Archivi tag: normale

CORNOLETAME – ovvero l’agricoltura biodinamica.

Stamattina leggevo questo articolo e mi piacerebbe conoscere le vostre impressioni in proposito.
Il titolo è: ‘’Cornoletame’’
Ieri in Senato è stata approvata l’equiparazione fra l’agricoltura biologica e quella biodinamica. Sono questioni di cui so meno di poco. In particolare pensavo che l’agricoltura biodinamica fosse una variante fondamentalista di quella biologica, ma un amico mi ha letteralmente ordinato di leggere l’intervento – disperato e spettacolare – tenuto dalla scienziata e senatrice a vita Elena Cattaneo. Ho scoperto un mondo: I disciplinati internazionali di agricoltura biodinamica prevedono una forma di concimazione secondo il riempimento con letame di un corno di vacca primipara, quindi sotterrato in autunno e disotterrato a Pasqua, infine miscelato e dinamizzato con acqua piovana o di pozzo; il gran beneficio deriva dalla capacità del corno di vacca, sicché la vacca è in vita, di catturare i raggi cosmici che si irradieranno poi nei campi per un raccolto galattico.

Corna di vacca tagliate ...

Corna di vacca tagliate …

La senatrice ha illustrato anche la dottrina della vescica di cervo imbottita di fiori di achillea, ma non mi fidavo più.
Sono andato a prendermi i disciplinari e li ho studiati. Aveva ragione lei. Sono il testo sacro della buona e sana agricoltura in collaborazione con le forze dell’universo, i vasi di terracotta, i crani ricolmi di corteccia di quercia e, se ho capito bene, basata sulle teorie della reincarnazione.
Intendiamoci, liberi tutti di produrre o pretendere cibo in armonia con Alfa Centauri, ma l’esito della legge è che la vescicadi cervo si potrà finanziare con i contributi dello Stato: nonostante la strenua opposizione di Elena Cattaneo, il Senato ha detto sì alla vacca spaziale. Ma in fondo che ci importa? Tanto abbiamo il Recovery.
Mattia Feltri
.-.-.-.-.-
Onestamente? Non so più che cosa pensare. Il bello è che costoro parlano di ‘’buon senso’’? Ma … quale esattamente? Mah! La cosa che mi inquieta è che siamo nelle loro mani. 🙁

Alla prossima

Elena Saita