Archivi tag: in

La Apple ha superato i 1.000 miliardi di capitale! Ma …

… a quanta gente dà lavoro? Dà lavoro in proporzione a quel che guadagna?

Stamattina ho letto un interessante  articolo del Sole24ore nel quale si parla di Apple, che recentemente ha superato i 1.000 miliardi di dollari di capitalizzazione, dove si legge che dia lavoro ad una marea di gente. L’articolo sostiene che la Apple ha creato, nella sola Europa,  oltre 1,76 milioni di posti di lavoro  – vi sembrano tanti? – grazie all’economia che gira attorno ad iOS. Di questi, 1,57 milioni sono attribuibili all’ecosistema dell’App Store di Apple e 170mila al rapporto che Apple ha con fornitori europei. L’Europa è anche sede di 22.000 dipendenti Apple in 19 paesi.

Apple sede di Cupertino California – non so se è finita ma pare costi qualche cosina come 5billion of dollars!

Ecco la situazione in Italia:  

Cito: Apple ha 1.624 dipendenti e 16 negozi retail, (l’Ilva ne ha 14.000 di dipendenti! Per dire …)  e sono in corso i lavori per il 17° store Apple in Italia in Piazza Liberty a Milano. Il nostro Paese è la 5a economia delle app iOS e supporta 62mila posti di lavoro legati all’ecosistema dell’App Store (di cui 25mila a Milano, dato che la rende la 12ma città più rilevante per quanto riguarda la app economy in Europa). Nel 2016 Apple ha aperto la sua prima iOS Developer Academy in partnership con l’Università Federico II a Napoli per dare agli studenti, sia italiani che internazionali, l’opportunità di apprendere competenze pratiche e formazione specifica nello sviluppo di app e nell’imprenditorialità necessaria per questo mercato. 44 studenti dell’attuale corso hanno vinto la borsa di studio per partecipare alla recente Conferenza Annuale degli Sviluppatori Apple tenutasi nei giorni scorsi a San Josè, in California. Apple lavora con 261 fornitori Italiani. Uno di questi è Laboratorio Elettrofisico, che progetta e produce strumenti di magnetizzazione e misurazione magnetica ad alta precisione. La loro tecnologia consente alcune delle caratteristiche magnetiche che si trovano nei prodotti Apple. LE è leader nella progettazione e costruzione di strumenti magnetici da quasi 60 anni con uffici negli Stati Uniti e in Cina.

Interessante  … peccato che, comunque la si metta, la Apple non paghi le tasse dove faccia reddito – il che significa ovunque – ma solo dove decida di pagarle. Capisco benissimo che la normativa,  per quanto riguarda il pagamento delle tasse a ‘sti giganti di Internet,  non sia omogenea tra i vari Stati e questo permetta loro di eludere alla grande e pagare dove meglio credono!  Ma … resta il fatto che ‘ste tasse che mancano all’appello, da qualche parte gli Stati le devono tirare fuori per fare viaggiare tutto l’am ba ra dam e …  indovinate un pò a chi li chiederanno ‘sti soldi? Fatevi una domanda e datevi una risposta! Quando si parla di ”redistribuzione del reddito” come mai a costoro nessuno fa notare nulla? Possibile che Stati interi si inginocchino a questi ”novelli imperatori” e non vogliano ”disturbarli” con richieste di tassazione un tantino più ”GIUSTE”?  Grrrrr …

Peccato inoltre che l’articolo NON specifichi se ‘sta gente a cui Apple, bontà sua, dà lavoro abbia contratti a tempo indeterminato oppure no … sarebbe interessante saperlo. 

Alla prossima

Elena 

Pubblica Amministrazione Italica … l’Europa ci ”bacchetta” …

e ha perfettamente ragione!

A quanti di noi viene in mente la frase: ”Pubblica Amministrazione = pagamento a  ‘’babbo morto’’?

A ”babbo morto” è una vecchia ‘’frase fatta’’ con con cui si intende l’incassare un credito con molto molto ritardo.
Anzi per esse più chiari pare non vi sia affatto una scadenza prestabilita. La data e il luogo d’origine del detto non sono certi ma secondo alcuni, avrebbe origine toscana.
Probabilmente questa definizione la si può far risalire alla passione per il gioco di alcuni ‘’rampolli’’ di buona famiglia. Costoro giocavano e spesso perdevano. Non potendo pagare nell’immediato,  ma forti del fatto che prima o poi avrebbero ereditato,  alla morte del ‘’padre’’ – babbo in dialetto toscano, promettevano che,  a ‘’babbo morto’’ appunto, avrebbero onorato i loro debiti. I creditori accettavano di buon grado per due motivi:

  • il primo è che il ”debito di gioco” era considerato un debito d’onore, e sull’onore non si scherzava,
  • il secondo perchè nel frattempo il debito sarebbe cresciuto con gli interessi, era come metter del denaro in banca.

Purtroppo in Italia, questa frase viene in mente non quando si parla di debiti di gioco ma bensì quando si tratta di aver ‘’crediti’’ nei confronti della pubblica amministrazione!
Quante sono le aziende fornitrici che vantano crediti nei confronti della PA e che non vengono pagate?
Inoltre spesso sono gli stessi fornitori a dover dimostrare di aver un credito nei confronti dello Stato! Ma perchè? Ma per quale motivo?

iu-1

Il ”burocrate” che, forte della sua posizione, esige favori per fare il proprio dovere obbliga il nostro Paese a rimanere nel Medio Evo!

Il burocrate, o la ‘’macchina burocratica’’ lenta ed inefficiente, non si sa se per mal gestione o per pigrizia, tende a rallentare i procedimenti relativi ai pagamenti, e questo non fa altro che ‘’alimentare’’ la corruzione! Il creditore si ritrova spesso ‘’costretto’’ ad ‘’oliare’’ l’iter burocratico per entrare in possesso di quanto gli spetta di diritto!
Questa è una Vergogna!  Lo Stato le tasse le esige subito … in compenso i suoi debiti li onora praticamente a ‘’morte babbo’’!
Finalmente ‘’qualcuno’’ sta mettendo le ‘’mani’’ su questo problema.
La Commissione europea ha annunciato di rinviare il governo italiano davanti alla Corte europea di Giustizia per VIOLAZIONE di una direttiva che stabilisce un termine massimo di 60 giorni per il pagamento di beni e servizi da parte della mani pubblica. La decisione giunge dopo l’apertura fatta tre anni fa di una procedura di infrazione.
“Secondo la direttiva sui ritardi di pagamento, le amministrazioni pubbliche sono tenute a pagare le merci e i servizi acquistati entro 30 giorni o, in circostanze eccezionali, entro 60 giorni dal ricevimento della fattura”. Questo è quanto scrive l’esecutivo comunitario in un comunicato. “A più di tre anni dall’avvio della procedura di infrazione, tuttavia, le amministrazioni pubbliche italiane necessitano ancora in media di 100 giorni per saldare le loro fatture, con picchi che possono essere nettamente superiori”.
La ‘’macchina burocratica’’ inefficiente o peggio ”corrotta” rallenta qualsiasi legge anche buona che venga fatta nel nostro paese. Il potere è nelle loro mani … sarà bene che ‘’qualcuno’’ al di sopra delle parti glielo faccia notare!
Quindi insisto sulla mia idea: ‘’Noi abbiamo bisogno di ‘’più’’ Europa e non di ‘’meno’’ Europa’’!

Alla prossima
Elena