Archivi tag: coronavirus

CoVid19 – sei stato tu! No! Sei stato tu!

Buongiorno  tutti, Questa mattina leggevo che gli americani  continuano ad accusare i cinesi per la diffusione del Covid19. Cosa questa che farà presa su tutti noialtri, visto che i cinesi ci stanno e mica poco sulle ‘’OO’’ , dal momento che sono gli unici a crescere economicamente da un sacco di tempo, mentre noialtri  ‘’stentiamo’’ e anche parecchio! 

Questo è più che sufficiente per additarli ormai come ‘’affamatori’’ del mondo.  Ma … facciamo attenzione,  da lì a dire che sono anche gli ‘’sterminatori’’ del mondo il passo è breve.  Non dimentichiamo che l’odio per gli ebrei era cresciuto a dismisura durante una crisi economica. Cerchiamo quindi di non ”fomentare” situazioni che potrebbero aggiungere ”stress” a ”stress esistente”. Fa forse bene Trump a soffiare sul fuoco? Per ottenere che cosa esattamente? Una guerra? Tanto come al solito … ”loro” sarebbero lontani dai campi di battaglia! 

Ma torniamo alle accuse americane che sono alla fine di tre tipi.

 La prima teoria, la più semplice da capire, è che i cinesi stessero lavorando per costruire nei loro laboratori di Wuhan, un’arma batteriologica.  Arma batteriologica simile alla ‘’Chimera’’ creata nei laboratori USA,  e che ci sia stata un’espressa ‘’volontà’’ da parte cinese per distruggere il mondo. La notizia è stata data la prima volta sul Washington Times, quotidiano legato a doppio filo al mondo conservatore di Trump.  L’articolo rilanciava una ricerca dell’ex ufficiale dell’intelligence militare israeliana, Dany Shoham, per sostenere che il “coronavirus’’ ‘’avrebbe potuto’’ (persino il WT ha usato il condizionale) essere nato in un laboratorio collegato al programma di armi biologiche della Cina” a Wuhan. Quindi l’accusa è di un ex dell’intelligence del Mossad. Se questo fosse vero, e cioè che fosse addirittura ‘’voluto’’ il dolo, sorge spontanea una domanda: ‘’Possible mai che la prima potenza economica mondiale, abbia deciso di prendersi, dall’oggi al domani e senza nessuna ragione al mondo, a zappate sui piedi? Mah … 

La seconda  teoria, che sebbene il Washington Post indichi come ‘plausibile’ appare molto simile alla prima. La differenza sta nella casualità: il coronavirus si sarebbe diffuso da un laboratorio a causa di un incidente. Punto. 

La terza teoria è quella che, più in generale, attacca il governo cinese sul fatto che abbia ingannato il mondo intero sul coronavirus”. Che sia stato messo un velo sulle informazioni da parte della Cina. Che Pechino sia stata lenta nella condivisione dei dati, anche con gli esperti dell’Oms, (Organizzazione Mondiale della Sanità). Insomma che il ”gigante asiatico” non abbia dato l’allarme per sei giorni, cruciali per la diffusione del virus.

Quelle sopra sono le accusa, adesso torniamo ai ‘’gossip’’. Il professore Richard Ebright, professore di biochimica della Rutgers University,  come molti altri, sostiene che, in base al genoma e alle proprietà del virus,  non vi sono indicazioni che si tratti di un virus costruito”.

Il premio Nobel francese Luc Montagnier invece, nel video che circola ormai ovunque, sostiene che vi siano tracce di ‘’manipolazione’’ del RNA nel virus, e che proprio per questo motivo sarebbe destinato, non essendo un prodotto di ‘’evoluzione naturale’’ a morire nel breve termine. Il che è ”buono” ma prima di morire farebbe comunque ancora parecchie vittime. 

Sugli ex- agenti del Mossad israeliano lascio a voi le opinioni. 

Per quanto riguarda la ‘’perdita di tempo’’ di cui sono accusati i cinesi, non dimentichiamo che negli USA,  quando finalmente Trump ha avuto le informazioni sulla presenza del CoVid19,  ha fatto passare altri 10 giorni prima di prendere provvedimenti, negando che esistesse il problema. 

Ora, alla luce delle informazioni che circolano, tutto potrebbe esser vero, come tutto potrebbe essere falso, la medicina e la biologia non sono scienze esatte e soprattutto noi ”popollo”,  in generale,  non abbiamo certo strumenti per giudicare. 

Ma ‘’chi’’ li ha? Le notizie che leggiamo qui e là ci aiutano forse a farci un’idea dell’accaduto? Ma assolutamente no, visto che dicono tutto e il contrario di tutto. 

E comunque per noi ‘’poveri cristi’’ che cosa cambia? I nostri genitori ed i nostri nonni continuano ad andarsene, le nostre attività ad essere chiuse, il nostro lavoro a non esserci più e, senza lavoro si è senza soldi, quindi altro che ‘’ridurre i consumi’’, ormai non ci sono più nemmeno i soldi per pagare gli affitti. 

Speriamo di uscire presto da questa situazione che ci ha messi  completamente in ginocchio in soli due mesi. Di uscirci tutti quanti a testa alta:  americani, cinesi, europei, russi, africani e arabi.

Con magari la risoluzione immediata di smettere, tutti quanti,  di costruire ‘’armi batteriologiche’’. Perché che sia vero o no, che ci sia stata fuga oppure no, la ricerca batteriologica deve essere fatta per salvare il ‘’sapiens sapiens’’ non per ‘’distruggerlo’’! 

Alla prossima

Elena 

 

Stamattina cercavo le armi più potenti al mondo e …

Ma … e costruire ”ventilatori” ?

Pensierino del mattino : ”Eppure, le soluzioni ci sarebbero. Noialtri, uomini e donne ”sapiens sapiens”, abbiamo tre auto per famiglia, in compenso abbiamo, più o meno, un respiratore ogni 20.000 persone.

Visto che i virus mutano alla velocità delle luce e che fatichiamo a ”stargli dietro” con i vaccini, non basterebbe avere abbastanza respiratori per curare noi vecchietti che siamo ”notoriamente” delle ”baracche”?

C’è da chiedersi se abbia ha senso il tenerci in ”vita’‘ in questo modo,  facendo nel contempo, crollare l’economia. Mah …

Se un ”virus” mutato è in grado di metterci in ginocchio che senso ha spendere tonnellate di quattrini per costruire aerei/armi sempre più micidiali? Non potremmo costruire dei respiratori? Degli attrezzi per la ventilazione forzata?  Ognuno se ne tiene uno in casa et voilà! Non sarà mica una follia costruire respiratori no?  E nemmeno una follia istruire del personale in grado di farli funzionare. Cribbio siamo il paese della Ferrari! 

Invece non abbiamo manco le mascherine. Chissà se impareremo qualche cosa da ‘sto casino?  Mah …

Alla prossima

Elena

Come mai in Lombardia e in Piemonte ci sono così tante vittime?

Sono molti coloro che si domandano  come mai in Lombardia e in Piemonte ci siano così tante vittime. Quali saranno le cause? 

Mah … va a sapere, anche se, tutto sommato, i motivi potrebbero essere tanti e diversi. 

Per esempio: 

  1. Sono zone con una concentrazione di popolazione più alta di altre
  2. La presenza di molte infezioni non diagnosticate per tempo
  3. Diagnosi sbagliate e quindi il ‘’conteggio dei deceduti’’  lo è altrettanto. Magari diciamo che il decesso è avvenuto per coronavirus ma magari il motivo è un altro, 
  4. Magari in alcune regioni lo stato della pandemia è più avanzato aspetto ad altre
  5. Alcuni parlano di ‘’fattori ambientali’’ temperature e umidità
  6. magari le zone inquinate sono più colpite delle altre? 
  7. Le persone anziane, grazie ad una sanità gratuita e tutto sommato buona, sono tante e sono le più ‘’vulnerabili’’ 
  8. ‘Sto virus muta alla velocità della luce e noi non gli stiamo dietro.

Alla fin dei fini non sappiamo una cippa, quindi l’unica cosa che dobbiamo fare è #stareacasa per evitare di intasare gli ospedali.

Detto questo. Per riprendere, prima o poi a vivere in maniera decente, le cose che potremmo fare non è che siano poi tantissime.  Potrebbero essere:  

  1. Trovare il vaccino
  2. Se il vaccino non si trova dovremo andare in giro vestiti come i palombari e stare a due metri di distanza uno dall’altro
  3. Fare il bagno nel disinfettante
  4. Negli ingressi di casa dovremo installare accrocchi di disinfezione avanzati
  5. Forse il più semplice di tutti, alla fin dei fini, sarebbe quello di fare in modo che negli ospedali ci siano tanti respiratori quanti sono gli abitanti. 

Non mi viene in mente niente altro. E a voi? 

Alla prossima

Elena 

Le ”inquietanti teorie di complotto di Massimo Mazzucco” …

Circola un video di Massimo Mazzucco che, per farla breve, ci consiglia di non fare il vaccino contro il ”coronavirus”, ammesso e non concesso che riescano a farlo, perché ci farà diventare come degli  ‘’zombie’’.

Mazzucco, regista e blogger,  non è certamente  uno sprovveduto e sa parlare in maniera convincente. Ma … non dimentichiamo, per favore,  che è anche quello che sostiene, la farlocca  teoria, che il cancro si curi con somministrazioni di bicarbonato di sodio in vena o con la tintura di iodio.  Questa affermazione altro non è se non uno schiaffo sulla faccia di chi si sottopone alla chemioterapia! Che fa male, è vero, ma cribbio funziona! 

Non dimentichiamo che è lo stesso signore che è convinto che l’uomo non sia mai andato sulla luna e che siano tutte ‘’OO’’ quelle che ci hanno raccontato in proposito. E’ anche Signore che sostiene che i vaccini non siano sicuri e che quindi sarebbe bene non farli. 

Questo signore trae informazioni in rete con le quali riesce a fare dei ‘’collage’’ pro domo sua su qualsiasi argomento.

Alla fine del video in oggetto, che mi rifiuto di far girare,  in quanto siamo troppo ‘’labili’’ in ‘sto paese, per poter ragionare con il nostro di cervello ma tendiamo invece a dar ragione,  ‘’all’ultimo che parla’’, ci sono una serie di personaggi, con tanto di ‘’titoli accademici’’,  che confermano quanto da lui sostenuto e chiedono di far ‘’girare in rete’’ il video in modo massiccio.

Ora per curiosità, vorrei sapere quanti si sono presi la ‘’briga’’ di vedere CHI sono i personaggi che aderiscono a quanto asserisce Mazzucco. Proviamo a prenderne qualcuno a caso: 

Il primo è Francesco Celani Il fisico che ci ha fatto credere che la ‘’fusione nucleare a freddo’’ fosse praticamente un fatto assodato e fattibile!  Ma … proviamo a ragionare, se la fusione a freddo  fosse ”cosa fatta” elimineremmo in un sol colpo il problema delle scorie del nucleare, dell’inquinamento globale, ci affrancherebbe dalla dipendenza dai combustibili fossili, eliminando tutti i problemi connessi. Quindi ci darebbe energia a costo praticamente nullo e senza rischi, nel rispetto della natura! Ora … ne sapete qualche cosa voi di ‘sta famosa ‘’fusione nucleare a freddo’’? Non eh? … ecco appunto!

Poi c’è Pietro Ratto autore di: ‘’I Rothschild e gli Altri’’ . Questo libro intende dimostrare come i Rothschild e le altre dinastie con cui essi si sono via via imparentati, abbiano esercitato un’influenza enorme sulla storia del nostro pianeta, per lo meno dalla fine del Settecento ad oggi. Uno studio che, condotto in parallelo sulle singole grandi famiglie della finanza internazionale, parte da parecchi secoli fa e dimostra che i grandi banchieri e imprenditori del nostro tempo discendono da antichissime stirpi, spesso di sangue reale, i cui esponenti, intorno al diciassettesimo secolo, sembrano essersi improvvisamente resi conto che il tempo dei privilegi dei nobili stava finendo. E che la nuova partita si sarebbe vinta sul terreno del controllo dell’intera economia mondiale.

Altro personaggio degno di interesse è Roberto Germano, che è il signore che ha scritto il libro ‘’La fusione a freddo’’  e che sostiene la cosa possibile. Ecco un passaggio del ‘’suo ‘’ libro: ‘’La fusione nucleare che avviene nelle stelle si può ottenere  in una cella elettrolitica grande quanto un bicchiere d’acqua e a temperature ordinarie. In Italia operano gli unici fisici (Francesco Celani) che abbiano elaborato un ”modello teorico” della fusione fredda, da cui risulta chiaro che la fusione fredda stessa è solo la punta dell’iceberg di una nuova rivoluzione scientifica ormai alle porte.  Alla fine del discorso le conclusioni sono:  ’’Si potrebbe fare ma non lo si fa perché c’è il complotto dei petrolieri’’. Hanno elaborato un ”modello teorico”! Teorico! Il che significa che nella ”realtà NON esiste”!  Non c’è! Vabbè …

Veniamo ora a Roberto Quaglia, faccio prima a mettere quanto da lui pubblicato recentemente: 

‘’Roberto Quaglia: ‘’Marzo 2020: In piena emergenza Coronavirus un mio video sul tema raggiunge un milione di visualizzazioni (2% di tutti gli italiani). Il video menziona che nel mio libro  ‘’Il Mito dell’11 Settembre’’ io scrivevo di guerra bio-economica già 15 anni fa. Si impennano le vendite del libro. Quindi Amazon attiva la censura e banna il libro che da questo momento nessuno vende più. Adesso, l’unico modo per ottenere il libro è direttamente dall’autore. A chiunque mi spedisca 21 euro, via bonifico oppure postepay oppure Bitcoin, invierò una copia de Il Mito dell’11 Settembre. A chi la volesse firmata e/o con dedica, ne faccia richiesta, è inclusa nel prezzo. Inclusi nel prezzo anche i costi di spedizione postale con modalità “Piego di Libri”. Se preferite la spedizione con corriere tracciabile (molto più veloce e sicura, consigliata) bisogna aggiungere 4 euro. Per spedizioni in Europa bisogna aggiungere 6,50 Euro. Quindi inviate gli estremi del pagamento a mito11settembre.libro@gmail,com. ’’ Vedete un pò voi … 

Poi c’è il professor Corrado Malanga,  docente di scienze biologiche al dipartimento di chimica organica dell’Universtà di Pisa che sostiene il fatto che gli ‘’alieni’’ abbiano si gentilmente risposto, ad un nostro messaggio inviato loro anni fa, già nel 2001 ma che ‘’noi’’ lo si sia ignorato di proposito. Ma saremo maleducati? 

Poi c’è Manlio Dinucci … quello che su ‘’Pandora’’ accusa la NATO di allargarsi e di inglobare la Macedonia … e di arrogarsi il diritto di essere il difensore 2020. Di fare esercitazioni militari per occupare il mondo. Che i soldati americani si muovono mentre noi invece siamo tutti fermi per il coronavirus.  E’ l’autore del libro ‘’L’arte della Guerra’’ .  Stesso titolo  dell’omonima rubrica che l’autore pubblica sul ”Manifesto00, si richiama al classico di teoria militare dell’antica Cina, attribuito al generale e filosofo Sun Tzu vissuto fra il VI e il V secolo a.C., considerato uno dei più importanti trattati di strategia bellica di tutti i tempi. Manlio Dinucci ha per anni pubblicato settimanalmente sul manifesto un commento sugli avvenimenti del momento cercando di chiarire ai suoi lettori le strategie e le operazioni belliche ”nascoste”.

Altro personaggio è Enrica Perrucchietti: Questi alcuni dei suoi libri: 

  • IL FATTORE OZ-  Alieni sciamanesimo e multidimensionalità, 
  • GOVERNO GLOBALE – La storia segreta del Nuovo Ordine Mondiale, 
  • L’ULTIMO PAPA – Massoneria e Gesuiti in Vaticano, l’agonia della Chiesa Cattolica, 
  • I MAESTRI INVISIBILI DEL NUOVO ORDINE MONDIALE-  I burattinai occulti del potere, 
  • UNI SEX –  La creazione dell’uomo senza identità, 
  • I FIGLI DI LUCIFERO – Il segreto perduto della stirpe dei Cagots, 
  • CYBERUOMO –  Dall’intelligenza artificiale all’ibrido uomo-macchina, 
  • CORONAVIRUS –  Il nemico invisibile. La minaccia globale, il paradigma della paura e la militarizzazione del Paese.

Altro personaggio, che non ha bisogno di esser descritto,  è Giulietto Chiesa che, insieme ad Antonio Ingroia aveva fondato il partito ‘’La mossa del cavallo’’,  e poi,  dulcis in fundo c’è Claudio Messora, il blogger ex-amico di Grillo,  che ha ancora il ‘’dente avvelenato’’ – e ha ragione – dal fatto di esser stato usurpato da Rocco Casalino.

mah …

Che dire? Mah … vedete un pò voi. In me tutte ‘ste ‘’teorie del complotto’’ trovano il tempo che trovano ma io sono ‘’vecchietta’’ e magari avete ragione voi. Il mondo è tutto un ‘’complotto’’ e … quindi?  

Sapete una cosa? Meno male che si muore! Questo  ‘’mondo’’  mi piace sempre di meno … 

Alla prossima

Elena 

Intervento chirurgico al tempo del ‘’coronavirus’’.

Mia madre aveva già avuto un intervento di coxartrosi alla gamba sinistra, tanti anni fa. Avrebbe dovuto farlo anche all’altra ma ha tergiversato per anni. Rimandando sempre con tutte le scuse possibili ed immaginabili.

Dato che, giustamente, decide lei della sua salute, abbiamo aspettato che prendesse appunto la decisione.

E … quando lo ha fatto? 

Durante la più grande pandemia dopo la seconda guerra mondiale! 

E’ riuscita ad esser operata per il ‘’rotto della cuffia’’ come si suol dire, in quanto,  praticamente la settimana dopo il suo intervento, eseguito il 9 di marzo, hanno bloccato tutti gli interventi che non rivestivano carattere di urgenza.

E’ stata operata alla Clinica della Città di Bra, il cui personale ringrazio ancora per la competenza, la gentilezza e la disponibilità.

Il 12 poi,  con una ambulanza della Croce Rossa della città di Montà,  veniva portata a Villa Serena, una struttura a Piossasco, in cui è stata ricoverata per la riabilitazione.

Io invece, sono partita lo stesso giorno per tornare a casa mia, vivo in Franca, da dove non sono più, praticamente, uscita.

La sera quando le ho telefonato mi ha rassicurata dicendo che Villa Serena era un bel posto e che erano tutti gentili.

Bene … inizia quindi la sua fisioterapia, per un pò di giorni tutto procede per il meglio.

La mia mamma. 88 anni ben portati!

Mia madre ha 88 anni, ma è di quelle ‘’donne toste’’ di una volta.Sempre pronta a ridimensionare i problemi e sempre con un atteggiamento positivo verso la vita. Si scherzava al telefono e mi diceva: ‘’Qui più che fisioterapia, mi stanno preparando per la maratona! Cribbio quanto mi fanno camminare! Ho male alle braccia a furia di tenere le stampelle. Poi faccio tanta di quella cyclette che quando esco di qui vengo da te in bici’’! 

Le giornate passavano, la chiamavo due o tre volte al giorno tanto per sapere come andava.

Dopo un pò ha iniziato, se non a lamentarsi, almeno a metter in dubbio il genere di ‘’compagnia’’ che le faceva la Signora che divideva la camera con lei. Era in una stanza a due letti. Mi diceva: ‘’Questa Signora recita il rosario dalla mattina alla sera. Cerca anche di farlo recitare a me. Non vorrei offenderla ma io il rosario non ho proprio voglia di recitarlo’’! 

Mia madre è stata in collegio dalla suore, dai 6 ai 16 anni, ed era obbligata ad andare a Messa tutte le mattine prima di andare a scuola. Da quanto è uscita la sua frequentazione religiosa si è ridotta moltissimo.

Ad un certo punto, però,  ho iniziato a sentirla un pò preoccupata. Pur senza dirmi niente di speciale, ha iniziato a buttare lì frasi tipo: ‘’Qui è un cronicario … sono tutti vecchi e malati …  poi adesso le infermiere arrivano bardate come palombari … mi hanno dato la mascherina e mi hanno detto di non togliermela mai … le infermiere, non so quanto scherzando, consigliano di andare a casa… ”!

La cosa ha iniziato a farmi suonare più di un campanello d’allarme. Data la situazione non è che ci sia proprio da ridere.

Villa Serena, che non ho mai visto in vita mia,  ma che è convenzionata con la Clinica di Bra in cui è stata operata, è una Rsa.  Si tratta cioè di una struttura in cui sono ricoverati pazienti lungodegenti che hanno bisogno di cure particolari e persone sane che fanno riabilitazione a causa, ad esempio,  di un arto fratturato. 

Gli infermieri ed il caposala sono sempre stati gentilissimi, sia con mia madre che con la sottoscritta quando li chiamavo al telefono, ma non mi hanno mai detto nulla che potesse mettermi in allarme … eppure, qualche cosa mi suonava storto.

Vero è che spesso parlavo con gli infermieri affinché andassero a controllare che cosa combinava con il cellulare mia madre. E’ riuscita in una settimana ad uccidere definitivamente un vecchio samsung e mio genero, grazie al cielo esiste, gliene ha comprato un per senior e glielo ha fatto recapitare dall’oggi al domani.  Il caposala poi, una persona squisita, glielo ha attivato.

Comunque … per tornare a noi, sono venuta poi a sapere che avevano sospeso la riabilitazione senza dare spiegazioni ai pazienti.  Anche i giornali non venivano più distribuiti,  in quanto possibili veicoli di contagio. Stessa cosa per libri e riviste. Non poteva andare a camminare nel corridoio. Quindi … che cosa ci faceva mia madre lì senza fare nulla e per di più esposta ad eventuale contagio?

Per vie traverse poi ho scoperto che vi erano stati dei casi di coronavirus al che ho chiesto di farla uscire immediatamente.

Devo dire che ho trovato delle persone gentili e ragionevoli e che, siamo riusciti a farla uscire, in tutta sicurezza, dalla struttura e portarla a casa sua, dove vive sola, e dove starà chiusa in quarantena per tutto il tempo necessario.

Finalmente a casa sua si sente a sui agio, guarda i telegiornali che vuole, le trasmissioni che vuole, ha i suoi libri da leggere e io la posso sentire tutte le volte che voglio al telefono.

Grazie al cielo sta bene e speriamo che continui a stare così. La lontananza è qualche cosa di ‘’veramente’’ pesante in questo periodo, per tutti quanti, chi più chi meno. 

Ma … l’unica cosa che possiamo fare è #stareacasa. 

Alla prossima

Elena 

La morte di una tortora …

Ieri pomeriggio in giardino c’era una vecchia tortora, in un angolo, con le piume tutte arruffate, forse per tenersi calda nonostante il sole. 

Ho capito subito che era un animale vecchio e che stava morendo. Per un attimo ho avuto la spinta di prenderla e metterla in qualche poso ‘’sicuro’’ affinché potesse morire in pace. Poi però non l’ho fatto e … non so nemmeno io il motivo per cui non ho seguito il mio primo istinto. Rassegnazione? Rinuncia? Tanto la natura fa il suo corso? 

Stamattina ho tolto i ‘’resti della tortora’’ massacrata dai gatti.

Odio i gatti! Ma detesto anche me stessa, che non ho provveduto a farla morire ‘’serenamente’’. 

Mi spiace … mi sento in colpa. Qualche volta, se non quasi sempre, dovremmo far prendere il sopravvento all’animo del ‘’bambino’’ che è nascosto in noi.

Mi fa pensare al coronavirus … ma come fa certa gente a dire: ‘’tanto muoiono solo i vecchi’’ … 🙁 

Alla prossima

 

Elena

Asiatica e Coronavirus …

Pensierino del mattino:

l’”Asiatica”, la più mortale pandemia degli ultimi 100 anni aveva fatto qualche cosa come un milione, un milione e mezzo di morti. Ad oggi di coronavirus sono mancate meno di 100 mila persone nel mondo.

Tra l’altro l’Asiatica a casa mia l’abbiamo fatta tutti quanti. Io, nata nel giugno del ’55 ero proprio piccolina e mi dicono, avevo una febbre altissima.

Domanda: ‘’Come mai per l’asiatica se ne sono fregati tutti? Come mai noi oggi invece ci sentiamo in guerra? Noi reagiamo al problema ‘’coronavirus’’ guardando in faccia la ‘’realtà ’’ o reagendo al ‘’percepito’’ provocato, oltre che dal virus stesso, dalla infodemia che gli ruota attorno?

Teniamo anche presente che 1,5 milioni di individui rispetto alla popolazione di allora che era di circa 2 miliardi e mezzo … non era certo poco. Oggi siamo 8 Miliardi a calpestare Gea. E con questo non voglio minimizzare nulla ma sto solo facendomi delle domande.

92756161_10216574898261152_5752694838533292032_n

Alla prossima

Elena

Coronavirus – siamo preoccupati per il contagio in Africa?

Leggevo su un giornale che: Apple, Samsung, Microsoft, Bmw e tante altre multinazionali,  sono molto preoccupate,  in quanto, a causa della pandemia di coronavirus,  rischiano di perdere materie prime importantissime e che vengono estratte a costi, per loro, molto bassi. 

Indovinate un pò dove sono ‘sti materiali? 

In Africa! La Repubblica Democratica (si fa per dire) del Congo è ricchissima di coltan, cobalto, rame … tutta roba che alle multinazionali serve come il pane per continuare a produrre, a bassi costi, e con ampi margini quello che noi consumiamo.

Non dimentichiamo poi che le multinazionali, non  contribuiscono al benessere collettivo pagando tasse in proporzione,  infatti hanno quasi tutte le sedi in Olanda, per poter ”felicemente” eludere il pagamento che spetterebbe loro.  Quindi questi ”enormi margini”, fatti sulla pelle altrui, vanno a rimpolpare le tasche dei soliti Paperon de Paperoni!

Ima torniamo a noi …  i nostri cellulari hanno delle pile al coltan, materiale che permette una lunga durata alle batterie.  Se il coltan non venisse estratto dai bambini e da operai africani, a costi ridicoli per le multinazionali, e vergognosi per la specie umana,  i loro margini diminuirebbero sensibilmente, e a noi i telefoni costerebbero una fortuna.

Se dovesse esplodere il coronavirus in Africa come faranno costoro? Come faremo noialtri? 

Rischieremo forse di tenere un cellulare per 4 o 5 anni? 

Ma sarebbe proprio un dramma? 

Quanti anni avranno? Sono bambini, che non vanno a scuola, che non hanno nulla.

Sarebbe un dramma non cambiare il cellulare ad ogni piè sospinto, sfruttando, per poterlo fare, una manodopera schiavizzata? Impedendo di fatto a queste persone di avere uno stipendio dignitoso che permetta loro di organizzarsi in maniera decente? Siamo ipocriti fin dentro il midollo quando diciamo: ‘’Aiutiamoli a casa loro’’!

Ma … sarebbe questo il modo per aiutarli?  Noialtri siamo preoccupati dell’esplosione del contagio in Africa, è vero, ma mica per ragioni filantropiche! Macchè! Lo siamo solo per ragioni puramente ‘’economiche’’. 

Ma non ci vergognamo un pò di quello che stiamo facendo? 

La schiavitù è stata abolita? Ma dove? Ma quando? 

Grrrr …

Alla prossima

Elena 

 

Coronavirus – 18 giorno di confino …

18 giorno di confino … 

Sono ad Arma di Taggia, un posto che non conosco affatto e non so per quale strano motivo io sia qui.

Sono seduta ad un tavolo nel dehor di un Hotel o di un ristorante a pochi metri dalla spiaggia.

Parlo con qualcuno … Attorno a me si muovono e chiacchierano, a loro volta,  persone che per qualche motivo conosco ma che, se dovessi chiamarle per nome, non saprei come fare.

Mi sto lamentando, con quel ‘’qualcuno’’ che è seduta/o vicino a me, ma che non ho la minima idea né di che faccia abbia né di chi sia.

Mi lamento del fatto che ad Arma di Taggia siano tutti eleganti, ben vestiti e che mi manca tanto la tranquilla trasandatezza della mia spiaggia a St. Aygulf. Dove tutti vanno in spiaggia con costume, asciugamano, l’ombrellone se lo portano loro e le infradito sono di plastica e non di Positano!

Mentre faccio questo discorso … un’enorme orca viene a spiaggiarsi a pochi metri da noi.

Tutti corriamo … io mi avvicino più degli altri e vedo che ha una specie di lazo di corda, pieno di denti di cane, che le chiude la bocca impedendole di respirare … glielo riesco a togliere a fatica, l’orca mi guarda, ha gli occhi lucidi, apre la bocca ma non riesce a respirare ugualmente.

Realizzo che ha dei pezzi di legno conficcati sul fianco e che sono stati piantati , orrore, da qualcuno con dei picchetti da tenda!  

Grido, chiamando un veterinario, con quanto fiato ho in gola … ma dalla bocca non esce alcun suono. 

Io e l’orca ci guardiamo … abbiamo tutte e due le lacrime agli occhi … 

Poi per fortuna mi sono svegliata!

Io sogno tantissimo e mi ricordo perfettamente tutto di quel che sogno, ma in questo periodo i sogni sono proprio brutti!

Alla prossima

 

Elena

Gli Euro Bond, l’Europa Federale e la Zona di libero scambio …

Il finanziamento delle contromisure economiche alla pandemia, per la zona Europea dell’euro, deve essere bilanciato con quanto stanno facendo le altre macrozone economiche mondiali:  USA e Cina.
Visto che gli Stati Uniti investono duemila miliardi di dollari, l’Europa dell’euro dovrebbe investire più o meno la stessa cifra, che divisa per il numero degli abitanti significa che l’Italia, per rimanere competitiva, avrebbe bisogno di investire circa 150/200 miliardi di euro. Naturalmente il livello del debito attuale non lo permetterebbe e, soprattutto, i tassi di interesse da pagare sarebbero insostenibili.
Un’emissione di Bond o emessi dalla Bce, o meglio di bond speciali emessi dagli Stati a tasso simbolico e sottoscritti dalla BCE avrebbe un altro impatto.
Al di là delle modalità che sono da definire quello che blocca il solo parlare di questi tipi di intervento sembra essere il veto tedesco con l’affermazione che la Costituzione tedesca vieta al Parlamento di prendere impegni contrari ai principi della Costituzione stessa.
Dato che questo divieto esiste in tutte le Costituzioni di qualunque Paese ne deriva che, secondo la stretta “logica” tedesca, nessuna Europa si possa fare se non con la Costituzione tedesca, quindi è impossibile farla a meno che tutti gli altri Paesi non adottino la loro Costituzione!!!
Invece di mettere intorno ad un tavolo le migliori menti giuridiche d’Europa, e ce ne sono, e far preparare la Costituzione Europea, portandola poi davanti ad una vera Assemblea costituente per l’approvazione, il continuare a dire la nostra Costituzione non ce lo permette, se non si chiama “Imperialismo” non so come chiamarlo, a meno di non definirlo stupidità ed ipocrisia.
La Germania ha sottoscritto i Trattati Europei che prevedono, come direttive fondatrici, la libera circolazione delle Merci, dei Capitali e delle Persone.
Ad oggi per le merci si sono trovate regole comuni e si può affermare che, più o meno, circolano libere.
Per i Capitali la non uniformità dei sistemi fiscali rende la circolazione non ancora completa e comunque concorrenziata (esistono paradisi fiscali e leggi attira capitali da per tutto).
Per le persone si è realizzata una specie di libertà di circolazione “turistica”, quando si guarda agli aspetti dello Stato sociale e alla fiscalità ci si limita a trattati bilaterali tra Stati, non esistono diritti e doveri uniformi, non dico uguali. Come si possa circolare, lavorare, investire “liberamente”, in mezzo ad una selva di regole diverse qualcuno me lo dovrebbe spiegare.
Quando si sottoscrivono impegni cosi ampi che riguardano i cittadini il primo sforzo dovrebbe essere quello di uniformare le regole fondamentali dei diversi Paesi cioè le Costituzioni e perciò approvare la “Costituzione Europea”, se non lo facciamo vuol dire che abbiamo creato solo una “Zona di Libero Scambio Commerciale”.
Questo è il problema, noi parliamo di Europa Federale, ma la Germania, L’Olanda, la Finlandia ecc. vedono solo una Zona di Libero Scambio e non capiscono perché modificarla, a loro va bene così!
Antonio Carlucci