Archivi tag: droga

Palermo 19 luglio 1992 … Chi è ”Stato”?

Palermo,  il 19 luglio 1992 alle 16,58 in via D’ Amelio, mentre Paolo Borsellino suona al campanello di casa della mamma,  esplode una Fiat 126 rubata contenente circa 90 chilogrammi di esplosivo  Semtex-H, facendo a pezzi il Magistrato.

Pezzi di corpi ovunque … una carneficina …

Assieme a lui muoiono 5 dei 6 agenti della scorta: Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi, Claudio Traina e Vincenzo Fabio Li Muli. L’unico sopravvissuto fu l’agente Antonino Vullo, risvegliatosi in ospedale dopo l’esplosione, in gravi condizioni.

Emanuela Loi era la prima donna a fare servizio di scorta aveva 25 anni …

Eppure, come in tanti altri casi, noi non sappiamo ancora ”chi” ha dato l’ordine per l’attentato e il motivo per il quale abbiano ucciso in modo così ”eclatante” un Pubblico Ministero. Sono stati condannati alcuni degli esecutori materiali … ma sui mandanti ci sono molti dubbi.

Vero è che la giustizia altro non può fare se non indagare … ma la domanda che dobbiamo farci è: ‘’Hanno indagato seriamente o hanno cercato di risolvere il problema raccontandoci e raccontandosi delle bugie’’? E se quest’ultima ipotesi è vera la domanda immediata è: ‘’Perchè lo hanno fatto’’? 

Oggi nella sentenza della Corte d’Assise di Caltanissetta, nel processo ‘’Borsellino Quater’’  si parla del ‘’più grande depistaggio della storia giudiziaria italiana’’. 

Insomma sembrerebbe che funzionari di polizia agli ordini dell’allora Questore Arnaldo La Barbera (morto nel 2002)  convinsero alcuni criminali, tra cui il falso pentito Vincenzo Scarantino, ad accusarsi per costruire una ”verità di comodo” ma … falsa! 

Tutti sappiamo che dentro la borsa del magistrato ucciso si trovava un’agenda rossa sulla quale, secondo le testimonianze dei familiari, scriveva appunti personali e dalla quale non si separava mai. Anzi, dalla morte di Giovanni Falcone ci scriveva continuamente. Ecco qui la testimonianza di Mafredi, figlio di Paolo Borsellino durante un’udienza: ‘’… Dopo la strage di Capaci mio padre usava l’agenda rossa in modo compulsivo … ci scriveva costantemente. E si trattava sicuramente di appunti di lavoro e dell’attività frenetica di quei giorni. Mio padre dopo la morte di Falcone era consapevole che sarebbe toccato a lui e di essere costantemente in pericolo. Aveva l’esigenza di lasciare tracce scritte … ma non poteva metterci in pericolo rivelandoci delle cose”. 

I familiari e non solo loro sono convinti che se l’agenda rossa fosse stata trovata le indagini sulla morte del giudice Paolo Borsellino avrebbero avuto una piega ben diversa.

E invece eccoci qui tutti a domandarci ma chi sarà stato? E perché? A ‘’chi’’ dava fastidio? Su costa stava indagando? Che cosa aveva scoperto? Tutte domande le cui risposte molto probabilmente sono in quell’agenda scomparsa.

Tutti abbiamo visto con stupore la foto che ritrae l’allora capitano dei carabinieri Giovanni Arcangioli andare a spasso tranquillamente con la borsa del Giudice per Via D’Amelio. L’aveva tolta lui dall’auto distrutta e …per darla a chi? E … perchè? 

Eccolo qui lo smemorato Arcangioli, allora capitano oggi colonnello, che passeggia con la borsa senza sapere/ricordare cosa ne abbia fatto né a chi l’avesse data …

Come mai in Via D’Amelio , tra i primi ad arrivare dopo l’esplosione fu proprio il Pubblico Ministero Giuseppe Ayala, all’epoca deputato della Repubblica Italiana nel gruppo misto? Strano vero? Lui sostiene che era a pranzo dalla mamma e che era vicino … e quindi, sentito il boato,  era andato a curiosare.  

Ma la cosa inquietante è come mai, un magistrato come Ayala,  non ricordi cosa sia successo a quella borsa …  come mai dica di averla avuta tra le mani ma di non ricordare per quanto tempo né a chi la diede.  Come mai non ricorda se ci avesse guardato dentro oppure no … 

Stessa poca memoria la ritroviamo con l’allora capitano Giovanni Arcangioli (oggi Colonnello) che sostiene di non sapere a chi ha dato quella borsa. Ecco alcune sue affermazioni durante uno dei processi: ‘’Non ricordo come e perché avessi la borsa del giudice Borsellino … né che fine abbia fatto. Nella borsa non c’era nulla di rilevante se non un crest dei carabinieri. Vi guardai dentro, forse insieme al giudice Ayala. E’ proprio perché non vi avevo trovato nulla di interessante dal punto di vista investigativo che non ricordo cosa feci della borsa. All’inizio pensavo che dell’inchiesta ci saremmo occupati noi carabinieri, in particolare il Ros, poi seppi che invece l’avrebbe seguita la polizia”.

Insomma quella borsa, dopo esser stata presa, andata a spasso per via D’Amelio, consegnata a chi non è dato sapere perché ci frugasse dentro, è poi tornata sul sedile posteriore dell’auto del Giudice, dove avrebbe dovuto stare per tutto il tempo senza che nessuno ci mettesse le mani sopra! 

E comunque quando fu consegnata al Commissariato di La Barbera c’erano diverse cose, compresa l’agenda grigia ma mancava l’agenda rossa.

Giuseppe Ayala ammette di aver tenuto in mano la borsa del collega ucciso, ma per il resto non ricorda nulla o quasi. Interrogato  dai giudici della corte d’Assise di Caltanissetta dice: “Io in via D’Amelio c’ero solo fisicamente … ma quello che rimane nella mia memoria è che la borsa è transitata solo per pochissimo tempo nelle mie mani, perché non avevo titolo per tenerla, l’ho consegnata a un ufficiale dei carabinieri. Se materialmente l’ho presa io o me l’hanno consegnata non me lo ricordo. La cosa importante è che l’ho avuta in mano e l’ho consegnata a un ufficiale”. Ma santa Polenta! Come fa a non ricordarsi se l’ha presa lui dall’auto o no? Cribbio non era mica una vettura normale … era una vettura mezza distrutta, con dentro un autista privo di conoscenza tutto insanguinato … possibile mai che uno non si ricordi di una situazione simile? Mah …

Ma chi è questo ufficiale a cui Ayala ha dato la borsa?  E passando da quali mani, poi ‘sta borsa, piena di vari oggetti ma non dell’agenda rossa, è arrivata nelle mani della polizia che conduceva le indagini e che l’ha repertata? Mah … Ayala non fa nomi … non ricorda. Eppure, stando a diverse testimonianze, sarebbe stato proprio lui a passare quella borsa ad un uomo in abiti civili e non in divisa. A confermarlo ai giudici proprio il suo ex capo scorta, Roberto Farinella: “Presi la borsa del magistrato, volevo consegnarla al giudice Ayala ma lui chiamò un uomo in abiti civili che mi indicò come ufficiale. Questi prese la borsa e si allontanò senza aprirla”. 

Chi era ‘sto tipo che pur essendo in borghese Ayala sapeva essere un ‘’ufficiale’’? Era un carabiniere? Era un uomo dei servizi segreti? Ayala non ricorda … ma guarda un pò …

Adesso per mettere un pò più di ‘’pepe’’ ricorderemo quanto Gaspare Mutolo diceva a proposito del Pubblico Ministero Giuseppe Ayala: ‘’… E’ anche così che Cosa Nostra si avvicina al potere … sfruttando le debolezze … Giuseppe Ayala giocava … si indebitava … chiedeva soldi … comprava droga … Questo lo so tramite Enzo Sutera, mafioso di Partanna Mondello che mi disse che un suo amico portava la droga al giudice Giuseppe Ayala”. 

Ora che Ayala giocasse … avesse debiti … si drogasse … non sono certo io a poterlo sapere, quel che mi ricordo è l’averlo incontrato d’inverno a San Cassiano, splendida meta sciistica delle Dolomiti mentre, in un elegantissimo loden con mantellina seguito dalle guardie del corpo, arrivava e partiva in elicottero … 

Il Pubblico Ministero nonché deputato Giuseppe Ayala …

Ma torniamo all’agenda Rossa, al di la di tutte le verità o bugie processuali, quel che mi lascia perplessa davvero è che con il caos che regnava in Via D’Amelio quel giorno chissà quanta gente c’era ai balconi! Ora .. possibile mai che nessuno, dico nessuno, abbia visto chi ha preso quella borsa dall’auto … dove l’ha portata  … che cosa ne ha fatto? Noialtri … che non ci facciamo i fatti nostri nemmeno se ci pagano? Noi che siamo un popolo di curiosi, di ficcanaso … ebbene ‘’nessuno’’ ha visto … nessuno si ricorda nulla. Ora non venitemi a dire che qualche ‘’cittadino comune’’ che non fosse un magistrato, un carabiniere, un agente dei servizi segreti non avesse visto nulla? Ma va la … il fatto è che ‘’vigliacco’’ se parla! 

Omertà? Paura? Mi faccio i fatti miei? Peccato che all’epoca non ci fossero i cellulari … sai oggi che servizi avremmo a disposizione sull’accaduto!

E comunque l’Agenda Rossa non è certo l’unica cosa scomparsa … eccovi qui un elenco preoccupante:

  •  Nel 1947 SCOMPARE uno dei memoriali di Salvatore Giuliano, quello in cui il ”bandito” indicava il nome dei mandanti dei delitti che servivano a bloccare il movimento dei lavoratori italiani;
  • Nella vicenda Moro SCOMPARE il memoriale dello statista assassinato;
  • Nel ”caso Calvi” SCOMPARE la borsa del banchiere;
  • Nell’attentato in cui morirono Carlo Alberto Dalla Chiesa e sua moglie SPARISCE la valigetta con tutti i documenti che portava con sé;
  • Nella Strage di Capaci del 23 maggio 1992 in cui morirono il giudice Falcone, sua moglie Francesca Morvillo  e gli uomini della scorta, SCOMPAIONO i dati sia dal computer portatile che da quello nell’ufficio dove lavorava Falcone e SCOMPARE anche la ”ram card” esterna che Falcone utilizzava per l’agenda elettronica;
  • Nell’attentato del 20 luglio 1992 in cui moriva il giudice antimafia Paolo Borsellino e assieme a lui, perdevano la vita i ragazzi della scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi (°) , Vincenzo Li Muli, Eddie Walter Cosina e Claudio Traina …  l’inseparabile AGENDA ROSSA del giudice SCOMPARE!
  • Metterei nell’elenco, come ciliegina sulla torta,  anche la DISTRUZIONE quindi SPARIZIONE delle intercettazioni telefoniche intercorse tra Mancino e Napolitano. La tempistica scelta per distruggere queste intercettazioni  è stata quantomeno ”inopportuna”  e,  per forza di cose , ha destato degli orribili sospetti

Questo ”sistema” ci costringe nel Medio Evo … è una palla al piede per una crescita decente. E noi ”popolo” non crediamoci assolti perchè non lo siamo …

Alla prossima

Elena 

Angelo Vassallo – per la serie: ”non dimentichiamo”!

Oggi ricordiamo Angelo Vassallo … nato il 22 settembre del 1953 e ucciso a Pollica il 5 settembre del 2010.

100017387-9041c6e2-fbf7-4f27-ac5b-b43f4cb1dba9Angelo Vassallo il sindaco pescatore …

Chi era?

Angelo Vassallo era il sindaco di  Pollica (Salerno),  lo era stato per tre mandati: dal 1995 al 1999, del 1999 al 2004, dal 2005 al 2010. Nel 2010 si era presentato per un quarto mandato ed era stato rieletto con il 100% dei voti.
Esponente del PD aveva ricoperto precedentemente l’incarico di consigliere provinciale a Salerno, oltre alla carica di sindaco ricopriva anche quella di presidente della Comunità del Parco, organo consultivo e propositivo dell’ente Parco Nazionale del Cilento.
Vassallo faceva della ”protezione dell’ambiente” il suo cavallo di battaglia. Promotore tra l’altro dell’inserimento della ”dieta mediterranea” tra i patrimoni orali ed immateriali dell’umanità. La sua proposta venne accolta dall’Unesco nel 2010.
Era conosciuto come il ”sindaco pescatore”, sia per il suo passato di pescatore che per il suo amore per il mare e per la natura in generale.  Questo ”amore” lo aveva sempre guidato nella sua attività di amministratore. Tra le sue vittorie politiche va ricordata la creazione del “Museo vivo del mare”, istituito nella frazione di Pioppi, presso il castello di Vinciprova.
Ambientalista convinto e amato dai suoi concittadini era solito emettere ordinanze singolari. Nel gennaio del 2010 aveva firmato un’ordinanza che prevedeva una multa fino a mille euro per chi veniva sorpreso a gettare in terra i mozziconi delle sigarette!

Angelo Vassallo aveva riversato il suo amore per la natura in una ”buona politica”  grazie a ciò le acque di Pollica furono premiate con le 5 vele, il massimo riconoscimento di ”Bandiera Blu”,  di Legambiente e del  Touring club.

Evidentemente il personaggio, dato il suo rigore,  dava ”fastidio” a molti …  e la sera del 5 settembre 2010 verso le 22,00,  mentre tornava a casa a bordo della sua auto, fu raggiunto da nove proiettili calibro 9 dei quali 7 andarono a ”segno” e lo uccisero. Vassallo lasciava, non per sua scelta,  una moglie e due bambini.

Chi lo ha ucciso? Ad oggi non è che se ne sappiamo molto, ecco quel che ho trovato in rete

Nel 2011 i pm Valleverdina, Cassaniello e Rosa Volpe, insieme con il procuratore capo Roberti, avevano sentito numerosi testimoni e disposto anche una decina di perquisizioni ad Acciaroli (località marittima vicino a Pollica).   Agli atti è allegata anche la relazione di servizio firmata dal colonnello dei carabinieri Fabio Roberti Cagnazzo,  comandante del Nucleo operativo a Castello di Cisterna. L’ufficiale, che conosceva il territorio della località cilentana, aveva fornito indicazioni ritenute dagli inquirenti utili alle indagini e aveva provveduto a smontare, mettendole subito a disposizione della Procura, le telecamere sistemate sul porto allo scopo di evitare che immagini potenzialmente significative potessero deteriorarsi.
Alla luce di altri accertamenti disposti dai magistrati, era emerso il possibile coinvolgimento di un gruppo più ampio di ragazzi, tutti gravitanti nel mondo del consumo e dello spaccio di stupefacenti e non solo di origine cilentana. Così, con grande riserbo, le indagini si allargarono. La caccia agli assassini di Vassallo è arrivata anche a Napoli, tra Chiaiano e Scampia, i quartieri dove la droga alimenta il motore degli affari illeciti.

Nel 2015 Bruno Damiani, detto il “brasiliano” accusato per primo dell’omicidio di Angelo Vassallo era rimasto in silenzio davanti alle domande del giudice delle indagini preliminari che doveva interrogarlo sullo spaccio nella frazione marina di Acciaroli, uno smercio di droga che secondo la Direzione distrettuale antimafia è all’origine del suo litigio con il sindaco di Pollica e della conseguente decisione di ucciderlo. Pochi giorni dopo il 5 settembre 2010 il Damiani era volato in Sudamerica e solo nel 2015  era rientrato in Italia, estradato dalla Colombia dove quattordici mesi prima era stato arrestato in forza di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’autorità giudiziaria di Vallo della Lucania, proprio per lo spaccio ad Acciaroli.
Durante l’interrogatorio di garanzia nel carcere di Rebibbia, affidato per rogatoria a un gip romano, il Damiani, assistito dal difensore Michele Sarno, aveva però scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere, rinviando eventuali dichiarazioni a un momento successivo al suo rientro a Salerno. Il Damiani ha avuto un processo alla terza sezione penale che lo vedeva imputato per alcune estorsioni agli operatori del mercato ittico di Salerno, messe in atto con il gruppo che faceva capo a Giuseppe Stellato. Nel processo, rinviato più volte per l’impedimento dell’imputato, il pubblico ministero Rosa Volpe ne ha richiesta di condanna. Ma il processo quello sul delitto Vassallo, il procedimento su cui il magistrato Volpe, avrebbe voluto ”chiudere il cerchio”, prima di trasferirsi a Napoli per la nomina a procuratore aggiunto non ha ancora avuto risposte.  Bruno Humberto Damiani è finora l’unico indagato sull’assassinio di Angelo Vassallo con l’accusa di omicidio aggravato dal metodo mafioso.

imageUmberto Damiani de Paula instradato dalla Colombia nel 2015

Nel 2016 pare ci siano altri tre indagati, (non ho trovato i nomi) accanto a Bruno Humberto Damiani de Paula il cittadino italobrasiliano in carcere per altri reati e il primo ad essere accostato all’assassinio.
A tutti e tre pare sia contestata l’accusa di concorso in omicidio con l’aggravante della finalità mafiosa. Intorno alla figura di Damiani, frequentatore degli ambienti dello spaccio di stupefacenti e in Cilento, estradato in Italia dopo una lunga detenzione in Colombia ma mai sottoposto a provvedimenti restrittivi per l’omicidio Vassallo, ruota la pista principale battuta dagli inquirenti: quella del delitto commesso per punire i tentativi posti in essere dal sindaco per arginare il mercato della droga che, durante l’estate del 2010, aveva invaso la sua amatissima Acciaroli.

Archiviati altri filoni dell’indagine, la pista della droga è rimasta l’unica al vaglio dei magistrati. Ma nonostante lo sforzo profuso in questi anni, la ricostruzione della vicenda presenta troppi lati oscuri. Non è mai stata, ad esempio, ritrovata la pistola, una baby Tanfoglio calibro 9.21 da cui sono partiti i colpi.

Il 13 gennaio 2016, Damiani è stato nuovamente interrogato dai magistrati che coordinano le indagini dei carabinieri del Ros. I pm Leonardo Colamonici e Rosa Volpe (ormai procuratore aggiunto a Napoli ma ancora applicata a Salerno proprio per portare a termine questa indagine) hanno chiesto nuovamente al brasiliano se avesse motivi di rancore nei confronti del sindaco di Acciaroli.
Assistito dall’avvocato Michele Sarno, il brasiliano ha  respinto le accuse. E l’omicidio del sindaco pescatore rimane, ancora adesso, avvolto dal mistero.

Nel nostro paese se un disperato ruba una mela perché ha fame, saltano fuori immediatamente una marea di ”zelanti” ed ”onesti” cittadini che lo denunciano alle autorità competenti e che sono disposte, in tribunale, a testimoniare contro il disgraziato!  Se invece qualcuno uccide un sindaco a revolverate … nessuno né vede … né sente …

Che tristezza …

Alla prossima

Elena

 

 

E … se liberalizzassimo la cocaina?

Torino – Inchiesta Minotauro, la Cassazione conferma le condanne  sostenendo che la ‘ndrangheta c’è anche in Piemonte e agisce da mafia a tutti gli effetti: coi suoi reati, con le sue strutture, con le sue logiche e le sue dinamiche da mafia calabrese alla quale comunque fa sempre riferimento. E’ una organizzazione unitaria, coesa ed articolata. Ma va? droga-cocaina

Costoro sono tribali come i terroristi islamici. D’altronde siamo tutti nel bacino Mediterraneo. Vorrà pur dure qualche cosa no?

Ci si stupisce che la ‘Nrangheta sia ormai ovunque, compreso le regioni del Nord Italia, ma per quale motivo? Da sempre la malavita organizzata si muove per cercare ricchezza. Volete mica che vadano a derubare i barboni sotto i ponti no?

Il problema della malavita è che ha soldi a palate da investire e li investe in quell’economia che chiamo ”mordi e fuggi” oppure se preferite ”prendi i soldi e scappa”.

Quindi avanti con i ponti con il cemento depotenziato … avanti con l’asbesto nel catrame … avanti con la cresta sugli appalti …  avanti con tutto quello che non ha nulla a che vedere con investimenti a lungo termine a favore della collettività!

D’altronde Mafia, Camorra, ‘Nrangheta e Sacra Corona Unita non sono notoriamente delle ONLUS a scopo benefico!

Come fare per togliere a costoro il denaro?  Semplice! Liberalizzate la cocaina!

La cocaina è l’unico mercato in crescita esponenziale da anni e fa guadagnare a ‘sti mostri montagne di denaro, che non sanno più dove mettere!

‘Sti energumeni sono anche riusciti ad innovarsi  – a modo loro – e lo hanno fatto ”fidelizzando” il cliente. L’eroina uccideva presto  … la cocaina tiene il cliente ”fedele” per molti anni,  garantendo loro di conseguenza introiti economici sicuri nel tempo.

Liberalizzando la cocaina crollerebbe il mercato. Non è difficile da capire!

Non dovremmo nemmeno spendere denaro pubblico per curare i drogati, li si cura infatti solo per farli smettere … se possono continuare a drogarsi stanno benissimo.  Quindi? Saremmo tutti felici e contenti e la malavita riceverebbe un ”colpo definitivo”! Hai voglia a far denaro a colpi di ”prostituzione” … e ”pizzo”!

E poi … se la gente vuole uccidersi … c’è sempre il libero arbitrio no?

 

Alla prossima

 

Elena

 

L’UNICO MERCATO IN CRESCITA ESPONENZIALE E’ …

… quello della ”DROGA”!

cocaina

Abbiamo un debito pubblico in Italia che, secondo gli ultimi dati EUROSTAT è il 133% del PIL! 

Una tragedia!  Non riusciamo a crescere! Siamo fermi, inchiodati al nulla! Non ci sono iniziative, e le tanto decantate riforme non sono ancora state fatte! 

Le uniche economie che non risentono della forte recessione sono quelle fondate sul narcotraffico! Equivalgono, a quasi i due terzi dell’intero giro d’affari criminale. Un volume di denaro enorme, stimato in circa 500 miliardi di dollari, equivalente all’intero fatturato delle sette maggiori case automobilistiche del pianeta.

Quantità illimitate di denaro che alimentano imperi criminali!

Come si sa ”pecunia non olet” quindi nessuno storce il naso e nessuno si chiede da dove arrivano tutti questi soldi! Fa comodo a tutti avere un ‘entrata  che contrasti in qualche modo la recessione globale che ci sta divorando.

La domanda che sorge spontanea è: ”Quali scelte ”etiche” si possono chiedere alle Democrazie vigenti se l’economia superstite è basata su denaro ”guadagnato” in un modo simile? Un business che genera morti, corruzione, violenza, connivenze anche a livello governativo”? 

Quando il denaro è guadagnato con il cosiddetto ”sudore della fronte” l’etica è quasi certamente assicurata! Quando il denaro che circola arriva dal commercio di droga … pretendere scelte etiche ha della ”fantascienza”!  

Cosa aspettiamo a liberarci da ‘sto problema? E legalizzarla? Voglio dire … anche l’alcool un tempo era proibito … poi lo hanno legalizzato e tassato, chi vuole morire alcolizzato è libero di farlo. 

Quanti siamo sul pianeta? Disponiamo si o no del libero arbitrio? E allora? 

Alla prossima

 

 

Elena 

 

http://gds.it/2014/10/23/debito-pubblico-italiano-in-crescita-sale-al-133_250650/

DON CIOTTI … RIINA E LA COCAINA …

Don Ciotti,  in seguito alle ”minacce” di Riina dal carcere, giustamente reagisce.

Reagisce dicendo che il sistema ”mafia” va eliminato e che una delle ”bestie nere” che collaborano con la malavita organizzata è la corruzione. Riferendosi a quest’ultima come ”incubatrice delle mafie’. Sante parole! Don Ciotti ribadisce che bisogna sradicare un certo tipo mentalità,  quella cioè della ”mafiosita” … quella dei patti sottobanco … dall’intrallazzo in guanti bianchi…  dalla disonestà condita da buone maniere … Continua dicendo che la corruzione sta mangiando il nostro Paese, le nostre speranze! Corrotti e corruttori si danno manforte per minimizzare o perfino negare il reato. Ai loro occhi è un’azione senza colpevoli e dunque senza vittime, invece la vittima c’e’, eccome: è la società, siamo tutti noi. Don Ciotti ricorda che il suo impegno contro la mafia e’ da sempre un atto di fedelta’ al Vangelo, alla sua denuncia delle ingiustizie, delle violenze, al suo stare dalla parte delle vittime, dei poveri, degli esclusi. Al suo richiamarci a una ‘fame e sete di giustizia’ che va vissuta a partire da qui, da questo mondo”. Tutti conosciamo l’impegno costante che Don Ciotti mette in questo suo progetto e gliene siamo grati  … ma … C’è purtroppo un ”MA” grande come una casa! Un ”MA” che fa di Don Ciotti una sorta di Don Chisciotte. Teniamo i piedi per terra e pensiamo a qual’è veramente l’unico, vero, immenso potere della malavita organizzata. Qual’è secondo voi? Forse il fatto che ”uccida”? Non credo … anche se ovviamente questo già di per se sia un ottimo deterrente. Il potere VERO della malavita e NON mi stancherò mai di dirlo sono le ”quantità industriali” di denaro che possiede … che muove… che investe … che usa per corrompere! PUNTO! Smettiamo per un attimo di fare gli ipocriti e pensiamo all’unico mercato che NON conosce crisi. Quello che da anni ormai è in crescita esponenziale! Il mercato della COCAINA! I mafiosi o per meglio dire, gli ”industriali della droga”, hanno trovato il modo di ”fidelizzare” il cliente, e lo fanno senza nemmeno investir denaro in pubblicità, quindi i loro margini sono altissimi!

La cocaina, a differenza dell’eroina NON uccide il cliente … ma lo lega per sempre in un circolo vizioso.

9590532-monton-de-cocaina-y-dinero-aislado-en-un-fondo-negro-adicto-a-drogas

Quindi grazie alla fidelizzazione del cliente costoro possiedono denaro a palate e lo devono reinvestire. Cosa serve all’economia per ”girare”? Serve denaro! Quindi?  Facciamoci una domanda … diamoci una risposta. Se gli industriali della cocaina sono gli unici ad avere denaro è più che ovvio che con costoro si tratti, e si tratti a tutti i livelli, sia economico che politico. Va da se che trattare con gente simile non significhi certo un futuro migliore. Costoro non son certo dei filantropi che investono a lungo termine per il bene della collettività. Allora mi domando: ”Come fare per eliminare questa ‘macabra’ industria”? Legalizzando la droga ed annullando di conseguenza la possibilità per costoro di arricchirsi! Considerata la globalizzazione dell’industria della cocaina, la legalizzazione dovrebbe esser fatta a livello altrettanto globale. So che la  soluzione risulterà troppo radicale e che saranno in mille a contestarla,  ma non vedo ”vie di mezzo’. Se vogliamo esser realisti dobbiamo ricordare che noialtri siamo più di 7 miliardi – e che entro il 2100 saremo 10,9 miliardi, una crescita dovuta agli alti tassi di natalità tra i Paesi in via di sviluppo. Vogliamo eliminare la malavita organizzata? Togliamole l’ossigeno legalizzando la droga.

In fondo l’essere umano possiede il libero arbitrio …

Alla prossima

Elena