Archivi tag: Vercelli

La DAD alle elementari …

Siamo stati in Italia la scorsa settimana. Siamo obbligati a muoverci, nonostante la cosa non ci entusiasmi per niente, per seguire la ristrutturazione della nuova casa.
I temponi nasofaringei per noi sono ormai diventati una sorta di routine. Mentre però in Francia li facciamo gratuitamente, in Italia ci tocca pagarli e sono dai 75 a 92 euro a cranio a seconda che li si faccia a Torino o a Vercelli.
Abbiamo comunque deciso che è giunta l’ora di tornare all’ovile. Nonostante l’Europa sia ‘’casa nostra’’ , gli ultimi anni è meglio passarli vicino ai propri affetti e, visto che in Italia abbiamo i nostri figli è bene tornare.
Ma non è questo di cui voglio parlare, piuttosto del fatto che ho avuto l’occasione di scoprire l’ebbrezza della DAD nelle scuole elementari.
Se devo essere proprio onesta, mi sono resa conto che la più agitata della faccenda ero io.
I miei nipotini, sia Gaia di 9 anni che Claudio di 7 gestivano la cosa sui loro Tablet in modo sereno e distaccato, attenti, silenziosi e parlando solo quando erano interrogati e/o quando non sentivano o vedevano nulla.
Le povere maestre hanno presto realizzato che la linea internet della scuola, lasciava veramente a desiderare, si sentiva una parola ogni 5 o 6 e l’immagine dell’insegnante era, il più delle volte, ferma e a ‘’quadretti’’.
C’era una cacofonia di: ‘’maestra non vedo … non capisco … non si sente niente … che cosa hai detto’’? E via discorrendo.
Io ero molto scoraggiata, la mia pazienza con questi aggeggi tecnologici è mooolto limitata.
Le insegnanti si sono rese presto conto che avrebbero dovuto utilizzare i loro cellulari e quindi, in poco tempo, tutto l’am ba ra dam, è stato messo a posto e i bambini hanno iniziato a fare lezione.
Devo ammettere che i bambini se la sono cavata benissimo.
A parte qualche piccolo problema tecnico, tipo alcuni video tratti da YouTube, che i bimbi non potevano aprire, per via dei ‘’blocchi’’ di sicurezza impostati giustamente dai genitori sui loro Tablet, ma a quello si è sopperito, senza gravi problemi aprendoli, in seguito, con i pc degli adulti. Tutto sommato quindi la lezione si è svolta in modo ”sereno”.
Detto questo è inutile negare che, mentre io ho la percezione che, con questo modo di far lezione, ci sia qualche cosa che non vada, che manchi il contatto visivo diretto, e quindi il contatto ‘’umano’’, i miei nipoti non vivono la faccenda nel mio stesso modo.
Questo per loro, visto che c’è il CoVid, è il modo di fare scuola in questo momento, quindi va bene così. Quelle sono le loro maestre e, se non le possono vedere in ‘’carne ed ossa’’ per loro non è un trauma particolare, ma è la realtà del momento e, tutto sommato si divertono pure.
Ci sono dei momenti divertenti anche per chi rimane in zona ad assistere a queste ‘’lezioni’’, tipo quando, di punto in bianco, mentre si legge un paragrafo a turno, si sente una vocina che dice: ‘’maestra, posso andare a fare pipì’’? E la risposta della maestra è: ‘’Ma certo cara’’.
Ma si sa le ‘’pipì’’ sono ‘’contagiose’’, forse più ancora del covid e, in men che non si dica la maestra si è ritrovata da sola, mentre i bambini sono andati tutti a fare pipì!
Comunque anche questa settimana è passata. Ora penso con ansia a come potrà gestire la cosa mia nuora, da sola, con due bambini.
Mi chiedo: ‘’Ma come si fa a lavorare in quel che chiamano ‘’smart working’’, che di ‘’smart’’ non ha proprio nulla, quando in contemporanea bisogna occuparsi di due bambini, con problemi di connessione, con la linea che sparisce, con dei video che, di colpo diventano tutti neri e non si sente più la voce della maestra’’?
E poi, i bambini devono anche pranzare. E il pranzo dei bambini non è affatto detto che coincida con la riunione in atto della mamma.

Cribbio che vita difficile che hanno i genitori di oggi.

Alla prossima

Elena