Archivi tag: Italia

Ma ‘sta crisi ce la potevamo evitare o … no?

Buongiorno Mondo!
Pensierino del mattino a proposito dell’ultima ‘’crisi politica’’ che avremmo anche potuto, secondo il mio misero parere, se solo avessimo avuto un pò più di sale in zucca, evitarci.
Quel che veramente mi rattrista è che Renzi, nel tentativo di far saltare un Governo, in cui i grillini dettano legge, grazie all’enorme numero di voti che gli italiani gli hanno voluto dare, è invece riuscito ad ‘’asfaltarsi’’, come aveva sostenuto d’altronde Rocco Casalino! Uno dei tanti personaggi grillini che detesto cordialmente! (*)
Ormai Renzi viene ‘’letto’’ da un grande numero di persone in Italia ma purtroppo anche all’estero per forza di cose, come un ‘’combina guai’’, un ‘’guastafeste’’, come un ‘’bulletto’’ di periferia, come l’incosciente che nonostante il periodo drammatico continua a buttare benzina sull’incendio.
Il dramma nel dramma è che, grazie al suo comportamento da ‘’bullo’’ aggressivo, è riuscito a far passare come ‘’responsabili’’ i grillini. Roba da matti …
Renzi, che di grillini ne vale mille, ha ottenuto l’intento opposto di quello voluto. E’ riuscito a ”martellarsi le dita dei piedi” facendo nel contempo sembrare Di Maio uno statista responsabile. Peggio di così non poteva andare.
Ve la immaginate la faccia di Mattarella ieri, quando Conte è andato a trovarlo per raccontargli tutti i casini che gli ha combinato Renzi? E che lui con Renzi non ci vuole tornare mai più?
Mattarella si ritrova a sedare liti tra adolescenti, mentre intanto il Paese va a rotoli.
Poi ci chiediamo la ragione per cui ogni tanto salta fuori qualcuno che ci vorrebbe ”commissariare”. Ma di che stupirci?
O siamo degli incapaci che vanno a ”vento” al solo fine di ottenere consenso, ma totalmente inadatti a progetti politici degni di tale nome, o siamo nazionalisti, o siamo bipolari all’ennesima potenza!
Alla prossima

Elena

(*) Tra l’altro il video in cui si poteva ”ammirare” il Rocco Casalino in mutande a letto, intervistato dalle Iene, in cui sosteneva che far l’amore con un extracomuntario povero gli faceva schifo perchè i poveri puzzano, nonostante li si lavasse, è scomparso da You Tube! Capito? I potenti mezzi del M5S? Se non voglio che una cosa circoli ho il ”potere” di toglierla dalla circolazione … In compenso le ragazzine che si fanno fotografare dall’amico, quando poi la cosa va in rete, si buttano dal balcone, per loro nessuno toglie niente! 🙁

Veterinari italiani in Costa Azzurra …

Oggi sono andata a far fare il richiamo del vaccino di Luke, il nostro cane.
Tra l’altro, nei fogli pre-stampati per giustificare le uscite, non è previsto il veterinario.
Il fatto è che la vaccinazione scade e, se non fatta nei termini previsti, non garantisce la copertura. Quindi, sotto la casella visite mediche per ‘’umani’’, ho aggiunto una casella ‘’visita medica veterinaria’’, l’ho spuntata e l’ho portato, sperando comunque che nessuno mi fermasse, dal veterinario.
Eravamo in auto solo io e il cane, una volta arrivati, tutto il personale indossava la mascherina e non c’era nessun altro ‘’paziente’’ , visto che le visite sono tutte su appuntamento.
Andati, vaccinato, tornati a casa nel giro di un’ora. Nessuno mi ha fermato. Tutto bene.
Ma non è questo il succo del discorso di oggi. La cosa che mi fa ‘’fremere’’ è il fatto che Il Group Veterinarie de l’Argens a Roquebrune sia pieno di medici italiani.

71184754_939660809705233_5946222787831005184_n

Ragazzi, per me quelli di 35/40 anni sono ‘’ragazzi’’, simpaticissimi e preparati che hanno studiato e si sono preparati in Italia ma che in Italia non hanno trovato lavoro.
Eppure, sono i quattrini italiani, le nostre tasse tanto per intenderci, che li hanno fatti studiare ma, per trovare un lavoro sicuro e retribuito decentemente, sono dovuti espatriare.
Vi sembra normale? Ma soprattutto vi sembra ‘’giusto’’?
Ricapitolando, l’Italia investe nelle università, prepara una nuova classe di lavoratori altamente qualificati ma poi è incapace di dar uno sbocco lavorativo ai laureati da lei stessa preparati.
Non voglio sembrar monotona ma l’Italia, grazie alla conformazione geografica che si ritrova, avrebbe potuto e dovuto esser una sorta di Florida d’Europa! Il che significa che pensionati, con mezzi economici medio/alti di tutta Europa, avrebbero potuto riversarsi qui in massa e godersi l’agognato riposo. Portando ovviamente un sacco di quattrini!
Siamo o no un ‘’dito nel Mediterraneo’’?
Ma… guarda un pò, invece, questa occasione ce la siamo fatta fregare dai francesi con la Costa Azzurra!
Io vivo in Costa Azzurra, ed è bellissima per carità, ma … non vorrete mica dirmi che il mare della Sicilia è meno bello di questo no? Per favore!
Eppure … eppure … persino i prezzi delle case vicino al mare, qui in Costa Azzurra, a parità di offerta, sono più bassi che in Italia, ma come mai? Come mai?
Senza contare che le fognature qui non si sognerebbero mai di scaricarle in mare, cosa che da noi invece. Ricordo di certe nuotate in Calabria che, dopo una certa ora era meglio non fare, visto quel che ‘’galleggiava’’ in superficie! … bè lasciamo perdere.
Continuiamo a stendere ‘’veli pietosi’’ e a raccontarci delle bugie.
Più che un ‘’velo’’ sul nostro paese bisognerebbe metterci sopra un macigno!
Che cosa abbiamo di sbagliato noialtri? Siamo pieni di risorse, ci inventiamo di tutto, ci togliamo dai pasticci, siamo buoni e collaborativi, ci sciogliamo per un cane ferito o un gattino abbandonato ma … vigliacco se siamo capaci di far funzionare le cose, qualsiasi cosa!
Continuiamo a dire frasi fatto come: ‘’Dove non arriva lo Stato arriva la malavita organizzata’’, oppure: ‘’Le cose non cambieranno mai’’.
Ma che cosa caspita impedisce allo Stato di arrivare ‘’prima’’? Lo abbiamo capito il motivo? Lo abbiamo capito di che si tratta si o no?
No evidentemente! Perché dopo anni e anni che ripetiamo le stesse cose, dovremmo esser pur riusciti a capire che cosa c’è che non va, o no? Continuiamo a rivangare cose fritte e rifritte. Mi si accappona la pelle quando nel Sud si parla ancora di una Unità d’Italia che non è stata ‘’equa’’! Che il Re non è passato da Via Caracciolo, come ci ricorda il libro della Matilda Serao: ‘’Il ventre di Napoli’’!
Sentire che ‘’loro’’ prima erano in gambissima ma che, dalla nascita del Regno d’Italia ahimè, gli son capitate tutte le disgrazie del mondo! Ma che caspita! Non sarebbe ora di superarle ‘ste menate?
Le nostre palle al piede si chiamano Mafia, ’Ndrangheta, Camorra e Sacra Corona Unita che pare arrivino ovunque e moooolto prima del Governo.
Queste associazioni malavitose infatti NON sono appesantite dalla burocrazia! Ma … vogliamo eliminare ‘ste palle al piede si o no? Vogliamo eliminarle ‘ste pastoie si o no?
Allora tiriamo fuori la rettitudine e l’impegno che è in ognuno di noi. Alleggeriamo la burocrazia, rendiamole snella e corretta. Smettiamo di pretendere che sia il cittadino a dimostrare sempre l’onere della prova ma pretendiamo iinvece che sia la burocrazia a funzionare per aiutare il cittadino e non per metterlo in croce!
Da da pensare al fatto che, nei paesi anglosassoni, il funzionario pubblico si chiami: ”Civil servant” (servitore) mente da noi si chiama ”Pubblico Ufficiale”!
‘’Seghiamo le gambe’’, metaforicamente parlando ovviamente, a quelli che invece la burocrazia pretendono di gestirla a ‘’modo loro’’. Una burocrazia che si inginocchia al ‘’potente’’ e che tartassa il ‘’piccolo’’!

Morale … quelli bravi e intelligenti, studiano e poi espatriano, mentre da noi rimangono, non me ne vogliate, i meno ”titolati” che poi diventano, figuratevi, i Ministri che dovrebbero risolvere problemi atavici che ci attanagliano.

Mah …

Alla prossima

Elena

Grillo … democrazia diretta … vincoli di mandato …

Grillo, in collegamento, chissà con che ‘’titolo’’, con una tavola rotonda organizzata a Bruxelles dal presidente dell’Europarlamento David Sassoli, parla del referendum come della massima espressione democratica e afferma: «Non credo più in una forma di rappresentanza parlamentare, ma nella democrazia diretta, possiamo fare tutto con il voto digitale, anche una consultazione a settimana. Sulla riforma elettorale Grillo ha ribadito la sua vecchia idea del sorteggio tra gli eletti. Nel M5s sono stati avviati sei o sette procedimenti disciplinari nei confronti di parlamentari che si erano espresso per il No al referendum.
Ovviamente, se hanno detto NO significa che non sono abbastanza ‘’yes-man’’ e quindi non possono stare nel partito. Il ‘’vincolo di mandato’’ da loro esiste eccome! Lo stesso che c’era nel partito di Mussolini e di Hitler. E mò Di Maio lo vuole per tutto il parlamento! Pochi, nominati e … ‘’Yes Men’’!
Il vincolo di mandato, vigliaccamente, propagandato come risoluzione ai cambi di casacca, è in realtà un modo per impedire, primo, le numerose fughe dal M5S ma soprattutto è indispensabile per trasformare i parlamentari in uomini dipendenti esclusivamente dalle direttive dei vertici del partito. Del ‘’capo insomma. Farne delle marionette che votano tutto quello che il capo dice loro.
Si riempiono sempre la bocca sul ‘’Difendiamo la Costituzione’’ ma l’hanno mai letta? Parlano di Calamandrei, ma se ne fregano delle sue parole! Già nella sua “Critica sociale“ dell’ottobre del 1956 diceva:

‘’Chiamare i deputati ed i senatori “rappresentanti del popolo” non vuol più dire oggi quello che voleva dire in altri tempi: si dovrebbero chiamare, “impiegati del loro partito”’’!

E da allora siamo solo peggiorati fino ad arrivare all’apoteosi del ‘’nulla’’ con ‘sti qui.

Ma qualcuno se ne rende conto che il vincolo di mandato è incompatibile con una Democrazia Parlamentare? Se tu partito mi obblighi a fare e dire quello che vuole il ‘’capo partito’’ che cosa ci stanno a fare in Parlamento? Che cosa discutono a fare se tanto non possono cambiare idea e cercare una ‘’quadra’’!
Ovvio che a Grillo NON piaccia la discussione parlamentare! Ha mandato in parlamento della gente che manco sa parlare! Si limitano a ripetere le stesse frasi mandate a memoria! Meglio un bel referendum: ‘’pilotato’’ da qualche genio della comunicazione e, oggi costoro sono ovunque sul mercato, magari sulla Piattaforma Rousseau e ottenere dal ‘’popollo’’ la risposta che si vuole ottenere!
Ma chi caspita è Grillo? Quello che voleva fondare un partito chiamato ‘’DIO’’? VivaIddio, almeno quello scempio, glielo hanno impedito!
Ma poi com’è che costui si ‘’collega’’ con Bruxelles a nome del M5S? Chi è esattamente nel M5S? Alla faccia della ‘’democrazia diretta’’! In ambito 5 stelle è sicuramente ‘’diretta’’ da lui. Roba da matti, fa quello che vuole nel partito e vorrebbe lo stesso sistema per l’ Italia. Questo è pericoloso! Mica perchè è cattivo … macchè! Solo perché è ‘’fanatico’’ ed un sacco di gente adorai fanatici!
Democrazia Diretta … vi ricordate la domanda fatta al popolo: ‘’Preferite Gesù o Barabba’’? Vi ricordate che cosa ha preferito il popolo vero’’?
Per trovare il diritto di cittadine e cittadini di partecipare ai processi politici decisionali e di avere quindi l’ultima parola, bisogna risalire alla Rivoluzione francese del 1792 … però poi lo sappiamo come è andata a finire no?
In Svizzera la ‘’democrazia diretta’’ esiste, ma loro sono ‘’cantoni’’ decentrati e anche abbastanza isolati tra loro. Dopo essersi fatti la guerra tra cattolici protestanti hanno riconosciuto i ‘’diritti popolari’’ ed hanno iniziato a votare per alzata di mano già nel lontano1830.
Ma poi, votavano forse tutti gli svizzeri? Naaaaa , alle donne il voto fu concesso solo nel 1971!
Grillo è l’antipolitica per eccellenza ed è l’uomo che sta spingendo per la dittatura. La crisi economica inoltre lo aiuta alla grande, perché a noi, si sa, piace l’uomo della provvidenza vero?
Il fatto che l’uomo della provvidenza – l’unto del Signore – ci avesse fatti finire in ginocchio non ce lo ricordiamo più vero? E non parlo solo di Mussolini!
Che dire? Ci meritiamo quello che ci succede … punto.

Alla prossima

Elena

PER LA SERIE: ‘’LE DISGRAZIE NON VENGONO MAI SOLE’’ …

Che il 2020 fosse un anno di ‘’M’’ lo sapevamo tutti da tempo ma, in questi giorni si sta proprio accanendo!
Dunque mercoledì mi sono rotta il polso, frattura scomposta e, il giorno dell’Ascensione, mi hanno operata mettendomi anelli di ferro che dovranno togliere a luglio.
Mi stavo riprendendo quando martedì, nel pomeriggio inoltrato, mio marito, torna dall’orto zoppicando in modo pietoso.
Un attacco dolorosissimo di tendinite al ginocchio destro.
Il medico ha prescritto riposo assoluto con arti inferiori allungati e, ovviamente, divieto di carico minimo per 5 giorni, antidolorifici, antinfiammatori e ghiaccio sulla parte dolente. Ecco!

Quindi a chi tocca far tutto? Alla sottoscritta! Che ha, tanto per render la cosa più interessante, solo una mano.
Manco riesco a pettinarmi e devo aiutarlo a vestirsi. Figuriamoci che efficienza posso avere. Non riesco nemmeno ad aprire la bottiglia del latte!

La foto non rende una gran che ma i ”colori” sono interessanti … 🙂

Sarà anche vero che la Costa Azzurra è un magnifico posto e chi lo nega, ma cribbio sembra di essere in Florida! Qua vivono e spendono i pensionati di mezza Europa! Tanto per cambiare l’Italia, nonostante i milioni di chilometri di costa nel Mediterraneo che si ritrova, è riuscita a farsi fregare pure questo ‘’introito’’! Ma stendiamo un velo pietoso sull’Italia, altrimenti mi vengono ancora più i nervi!

Tornando alla Costa Azzurra … la realtà è che qui siamo tutti vecchi.
Faccio parte di alcune associazioni ed ogni volta che c’è un Consiglio di Amministrazione o un’Assemblea qualunque, bisogna fare alcuni minuti di silenzio per coloro che se ne sono ‘’andati’’.
I nostri amici, hanno tutti degli acciacchi, chi più chi meno gravi, e quando ci si ritrova gli argomenti sono per una buona percentuale, legati alla ‘’mancanza di salute’’.
Ora … dato che l’essere umano adulto ha, nel suo corredo cerebrale la dote dell’empatia, bambini ed autistici ne sono privi, va da se che esser allegri ed ottimisti, a volte e nonostante il magnifico posto, non sia poi così facile.

Stiamo ‘’decomponendoci’’ piano piano …
Ho un caro amico che dice: ‘’Se vuoi morire in perfetta forma … devi farlo presto’’!
Ecco! Però … dato che noi non abbiamo fretta ci tocca!

Alla prossima

Elena

Italia … perchè facciamo sempre tutto all’ultimo momento?

A casa nostra io e mio marito spesso becchettiamo perché non troviamo nell’archivio di casa, dei documenti o delle pratiche di cui abbiamo bisogno.
Iniziano in questi casi delle diatribe su questo tono:

– ‘’L’hai messa via tu!
– ‘’No tu’’!
– ‘’Non metti mai niente a posto’’!
– ‘’No! Sei tu che hai una mente contorta e le cose che devono stare in un dossier le metti invece altrove’’ …
– ‘’No sei tu che prendi le cose e non le rimetti dove le hai prese ‘’ …

Insomma non è che siamo il ‘’festival dell’organizzazione. Il fatto è che siamo in due e a nessuno dei due piace molto occuparsi dell’archivio di casa. Detto questo però, alla fin dei fini, troviamo tutto quel che ci serve, anche perché, come dice il proverbio, la ‘’casa non perde ma … nasconde’’! Ovvio che, se fossimo più organizzati, troveremmo le cose in molto meno tempo e ci innervosiremmo molto meno.
Questo, comunque, è un problema ‘’casalingo’’ ma … un Governo non può permettersi di gestire le cose come facciamo noi due.
I problemi non sono mica pochi in questo periodo. Siamo vittime della più grande pandemia mondiale che si ricordi … l’economia del nostro paese, che già non stava un gran che bene prima, adesso è in caduta libera, quindi servono provvedimenti non urgenti ma urgentissimi! La macchina dovrebbe ”filare come l’olio”! Invece?
Invece, finalmente dopo mesi di confinamento e chiusure, il 18 maggio riapriremo le attività. E qui molti penseranno: ”Meno male, si riparte”!
Ma … attenzione … gli accordi presi tra Governo e Regioni prevedono che queste ultime si organizzino, in autonomia, in base alle ‘’linee guida’’ che il Governo ha inserito nel decreto per le nuove regole della Fase 2.
Le scelte delle Regioni saranno anche condizionate dalle ‘’pagelle sanitarie’’ , stilate dal Ministero della Sanità.
E qui ‘’casca l’asino’’ perché le ‘’linee guida’’ NON sono ancora arrivate alle Regioni e le pagelle sanitarie dell’Istituto superiore della sanità e Inail per: ristoranti, aziende balneari, parrucchieri, etc … sono giudicate troppo restrittive quindi bisogna rivedere il tutto.
Oggi, venerdì 15 maggio alle ore 12,  il Governo deve trovare assolutamente una ‘’sintesi’’. Ma … non dimentichiamo che oggi è il 15 e le aperture sono previste per il 18.
Siamo, come al solito, arrivati all’ultimo momento. Che razza di ‘’sintesi’’ volete che trovi il Governo? Ne troverà una alla ‘’carlona’’!
Ma qual’è il problema di noi italiani con l’organizzazione ? Vero è che noi a casa nostra avremmo bisogno di un’archivista svizzero! Che sia necessaria la stessa cosa per far funzionare la ‘’macchina’’ Italia?

Cribbio, una volta gli svizzeri facevano solo i ”mercenari” … forse, da noi,  bisognerebbe lasciargli  fare anche la ”pianificazione strategica” !
Mah …

Alla prossima

Elena

 

fonte: sole24ore

Silvia Romano e le polemiche …

Noi italiani non possiamo fare a meno di fare polemica. Invece di essere contenti che ‘sta ragazzina sia tornata, dopo tutto ‘sto tempo,  dalla sua famiglia, ne abbiamo già dette di tutti i colori.

Bentornata dalla tua mamma Silvia.

I più ce la menano che con questo ‘’riscatto’’ si sia finanziata la guerriglia terrorista. Come se noi le ‘’armi’’ a costoro non le fornissimo già.
La relazione sull’export italiano di armamenti del 2018, conferma che gran parte della produzione di armi italiane finisce nelle ”regioni calde del mondo”, come Africa e Medio Oriente. Quindi non facciamo i ”santerelli”.

L’Italia vende armi in AFRICA dove, attualmente, ci sono qualche cosa come 30 Stati in guerra e 274 tra milizie-guerrigliere, gruppi terroristi-separatisti-anarchici coinvolti.
Punti Caldi: Burkina Faso (scontri tra etnici), Egitto (guerra contro militanti islamici ramo Stato Islamico), Libia (guerra civile in corso), Mali (scontri tra esercito e gruppi ribelli), Mozambico (scontri con ribelli RENAMO), Nigeria (guerra contro i militanti islamici), Repubblica Centrofricana (spesso avvengono scontri armati tra musulmani e cristiani), Repubblica Democratica del Congo (guerra contro i gruppi ribelli), Somalia (guerra contro i militanti islamici di al-Shabaab), Sudan (guerra contro i gruppi ribelli nel Darfur), Sud Sudan (scontri con gruppi ribelli)

Anche in ASIA vendiamo armi e ci sono 16 Stati e 182 tra milizie-guerriglieri, gruppi terroristi-separatisti-anarchici coinvolti.
Punti Caldi: Afghanistan (guerra contro i militanti islamici), Birmania-Myanmar (guerra contro i gruppi ribelli), Filippine (guerra contro i militanti islamici), Pakistan (guerra contro i militanti islamici), Thailandia (colpo di Stato dell’esercito Maggio 2014)

Pure in EUROPA c’è casino e sono coinvolti 9 Stati e 82 tra milizie-guerriglieri, gruppi terroristi-separatisti-anarchici ad essere coinvolti.
Punti Caldi: Cecenia (guerra contro i militanti islamici), Daghestan (guerra contro i militanti islamici), Ucraina (Secessione dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk e dell’autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk), Artsakh ex Nagorno-Karabakh (scontri tra esercito Azerbaijan contro esercito Armenia e esercito del Artsakh (ex Nagorno-Karabakh)

In MEDIO ORIENTE sono 7 gli Stati e 261 tra milizie-guerriglieri, gruppi terroristi-separatisti-anarchici coinvolti.
Punti Caldi: Iraq (guerra contro i militanti islamici dello Stato Islamico), Israele (guerra contro i militanti islamici nella Striscia di Gaza), Siria (guerra civile), Yemen (guerra contro e tra i militanti islamici)

Nell’ AMERICA DEL SUD sono 7 gli Stati e 32 tra cartelli della droga, milizie-guerrigliere, gruppi terroristi-separatisti-anarchici coinvolti)
Punti Caldi: Colombia (guerra contro i gruppi ribelli), Messico (guerra contro i gruppi del narcotraffico)

E con tutto ‘sto casino che c’è in giro nel mondo,  di cui non siamo estranei visto che forniamo armi a destra e a manca, ci preoccupiamo del riscatto di Silvia Romano?  Con il quale possano eventualmente comprare armi i gruppi terroristici? Mò useranno quei soldi per comprare armi? Ma dai? Di che ci preoccupiamo visto che gliele vendiamo da sempre?  Non dimentichiamo che nello Yemen sono nostre le bombe che cadono in testa ai civili. Non sarà certo il riscatto a cambiare la situazione in questi Paesi no? ma poi … dovevano lasciarla morire? Sarà anche vero che i riscatti non si devono pagare ma … se fosse stata vostra figlia?

Diciamo piuttosto che la cosa sbagliata sia stato l’Ambaradam mediatico che è stato fatto sul ritorno di questa ragazza.
Una cosetta più sobria e raccolta … giusto con autorità e famiglia no eh? Mah …

Alla prossima

Elena

Fonte: https://www.osservatoriodiritti.it/…/export-armi-italia-ve…/

Ma … dobbiamo peoccuparci? Questa è l’Apocalisse?

Stiamo vivendo un momento “medioevale”. Circola tra noi la morte e le nostre difese—il lavaggio ossessivo delle mani, le mascherine e anche il “distanziamento sociale”—sono riti di protezione non tanto dissimili dal piazzare piccole quantità di sale negli angoli della casa: male non possono fare, ma il male arriva se vuole arrivare.
La memoria storica umana conosce questi momenti, anche se abbiamo provato a dimenticarli. La tradizione cristiana li associa ai Quattro Cavalieri dell’Apocalisse: il quarto, Morte e Pestilenza, ora con noi, monta un “cavallo pallido” dal verdastro spento dei cadaveri. I primi tre cavalieri simboleggerebbero invece, nell’ordine, la Conquista militare (cavallo bianco, cavaliere con arco), Violenza e Stragi (cavallo rosso, cavaliere con spada), e Carestia (cavallo nero, cavaliere con bilancia). Il punto— molto infelice—è che i quattro non sono cavalieri “solitari”, si muovono insieme.

Eccoli qui! I Quattro Cavalieri dell’Apocalisse! Guerra, Violenza, Carestia, Pestilenza.

Quello meno presente negli ultimi anni è stato il cavaliere della carestia. Non siamo stati capaci di eliminare guerre, stragi e violenza, ma—grazie anche alla molto vituperata globalizzazione—è da un pezzo che larghissima parte della popolazione mondiale mangia molto meglio di una volta, al punto che fino a poco fa la crisi sanitaria du jour è stata l’obesità.
Ora, secondo una relazione presentata al Consiglio di Sicurezza dell’Onu la settimana scorsa, si starebbe innescando una catastrofe alimentare mondiale che potrebbe mettere in ombra perfino le 200mila vittime (finora) dell’epidemia Covid-19.
Il Direttore del WFP- World Food Program, David Beasley, ha detto al Consiglio che, a causa di una sorta di “perfect storm” di conflitti, siccità, cambiamenti climatici e coronavirus, 265 milioni di persone nel mondo potrebbero essere sull’orlo della morte per fame entro fine anno, cosicché: “Potremmo trovarci di fronte a carestie di proporzioni bibliche tra pochi mesi”.
È vero che l’Onu, nel sempre più disperato tentativo di giustificare la propria esistenza, tende regolarmente ad andare sopra le righe ma, ancora prima dell’arrivo della pandemia, parti del Corno d’Africa e dell’Asia meridionale erano già a forte rischio carestia per la siccità e per una delle peggiori infestazioni di locuste (più biblico di così…) degli ultimi decenni.
La pandemia e i lockdown, insieme con il crollo del prezzo del petrolio, stanno massacrando le economie di una trentina di nazioni già a rischio alimentare, limitando la possibilità di spesa dei più poveri, ostacolando la produzione agricola locale e sfasciando le catene logistiche che fanno arrivare i viveri da fuori. Al tempo stesso, la crisi economica europea ha fortemente ridotto le rimesse degli emigrati, si stima fino all’80-90 per cento. Tutto questo in paesi i cui governi non hanno la forza economica per reagire con efficaci aiuti alla popolazione.
Non è il caso di sfruttare troppo la metafora dei Quattro Cavalieri, ma è difficile dimenticare che il racconto—che appare nell’ultimo libro del Nuovo Testamento, l’Apocalisse—è una profezia, una profezia che preannuncia la fine del mondo e gli eventi che la precedono.
In altre parole, potrebbe andare ancora peggio…
James Hansen
.-.-.-.-.-
Bè … buona giornata eh!

Alla prossima

 

Elena

Francia – coronavirus – secondo discorso di Macron alla popolazione

Ieri il Presidente Macron ha tenuto il suo secondo discorso a reti unificate.

Ha ribadito il fatto che ”siamo in guerra”, una guerra contro un nemico invisibile e proprio per questo motivo ancora più pericoloso.

Eccolo qui il bel Presidente francese che parla alla Nazione.

Comunque anche per la Francia ormai si sono adottate le stesse misure che abbiamo prese noi in Italia.

Alla fin dei fini … stanno tutti smettendo di prenderci in giro e fanno esattamente quello che abbiamo fatto noi.  Da oggi alle ore 12,00 chi verrà beccato fuori casa, senza una valida ragione, rischia una multa fino a 135 euro. Le frontiere, in entrata ed in uscita saranno chiuse per 30 giorni. Questa faccenda ovviamente ci mette molto in crisi perché noi abbiamo la nostra famiglia in Italia:  mia madre, attualmente ricoverata presso un centro di rieducazione funzionale, in seguito ad un intervento di coxartrosi, i miei figli ed i miei nipotini. Ma … che fare? Niente bisogna fare quello che chiedono.
Gli altri provvedimenti sono simili a quelli italiani. Quindi ristoranti, bar, negozi, musei, etc … saranno chiusi.

Macron ha promesso che lo Stato si farà garante per 500 miliardi di euro.  Ha promesso che per il personale ospedaliero con figli piccoli, saranno organizzati asili gratuiti. Inoltre verranno loro messi a disposizione gratuitamente degli Hotel vicino alle strutture in cui prestano servizio per potersi riposare senza fare chilometri, oppure gli verrà rimborsato il taxi per gli spostamenti da casa all’ospedale.
Il vantaggio è che qui la Sanità è una faccenda di Stato, quindi le decisioni prese da Macron, dopo essersi ovviamente consultato con Ministro della Sanità e con consulenti medici specializzati del settore, vengono adottate immediatamente su tutto il territorio. Da noi invece, grazie all’autonomia sanitaria delle nostre Regioni, ognuno fa un pò quel che ”caspita” gli pare … e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti.

Inoltre una ”autonomia” non accompagnata da ”autonomia economica” … a cosa serve? Come al solito noialtri si ”legifera” un pò alla ”oiseau du chien” … Mah … Comunque stiamo a casa, cerchiamo di non alimentare il contagio, sarà ”dura” ma ne usciremo! 

La cosa unica è che per la prima volta nella storia del Mondo abbiamo ”tutti quanti” lo stesso nemico! Che sia la volta buona che si riesca a capire che siamo tutti, ma proprio tutti sulla stessa ”barca”? Speriamo …

Alla prossima

Elena

Coronavirus: auto-dichiarazione – come funziona e quando usarla

Coronavirus, auto-dichiarazione sugli spostamenti: come funziona e quando si può usare.

Voglio riportare sul mio blog quanto segue, perché la situazione è veramente particolare e vorrei che i miei nipotini, in futuro, possano leggere che cosa succedeva nel marzo dell’anno 2020. 

Ecco che cosa ha stabilito il Governo Italiano attuale (II Governo Conte) per quanto riguarda gli spostamenti dei cittadini, al fine di contenere, i contagi da coronavirus. 

Anche se l’Italia è un ‘’paese bloccato’’, i cittadini potranno continuare a spostarsi per lavoro, salute o necessità. Basterà compilare l’ormai celebre auto-dichiarazione,  un modulo già predisposto per l’istituzione della zona arancione in Lombardia e altre 14 province e ora esteso all’intero paese. Il nuovo testo, utilizzabile in tutta Italia, è stato diramato il 10 marzo.

In breve, si tratta di un documento che certifichi il motivo per cui un cittadino si stia muovendo, nonostante le limitazioni fissate dalle autorità e la raccomandazione a rimanere a casa il più possibile.

AUTOCERTIFICAZIONE/Il modulo per gli spostamenti

Come scritto nella stessa auto-dichiarazione, lo spostamento può essere determinato solo da una serie ristrettissima di casi:  
● esigenze lavorative (andare e tornare dal proprio lavoro; per i lavoratori dipendenti questo qualora il proprio datore di lavoro non abbia predisposto sistemi di smart working) 

● situazioni di necessità (ad esempio andare a fare la spesa, acquisti di prima necessità o per «altri situazioni particolari» da dettagliare agli agenti)

● per motivi di salute (visite o esigenze sanitarie di varia natura)

● rientro presso il proprio domicilio, abitazione e residenza (caso specifico: un cittadino domiciliato a Milano può far ritorno nella località dove mantiene la residenza, ovviamente se le due sedi non coincidono). Vige invece un divieto assoluto di spostamento per le persone sottoposte a quarantena o risultate positive al virus.

Chi controlla le auto-dichiarazioni? 

Il ministro degli Interni Luciana Lamorgese ha scritto in una direttiva ai prefetti che ‘’i controlli sul rispetto delle limitazioni della mobilità avverranno lungo le linee di comunicazione e le grandi infrastrutture del sistema dei trasporti’’.

● Su autostrade e viabilità principale, gli agenti della polizia stradale potranno fermare le vetture e controllare i moduli. Lo stesso potrà essere fatto da Carabinieri e Polizia municipale sulla viabilità ordinaria

● Nelle stazioni ferroviarie saranno attuati gli stessi controlli sui passeggeri, acquisendo le auto-dichiarazioni dei viaggiatori. In aggiunta la polizia ferroviaria, in collaborazione con personale delle ferrovie dello Stato, delle autorità sanitarie e della Protezione civile, si occuperà della canalizzazione dei passeggeri in ingresso ed uscita, operando «verifiche speditive» (rapide) sullo stato di salute dei viaggiatori

● Negli aeroporti, i passeggeri in partenza dovranno esibire la certificazione insieme ai documenti di viaggio. Quelli in arrivo dovranno motivare lo scopo del viaggio in fase di ingresso.

Il foglio deve essere già stampato o viene fornito dagli agenti? 

Secondo la direttiva già citata, l’autodichiarazione può essere ”resa anche seduta stante attraverso la compilazione di moduli forniti dalle forze di polizia”. Ora il governo ha chiarito che saranno le forze di polizia a fornirlo ai cittadini.

Sì, ma come si fa a capire se un’auto-dichiarazione è vera? 

Sempre a quanto si legge nella direttiva Lamorgese, la ‘’veridicità dell’auto-dichiarazione potrà essere verificata anche con successivi controlli’’. In altre parole, le autorità potranno verificare se quello che era stato loro comunicato corrispondeva davvero a una delle quattro casistiche previste dal modulo. In caso di violazione si incorre nel reato previsto dall’articolo 650 del codice penale (inosservanza di un provvedimento di un’autorità: pena arresto fino a tre mesi o ammenda fino a 206 euro ), a meno che il proprio comportamento ‘’possa configurare un’ipotesi più grave’’.

Fonte Sole24ore

.-.-.-.-.-.-

Speriamo che tutto questo finisca presto e bene. Sono convinta che noi italiani ne usciremo a testa alta, perché nessun popolo, meglio del nostro, riesce a gestire l’imprevisto e la confusione. Siamo ”geniali” per definizione e non ci perdiamo certo in un ”bicchier d’acqua”. 

Ce la faremo! E ne usciremo dignitosamente! 

Alla prossima

Elena 

Telenovela Coronavirus …

Buongiorno Mondo!

Eccolo qui il ”mostro” coronavirus … c’è dappertutto ma da noi … di più! Noi siamo sempre più ”vittime” degli altri! Mò l’Europa deve chiudere un occhio sui nostri conti squinternati anche per colpa del coronavirus …

E meno male che dovremmo ridimensionare il problema. Ma li avete letti i giornali di oggi? Di che cosa si parla? Solo ed esclusivamente di coronavirus!
Qui in Francia, visto che sono appena tornata dall’Italia, mi guardano come se fossi una ‘’sopravvissuta’’. Chiedono come stanno i miei figli, i miei nipoti, mia madre, com’è la situazione e se possono aiutarmi in qualche modo.
D’altronde … loro le notizie le hanno dai giornali francesi che riprendono quelli italiani e, visto come ne parliamo noialtri, non è che possano poi farsi delle idee ‘’normali’’!
Qui il problema ‘’coronavirus’’ è esattamente lo stesso che da noi, ma, visto che si tratta di una sorta di ‘’influenza’’ non è che la facciano poi tanto lunga.
Coma mai noi siamo sempre così ‘’teatrali’’? A noi capitano sempre e solo ‘’catastrofi’’ inimmaginabili a cui lo ‘’Stato’’, questa Entità sovrannaturale, deve metter delle ‘’pezze’’! Siamo onesti, è il nostro ‘’carattere’’ che è un pò ‘’chiagni e fotti’’! Ma poi, noialtri nel ‘’caos’’ ci stiamo benissimo. Ci viviamo nel casino costante. Anzi, sembra che lo si faccia apposta e vivere nel casino costante. Meno le cose sono chiare e ben organizzata e più c’è spazio per profittarne. E questo vale per tutti, cittadini e Stato e a tutti i livelli.
Siamo più simili al Maghreb che alla Norvegia … questo è poco ma sicuro.
Lo Stato poi, in frangenti simili , non si capisce se prenda provvedimenti contro il problema reale del momento o se lo fa in funzione della nostra ‘’ansia’’! Ansia generata ed alimentata in maniera esponenziale dai media. E’ come un cane che si morde la coda. In tutto questo si perde il senso della realtà e prevale panico e confusione!
Ma … noialtri … siamo un popolo maturo con un apparato statale maturo o … viviamo nella confusione, come degli adolescenti sprovveduti , tirando a campare?
Mah …

Alla prossima

Elena