Archivi tag: medici

Il giardinaggio è pericoloso …

Dovrei portare Luke a fare una passeggiata, ma prima voglio ancora togliere questa erbaccia, ormai l’ho quasi completamente sradicata … uno strattone e … alè!

Mi sono ritrovata in volo, i miei occhiali volteggiavano sopra di me mentre cadevo, di schiena, sulla terra indurita dell’orto.
Inconsciamente devo essermi girata per proteggere la schiena, visto che sono il ‘’festival delle ernie discali’’ ed ho il terrore di farne uscire altre.
Quindi, per farla breve, la mia mano sinistra purtroppo chiusa, ha toccato per prima il duro terreno con tutto il mio peso sopra!
Un male folgorante, per un attimo ho visto tutto ‘’nero’’ e ho pensato di svenire.
La mia attenzione però è stata attratta dalla mano sinistra che aveva, nonostante il guanto da giardinaggio che indossavo, una posizione ‘’anormale’’.
Il braccio e la mano non sono in assetto. La mano è spostata a sinistra rispetto al braccio. Ohh … mamma mia che orrore.

Chiamo disperatamente mio marito, attendo un pò, ma non succede niente.
Riprovo a chiamare, niente.
Cerco di respirare profondamente e con metodo per non svenire e intanto ascolto i rumori circostanti e realizzo che Antonio, mio marito, che in pratica non fa mai niente, proprio in quel momento stava tagliando l’erba del prato,  facendo quindi un chiasso incredibile ed ovviamente non sentendo i miei richiami.
Mi alzo dolorante e, reggendomi il polso con la mano destra vado nella direzione del rumore continuando a chiamare. Manco una piega.
Finalmente gli arrivo davanti e cado in ginocchio.
Ringraziando il Signore invece di passarmi addosso o di fianco, mio marito come quasi tutti gli uomini ha una visione a ‘’canna di fucile’’, mi vede per fortuna,  spegne il tosaerba e mi chiede: ‘’Cosa hai combinato’’?
Piangendo dal male gli spiego. Tenendomi, mi accompagna in casa dove mi butto sul divano. Luke viene vicino e mi lecca, alla faccia del CoVid19, per consolarmi.
Antonio mi toglie lo spesso guanto da giardino e, quando vede la situazione, senza parlare inizia a chiudere casa.
Ci mettiamo in auto e partiamo in direzione Ospedale Le Bonnet di Frejus.
Visto la situazione pandemia posso entrare solo io, faccio le pratiche all’accettazione dopo di che mi mettono in sala d’attesa, dove rimango per circa due ore.
Finalmente mi fanno i raggi, come vedono le lastre mi prendono e mi coricano su una lettiga, mi fanno una flebo di morfina e mi ricoverano!
Sempre così a Le Bonnet, non mi prendono mai sul serio. Anche quando mi sono rotta il piede non avevano fatto una piega fino a quando non avevan visto le lastre. Vabbè.
Giovedì mattina, giorno dell’Ascensione, mi sveglio di soprassalto alle 5,15 a causa di urla belluine femminili! Aiuto, soccorso, nooooooo, pietà, noooooooo … soccorso, nooooo.
Resto in silenzio con le orecchie tese, sento altre voci, ma non capisco cosa stiano dicendo.
Immagino stiano facendo le medicazioni, guardo il cellulare e vedo che a quell’ora non è possibile. Dopo un pò la porta di camera mia si apre ed un infermiere, in punta di piedi, entra chiedendomi se va tutto bene, al che gli rispondo che io si sto bene ma che non credo stia bene la persona che è nella camera accanto alla mia.
Mi spiega che è una Signora con dei problemi psicologici, che di notte si gira nel letto talmente tanto da rimanere incastrata tra le sbarre alzate. Dato che è stata operata ad una spalla le manovre per rimetterla in sesto non devono esser piacevoli, ecco il motivo delle urla. Poverina.

Cerco di riposare ancora un pò. Verso le 9,30 mi portano nel blocco operatorio per una pre anestesia.

Ora dovete sapere che io sono una ‘’fifona’’ e che l’idea di farmi affettare da qualcuno non è che mi riempia di gioia. Quindi ecco che inizio, dopo alcuni convenevoli di rito,  a far domande a chirurgo ed anestesista.

Io: ‘’Buongiorno dottore, lei ha visto le mie lastre’’?
D.: ‘’Certo che le ho viste’’!
Io: ‘’E una frattura scomposta e fuori asse come procederete per l’intervento’’?
D: ‘’Non si preoccupi quando aprirò mi renderò conto ed agirò di conseguenza, metterò comunque dei chiodi e delle viti, oppure degli anelli, vedremo …’’
Io: ‘’Quanti interventi al polso fate durante l’anno’’?
D.: ‘’Circa 365! Di solito uno al giorno’’!
Io: ‘’ Ah.., bene! Ma … adesso le mie lastre dove sono’’?
D.:’’ Adesso non le ho qui’’.
Io: ‘’Ma come non le ha? E come fa ad operarmi’’?
D.: ‘’Forza con l’anestesia! Altrimenti non la smette più di parlare’’!
Io: ‘’Ma come fa ad operarmi se non ha le mie last …

E poi più niente.

Mi sono risvegliata più tardi con un’infermiera che mi chiedeva: ‘’Allora? Come va? Tutto bene”?
Devo averle blaterato una risposta perché dopo un pò è tornata sorridendo.
Tornata in camera mi sono vista portare un vassoio con dentro di tutto di più!
Un contenitore con della pasta non ben identificata alla besciamella, una rolatina di pollo farcita con una accompagnamento di crocchette di patate. Formaggio e dolce.
Mamma mia! Alla faccia dell’intervento. Comunque ho mangiato il pollo e anche qualche crocchetta! Lo stomaco non mi crea nessun problema.

Stare in ospedale in tempo di CoVid19 ha dei vantaggi e degli svantaggi.
Il vantaggio è che sei solo in camera. Il che non è male. Gli svantaggi sono che, non vedi nessuno, nessuno può venire a trovarti e non puoi leggere. Nell’ospedale ,sono scomparsi giornali e riviste, in quanto veicoli di contagio.
Arrivando d’urgenza da casa non avevo certo preso un libro, già tanto che avessi in borsa lo spazzolino da denti. Quindi che fare? Cantare!
Ho passato due giorni dormendo, mangiando e cantando.
Il venerdì pomeriggio per fortuna già tornavo a casa.
I primi giorni il polso mi faceva un male terribile, oggi, martedì 26 sono riuscita a scrivere tutto questo, quindi, va molto meglio.
Il 22 mi faranno una visita di controllo, il 29 mi rivedrà l’anestesista e il 7 luglio mi riopereranno nuovamente per togliere i ferri.
Che ‘’OO’’! Mi sa che fino a fine agosto non potrò guidare. Basta giardinaggio! Mio figlio per prendermi in giro mi ha detto che il ‘’giardinaggio’’ è incluso nei corsi di sopravvivenza.

Alla prossima

Elena

Coronavirus – Elenco dei Medici morti in Italia …

Questo è l’elenco dei medici italiani morti, sino ad oggi a causa del coronavirus. Sono tanti, troppi, ed andranno ad inspessire ulteriori elenchi che devono ancora arrivare sia dal nostro Paese che nel mondo. 

Noi popolo siamo inorriditi da quanto sta succedendo. Siamo chiusi in casa nostra, guardando telegiornali e cercando di ‘’minimizzare’’ una situazione che non riusciamo a definire e di cui abbiamo una fottuta paura. 

Questo crudo elenco ci serva a ricordarci di ‘’stare tappati in casa’’ per alleggerire i contagi e di conseguenza aiutare tutto il personale medico che sta letteralmente ‘’dando la vita’’ per curarci!

  1. Roberto Stella 22 07 1952 † 11 03 2020 – Presidente dell’Ordine dei Medici di Varese, Responsabile Area Strategica Formazione FNOMCeO, Presidente nazionale della SNAMID – Varese
  2. Giuseppe Lanati 24 08 1946 † 12 03 2020 – Pneumologo – Como
  3. Giuseppe Borghi 19 01 1956 † 13 03 2020 – Medico di Medicina Generale  – Lodi
  4. Raffaele Giura 23 10 1940 † 13 03 2020 – Ex primario del reparto di Pneumologia – Como
  5. Carlo Zavaritt 23 02 1940 † 13 03 2020 – Pediatra e neuropsichiatra infantile – Bergamo
  6. Gino Fasoli 09 12 1946 † 14 03 2020 – Medico di medicina generale già in pensione richiamato per l’emergenza Covid-19 – Brescia
  7. Luigi Frusciante 13 02 1949 † 15 03 2020 – Medico di Medicina Generale  – Como
  8. Mario Giovita 27 04 1954 † 16 03 2020 – Medico di Medicina Generale  – Bergamo
  9. Luigi Ablondi 05 02 1954 † 16 03 2020 – Epidemiologo, ex direttore generale dell’Ospedale di Crema – Cremona
  10. Franco Galli 28 03 1954 † 17 03 2020 – Medico di Medicina Generale  – Mantova
  11. Ivano Vezzulli 27 12 1958 † 17 03 2020 – Medico di Medicina Generale e medico dello sport – Lodi
  12. Massimo Borghese 12 03 1957 † 18 03 2020 – Specialista in Otorinolaringoiatria e Foniatria – Napoli
  13. Marcello Natali 13 09 1963 † 18 03 2020 – Medico di Medicina Generale , segretario della Federazione dei medici di Medicina generale di Lodi – Lodi
  14. Antonino Buttafuoco 14 06 1953 † 18 03 2020 – Medico di Medicina Generale  – Bergamo
  15. Giuseppe Finzi 21 04 1957 † 19 03 2020 – Ematologo e docente a contratto di Malattie vascolari all’Università di Parma – Parma
  16. Francesco Foltrani 08 02 1953 † 19 03 2020 – Medico di Medicina Generale  – Macerata
  17. Andrea Carli 02 05 1950 † 19 03 2020 – Medico di Medicina Generale  – Lodi
  18. Bruna Galavotti 03 04 1933 † 19 03 2020 (data segnalazione)
  19. Psichiatra, Decana dell’Associazione Donne Medico di Bergamo – Bergamo
  20. Piero Lucarelli 14 01 1946 † 19 03 2020 (data segnalazione) – Anestesista – Bergamo
  21. Vincenzo Leone 23 01 1955 †  21 03 2020 – Medico di medicina generale – Bergamo
  22. Antonio Buonomo 14 01 1955 †  21 03 2020 – Medico legale – Napoli
  23. Leonardo Marchi 01 01 1956 †  21 03 2020 – Medico infettivologo, direttore sanitario Casa di Cura San Camillo – Cremona
  24. Manfredo Squeri 06 01 1944 †  23 03 2020 – Già medico ospedaliero, attualmente responsabile del reparto di Medicina nella Casa di Cura Piccole Figlie di Parma convenzionata con SSN – Parma
  25. Rosario Lupo 02 10 1955 †  23 03 2020 – Medico legale – Bergamo
  26. Domenico De Gilio 09 11 1953 † 19 03 2020 – Medico di medicina generale – Lecco
  27. Calogero Giabbarrasi 28 09 1951 † 24 03 2020 – Medico di medicina generale – Caltanissetta
  28. Renzo Granata 28 09 1951 † 23 03 2020 – Medico di medicina generale – Alessandria
  29. Ivano Garzena 07 10 1971 † 23 03 2020 – Odontoiatra – Torino
  30. Ivan Mauri 30 09 1950 † 24 03 2020 – Medico di medicina generale – Lecco
  31. Gaetano Autore 12 12 1951 † 25 03 2020 – Medico di medicina generale – Napoli
  32. Vincenza Amato 22 05 1954 † 24 03 2020 – Dirigente Medico Responsabile U.O.S. Igiene Sanità Pubblica del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria – Bergamo
  33. Gabriele Lombardi 20 08 1951 † 18 03 2020- Odontoiatra – Brescia
  34. Mario Calonghi 14 03 1965 † 22 03 2020 – Odontoiatra – Brescia
  35. Marino Chiodi 30 05 1949 † 22 03 2020 – Oculista – Bergamo
  36. Carlo Alberto Passera 20 05 1957 † 25 03 2020 – Medico di medicina generale – Bergamo
  37. Francesco De Francesco 09 03 1938 † 23 03 2020 – Pensionato, già medico ospedaliero, scultore e pittore – Bergamo
  38. Antonio Maghernino 14 09 1960 † 25 03 2020 – Medico di continuità assistenziale – Foggia
  39. Flavio Roncoli 08 05 1930 † 03 2020 – Pensionato – Bergamo
  40. Marco Lera 30 10 1951 † 20 03 2020 – Odontoiatra – Lucca
  41. Giulio Titta 23 02 1947 † 26 03 2020 – Medico di famiglia, ex-segretario FIMMG – Torino
  42. Benedetto Comotti † 26 03 2020 – Ematologo.
  43. Dino Pesce † 26 03 2020 – Medico internista, per vent’anni primario del reperto di medicina generale dell’ospedale Villa Scassi di Sampierdarena
  44. Giulio Calvi † 26 03 2020 – Medico di medicina generale
  45. Marcello Ugolini † 27 03 2020 – Pneumologo, consigliere dell’Ordine dei Medici
  46. Abdel Sattar Airoud † 16 03 2020 – Medico di medicina generale
  47. Giuseppe Maini † 12 03 2020 – Medico di medicina generale
  48. Luigi Rocca † 26 03 2020 – Pediatra
  49. Maurizio Galderisi † 27 03 2020 – Cardiologo e professore di Medicina Interna all’Università Federico II di Napoli
  50. Leone Marco Wischkin † 27 03 2020 (data segnalazione) – Medico internista
  51. Rosario Vittorio Gentile † 22 03 2020 – Medico di medicina generale, specialista in allergologia ed ematologia
  52. Francesco Dall’Antonia † 24 03 2020 – Ex-primario della Chirurgia I di Vicenza
  53. Abdulghani Taki Makki † 24 03 2020 – Odontoiatra – Medico penitenziario † 26 03 2020*
  54. Aurelio Maria Comelli † 28 03 2020 (data segnalazione) – Cardiologo
  55. Michele Lauriola † 28 03 2020 (data segnalazione)* – Medico di medicina generale
  56. Francesco De Alberti † 28 03 2020 – Ex presidente OMCeO Lecco
  57. Mario Luigi Salerno † 28 03 2020 (data segnalazione) – Fisiatra
  58. Roberto Mario Lovotti † 28 03 2020 – Medico di medicina generale
  59. Domenico Bardelli † 20 03 2020 – Odontoiatra
  60. Giovanni Francesconi † 30 03 2020 (data segnalazione)* – Medico di medicina generale
  61. Valter Tarantini † 19 03 2020 – Ginecologo
  62. Guido Riva † 30 03 2020 (data segnalazione)* – Medico di medicina generale
  63. Gaetana Trimarchi  † 30 03 2020 – Medico di medicina generale
  64. Norman Jones † 27 03 2020 – Cardiologo, ex primario della cardiologia del centro di riabilitazione “Trabattoni-Ronzoni” di Seregno
  65. Roberto Mileti † 30 03 2020 – Ginecologo
  66. Marino Signori † 01 04 2020 (data segnalazione)* – Medico del lavoro
  67. Gianpaolo Sbardolini † 26 03 2020 – Medico di medicina generale
  68. Marcello Cifola † 01 04 2020 (data segnalazione)* – Otorinolaringoiatra
  69. Gennaro Annarumma † 03 04 2020 (data segnalazione)*
  70. Francesco Consigliere † 03 04 2020 (data segnalazione)* – Medico legale e docente universitario
  71. Alberto Paolini † 03 04 2020 (data segnalazione)*
  72. Riccardo Paris † 03 04 2020 (data segnalazione)* Cardiologo
  73. Dominique Musafiri † 03 04 2020 Medico di medicina generale
  74. Italo Nosari † 03 04 2020 (data segnalazione)* Diabetologo
  75. Gianroberto Monti † 21 03 2020 Odontoiatra
  76. Luciano Riva † 28 03 2020 – Pediatra, ex primario all’Ospedale di Desio
  77. Federico Vertemati † 31 03 2020 – Medico di medicina generale.

Cosa possiamo dire alle famiglie di questi medici? Che ringraziamo i loro cari perché hanno fatto il loro lavoro fino all’ultimo momento, sapendo benissimo a che cosa andavano incontro, ma che, nonostante tutto, hanno continuato a curare i malati.

Ci si sente persino in colpa davanti a tanta dedizione. 

Eppure … troppo spesso, molti di noi, nelle situazioni di normalità, li critichiamo, diamo loro degli incapaci, li giudichiamo, li denunciamo quando le cose vanno male, ma ci dimentichiamo spesso – troppo spesso –  di ringraziarli quando le cose invece, grazie a loro e alle loro diagnosi/interventi, vanno bene.

Siamo viziati!  Pretendiamo tutto e riconosciamo poco, se non pochissimo, del lavoro altrui. 

Ora questi medici non ci sono più … noi, tutti in casa,  impauriti e preoccupati per quello che sta succedendo nel mondo, guardiamo con orrore i numeri dei decessi …

Alla prossima

Elena 

 

Fonte: Portate FNOMCeO – Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli  Odontoiatri. 

Giovani e Lavoro in tempo di crisi …

Se le nuove generazioni non trovano un modo serio e sicuro per vivere, che genere di progetti possono avere? Che genere di ripresa economica ci potrà mai essere senza la loro, sacrosanta,  tranquillità economica?  Se non hanno la possibilità di lavorare, sposarsi, metter su casa e famiglia, come pensiamo possa ”ripartire” tutto l’am ba ra dam? Nemmeno lo ”studio” può dar loro un ”futuro sicuro”.

Negli anni di crescita economica, studiare per diventare avvocato, ingegnere, notaio, medico, architetto era una delle ambizioni più grandi. Chi seguiva questi percorsi si smarcava per sempre da un lavoro cosiddetto ”sotto padrone” come quello fatto, magari dal padre, e poteva diventare un libero professionista.
Si trattava di una sorta di percorso che, se effettuato con impegno, era comunque su  ”binari” ben definiti, binari avrebbero portato automaticamente ad un posto di lavoro ben retribuito.
Oggi invece? Oggi nonostante l’impegno, non è detto che il ”posto di lavoro” sia altrettanto gratificante.
Sono moltissime le ”professioni che hanno subito cali a livello economico.
I notai per esempio, nonostante continuino ad essere la categoria meglio pagata hanno subito notevoli ‘perdite’, come si può vedere dalla tabella allegata:

Schermata 2017-03-06 alle 07.29.36

CALO DEI REDDITI Il confronto dei redditi 2005 e 2015 per i liberi professionisti in base ai dati delle Casse. Per avvocati, agrotecnici e veterinari dato del 2014 (Fonte: VI Rapporto Adepp)

Dopo il periodo delle ”vacche grasse” sono arrivate le ”vacche magre” e, pian piano, i giovani si sono resi conto che le professioni non garantiscono più sicurezza e stabilità. Si è innescato di conseguenza l’abbandono sempre maggiore per una serie di corsi universitari.

Il Miur, sui risultati degli esami di abilitazione per oltre 20 categorie, certifica che i candidati sono calati di quasi un terzo (-31%) in un decennio, dai 79mila del 2006 ai 55mila del 2015, anno in cui i promossi, tra l’altro, sono stati poco più di 42mila, in caduta del 28%.

Una categoria che non risente molto della crisi sono i commercialisti che continuano a guadagnare non male.
Ma, nonostante ciò, in dieci anni i candidati sono scesi del 43,5 per cento. Gli studi già funzionanti non conoscono ”crisi”, e passano magari di padri in figli, ma aprirne di ”nuovi” viene considerato dai giovani un terno al lotto, e come dar loro torto?
Nemmeno gli avvocati sfuggono alla crisi, si registrata tra i loro ranghi una riduzione dei redditi del 14,7%.
Per questo motivo i neo-laureati in giurisprudenza mirano alla Magistratura, unico modo, al giorno d’oggi,  per ”sbarcare il lunario” in tutta sicurezza.
Chissà se con queste ”riduzioni” le casse previdenziali private saranno in grado di continuare a pagare le pensioni? Mah …

E’ quindi sempre più difficile per dei giovani avere delle idee chiare per il loro futuro, questo innesca paura, una paura che blocca le iniziative.

Comunque, se potesse interessare qualcuno, giorni fa avevo bisogno di mettere due ”gommini” ai tacchi di un paio di scarpe. Odio quei ”cosi” di plastica rigida che quando cammini fanno un rumore infernale, quindi sono andata dal ”calzolaio” e ho chiesto di metter due gommini per ”silenziare” la mia camminata.
Naturalmente ho dovuto pagare in anticipo, e sapete quanto ho speso per due gommini delle dimensioni di un paio di alluci?
Ben 17 euro e 50!
Sono rimasta di stucco quando me lo ha detto! Ma vi pare una cifra normale? Comunque … cari giovani, magari invece dell’avvocato o del commercialista, se provaste a fare i calzolai, secondo me guadagnereste molto di più!

20170306_080811

17 euro e 50 per due tacchetti in miserabile gomma! Grrrrr …

Alla prossima
Elena