Archivi tag: pagare

Gialloverdi: la situazione economica si deteriora sempre più velocemente …

Andiamo sempre peggio …

Cosa sta succedendo?  Lo SPREAD, (°) con ‘sto governo Gialloverde, aumenta in maniera esponenziale. Come mai?
I rendimenti e lo spread dei nostri titoli di Stato sono parecchio saliti da maggio in poi in quanto chi normalmente investe nei nostri BoT (°°)  BTp (°°°) ha smesso di farlo.
Perché ? Vi chiederete voi , visto che i ‘’rendimenti’’ aumentano? Semplice! Costoro ormai ritengono che il prezzo di BOT e BTP, non sia più compatibile con il ‘’rischio’’ politico del Paese.
Cioè, l’investitore si domanda: ‘’’ E’ vero che investo in qualche cosa che mi dà un ritorno in interessi alto … ma investo anche in uno Stato ‘’poco sicuro’’ che potrebbe andare in default da un momento all’altro e rischio di perdere tutto … mi conviene? Naaaa … ‘’!
Quindi gli investitori esteri hanno ‘’disertato’’ in massa l’acquisto dei nostri Buoni del Tesoro e non hanno quindi rifinanziato il nostro debito.
Ma pure gli investitori italiani non è che si fidino tanto.
Eppure i ‘’gialloverdi’’ in chi confidano? Confidano nel piccolo risparmio di noi italiani. E cioè, per farla breve, nella liquidazione di vostro nonno o di vostro padre, messa in banca e investita per far fruttare un pò ‘sti soldi derivanti dal lavoro di una vita intera! Ma vostro nonno e vostro padre si fidano di comprare BOT e BTP italiani? Manco per le ‘’OO’’! Che genere di ‘’sicurezza’’ dà ‘sto Governo? Nessuna! E quindi? E quindi investono in altro … cose che magari rendono meno ma sono meno pericolose. Sareste felici se la vostra banca investisse i vostri risparmi in cose rischiosissime? NO vero? … ecco, appunto.
Per questo motivo i cittadini italiani non hanno voluto rispondere all’appello del ‘’duo Salvini/Di Maio’’ , che sperano invece in un maggior contributo da parte degli italiani e del loro ‘’risparmio privato’’, che sostengono essere ‘’senza eguali al mondo’’ per rifinanziare il debito pubblico che contano di aumentare!

Governo Giallo-verde: Salvini (fascista della lega), Conte una marionetta, Di Maio – da disoccupato, mantenuto dai genitori – a Ministro dello Sviluppo Economico. E poi ci chiediamo perchè non ispirino fiducia? … mah …

Avete capito i marpioni? Vogliono far debito per mantenere le promesse fatte in campagna elettorale! Ma non hanno i soldi e quindi o li chiedono all’Europa o li chiedono a noialtri! Anche perché per loro, ovvero gente che non ha mai lavorato i soldi ‘’piovono dal cielo’’ no? Prima glieli davano i genitori … mò glieli deve dare l’Europa oppure il ‘’POPOLO’’!
Tirando le somme ciò che si è visto finora è che gli investitori istituzionali e la BCE (Banca Centrale Europea) hanno aumentato si la loro esposizione in Buoni del Tesoro, compensando in parte la fuga dei fondi esteri e la freddezza dei risparmiatori italiani ma non abbastanza da impedire l’ aumento dello spread.
Avete capito adesso? Ci arrivate? Quando questo governo dice che noi non abbiamo problemi per ripagare il debito … parlano dei nostri risparmi!
Quindi chi ha quattro soldi, li dovrebbe, secondo loro, buttare nel debito che contano di fare per far ripartire il Paese ”a modo loro”, il che significa senza fare investimenti ma dando a ‘’pioggia’’ un pò di quattrini!

Meditate gente … meditate …

Alla prossima

Elena

.-.-.-.-.-.
(°) SPREAD = uno degli indicatori più usati per valutare la crisi italiana è lo “spread con i bund tedeschi”, lo spread è la differenza o “allargamento” (spread in inglese) di rendimento tra i titoli di Stato (come i btp) italiani e quelli tedeschi (“bund”). E cioè: meno l’Italia è credibile, più alti sono gli interessi che deve pagare per avere prestiti e più aumenta lo spread con i titoli tedeschi, giudicati invece molto affidabili.
Pagare alti interessi può infine avere come conseguenza l’impossibilità di ridurre i debiti, il che farebbe di nuovo crollare l’affidabilità del paese, in una spirale sempre più inarrestabile.

(°°) BOT o (Buono Ordinario del Tesoro) è un titolo di credito emesso dallo Stato con lo scopo di finanziare il debito pubblico nel breve periodo. Essi hanno una durata inferiore ai 12 mesi (3, 6 oppure 12 mesi) e, alla scadenza, permettono all’investitore di ottenere una somma pari al valore nominale del titolo che si possiede).

(°°°) BTP o (Buoni del Tesoro Poliennali) è anch’esso un titolo di credito, con la differenza però che viene utilizzato dallo Stato per pagare il debito pubblico nel medio-lungo periodo. I BTP infatti hanno una durata che può andare dai 3 ai 30 anni (3, 5, 7 10, 15 e 30 anni).

TASI – ALLA FACCIA DELLA SEMPLIFICAZIONE!

… LE ALIQUOTE SONO ”SOLO” 100 MILA ! GRRRRRR …

Passando in rassegna le decisioni dei sindaci si delineano i contorni di un prelievo ormai ”fuori controllo” le aliquote infatti risultano essere in tutto 98.155  !!! Che dire? VIVA LA SEMPLIFICAZIONE!!!

1400837332720_TASI

Le aliquote approvate dai Comuni, sono state calcolate dal team di Assosoftware-It Working per un totale di circa 1.200 tipologie di immobili.

A queste si sommano le ulteriori 100mila già previste per l’Imu. Roba da spararsi!

Questo è il labirinto in cui devono muoversi sia i professionisti che i disperati contribuenti alle prese proprio in queste settimane con tutte le anomalie della Tasi.

La produzione ”cartacea” e le parole che si sono prodotte sull’argomento hanno del ”surreale”!

A Bari la delibera Tasi è lunga 75 pagine ! Ma vi pare possibile?
Sono state scritte più di 400 pagine per definire il funzionamento della Tasi nei soli venti capoluoghi di regione.

Dai 75 fogli della delibera del Comune di Bari, alle 9 paginette scarne passate al vaglio del consiglio di Firenze, fino a doversi sorbire il documento da 63 pagine approvato da Palazzo Marino a Milano.

Da quella lunga a quella corta, scontrandosi addirittura – dicono i tecnici che in queste ore stanno esaminando i testi – con quella ”scritta a mano”! (Siamo nell’era di INTERNET ed i comuni scrivono le ”delibere a mano”)! Sigh …

Insomma ‘ste delibere sulla Tasi fanno di tutto per complicare la vita al contribuente ed il tanto amato  ”burocratese borbonico” e la fretta ”mettono in croce” chi deve pagare. Poi dicono che ”dobbiamo aver pazienza” … Grrrr …

Alcuni enti locali, inoltre, hanno l’assurda ed inutile abitudine di includere nel testo della delibera, consultabile sul sito delle Finanze, i pareri di conformità tecnica oppure il dibattito assembleare e gli emendamenti bocciati  questo ovviamente serve solo a confondere e va a scapito delle informazioni UTILI cercate dal contribuente!

I disperati contribuenti di Palermo che scaricano il provvedimento da internet, ad esempio, per capire quanto pagare devono leggersi il testo originario proposto dalla giunta, correggerlo con gli emendamenti e i sub-emendamenti approvati in fretta e furia in consiglio, e in parte scritti anche a mano. Il rischio di imbattersi in premesse o allegati che riportano aliquote superate solo in pochi casi viene alleviato da chi pubblica – in calce – un’utile tabella riepilogativa per tipologia di immobile. Anche in questo caso, comunque, qualcuno potrebbe confondersi: c’è chi le fissa in millesimi e chi in percentuale.

DICO … MA VI SEMBRA QUESTO IL COMPORTAMENTO DI UN PAESE CIVILE? O SOMIGLIA PIU’ A QUELLO DELL’AZZECCAGARBUGLI MEDIOEVALE ???

Nessuno contesta il fatto che una tassa sulla casa sia necessaria, specie per coprire i costi del Comune in cui la stessa casa è ubicata. Illuminazione stradale … fognature … manto stradale … etc … niente da obiettare in proposito. E’ una tassa che esiste in tutta Europa, MA … SEMPLIFICATE CRIBBIO!  NON AGITE SEMPRE E SOLO COME BUROCRATI DEFICIENTI! ANCHE COLORO CHE LE TASSE LE HANNO SEMPRE PAGATE INIZIANO AD AVERNE LE ”OO” PIENE!

SE NON SIETE CAPACI DI LEGIFERARE IN MODO INTELLIGENTE … COPIATE PARI PARI  … QUELLO CHE FANNO NEL RESTO DEL MONDO! E CHE CAVOLO!

Alla prossima

Elena

 

 

Un esempio a casa, qui come si comporta il comune di Jesi:

http://www.comune.jesi.an.it/opencms/export/jesiit/sito-JesiItaliano/Contenuti/SchedeServizi/tributi/visualizza_asset.html_1248602680.html

fonte:

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-09-19/tasi-rebus-7400-delibere-super-disabile-cane-randagio-tutti-modi-avere-sconto-212801.shtml?uuid=ABzpjQvB