Archivi tag: Iraq

SIRIA- una guerra sporca …

… come tutte le guerre d’altronde. Ma questa ci fa orrore in modo particolare perchè, in teoria, ci sentiamo tutti troppo ”evoluti” per assistere indifferenti a ‘sto massacro!
Proviamo a mettere qualche punto fermo … giusto per cercare di capirci qualche cosa in ‘sto caos maledetto …

Quando è iniziata la crisi?
Nel marzo 2011 è esplosa la rivolta popolare contro il regime guidato da Bashar Assad. Un pò sull’onda delle altre Primavere Arabe e un pò per eliminare il regime del partito Bath. Il potere ha reagito alle manifestazioni di protesta con una repressione feroce. La contestazione, di stampo salafita, in seguito e grazie agli aiuti di nazioni sunnite del Golfo Persico si è trasformata in luna vera lotta armata.

Chi sono gli Assad?
Appartengono alla comunità minoritaria degli alawiti. Bashar è salito al potere nel 2000 alla morte del padre Hafez che era diventato presidente grazia ad un golpe nel 1970. Il delfino designato era Basil Assad, ma è deceduto in un incidente stradale e questo ha proiettato Bashar al vertice di un regime che conta comunque su un appoggio di parte della popolazione.

Chi sono i ribelli?
È uno schieramento variegato. Inizialmente erano disertori dell’esercito che hanno fatto fronte comune con settori della contestazione. Oggi operano dozzine di fazioni nazionaliste, islamiste, jadiste ed è presente anche l’Isis che vorrebbe instaurare la Sharia. I rapporti tra le formazioni non sono sempre facili, frequenti i cambi di alleanza, i contrasti e anche le battaglie tra loro. Il punto debole è la mancanza di coesione, l’assenza di un progetto comune e una leadership non ben identificabile.

Chi appoggia gli insorti?
Arabia Saudita, Qatar, Turchia sostengono gruppi diversi con denaro, invio di armi, supporto diretto e indiretto. Ognuno di questi paesi manovra per esercitare il suo ruolo attraverso gli ‘’insorti’’ da loro appoggiati e che combattono sul territorio. I paesi occidentali, specialmente Usa, Francia e Gran Bretagna, hanno garantito aiuti ad alcune ‘’brigate’’ dell’opposizione, ma non si capisce nemmeno bene quali … visto che c’è sempre il timore di scegliere il partner sbagliato.

Chi appoggia il regime?
La Russia, che ha schierato un contingente militare, e dispone di un paio di basi. L’Iran, da sempre alleato della Siria, ha inviato consiglieri e reclutato miliziani sciiti in Afghanistan, Pakistan, Libano, Iraq, che sono poi stati mandati a combattere a fianco dei governativi di Assad. Il movimento sciita libanese Hezbollah. L’Iraq. Teheran considera questo conflitto come parte di quello più ampio che oppone sciiti e sunniti. Per la stessa ragione i paesi del Golfo Persico si sono mobilitati in favore dell’insurrezione. Insomma un ‘’pastrocchio’’ di interessi ed etnie.

Quali sono gli obiettivi degli insorti?
Rovesciare Assad e sostituirlo con una nuova forma di governo. Ma sul futuro di questa ‘’nuova forma di governo’’ visto il numero e la diversità degli opponenti al regime, le idee sono diverse, confuse e … non manca chi insegue lo stato islamista. In passato i Paesi che sostengono l’opposizione hanno chiesto l’immediata partenza del dittatore, posizione che però è stata addolcita. Il leader se ne deve andare, ma senza fretta. C’è il timore del vuoto di potere e dunque si spera in qualche forma di transizione.

Quali sono gli obiettivi di Assad?
Piano A: riconquista dell’intero territorio siriano. Piano B: creazione di uno stato che comprende i principali centri urbani e l’area costiera. Ci sono evidenti rischi di spartizione, in particolare nel settore nord, al confine con la Turchia. Qui i guerriglieri curdi, giocando su più tavoli, puntano a rafforzare i loro territori. E per questo manovrano cercando sponde negli Usa, che garantiscono loro assistenza militare. Damasco però non vuole la frammentazione del territorio e quindi l’attrito con i curdi aumenta fino ad arrivare a prendersi a fucilate…

Quali sono gli obiettivi della Turchia?
Creare una fascia di sicurezza nel nord della Siria con due target: impedire la nascita di un’entità autonoma curda e disporre di un trampolino controllato da ribelli pro-turchi per incidere sul futuro della Siria. Negli ultimi mesi sono mutati i rapporti con i russi. Erano sull’orlo della guerra, ora c’è stato un riavvicinamento, forse temporaneo e tattico. Tutto cambia rapidamente e a seconda delle zone geografiche o del momento.

Quali sono gli obiettivi della Russia?
1) Proteggere l’alleato siriano. 2) Estendere la propria presenza militare nella regione. 3) Accrescere il peso nel Mediterraneo orientale. 4) Tenere a bada le ambizioni turche e contrastare il passo agli Usa. Da qui la presenza di truppe in Siria e di un grande dispositivo aeronavale. Il vero avversario del Cremlino sono gli insorti, l’Isis viene solo in un secondo momento. L’intenzione è quella di spingere i ribelli verso le ali più estreme in modo da negare l’esistenza di un’alternativa digeribile al regime. E in effetti l’azione del Cremlino non solo ha salvato Assad, ma gli ha permesso di recuperare molto terreno a scapito degli avversari.

Quali sono gli obiettivi della Cina?
Appoggiano Russia e Iran nel mantenere il regime di Assad. Probabilmente il loro interesse più grande è quello di voler mettere le mani sulla ricostruzione del Paese alla fine del conflitto.

Quali sono gli obiettivi Usa?
Lotta allo Stato Islamico e influenzare, attraverso parte della ribellione, il futuro della Siria. La presidenza Obama era stata però comunque prudente, la Casa Bianca aveva voluto evitare un coinvolgimento massiccio. Gli americani dispongono poi di due avamposti nell’area curda, basi dalle quali lanciano operazioni contro i jihadisti del Califfato.

Quali sono gli obiettivi dell’Isis?
Oltre all’instaurazione della Sharia … hanno ovviamente bisogno di un terreno e quindi difendono le cosiddette sone conquistate e cioè le ‘’aree del Califfato’’ mantenendo la continuità territoriale, se possibile, tra il nord est della Siria e l’Iraq. Gli uomini di al Baghdadi controllavano città ed ampie zone che recentemente hanno però perso. Nel conflitto siriano si battono contro i ribelli contro Assad, contro gli Usa, contro i curdi e contro il regime.

Questa dovrebbe essere Aleppo prima e dopo …

29342152_10211600965195934_7550275940538908672_n29343256_10211600966435965_2220502949640011776_n

E’ notizia di oggi, 19 marzo 2018, che la città di Afrin sta per cadere. Se non è già caduta. La bandiera turca ora sventola sugli edifici pubblici della capitale del cantone della Siria nord-occidentale controllato da tre anni dai curdo siriani. Dopo un’offensiva durata 58 giorni, l’esercito turco, insieme alle milizie arabo-sunnite dell’esercito libero siriano, sembra aver raggiunto il suo primo obiettivo.

Le organizzazioni internazionali hanno accusato le forze governative e le sue milizie di usare i civili come scudi umani, di puntare intenzionalmente le armi su di loro, di usare armi chimiche, di eseguire omicidi di massa. Ma anche i ribelli anti-governativi sono stati accusati di abusi dei diritti umani tra cui torture, sequestri, detenzioni illecite ed esecuzioni sia di soldati che di civili.
I cittadini siriani … uomini, donne, vecchi e bambini non sanno più come fare per salvarsi. Vivono come topi sotto le macerie … non hanno né cure mediche … né cibo nè acqua.

Ma quanto può ancora durare questo sfacelo? Alla faccia della Guerra Civile! Una guerra vergognosa in cui si mescolano potere, odio razziale, odio religioso, interessi nazionali diversi … che orrore! Proprio vero che discendiamo da Caino e Abele!

Alla prossima

Elena

.-.-.-.
fonti: sole24ore,corriere,stampa.wikipedia,rete in generale

TERRORISTI DELL’ ISIS – CHI SONO? CHI LI FINANZIA? COSA VOGLIONO?

Abu-Bakr-al-Baghdadi-Al-Qaeda-Iraq-ISIS-400x330Abu Bakr al Baghdadi

 Eccolo qui il leader dell’ISIS, Abu Bakr al Baghdadi, un tizio che ha trasformato poche cellule terroristiche, al limite dell’estinzione, nel più pericoloso gruppo di fanatici del mondo.  L’obiettivo dell’ISIS è di creare un ”califfato” o una sorta di stato islamico nelle aree sunnite di Iraq e Siria, utilizzando, come forma di governo la Sharia.

Dato che hanno anche conquistato Mosul, la seconda città dell’Iraq,  l’obiettivo non appare poi così utopico. L’ISIS oggi controlla territori in cui il potere dei precedenti governi è ormai praticamente ”evaporato”.

Ma da dove arrivano  costoro?

Quando gli americani se ne sono andati dall’Iraq … gli ufficiali iracheni iniziarono già allora a  parlare di una ”terza generazione di Al Quaeda in Iraq. La nuova Al Qaeda è praticamente rinata nel 2006 come ISI (Islamic State in Iraq) l’aggiunta della ”S” finale (ISIS) è avvenuta in seguito e si riferisce al territorio Siriano. Visto infatti il casino che c’è in Siria loro ne hanno subito approfittato. L’ISIS recluta, a differenza di Al Qaeda,  anche ”Sunniti” (moderati rispetto agli sciiti) che si sentono messi in posizione di minoranza dal Primo Ministro Iracheno Nuri al-Maliki (Sciita) un dissidente della Shia, che ha agito a suo tempo contro Saddam Hussein e che oggi è Primo Ministro.

Ricordiamoci che, dopo la deposizione di Saddam, ci furono le elezioni e vinsero gli Sciti, quindi oggi gli sciiti sono al governo in Iraq, e ovviamente alla più colta e laica minoranza sunnita la cosa non va affatto bene.

Chi è il capo dei terroristi dell’ISIS?

Abu Bakr al Baghdadi!  Costui è arrivato al potere all’età di 39 anni dopo che Abu Omar al Baghdadi  fu ucciso in una operazione congiunta tra Iraq e USA. (Sono tutti parenti …) Non si sa un gran che di questo personaggio tranne il fatto che possieda un PHD (Dottorato di ricerca) in studi islamici! Sigh (Adesso sfatiamo una leggenda. Possedere un dottorato in studi islamici significa sapere a memoria tutte le sunne del Corano. Grande memoria ma intelligenza proprio pochina.) Costui ha formato il suo gruppo militare nelle aree di Samarra e Diyala, dove la sua famiglia ha origine, prima di confluire in Al Qaeda in Iraq. E’ stato quattro anni in un campo di prigionia americano a Bucca, dove ha sviluppato una buona rete di contatti e perfezionato la sua ideologia. Nel 2009 fu rilasciato e iniziò a lavorare per creare l’ISIS!

Cosa vuole l’ISIS?

Vuole creare un califfato, o uno stato tra Iraq e Siria e imporre la legge della Sharia. Sharia è quel sistema orribile che vige negli emirati arabi. Dove ragazzi e ragazze devono essere separati.  Le donne devono indossare il Niqab o il velo intero in pubblico. Non possono né guidare né accedere a studi superiori … dove la giustizia è applicata in modo brutale e la musica è bandita. Le regole sono ancora più dure durante il ramadan. Insomma la Sharia copre tutti gli aspetti della vita, religiosi e civili ed è un sistema medioevale!

Eppure … pensiamoci un attimo, i più ricchi de mondo, i califfi dell’Arabia Saudita applicano proprio questo sistema: la Sharia. Nel senso che costoro tagliano le mani ai ladri nelle piazze … lapidano le donne … le donne non possono guidare … devono indossare il velo … non possono studiare … insomma costoro hanno denaro a palate, ma non si sono evoluti per niente. Fanno il bello ed il brutto tempo nei loro paesi e posseggono il petrolio. I loro denari sono investiti in tutte le attività che ”rendono” e sono ovviamente distribuiti in giro per tutto il mondo.

Anche solo l’idea di ”democrazia” e ”diritti” a costoro fa venir la ”pelle d’oca”. Stanno benissimo così com’è. E più c’è casino meglio è … magari a loro l’ ISIS va anche bene … E noi ci lamentiamo delle ingerenze del Vaticano!  ah ah ah ah … questi lapidano le donne in piazza!

 

Dove prende i soldi l’ISIS?

Estorsione …  come domandare denaro ai camionisti minacciandoli di perdere il lavoro … derubando banche ed oreficerie. Questo denaro anche se non moltissimo assicura un fiume ininterrotto di attacchi suicidi ed assassini che avvelenano l’atmosfera politica. Attaccano le prigioni e liberano centinaia di prigionieri che si arruoleranno tra le loro fila. Utilizzano il denaro che trovano nelle banche delle città conquistate  le armi della polizia locale.                            Queste sono le fonti ufficiali … ma mi sa che c’è qualche altro ”potente” che li finanzia. Un potente che ha denaro ma che vive come nel Medio Evo!                   Quali sono i potenti sunniti al mondo oggi? Facciamoci una domanda … diamoci una risposta!

Come mai l’ISIS continua a crescere?

Pare che ‘sto Al Baghdadi eviti gli errori fatti da al-Zarqawi’s (il precedente capo di Al Qaeda) evitando la divisione tra le potenti tribù. Quando ad esempio catturò Falluja, ad ovest di Baghdad, lavorò di comune accordo con le locali tribù e non si sognò neppure per un attimo di mettere la SUA bandiera nera sulla città conquistata. L’ISIS cerca di catturare e di coinvolgere il risentimento di quei Sunniti a cui è stato tolto il potere. Sia in Siria che in Iraq cerca di vincere il favore della gente attraverso opere benefiche come creare attività di ricreazione per i bambini … (quando non li arruola direttamente come soldati) … distribuisce cibo e petrolio e organizza ospedali. Quello che chiede in cambio è il rispetto ed il rafforzamento della Sharia.

Per l’ISIS Siria ed Iraq sono campi di battaglia intercambiabili. L’esplosione della violenza in Siria è stata un regalo per loro. Il presidente siriano Bashar al-Assad ha perso il controllo su larga parte del Nord e lungo i confini con l’Iraq … lasciando a costoro ampi spazi di manovra.

Insomma quello che è strano è che i ”moderati Sunniti” oggi fanno parte dell’ISIS e combattono contro gli Sciiti che sono al governo in Iraq. I sunniti che non volevano al tempo di Saddam la ”Sharia” oggi la chiedono a gran voce … mah … capirci qualche cosa è difficile.

Mi chiedo … ma a ”chi” giova tutto sto casino? Chi ha paura della democrazia? Chi ha paura delle ”primavere arabe”? Chi ha paura di paesi che cercano di diventar ”moderni”? Dove ”democrazia” e ”diritti” per tutti siano parole con un peso effettivo?

Eppure questi paesi martoriati possiedono il petrolio … dovrebbero esser la culla del futuro, considerando che possiedono i denari per migliorarlo ‘sto futuro …invece …

Meditiamo gente … meditiamo …

Alla prossima

Elena

 

Sciiti … Sunniti … Curdi … che guaio!

Come mai Sunniti e Sciiti litigano a ”sangue”?

Stamattina sono andata su: ”santa rete” e mi sono documentata un pochino, ecco che cosa ho scoperto …

Nella zona che oggi chiamiamo Iraq si erano scontrati a lungo gli imperi persiano e quello romano, la cui eredità venne raccolta da quello di Bisanzio.

Irak

In quelle zone avevano convissuto molte popolazioni differenti. Da quelle semitiche come i babilonesi e gli assiri, ad altre di origine indoeuropea, come i persiani e i medi da cui discendono i curdi.  ll carattere oppressivo dell’impero bizantino facilitò in qualche modo la conquista araba e la successiva conversione all’Islam.

Dopo la sconfitta dell’armata persiana nel 636, la Mesopotamia e la Persia vennero inserite nel califfato Omayade  con capitale Damasco.

Ed è proprio da qui nasce l’eterno conflitto tra Sunniti e Sciiti!

Pochi anni dopo la conquista islamica vi fu uno scontro violento tra le tribù per la successione al potere tra il califfo di Damasco e il “partito” (shìa) di Ali, cugino e al tempo stesso genero di Maometto. Lo scontro si concluse nel 661 con la morte di Ali a Kufa.

Questa battaglia tra ”tribù” se vogliamo chiamarle così,  determinò la grande frattura tra “l’ortodossia” sunnita di Damasco (e di quasi tutto il resto del mondo islamico) e “l’eresia fanatica” sciita, che si diffonde e si consolida soprattutto nei territori che erano stati persiani, anche come forma religiosa della resistenza al potere di Damasco.

La ”religione sciita” si radica anche nel sud dell’attuale Iraq, dove ci sono i principali “santuari” sciiti sulle tombe di Ali a Najaf, di suo figlio Hussein a Kerbela, e di altri tre dei dodici imam (capi della comunità/tribù) riconosciuti dagli sciiti.

Quell’antica controversia religiosa ha creato uno dei maggiori problemi di oggi, in Iran. Ma anche in Iraq, in Libano e in altri paesi.

Per scpiegare meglio: mentre  i sunniti hanno sempre tenuto in alta considerazioni i primi califfi successori di Maometto e considerano ”sunna” (ossia legge) le loro interpretazioni e aggiunte al Corano, gli sciiti li ritengono usurpatori, e hanno considerato legittimi solo i discendenti e successori di Ali.

Le implicazioni sono evidenti: al rifiuto del potere tradizionale riconosciuto dai sunniti, si accompagna, da parte sciita,  una sistematica denuncia della sua empietà e un forte radicalismo/fanatismo.

Queste divergenze per l’Iraq saranno ancora più gravi. La creazione a tavolino di questo Stato nel 1921 ha fatto sì che la maggioranza della popolazione sia sciita, mentre i gruppi dirigenti che si sono succeduti dalla fine della prima Guerra mondiale a oggi sono stati tutti sunniti.  Saddam Hussein, ad esempio, era sunnita …

Gli sciiti – in gran numero in Iran – si recavano ogni anno in pellegrinaggio NON alla Mecca, ma bensì a Kerbela  alla tomba del figlio di Ali, o nella città santa di Najaf, entrambe in Iraq, ovviamente approfittando del pellegrinaggio per fare proselitismo.

A Najaf si era rifugiato pure l’ayatollah Komeini, espulso dall’Iran verso la Turchia nel 1965, e poi dopo appena un anno scacciato anche da quel paese. Alla fine del 1977, meno di due anni prima del suo ritorno trionfale in patria, Komeini sarà espulso da Saddam Hussein, su richiesta dello Scià, con cui il dittatore iracheno aveva negoziato poco prima un accordo che riconosceva le pretese iraniane sullo Shat-el-Arab, in cambio della cessazione di ogni aiuto alla guerriglia curda.

Eh già, nella zona Il ”terzo incomodo” è rappresentato dei curdi !

I problemi determinati dall’assemblaggio di un sud sciita, inevitabilmente attratto da Teheran, e di una regione centrale sunnita, sarà complicato dall’aggiunta nel 1922 di una terza provincia, quella curda di Mosul, che storicamente aveva poco a che fare con il resto dell’Iraq, ma che venne aggregata alla nuova formazione statale per sottrarla alla Turchia che invece la rivendicava.

La Turchia in quegli anni era non solo nazionalista e impegnata in una forte modernizzazione, ma in buoni rapporti con la Russia comunista,  mentre l’Iraq nasceva come Stato ”controllato’ dalla Gran Bretagna/USA, non esattamente ”pappa e ciccia” con la Russia, quindi perché mai far un ”piacere” alla Turchia lasciandole la regione del Mosul, popolata da Curdi?

Se le due province di Baghdad e Bassora avevano già un sacco di rogne tra sunniti e sciiti, l’inserimento di una cospicua minoranza curda (pari forse al 25% o più della popolazione complessiva) ne creava uno ben maggiore. La zona era destinata a diventare una ”polveriera”!

I curdi hanno una lingua del tutto diversa … sono di ceppo indoeuropeo. Sono, è vero, quasi tutti musulmani sunniti, ma sostanzialmente estranei alla grande polemica con gli sciiti.

Dopo la prima Guerra mondiale, dopo secoli di vita sostanzialmente indipendente all’interno dell’impero ottomano, i curdi avevano rivendicato la formazione di uno Stato vero e proprio nel quadro della riorganizzazione dell’area in Stati nazionali.

Ad un certo punto (1918) i curdi tentarono di costituire un loro Stato almeno nella zona di Mosul, Kirkuk e Sulaimanya, ottenendo inizialmente l’appoggio del rappresentante britannico nella zona, che nominò un curdo come governatore.

Tutta l’area periferica dell’ex impero ottomano era lacerata dalle interferenze delle varie potenze europee, che promettevano l’indipendenza alle diverse etnie non turche …

Nel Trattato di Sèvres del 10 agosto 1920 veniva riconosciuto il diritto del popolo curdo all’indipendenza. Una sorta di cintura tra Turchia e Russia e che si pensava fosse facilmente controllabile dagli inglesi.  Ma la commissione di tre membri (uno britannico, uno francese e uno italiano) che secondo il Trattato di Sèvres doveva preparare uno Statuto per l’autonomia della regione curda  non si riunì mai!

Persino la Georgia era stata, in quel periodo “offerta” all’Italia dai britannici, che erano sì presenti in quasi tutto il Caucaso, ma che, vigliacco se  riuscivano a controllarlo tutto. Una consistente delegazione di politici, giornalisti e affaristi italiani si era affrettata a esplorare la situazione e a stabilire contatti con la borghesia locale antibolscevica della Georgia,  prima di accettare un formale mandato della Società delle Nazioni.

Ma …  nel febbraio del 1921 l’Armata Rossa entrava in Georgia, che diventava repubblica sovietica … e il progetto della ”Georgia italiana” andava a farsi benedire!

Il parlamento nazionale di Ankara intanto, nel marzo 1920, aveva rifiutato di ratificare il trattato di Sèvres, per uno Stato Curdo e aveva varato invece un progetto di Costituzione in cui veniva riconosciuta la nazionalità curda e si parlava di uno Stato federale turco-curdo.

La funzione di contenimento della Russia che avrebbe dovuto avere un Kurdistan indipendente secondo i progetti dell’Intesa veniva dunque a cadere, dopo la riconquista turca delle regioni curde settentrionali adiacenti al territorio sovietico. Non c’era più la possibilità di uno “Stato cuscinetto”.

Nel frattempo poi era stato trovato il petrolio nella regione di Mosul e quindi vennero dimenticate tutte le promesse fatte ai curdi nel trattato di Sèvres, e cancellata la stessa concessione di una sostanziale autonomia sotto tutela inglese avviata nella zona di Mosul, Kirkuk e Sulaimanya nel 1918.

Quando nel settembre 1922 le potenze dell’Intesa firmarono a Losanna un nuovo trattato di pace con la Turchia, che sostituiva quello di Sèvres e teneva conto dei nuovi rapporti di forza, i curdi non furono neppure invitati.

La maggior parte dei territori storici dell’Anatolia venivano riconosciuti alla Turchia ma della regione di Mosul, e del suo petrolio,  non se ne parlò proprio.

La Turchia protestò, dato che riteneva di avere diritti storici su Mosul, anche perché – rimangiandosi le promesse del 1920 – aveva già cominciato a negare persino (come nega tuttora) l’esistenza di un popolo curdo. Secondo il governo turco i “i curdi, anche se parlano lingue diverse, non differiscono in nulla dai turchi”, sicché i due popoli formerebbero “una sola entità etnica, religiosa e con gli stessi costumi”.

La Turchia, stremata dalla lunga guerra di liberazione nazionale e confrontata con i complessi problemi dello scambio di popolazioni (un milione e mezzo di greci furono espulsi dal suo territorio, dove arrivavano invece i turchi cacciati dalle regioni balcaniche occupate dalla Grecia), dovette rassegnarsi  alla perdita del Mosul … ed al suo preziosissimo petrolio.

Alla fine di quel dopoguerra, i curdi si trovarono divisi tra i territori di cinque Stati: la maggioranza in Turchia, una parte consistente in Iraq (dopo l’intervento di Saddam non ne sono rimasti molti di curdi …)  e in Iran, mentre comunità di minori dimensioni erano rimaste in Siria e nel Caucaso sovietico. Così una ”etnia” di molti milioni di persone (i curdi valutano la loro consistenza a 25 milioni) è rimasta priva di uno Stato, mentre sono stati riconosciuti nella zona Stati con una popolazione minore e senza nessun precedente storico.

Ciò è stato possibile forse sia per l’eredità di un lungo passato di principati feudali indipendenti che si combattevano tra di loro, sia perché anche le nuove formazioni indipendentiste dei curdi di Turchia, Iraq e Iran non hanno collaborato tra loro e si sono scontrate in alcuni casi con le armi, offrendo non pochi spazi ai loro nemici. In particolare il regime iracheno e quello iraniano hanno spesso finanziato e armato le organizzazioni curde operanti nello Stato rivale.

Il succo del discorso è che cercare di tracciare una linea intorno ad un territorio e chiamare “entità politica” ciò che vi è al suo interno è una ”follia”! Eppure …  con i ”confini disegnati a tavolino” noi abbiamo ignorato quattromila anni di storia!

Bel casino abbiamo combinato vero?

Guai simili li abbiamo combinati in Africa! Altri confini a ”tavolino” … che hanno creato dei problemi senza senso tra popolazioni diverse e in disaccordo. Risultato? Etnie completamente annientate! Gli splendidi Watussi sono stati trucidati tutti! Gli Hutu ed i Tutsti continuano a massacrarsi a vicenda.

I confini devono esser ”messi in piedi” dalla Storia e dalla volontà dei popoli …

Alla prossima

Elena Iraq,