbiano ucciso in modo così ”eclatante” un Pubblico Ministero. Sono stati condannati alcuni degli esecutori materiali … ma sui mandanti ci sono molti dubbi.

Vero è che la giustizia altro non può fare se non indagare … ma la domanda che dobbiamo farci è: ‘’Hanno indagato seriamente o hanno cercato di risolvere il problema raccontandoci e raccontandosi delle bugie’’? E se quest’ultima ipotesi è vera la domanda immediata è: ‘’Perchè lo hanno fatto’’? 

Oggi nella sentenza della Corte d’Assise di Caltanissetta, nel processo ‘’Borsellino Quater’’  si parla del ‘’più grande depistaggio della storia giudiziaria italiana’’. 

Insomma sembrerebbe che funzionari di polizia agli ordini dell’allora Questore Arnaldo La Barbera (morto nel 2002)  convinsero alcuni criminali, tra cui il falso pentito Vincenzo Scarantino, ad accusarsi per costruire una ”verità di comodo” ma … falsa! 

Tutti sappiamo che dentro la borsa del magistrato ucciso si trovava un’agenda rossa sulla quale, secondo le testimonianze dei familiari, scriveva appunti personali e dalla quale non si separava mai. Anzi, dalla morte di Giovanni Falcone ci scriveva continuamente. Ecco qui la testimonianza di Mafredi, figlio di Paolo Borsellino durante un’udienza: ‘’… Dopo la strage di Capaci mio padre usava l’agenda rossa in modo compulsivo … ci scriveva costantemente. E si trattava sicuramente di appunti di lavoro e dell’attività frenetica di quei giorni. Mio padre dopo la morte di Falcone era consapevole che sarebbe toccato a lui e di essere costantemente in pericolo. Aveva l’esigenza di lasciare tracce scritte … ma non poteva metterci in pericolo rivelandoci delle cose”. 

I familiari e non solo loro sono convinti che se l’agenda rossa fosse stata trovata le indagini sulla morte del giudice Paolo Borsellino avrebbero avuto una piega ben diversa.

E invece eccoci qui tutti a domandarci ma chi sarà stato? E perché? A ‘’chi’’ dava fastidio? Su costa stava indagando? Che cosa aveva scoperto? Tutte domande le cui risposte molto probabilmente sono in quell’agenda scomparsa.

Tutti abbiamo visto con stupore la foto che ritrae l’allora capitano dei carabinieri Giovanni Arcangioli andare a spasso tranquillamente con la borsa del Giudice per Via D’Amelio. L’aveva tolta lui dall’auto distrutta e …per darla a chi? E … perchè? 

Eccolo qui lo smemorato Arcangioli, allora capitano oggi colonnello, che passeggia con la borsa senza sapere/ricordare cosa ne abbia fatto né a chi l’avesse data …

Come mai in Via D’Amelio , tra i primi ad arrivare dopo l’esplosione fu proprio il Pubblico Ministero Giuseppe Ayala, all’epoca deputato della Repubblica Italiana nel gruppo misto? Strano vero? Lui sostiene che era a pranzo dalla mamma e che era vicino … e quindi, sentito il boato,  era andato a curiosare.  

Ma la cosa inquietante è come mai, un magistrato come Ayala,  non ricordi cosa sia successo a quella borsa …  come mai dica di averla avuta tra le mani ma di non ricordare per quanto tempo né a chi la diede.  Come mai non ricorda se ci avesse guardato dentro oppure no … 

Stessa poca memoria la ritroviamo con l’allora capitano Giovanni Arcangioli (oggi Colonnello) che sostiene di non sapere a chi ha dato quella borsa. Ecco alcune sue affermazioni durante uno dei processi: ‘’Non ricordo come e perché avessi la borsa del giudice Borsellino … né che fine abbia fatto. Nella borsa non c’era nulla di rilevante se non un crest dei carabinieri. Vi guardai dentro, forse insieme al giudice Ayala. E’ proprio perché non vi avevo trovato nulla di interessante dal punto di vista investigativo che non ricordo cosa feci della borsa. All’inizio pensavo che dell’inchiesta ci saremmo occupati noi carabinieri, in particolare il Ros, poi seppi che invece l’avrebbe seguita la polizia”.

Insomma quella borsa, dopo esser stata presa, andata a spasso per via D’Amelio, consegnata a chi non è dato sapere perché ci frugasse dentro, è poi tornata sul sedile posteriore dell’auto del Giudice, dove avrebbe dovuto stare per tutto il tempo senza che nessuno ci mettesse le mani sopra! 

E comunque quando fu consegnata al Commissariato di La Barbera c’erano diverse cose, compresa l’agenda grigia ma mancava l’agenda rossa.

Giuseppe Ayala ammette di aver tenuto in mano la borsa del collega ucciso, ma per il resto non ricorda nulla o quasi. Interrogato  dai giudici della corte d’Assise di Caltanissetta dice: “Io in via D’Amelio c’ero solo fisicamente … ma quello che rimane nella mia memoria è che la borsa è transitata solo per pochissimo tempo nelle mie mani, perché non avevo titolo per tenerla, l’ho consegnata a un ufficiale dei carabinieri. Se materialmente l’ho presa io o me l’hanno consegnata non me lo ricordo. La cosa importante è che l’ho avuta in mano e l’ho consegnata a un ufficiale”. Ma santa Polenta! Come fa a non ricordarsi se l’ha presa lui dall’auto o no? Cribbio non era mica una vettura normale … era una vettura mezza distrutta, con dentro un autista privo di conoscenza tutto insanguinato … possibile mai che uno non si ricordi di una situazione simile? Mah …

Ma chi è questo ufficiale a cui Ayala ha dato la borsa?  E passando da quali mani, poi ‘sta borsa, piena di vari oggetti ma non dell’agenda rossa, è arrivata nelle mani della polizia che conduceva le indagini e che l’ha repertata? Mah … Ayala non fa nomi … non ricorda. Eppure, stando a diverse testimonianze, sarebbe stato proprio lui a passare quella borsa ad un uomo in abiti civili e non in divisa. A confermarlo ai giudici proprio il suo ex capo scorta, Roberto Farinella: “Presi la borsa del magistrato, volevo consegnarla al giudice Ayala ma lui chiamò un uomo in abiti civili che mi indicò come ufficiale. Questi prese la borsa e si allontanò senza aprirla”. 

Chi era ‘sto tipo che pur essendo in borghese Ayala sapeva essere un ‘’ufficiale’’? Era un carabiniere? Era un uomo dei servizi segreti? Ayala non ricorda … ma guarda un pò …

Adesso per mettere un pò più di ‘’pepe’’ ricorderemo quanto Gaspare Mutolo diceva a proposito del Pubblico Ministero Giuseppe Ayala: ‘’… E’ anche così che Cosa Nostra si avvicina al potere … sfruttando le debolezze … Giuseppe Ayala giocava … si indebitava … chiedeva soldi … comprava droga … Questo lo so tramite Enzo Sutera, mafioso di Partanna Mondello che mi disse che un suo amico portava la droga al giudice Giuseppe Ayala”. 

Ora che Ayala giocasse … avesse debiti … si drogasse … non sono certo io a poterlo sapere, quel che mi ricordo è l’averlo incontrato d’inverno a San Cassiano, splendida meta sciistica delle Dolomiti mentre, in un elegantissimo loden con mantellina seguito dalle guardie del corpo, arrivava e partiva in elicottero … 

Il Pubblico Ministero nonché deputato Giuseppe Ayala …

Ma torniamo all’agenda Rossa, al di la di tutte le verità o bugie processuali, quel che mi lascia perplessa davvero è che con il caos che regnava in Via D’Amelio quel giorno chissà quanta gente c’era ai balconi! Ora .. possibile mai che nessuno, dico nessuno, abbia visto chi ha preso quella borsa dall’auto … dove l’ha portata  … che cosa ne ha fatto? Noialtri … che non ci facciamo i fatti nostri nemmeno se ci pagano? Noi che siamo un popolo di curiosi, di ficcanaso … ebbene ‘’nessuno’’ ha visto … nessuno si ricorda nulla. Ora non venitemi a dire che qualche ‘’cittadino comune’’ che non fosse un magistrato, un carabiniere, un agente dei servizi segreti non avesse visto nulla? Ma va la … il fatto è che ‘’vigliacco’’ se parla! 

Omertà? Paura? Mi faccio i fatti miei? Peccato che all’epoca non ci fossero i cellulari … sai oggi che servizi avremmo a disposizione sull’accaduto!

E comunque l’Agenda Rossa non è certo l’unica cosa scomparsa … eccovi qui un elenco preoccupante:

  •  Nel 1947 SCOMPARE uno dei memoriali di Salvatore Giuliano, quello in cui il ”bandito” indicava il nome dei mandanti dei delitti che servivano a bloccare il movimento dei lavoratori italiani;
  • Nella vicenda Moro SCOMPARE il memoriale dello statista assassinato;
  • Nel ”caso Calvi” SCOMPARE la borsa del banchiere;
  • Nell’attentato in cui morirono Carlo Alberto Dalla Chiesa e sua moglie SPARISCE la valigetta con tutti i documenti che portava con sé;
  • Nella Strage di Capaci del 23 maggio 1992 in cui morirono il giudice Falcone, sua moglie Francesca Morvillo  e gli uomini della scorta, SCOMPAIONO i dati sia dal computer portatile che da quello nell’ufficio dove lavorava Falcone e SCOMPARE anche la ”ram card” esterna che Falcone utilizzava per l’agenda elettronica;
  • Nell’attentato del 20 luglio 1992 in cui moriva il giudice antimafia Paolo Borsellino e assieme a lui, perdevano la vita i ragazzi della scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi (°) , Vincenzo Li Muli, Eddie Walter Cosina e Claudio Traina …  l’inseparabile AGENDA ROSSA del giudice SCOMPARE!
  • Metterei nell’elenco, come ciliegina sulla torta,  anche la DISTRUZIONE quindi SPARIZIONE delle intercettazioni telefoniche intercorse tra Mancino e Napolitano. La tempistica scelta per distruggere queste intercettazioni  è stata quantomeno ”inopportuna”  e,  per forza di cose , ha destato degli orribili sospetti

Questo ”sistema” ci costringe nel Medio Evo … è una palla al piede per una crescita decente. E noi ”popolo” non crediamoci assolti perchè non lo siamo …

Alla prossima

Elena 

Strage di Capaci … abbiamo risolto ”tutto”?

Strage di Capaci …

Tutti ormai conosciamo la tragedia del 23 maggio del 1992.  Giovanni Falcone, di ritorno da Roma, era atterrato all’aeroporto Punta Raisi (°) e stava tornando a Palermo.  400 chili di tritolo misero fine alla sua esistenza facendo saltare per aria la vettura da lui guidata più le due auto della scorta.

la scia di morte di 400 chili di tritolo …

Oltre al magistrato, morirono sua moglie, Francesca Morvillo e gli agenti di scorta: Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

L’ idea che possano esser morti nel nome degli ”affari” fa venir la pelle d’oca …

La sera stessa dell’attentato, nel carcere dell’Ucciardone, i mafiosi festeggiarono felici.

Innumerevoli processi videro condannare all’ergastolo componenti di Cosa Nostra.

Nel 1988 si parlò anche di ‘’mandati occulti’ e vennero iscritti nel registro degli indagati Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri sotto le sigle “Alfa” e “Beta” per concorso in strage, soprattutto in seguito alle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Salvatore Cancemi.
Nel 2002 il GIP (Giudice Indagini Preliminari) di Caltanissetta archiviò l’inchiesta su “Alfa” e “Beta” sostenendo che non si erano trovati riscontri che confermassero le dichiarazioni del Cancemi.
Ulteriori ricerche su ‘’mandati occulti’’ continuarono fino a che nel 2013 la Procura di Caltanissetta archiviò definitivamente l’inchiesta sui “mandanti occulti” poiché le indagini non avevano trovato ulteriori risultati investigativi.

Nel 2013,  durante un’intervista al Giornale di Sicilia, Sergio Lari procuratore di Caltanissetta, disse: ‘’Da questa indagine non emerge la partecipazione alla strage di Capaci di soggetti esterni a Cosa nostra. La mafia non prende ordini e dall’inchiesta non vengono fuori mandanti esterni. Possono esserci soggetti che hanno stretto alleanze con Cosa nostra ed alcune presenze inquietanti sono emerse nell’inchiesta sull’eccidio di Via D’Amelio: ma in questa indagine non posso parlare di mandanti esterni”.

Quante parole … quanti discorsi … quanti processi … quanti sospetti … quante allusioni … quante speranze deluse … quanta voglia di ‘’verità’’ … quante domande senza risposte … quanta ‘’omertà’’ …

Ricordiamo solo che Giovanni Falcone indagava sul sistema ”mafia-appalti”. E ricordiamo anche le parole di quell’orribile personaggio che fu Giulio Andreotti: ”A pensar male si fa peccato è vero … ma quasi sempre si indovina”!

Oggi noi ricordiamo la strage con il dovuto rispetto nei confronti del Magistrato, di sua moglie e dei poliziotti che sono morti con lui, ma … non dimentichiamo che la mafia, sarà anche vero che non prende ordini da nessuno … ma di sicuro ha bisogno di ‘fare affari’’ … ma … con chi?

Con ”chi” ha un concetto di appalto ”malato”? Con chi considera un lavoro solo in termini di guadagno a breve termine? La mafia fa una pessima selezione della categoria imprenditoriale, infatti la malavita seleziona non il più bravo ma il più ”colluso”! Ovvio che a lungo termine una selezione simile sia ”perdente”! Inutile dire che questa”perdita” ricade su tutti noialtri.  Quindi noi dobbiamo incidere nel nostro DNA che i lavori si fanno bene e con un occhio al futuro dei nostri figli … non al ”prendi i soldi e scappa”! Costoro tra l’altro quando dispongono di ”denaro” non lo reinvestono a favore della collettività ma preferiscono i giochi della finanza!

Detto questo, visto che la malavita si infiltra ovunque, non è che noialtri si debba dire NO a tutto per paura di inflazioni malavitose.    Se si parte da questo concetto allora non si devono più fare scuole, asili, ospedali, strade, case …

Noi dobbiamo ”monitorare” affinché le cose vengano fatte bene. Saremo capaci di farlo? Se si … sarebbe la miglior maniera per onorare la memoria di persone come Giovanni Falcone!

Alla prossima

Elena

 

.-.-.-.
(°) dopo la morte di Falcone e Borsellino l’aeroporto di Punta Raisi venne chiamato con il loro nome. Non ho mai capito se questo è stato fatto per ‘’onorarli’’ o per ‘’ricordare’’ a tutti che con i ‘’costruttori’’ e con gli ‘’appaltatori’’ dei LLPP e non solo non si deve né ‘’scherzare’’ … né troppo ‘’indagare’’.
Articolo correlato:
http://cosamipassaperlatesta.myblog.it/2015/05/22/1401/

23 MAGGIO 1992 – STRAGE DI CAPACI …

23 anni fa … il 23 maggio del 1992,  in località Capaci, sull’autostrada che dall’Aeroporto conduce a Palermo veniva ucciso il giudice Giovanni Falcone assieme alla moglie Francesca Morvillo e agli uomini della scorta:  Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo.

Per ricordare quella orribile strage proviamo a leggere: ”Cose di cosa nostra” – un libro scritto da Giovanni Falcone in collaborazione con la giornalista francese Marcelle Padovani .

CoseDiCosaNostra

Nel libro ricorrono frasi come: ”Si muore generalmente perché si è soli o perché si è entrati in un gioco troppo grande. Si muore spesso perché non si dispone delle necessarie alleanze, perché si è privi di sostegno”, oppure:  ”In Sicilia la mafia colpisce i servitori dello Stato che lo Stato non è riuscito a proteggere”.

Oggi, a distanza di 23 anni, ci sono milioni di italiani e un pugno di magistrati che si domandano se ci fu una parte ”marcia” dello  Stato, che non riuscì o non volle proteggere Falcone e, con lui, altri Servitori dello Stato che prima e dopo quella strage lasceranno le loro vite sul terreno della incompiuta democrazia italiana.

La lettura di questo libro rappresenta la presa di coscienza del fatto che sono ancora diversi i Servitori dello Stato che vengono lasciati soli o che, entrati in giochi troppo grandi per senso della giustizia o del dovere e della lealtà alle Istituzioni e al popolo italiano, vengono ancora lasciati soli.

Un abbandono che vuol dire essere nudi di fronte ai rischi della delegittimazione (la cui onta lo stesso Falcone ha dovuto affrontare), che giunge sempre prima della morte fisica ed è comunque più mortale, perché ricevuta in vita e, non di rado, da chi ti respira a fianco.

Questo volume dalla prima all’ultima pagina, è un manuale di formazione e informazione sulla legalità al quale non si può e non si deve rinunciare. Nel libro, da respirare pagina dopo pagina, l’attenzione si posa sul capitolo delle contiguità che hanno sempre pervaso Cosa nostra, che si è sempre abilmente mescolata o confusa nella società con le sue reti invisibili, oggi sempre più raffinate.

Non è un caso che quel capitolo si chiuda così: ”Ma la mafia non è una società di servizi che opera a favore della collettività, bensì un’associazione di mutuo soccorso che agisce a spese della collettività civile e a vantaggio solo dei suoi membri. Mostra così il suo vero volto e si rivela per una delle maggiori mistificazioni della storia del mezzogiorno d’Italia, per dirla con lo storico inglese Denis Mack Smith. Non frutto abnorme del solo sottosviluppo economico ma prodotto delle distorsioni dello sviluppo stesso. A volte articolazione del potere, a volte antitesi dello Stato dominatore. E, comunque, sempre un alibi”.

Come un alibi è quello dietro il quale si nasconde chi, per non guardare in faccia il male assoluto delle mafie, si volta dall’altra parte.

Meditiamo gente … meditiamo …

Alla prossima

 

Elena