Archivi tag: malati

Coronavirus … e gli anziani da soli …

Buongiorno a tutti quelli che leggono,

Sono ritornata dall’Italia, come molti di voi sanno, in Francia giovedì scorso – 12 marzo – e da allora sono tappata in casa.

Mia madre è stata operata all’anca ed ero stata con lei il giorno dell’intervento. Il giorno dopo però, già venivano ampliate le misure di sicurezza connesse al coronavirus e non ho più potuto farle assistenza come avrei desiderato. Attualmente si trova in una struttura per la riabilitazione vicino a Torino.

Data la ”quarantena”, nessuno può andarla a trovare, ecco quindi che le notizie che ho si limitano a quello che mi dice al telefono.

E qui iniziano i problemi. Mia madre ha 88 anni ed è refrattaria, nel vero senso della parola, per tutto ciò che è connesso alla nuova tecnologia. Voglio dire è una donna intelligente, aveva un negozio di elettrodomestici che si gestiva da sola senza problemi ma … la tecnologia le piace poco.

Quindi le telefonate diventano fonte di nervosismo ma anche di ironia. Quando le telefono il 90% delle volte non risponde. Dato che conosco gli orari della ‘’ginnastica’’ a cui viene sottoposta, ovviamente la chiamo quando dovrebbe esser tranquillamente in camera. Macchè! Su 10 mie chiamate risponde, se va bene, una volta.
Normalmente, quando finalmente risponde, sfiora il telefonino rosso, chiudendo così la conversazione e si ricomincia da capo.
Poi tenta di richiamarmi lei e quindi chiama parenti, nipoti … tranne la sottoscritta.
Quando finalmente, dopo vari tentativi riusciamo finalmente a sentici mi sgrida dicendo: ‘’Finalmente! Era ora che rispondessi! Che strazio ‘sti telefoni! Ma com’è che non rispondi mai’’?

Che cosa posso dire? Mi viene da ridere. Non faccio polemiche, perché tanto sarebbe tempo perso e le chiedo: ‘’Mamma come stai’’? La risposta che segue è: ‘’Stanca da morire! Qui non mi lasciano in pace un momento! Mi fanno fare la ciclette tutte le mattine, poi le scale avanti e indietro e solo con le stampelle, nemmeno con il deambulatore. Ho male alla gamba e voglio stare tranquilla! Ma cribbio sono appena stata operata, ho 88 anni e ho bisogno di dormire non di fare gli allenamenti per la Maratona”!
Che cosa posso rispondere io a chilometri di distanza? Non posso nemmeno andare ad assicurarmi per capire se le cose stiano effettivamente come me le descrive lei. Primo a causa del ”coprifuoco coronoavirus” , secondo per il fatto che vivo in Francia.

Provo allora, per cambiare discorso,  a chiederle che cosa le portano da mangiare e qui nuovamente le risposte sono inquietanti. Mia madre è minuta di costituzione e mangia come un uccellino quindi non sono le quantità a preoccuparla quanto le cose in se, infatti la sua risposta è: ‘’L’infermiera addetta alla mensa domanda la sera prima che cosa voglio mangiare il giorno dopo e mi fa scegliere tra i piatti previsti, ma se chiedo una minestra mi portano la pasta! Per di più fredda! Cosa me lo chiedono a fare allora? Senza contare poi il fatto che i pasti arrivano nelle ore più strane’’!

Ora io come faccio a controllare se quel che mi dice risponde a verità o è molto dovuto alla sua ‘’personale interpretazione’’? Mah …

Per consolarla e minimizzare la cosa le spiego che la situazione ‘’fuori’’ è un pò particolare e che quindi i pasti, arrivando da una ditta esterna convenzionata, subiscono dei ritardi.

La cosa che la fa innervosire poi è che in camera ha una televisione, ma non la può vedere in quanto la sua compagna di stanza, sono camere a due letti, è straniera e non vuole sentire la tv in italiano perché la disturba.

Quindi mia madre non sa nulla di quello che accade fuori. Non è ancora riuscita ad organizzarsi per avere un quotidiano la mattina. Perché ogni volta che passa l’addetto lei fa rieducazione e quindi non lo incontra mai.

Ieri pomeriggio si è rifiutata di fare ‘’ginnastica’’ ed ha detto al fisioterapista che voleva riposarsi. In tarda mattinata la chiamerò e vedremo com’è la situazione.

Si vive un pò alla giornata e gli anziani sono proprio soli in questo periodo.

Prego il Signore che non si ammali e che continui ad avere la grinta di sempre, ma mi fa tanta, tanta tenerezza.

Un abbraccio a tutti

Elena

Francia Coronavirus – Stadio 3

Questa notte la Francia è passata allo ‘’Stadio 3’’ (°) 

Ancora ieri sera c’erano centinaia di giovani, appiccicati l’uno all’altro, nei bar e nelle discoteche dei quartieri da loro frequentati ma … a mezzanotte, i luoghi pubblici ‘’non indispensabili’’ hanno dovuto chiudere baracca e burattini!  

Francia ultima sera di ”libera uscita” … si entra nello stadio 3

I commercianti sono scioccati dai provvedimenti presi dal Governo, visto che dovranno chiudere ristoranti, bar, negozi, discoteche, cinema. Si inizia anche qui … quello che in Italia è già la realtà da qualche giorno. L’ultimo bilancio ufficiale del Coronavirus in Francia del CoV-2 è di 91 morti e 4.500 contagiatEra ora che prendessero provvedimenti anche se oggi si ‘’dovrebbe’’ andare a votare per le amministrative … mah …

Elezioni al tempo del Coronavirus …

(°) in cosa consistono gli ‘’stadi: 1, 2 e 3’’?

Stadio ‘’uno’’
è quello in cui si cerca di ‘’frenare’’ l’introduzione del virus mettendo in quarantena quelli che arrivano da zone a rischio.

Stadio ‘’due’’
ha come obiettivo quello di frenare la propagazione in Francia. Si identificano le zone di circolazione del virus sul territorio e si cerca di evitarne la propagazione. Potrebbero essere chiusi gli asili e alcune scuole. Si cerca di fare stare a casa le persone vulnerabili e si azzerano le visite dei parenti negli ospedali e nelle case di ricovero per anziani. Si annullano gli eventi che prevedono grandi assembramenti di persone.

Stadio ‘’tre’’
Questo stadio ha come oggetto la gestione, nelle migliori condizioni possibili, dell’epidemia ormai conclamata e di attenuarne gli effetti. Questa tappa si caratterizza per l’ormai dichiarata circolazione del virus sul territorio. L’organizzazione prevede la mobilitazione completa del sistema sanitario e dei comuni. Mette a disposizione tutti i sistemi medico-sociali per proteggere la popolazione fragile, assicurare la presa in carico sia di pazienti non gravi che di quelli che presentano segni gravi della malattia. Oltre a quanto previsto dallo Stadio due -chiusura delle scuole – anche le ‘’attività collettive’’ , non indispensabili, devono essere interrotte. Le associazioni a cui appartengo hanno infatti chiuso le porte fino a nuovo ordine.


Vedremo … alla prossima

 

Elena

14 giugno 1940 …

Cosa succedeva nel mondo il 14 giugno del 1940?

Purtroppo veniva inaugurato il campo di concentramento di Auschwitz.
Apriva per la prima volta il suo cancello a 740 polacchi, prime vittime del terrore nazionalsocialista.

19106051_10209597236863978_8910094615536199901_n

il lavoro rende liberi … che orrore!

In seguito ne arrivarono tantissimi altri, tutti quelli invisi o inutili al ‘’regime nazista’’ che erano nell’ordine: ebrei, zingari, omosessuali, handicappati, bambini, e poi nemici della patria, quelli che cioè combattevano contro la Germania ed i suoi alleati, noi compresi.

Queste persone arrivavano al campo stipate peggio degli animali in vagoni merci senza cibo né acqua e come ‘’animali’’ venivano ‘’usati’’.

19059758_10209597237023982_3593508035771008272_n

esseri umani privati prima, della loro dignità, e poi della vita!

Venivano sfruttati fino all’osso e poi eliminati quando erano solo più dei ‘’limoni spremuti’’. Nel 1942 il periodo di ‘’massima capacità’’ il campo ‘’ospitava’’ ventimila detenuti.
Non dimentichiamo … e … vigiliamo perché la ”follia” del Mondo è sempre ”dietro l’angolo” !

Alla prossima

 

Elena