Archivi tag: inutili

Ma dov’è il problema per il PD nel fare ”accordi” con il M5S?

Pensierino del mattino … 

Non riesco a capire tutti ‘sti problemi che ha la ‘’sinistra’’ nel fare accordi con il M5S.

Si lo so che a Bersani hanno sbattuto la porta in faccia mentre l’hanno poi spalancata a Salvini. Lo so e mi viene un nervoso senza senso, visto che il ‘’mio PD’’ era quello di Bersani e che le cose, con un Governo Bersani, sarebbero andate di gran lunga meglio per il Paese … ma io sono vecchietta e non faccio testo. 

So anche che i grillini, per arrivare al Governo, hanno massacrato con metodo, grazie ai potenti mezzi della rete dispiegati alla grande, la sinistra italiana, che non è stata capace di reagire per tempo al bombardamento mediatico messo in atto dal M5S, dalla Casaleggio&Associati, dal FQ – il cui direttore vota M5S – e dai vari blog ‘’amici’’ . 

Purtroppo si sa che a noi ‘’popolo’’ , gli slogan ripetuti come dei mantra fanno effetto, e quindi ci siamo aggregati alla massa. 

Certo è che, dopo aver distrutto il ‘’nemico’’  si dovrebbe poi anche essere capaci di sostituirlo in maniera positiva;  ma qui ‘’casca l’asino’’! I risultati li abbiamo davanti agli occhi, l’Italia è in ‘’caduta libera.  Il che significa che tanto bravi costoro poi non lo sono  … o vogliamo convincerci del contrario a tutti i costi? Quanto dobbiamo ancora affondare prima di renderci conto della follia che abbiamo fatto?  

Il Gatto, la Volpe e il burattino … La versione odierna di Pinocchio!

Torniamo a grillini. Ammesso e non concesso che siano agli antipodi rispetto al PD,  non dimentichiamo che,  in ‘’teoria’’ , dovrebbero essere ancor più agli antipodi con la lega. Considerato tutto quello che blateravano per ottenere consenso, molti avrebbero giurato che M5S e Lega non avessero niente a che fare … e invece? 

Invece eccoli  lì …  ’’pappa e ciccia’’,  che pian pianino stanno distruggendo il Paese mentre il loro elettorato ‘’esulta’’! 

Ripeto, noi elettorato siamo ’’quel che siamo’’ purtroppo;  tutti sanno che la democrazia funziona meglio dove c’è un livello culturale maggiore … ma tant’è, dobbiamo prendere atto che questo è un periodo storico di ‘’decadenza’’ e come tale bisogna accettarne le conseguenze e, il livello culturale del paese, fa parte delle conseguenze negative, quindi rassegniamoci.

Detto questo, fermo restando che il suffragio debba assolutamente rimanere universale, non altrettanto ‘’universali’’ dovrebbero essere le candidature. Chi va a sedersi su quelli scranni deve dimostrare di portare valore aggiunto! Non voglio fare domande retoriche ma, che ‘’valore aggiunto’’ potrebbe mai portare all’Italia uno come Di Maio? E lui è solo il ‘’caso’’ che conosciamo meglio ma sono tanti, troppi a non saper fare una cippa in Parlamento. Noi cittadini dovremmo essere più ‘’selettivi’’ nell’eleggerli. Visto che però, grazie a leggi elettorali farlocche, noialtri non eleggiamo nessuno, ma si nominano tra loro, noi dovremmo almeno ‘’pretendere’’ che costoro abbiano i requisiti adatti. Il che significa alta scolarizzazione e/o comprovata esperienza. 

Ma torniamo ai nostri governanti ‘’giallo-verdi’’ e parliamo dei ‘’gialli’’ : 

– il M5S si è venduto, come una forza che molti hanno interpretato fosse ‘’sinistra’’, invece si direbbe si siano limitati a cavalcare tutto lo scontento che hanno trovato in giro per ottenerne il voto; 

– sono talmente delle nullità che, pur essendo arrivati al Governo da assoluti trionfatori, non dimentichiamo che avevano ottenuto il 32,6% dei consensi alle elezioni del 4 marzo e hanno conquistato 331 seggi in Parlamento, contro il 17% e i 181 seggi del Carroccio, eppure … dopo solo un anno risulta evidente che Salvini se li sia già mangiati in insalata!  

Per tirare le fila del discorso: se se li è mangiati in insalata Salvini, che non è che sia un ‘’genio’’ … anche il PD, nel caso fossero assieme al Governo,  dovrebbe riuscire ad annichilirli a sua volta no? Sono talmente  incapaci che fanno risultare ‘’statisti’’ tutti quelli che si avvicinano loro, vedi il caso appunto di Salvini, che continua a riscuotere simpatie tra noi ‘’popollo’’ che comunque, qualche problemino di comprendonio lo abbiamo.

Per farla breve, la sinistra DEVE trovare una ‘’quadra’’ al suo interno, smetterla con i ‘’distinguo’’ andare unita e al limite fare un accordo con ‘sti qui … tanto … sono talmente degli ‘’Zelig’’ che dove li indirizzi vanno. 

E poi … lo ammettono anche loro che sono in Parlamento per ‘’imparare’’ no? Bene! Allora diamogli dei ‘’maestri’’ che siano migliori di quelli della Lega, prima che il Paese vada completamente allo sfascio! 

Non per essere la solita pessimista ma le ultime ruote del carro europeo si chiamano: Cipro, Grecia e Italia! 

Meditiamo gente meditiamo …

Alla prossima

Elena 

Pensierino del mattino: La destra che avanza e la sinistra che stenta, come mai?

Mi domando per quale motivo la ‘’destra’’ stia facendo la ‘’parte del leone’’ un pò dappertutto.

Secondo il mio misero parere è semplicemente perché abbiamo paura. 

Quando si ha paura ci si affida a ‘’qualcuno’’ che ci appare forte, che prende decisioni per noi, che ci ispira fiducia che ci tranquillizza e rinunciamo, altrettanto tranquillamente,  a libertà, a democrazia,  a giustizia, solo per stare con quelli ‘’forti’’ che promettono di  proteggerci. 

Quelli ‘’forti’’ promettono di  proteggerci eliminando quelli che, nel sentir comune, ci ‘’disturbano’’, siano essi individuati di volta in volta nell’ Europa, nella concorrenza economica o nei poveri migranti disperati.  Deleghiamo i ‘’forti’’ per risolvere in maniera semplicistica, e quindi inutile, i nostri problemi. L’importante è stare dalla parte del ‘’vincente’’ di quello che ha promesso di ‘’proteggerci’’ e di farci star bene. 

La paura che abbiamo è atavica e risiede in un semplice fatto. Nel fatto che, al di là dell’economia che stenta, noi oggi sul pianeta Terra,  siamo quasi 8 miliardi di persone!  Quindi sappiamo benissimo che, se le cose non cambiano drasticamente, e non abbiamo idea di cosa fare per farle cambiare,  non ci sarà più da mangiare per tutti. Altro che mancanza di lavoro. 

Quindi … quindi ecco che torna l’atavico istinto di conservazione, quello che mettiamo saggiamente da parte quando attaccato all’osso c’è abbastanza ciccia per tutti e che, per sfamarsi, è sufficiente aspettare il proprio turno. 

Quando sappiamo che la ciccia scarseggia e che: o mangio io o mangi tu … allora la democrazia va a farsi benedire e tornano gli istinti primordiali. 

Ecco che cos’è la destra che avanza. Potremmo chiamarla una sorta di ‘’involuzione della specie’’ ? 

La democrazia funziona quando le società crescono economicamente ed intellettualmente, quando i cittadini sono in grado di vedere un futuro positivo, viceversa si rinuncia volentieri alla libertà per aggrapparsi al dittatorello di turno. 

Ma attenzione scegliere la ‘’destra’’ non è detto che ‘’risolva’’ il problema di base … anzi, la storia ci insegna che lo peggiora e anche tanto.

Mò parliamo di ‘’sinistra’’, della ‘’nostra’’ sinistra che, se non la smette di fare i ‘’distinguo’’ al suo interno, non riuscirà mai a convincere l’elettore a rivotarla. 

Noi elettori di ‘’sinistra’’ ci siamo anche un pò fiaccati i maroni di continuare ad assistere a beghe tra le varie correnti del PD.

Se Renzi vede nel PD esistente il ‘’male assoluto’’ e che solo ‘’lui’’ è il portatore della ‘’luce’’ … che si fondi il ‘’suo’’ partito, magari con Calenda come braccio destro,  e lasci ad altri la gestione e la linea politica di quello che rimane. Se è così bravo ad attirare consensi ma perché non lo fa con un partito suo? Sono più che sicura che avrebbe un ottimo risultato. 

Ha forse paura di fare la fine di Liberi ed Uguali? O di ‘’Potere al popolo’’? Non credo.  Comunque  un partito Renziano, sarebbe sempre meglio di questo ”tira e molla” che sta facendo disamorare anche l’elettore di sinistra più convinto.

Renzi, al di là dei suoi fedelissimi, non ha conquistato tutta la base, viceversa il PD non sarebbe in queste condizioni. Quindi non dovrebbe pretendere di diventare il ‘’capo di tutti’’ quando, evidentemente, le sue idee NON sono quelle di tutti … o no? Purtroppo un leader deve anche sapere ‘’unire’’ e non è una dote scontata a prescindere. 

Il mio PD era quello di Bersani … quello a cui gli ortotteri hanno sbattuto la porta in faccia, per aprirla poi ad uno come Salvini, il che la dice lunga su costoro. In questo PD non mi riconosco  più, anche se ‘’a pelle’’ so bene che solo una sinistra forte potrebbe portarci fuori dal baratro in cui ci siamo infilati a piedi giunti a furia di dare ascolto alle ‘’sirene’’. 

In ogni caso, beghe interne a parte, la sinistra tutta deve andare UNITA alle europee se non vogliamo trovarci l’Europa piena di euroscettici e di sovranisti! Gente che rallenterebbe ulteriormente e forse anche drammaticamente quello che deve essere un processo ‘’naturale’’ di unificazione dell’Europa. 

Incrociamo le dita e speriamo in bene …

Alla prossima

Elena 

Italia in mano ai ”giallo-verdi” …

Mò, dopo tutte ‘ste trattative con l’Europa, tutti ‘sti ‘’tira e molla’’ … ci hanno detto un timido ‘’si’’, ma intanto ci hanno anche ricordato che ci ‘’tengono d’occhio’’! 

Salvini-Conte-DiMaio i ”giallo-verdi” …

Siamo trattati come gli adolescenti, evidentemente ce lo meritiamo no? 

 Comunque si direbbe che i due cavalli di battaglia, del tandem Salvini-DiMaio, partiranno il primo di aprile!  Non voglio fare ironia sul ‘’primo di aprile’’ ma è inevitabile che venga da sorridere no? 

Ci siamo capiti no?

Cosa hanno raccontato all’Europa per convincerli del fatto che riusciranno a recuperare soldi?  Vediamo un pò …

Prima cosa hanno detto che taglieranno le pensioni ‘d’oro’ per cinque anni.  Ci saranno cinque scaglioni di tagli, e saranno così ripartiti:

  • – 15% per chi percepisce 100mila euro lordi l’anno, 
  • – 25% tra i 130mila e 200mila lordi, 
  • – 30% fra i 200mila e i 350mila lordi, 
  • – 35% fra i 350mila e i 500mila lordi
  • – 40% per chi percepisce oltre i 500mila euro lordi.  

fonte: sole24ore

Secondo la relazione tecnica sono 16.644 le persone che percepiscono pensioni oltre i 100 mila euro mentre sono 23 quelle che prendono assegni oltre i 500 mila euro. La tabella sopra mostra l’entità del  ‘’risparmio’’. Un risparmio ridicolo ma che fa tanto ”consenso” presso il ”popollo italico”!

Altri soldi li recupereranno vendendo immobili … sperando ovviamente che qualcuno li voglia anche comprare ‘sti immobili. Un conto è ‘’vendere’’ un conto è ‘’voler vendere’’. Conosco gente che ha casa da vendere da 11 anni e ancora non ci è riuscita. Vedremo se lo Stato avrà più fortuna.

Pensano poi anche di incassare denaro da una nuova ipotetica web tax da far pagare ai giganti di Internet, e poi di aumentare i prelievi sulle vincite dei giochi d’azzardo. 

Contano di risparmiare dei soldi bloccando le assunzioni nella Pubblica Amministrazione. Enti pubblici non economici, agenzie fiscali e Università non potranno assumere a tempo indeterminato.

Altri soldi contano di recuperarli con aumenti dell’IVA previsti dal 2020. 

Sono ‘’formidabili costoro’’ ! Dato che avevano promesso che non avrebbero aumentato l’IVA nel 2019 … aspettano il 2020 per farlo! Dal 2020 quindi l’aliquota ridotta IVA del 10% passerà al 13% mentre quella ordinaria passerà dall’attuale 22% al 25,2% per poi diventare del 26,5% nel 2021.

Per il 2020 sono previste anche accise sulla benzina per altri 400 milioni l’anno.

I due cavalli di battaglia promessi dal ‘’tandem’’ al Governo, hanno comunque perso entrambi per strada 2 miliardi rispetto alle previsioni iniziali. 

Il reddito di cittadinanza è passato da 9 miliardi a 6,1 miliardi, anche perché stimano, udite udite …  che a farne domanda sarà solo il 90% della platea potenziale.  Quindi? Mi viene da pensare che a quel restante 10%, che non sa di averne diritto … ciccia! Non prenderanno un soldo, perché mica glielo dicono che ne avrebbero diritto.  Ma poveretti  … A questi 6,1 miliardi va aggiunto però anche il miliardo diretto alla riforma dei centri per l’impiego. Il totale dunque è 7,1 miliardi (e non più 9) 

Pure la quota 100 di Salvini ha ‘’perso’’ per strada due miliardi. Ma al di là di tutto questo, vedremo adesso se otterranno la bollinatura, che va avanti dal 10 di dicembre ma che non riescono a concludere a causa di ‘sti tira e molla con l’Europa.

Ma al di là di tutte queste parole … qualcuno, qui dentro, vede forse investimenti e o riforme miranti alla crescita del paese? Mah …

Alla prossima

Elena 

Telenovela TAV …

Salvini: ‘’L’opera si farà!

Di Maio: ‘’Ma … veramente … bisognerebbe ancora valutare …’’

Appendino: ‘’Incontrerò le promotrici della manifestazione Si Tav  per sapere cosa pensano in proposito … 

?????????

L’unico che sembra avere le idee chiare, mi spiace dirlo, è Salvini. Gli altri mi ricordano tanto ‘’re tentenna’’. 

I ‘’grillini’’ han cavalcato, tra le tante, anche le manifestazioni dei No Tav, soprattutto al fine di ampliare il loro bacino elettorale. Per tale motivo quindi sono vincolati nelle loro risposte, se non vogliono dar l’impressione di tradire la fiducia che il popolo ha dato loro.

Dato però che di ‘’idee proprie’’ non ne hanno, ma tastano il polso del ‘’popolo’’, tramite algoritmi in rete gestiti dalla Casaleggio&Associati, aspettano gli input dalla Casaleggio appunto per ‘’rispondere’’ a loro volta ai cittadini. Quindi, per forza di cose, stanno sul ‘’vago’’ fino a ‘’nuovi ordini’’. 

E’ il famoso ‘’governo del popolo’’ concepito da Gianroberto Casaleggio. Che era un personaggio  ‘’strano’’ ma se non altro era un ‘’visionario’’. Suo figlio è altrettanto ‘’visionario’’ o preferisce, più semplicemente, fare quattrini? Non dimentichiamo che i parlamentari grillini, per ‘’mantenere’’ la piattaforma Rousseau, che è quella che monitora e risponde alle necessità del ‘’popolo’’ e che pare abbia parecchia pubblicità’, debbano dare al Casaleggio junior  300 euro/mese.  Casaleggio padre voleva monitorare i ‘’desiderata’’del popolo e voleva una politica che rispondesse a questi ‘’desiderata’’! 

Magnifica cosa in se, pure San Francesco cercava di dare tutto quello che aveva. Ma che cosa chiede il popolo? Il popolo chiede di: 

– Avere un buon lavoro, sicuro e tutelato e che gli permetta di fare piani per il futuro,  

– avere dei soldi da spendere, 

– avere una buona sanità, 

– avere delle buone scuole’’! 

Ma dai? Ma ci volevano gli ‘’algoritmi’’ per capirlo? Mah … comunque il succo del discorso non è tanto di rispondere a queste istanze ma essere all’altezza di realizzarle e garantirle nella realtà! E ‘sti qui secondo me, sanno rispondere molto bene ‘’virtualmente’’ … ma nella ”realtà” non sono affatto all’altezza delle situazione! Ma NON è colpa del popolo se sono lì. Il voto deve essere giustamente ”universale” ma sono le candidature che NON devono essere universali! Chi sta seduto su quegli scranni DEVE dimostrare di essere capace di fare qualche cosa! Grrrrr …

Ma non divaghiamo e torniamo al nostro TAV (°) … sono passati ormai trent’anni dal progetto iniziale e ’sto TAV  sembra la tela di Penelope, il che tradotto in ‘’soldoni’’ , significa che il resto dell’Europa, per quanto riguarda opere pubbliche finanziate dalla comunità a favore del nostro Paese, ci veda ormai come la peste! 

Il progetto risale agli anni ’90 e avrebbe dovuto, in teoria, unire l’oceano Atlantico con l’ultimo avamposto prima della Federazione Russa (Kiev-Lisbona). Ma il grande progetto concepito all’epoca di una linea ferroviaria che collegasse il Portogallo con l’Ucraina tra crisi economica e contestazioni ininterrotte dei No Tav è praticamente finito.  Il famoso Corridoio 5 (Kiev-Lisbona) è stato abbandonato e il nuovo tracciato è diventato  “Corridoio mediterraneo”, con un nuovo via dalla piccola Algeciras, in Andalusia, al posto di Lisbona, che, vista la crisi economica ha dato forfait.  E sempre per via delle ‘’calende greche’’ dell’opera pure l’Ucraina si è sfilata, e l’ultima tappa certa potrebbe diventare la più piccola e sconosciuta Miskolc. 

corridoi_ferroviari

Morale … ‘sto sontuoso progetto di viabilità europea, stabilito nelle conferenze di Creta e Helsinki a metà degli anni Novanta, quando cioè le cose sembravano andare bene per tutti, grazie soprattutto alle contestazioni dei No Tav, ha perso i pezzi e oggi quel corridoio, è ormai erroneamente chiamato solo Torino -Lione, tant’è che la gente  pensa che il tratto sia  solo quello. 

Eppure … chi continua a credere al  ‘’sogno di unire’’ i paesi europei non demorde e si batte affinché questa opera venga fatta. 

Fare qualche cosa è positivo. Chiudersi nei propri giardini e dire NO a tutto è negativo.  

Si direbbe però che, nonostante tutta la buona volontà da parte di ‘’qualcuno’’ di ‘’unire’’ i paesi,  la maggioranza dei cittadini voglia restare nei propri giardini e qualsiasi tentativo di ‘’allargamento’’ viene visto malissimo! Ma si … chiudiamoci a riccio … è il modo migliore per creare economia no? Facciamo figli e andiamo a lavorare le ‘’facili’’ terre di montagna che lo stato ci vuol donare.  E che ci vuole a fare il contadino?  

Isoliamoci dal resto del mondo ‘’cattivo’’ … in fondo, come diceva il duce: ‘’Abbiamo tre mari. Abbiamo tanto pesce che a chi lo vuole lo possiamo regalar’’! 🙁 

Alla prossima

Elena 

 

(°) T.A.V. è l’acronimo di Treno ad Alta Velocità, che indica una linea ferroviaria cosiddetta  AV/AC (alta velocità/alta capacità) su cui i treni raggiungono  velocità molto elevate, riducendo drasticamente i tempi di viaggio. E’ un tentativo di rendere il treno competitivo con l’aereo collegando grandi città in tempi brevi, da centro a centro e in modo molto più ecologico, poiché il treno consuma molto meno dell’aereo a parità di passeggeri trasportati.

La UE ha identificato dieci Corridoi multimodali, solo quattro dei quali interessano l’Italia:

Corridoio 1: Berlino – Palermo (in cui è compreso il ponte sullo stretto di Messina)

Corridoio 5: Lisbona – Kiev (Ucraina)

Corridoio 7: Bari – Varna (Bulgaria)

Corridoio dei Due Mari: Rotterdam – Genova.

Quello di cui si parla a proposito di TAV / NO TAV è il corridoio 5 che nel tratto Torino – Lione attraversa la Val di Susa.

Salvini e Macron … braccio di ferro …

Cribbio sono appena arrivati e già sono riusciti a litigare con i francesi!  Salvini d’altronde lo ‘’scontro’’ con l’Europa lo ricerca un tutti i modi.  Non dimentichiamo che deve farsi ”bello” con Marine le Pen. Quando in Europa ci avranno mandati a ‘’stendere’’ di brutto almeno potrà dire: ‘’Non ci vogliono’’! 

Sono anni che, ringraziando il Signore,  non c’è una guerra in Europa ma Salvini,  se continua con ‘sto atteggiamento,  potrebbe esser capacissimo di provocarla. 

Comunque per tornare alla diplomazia, di solito funziona così: ‘’Sono necessarie azioni e parole moderate’’, se si passa la vita a fare annunci tipo: ‘’Chiudo i porti e non ne voglio più sapere di migranti, che se li prendano gli altri, per me possono anche morire in mare’’. Non è che si possa poi pretendere di attirarsi  simpatie e risposte ‘’pacate’’. 

Intanto Macron dice che la Francia NON ha ricevuto alcuna richiesta ufficiale di scuse da parte dell’Italia , che stanno lavorando con l’Italia comunque, che prega tutti di non cedere all’emozione.  Ma sostiene anche che la provocazione è stata cercata da Salvini, che, altro non ha fatto se non provare di essere più ‘’forte’’ dei democratici.  Salvini in pratica ha detto ai francesi: ‘’Se una nave arriva davanti alle mie coste la caccio via.  Macron si domanda: ‘’Ma … se dò ragione a Salvini aiuto forse la democrazia’’? Non dimentichiamo ‘’chi’’ ci sta parlando e chi si rivolge a noi … perché anche noi abbiamo a che fare con gli stessi’’! (Riferendosi al Front National di Marine Le Pen).

Marine Le Pen with Italian Northern League chief Matteo Salvini in Milan, 28 January 2016. The leader of France's far-right Front National (FN) was on hand in Milan Thursday for a convention of Italy's rightwing, anti-immigrant Northern League (LN). ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO

Eccoli qui ”pappa e ciccia” questa foto risale al 28 January 2016. Il leader del Front National (FN) a Milano assieme a Salvini durante una ”Convention anti immigranti” organizzata dalla lega Nord.

Cari Signori lo avete votato Salvini? E beh …non pensate di non aver votato il Fronte degli euroscettici aggressivi e che non sanno nemmeno cosa sia la parola ‘’dialogo democratico’’. Salvini fa tanto ”can can” ma vigliacco se è mai andato a Bruxelles a sbattere i pugni sul tavolo, eppure era ”europarlamentare” costui no? In Europa è famoso solo per l’assenteismo! D’altronde, paga poco a livello politico la battaglia in Europa, mentre il populismo in patria paga eccome!  Macron con gente simile combatte tutti i giorni e mò gli è pure arrivato Salvini tra i piedi con i suoi proclami populistici.

Comunque, come tutti sappiamo: ‘’Chi semina vento raccoglie tempesta’’, per cui non stupiamoci se tra poco saremo finalmente, come vuole il Padano Salvini e il Fronte Nazionale,  fuori dall’Europa. Preparatevi a tirare la cinghia e a mangiare pesce inquinato.  Altro che reddito di cittadinanza!

In questa brutta situazione il ministro dell’Economia Giovanni Tria e il Primo Ministro Giuseppe Conte – allineati e coperti e senza voce in capitolo –  hanno annullato i rispettivi incontri a Parigi previsti per oggi con Bruno Le Maire e venerdì con il presidente Macron. (Cominciamo bene) 

Salvini il novello Ministro degli Interni invece di calmare le acque rincara la dose e con il suo solito populismo ripete, riscuotendo il consenso di chi vede gli immigrati come satanasso in persona: ‘’Macron continua istericamente la sua guerra al popolo italiano che in quanto a generosità ha poco da imparare’’. 

Generosità!  Cribbio!  Detto da uno che milita nello stesso partito di Borghezio, quello che dà fuoco agli immigrati sotto i ponti tanto per intenderci, è quasi commovente. 

Comunque tornando ai francesi, i numeri ufficiali dicono che in pochi giorni mille africani sono arrivati a Ventimiglia per entrare in Francia e che sono stati respinti. In realtà sono molti ma molti di più. La maggior parte però ha già capito l’andazzo e ai valichi presidiati dalla polizia manco si fa vedere. Si arrampicano sui sentieri che portano oltre-confine attraverso uliveti e boscaglie. Oppure trovano un passaggio in macchina. Alcuni cronisti del Gazzettino a fine giornata fanno i conti: ‘’Io ne ho portati di là sette in due viaggi’’. Alla faccia delle severe disposizioni dell’Eliseo.

E’ vero che quando la polizia francese becca degli immigrati a Mentone ce li rimanda indietro. Ma, come dice Sameh mentre sale sul furgone della polizia italiana: ‘’Domani rientro in Francia, perchè c’è mia sorella che mi aspetta a Parigi’’! 

Più giù, a Ventimiglia,  c’è l’altro posto di frontiera, quello famoso per i migranti che bivaccano sugli scogli. Parigi ha scelto questo luogo per mostrare al mondo di saper fare la faccia feroce. Gli agenti delle forze speciali stanno sulla linea di confine, come a dire: ‘’di qui non si passa». Ma a conti fatti è soltanto una messinscena. A Napoli direbbero che fanno ammuina. Perché fermare il mare è impossibile, e non bastano certo le facce truci dei gendarmi per interrompere il viaggio di una moltitudine in cammino. Tant’è che al confine,  all’imbocco della galleria dell’autostrada, c’è un cartello che recita:’’ attenzione rischio pedoni in banchina, fate attenzione’’! Come mai? Perchè, nonostante tutto passano ugualmente. Faccio quella strada mille volte all’anno e ne ho visti tanti di giovani uomini e donne in fila indiana passare. Hanno occhi immensi,  spaventati, camminano per chilometri in cerca di una ‘’vita nuova’’ e niente e nessuno li potrà fermare.

Questa Grande Ipocrisia ‘’mediatica’’ serve al governo francese per placare l’insofferenza di chi gli immigrati non li vuole, e non dimentichiamo che il VAR è di ‘’destra’’ e molti sono i sindaci del Fronte Nazionale qui.  In un giorno, tempo fa,  la gendarmeria di Menton ne ha rimandati indietro quasi un’ottantina: ‘’Avevano scontrini di bar italiani in tasca, o biglietti del treno delle nostre Ferrovie’’. Altri però non avevano nulla che potesse certificare una loro presenza in Italia, e il Commissariato di Ventimiglia li ha riconsegnati ai francesi, che hanno dovuto farli entrare senza se e senza ma. E’ una situazione difficile, l’uomo è un migratore per eccellenza e in Francia come in Italia l’insofferenza verso di loro è tantissima. Tenete conto che i francesi poi hanno una massa di ‘’arabi’’ enorme tenuto conto delle precedenti colonie, quindi l’insofferenza è ancora più alta che da noi.

Ma … non sarà certo l’atteggiamento da ‘’duro’’ di Salvini ad attirarsi le simpatie in Europa. Ho l’impressione che lo faccia apposta … lui ‘’vuole’’ la ‘’rottura’’ più che il ‘’cambiamento’’! 

Alla prossima

Elena 

 

Fonte: il Gazzettino.it