Europa? Quale esattamente?

Share on Myspace

Considerato il fatto che ero iscritta al MFE (Movimento Federalista Europeo) già nel lontano 1974,  il mio entusiasmo a proposito era tale che ci ho messo veramente tanto a pormi delle domande.
L’entusiasmo e la ”visione romantica” hanno sempre prevalso sul mio carattere, facendo si che io mettessi, anche a livello inconscio,  magagne e difetti in secondo piano e cercassi sempre delle ”scusanti” ragionate per comportamenti che, avrebbero dovuto destare dei sospetti.
Poi però ad un certo punto la ”dura realtà”, sbattutami in faccia più e più volte , bè alla fin dei fini mi costringe a vedere le cose per quello che sono.

Utopia-in-Four-Movemens

Siamo onesti qui di ”spirito europeo” c’è rimasto proprio poco! Al di là delle ”visioni rosa e romantiche”, dell’inno alla gioia cantato con infantile illusione,  la realtà è che ognuno tira l’acqua per il proprio mulino!

La Gran Bretagna, forte del fatto di avere la ”finanza” dalla sua, viste le ”cattive acque” in cui ci ritroviamo, se ne è uscita tranquillamente anche se pretende di negoziare al ”meglio” la sua uscita. Il ”meglio suo” naturalmente è a scapito del ”peggio nostro”!
Le visioni in Europa sono lontane su tutto!
Per quanto riguarda l’economia, alcuni paesi insistono sull’aumentare o allentare il debito per far si che, in qualche modo, possa ripartire!  Per altri invece bisogna ridurre il debito, risparmiare su tutto e tutti affossandola ulteriormente.
Vigliacco se qualcuno si ferma a pensare che forse l’economia così come concepita sino ad oggi è praticamente finita, e che quindi bisogna reinventare un’economia ”diversa”! Un’economia che metta al centro l’uomo e non le multinazionali!
Un’economia fatta, che ne so, magari di città vivibili, belle, a dimensione umana, con periferie riqualificate, scuole eccellenti per formare cittadini degni di tale nome, città ben organizzate, con una sanità eccellente che magari possa attirare gente dall’estero, città con tanto verde, con ottimi trasporti, musei di alto livello, città ad inquinamento ”O”. Cribbio ! Sai quanto lavoro verrebbe fuori cercando di mettere a punto simili città! Invece?
Invece ci si chiude a riccio nei propri giardini diventando in questo modo sempre più vulnerabili.
Sul dramma immigrazione le distanze tra i paesi europei sono abissali. Nonostante la ”melina” fatta giusto per ”salvare la faccia”, il concetto prevalente pare essere quello che il paese dove arrivano i flussi migratori deve imparare a gestirli. Quindi, la tanto sbandierata solidarietà, rimane rinchiusa nell’inno alla gioia, mentre in realtà è pari a ”O” !
Come si tende a risolvere la crisi dei migranti? Alcuni paesi costruiscono ”muri” … mentre i paesi che hanno il mare come confine cosa dovrebbero fare? Girarsi dall’altra parte quando vedono persone annegare?
Poi ci chiediamo perché ”vengono fuori” partiti populisti e xenofobi …
Questa è la crisi economica peggiore dal ’29,  e le ”crisi” fanno emergere tratti di sopravvivenza animaleschi insiti nell’essere umano.
Insomma quando attaccato all’osso la ”ciccia” diminuisce i ”cani” si sbranano. Punto!
Tempi bui all’orizzonte …

Alla prossima

Elena

Share on Myspace

AMATRICE – famosa per uno dei sughi più buoni al mondo!

Share on Myspace

Il sisma del 24 agosto l’ha distrutta … i morti nella città e nelle frazioni circostanti ammontano a 250  … gli edifici più antichi nel centro storico (ricordo al ”giornale satirico Charlie Hebdo” che all’epoca la mafia non costruiva case) sono crollati praticamente tutti, fra le macerie è rimasto in piedi ancora l’antico campanile della Torre Civica, risalente al XIII secolo, il simbolo stesso della città. Tutti si augurano che questo sia un ”buon segno” e che magari la città possa rinascere.

Schermata 2016-09-12 alle 18.27.25

Onestamente, quando sento parlare di ”rinascita” mi chiedo: ”Ma come potranno ricostruire, considerata la crisi economica che ci attanaglia, edifici medioevali” ?Ho paura queste siano solo ”speranze” ma che la realtà sia molto più ”dura”.
Ma torniamo ad Amatrice … e parliamone in modo più ”leggero” facendo nel contempo i più sentiti auguri affinché possa rimettersi presto ”in piedi”!

Questa cittadina del Lazio conta durante l’inverno circa 2.600 abitanti, in estate, però,  la popolazione raddoppia. Amatrice è infatti  una delle mete turistiche della regione preferita dai romani, molti di loro originari della zona, hanno qui la loro seconda casa.
La città si trova al centro di una conca verdeggiante, incastonata in un’area al confine di ben 4 regioni: Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo, in una zona strategica di passaggio tra versante adriatico e quello tirrenico, nell’alto bacino idrografico del fiume Tronto.

Schermata 2016-09-12 alle 18.27.06

Non voglio parlare del terremoto, lo hanno già fatto in troppi, voglio ricordare invece che Amatrice è famosa nel mondo intero per aver dato i natali al ”sugo all’amatriciana”.
Fin dal Settecento i Pastori dell’Agro Romano e dell’Agro Pontino portavano in estate le greggi sui Monti della Laga, che circondano la Conca Amatriciana.
Durante il periodo degli ”alpeggi” i pastori erano soliti preparare la “gricia”, ritenuta da molti l’originale sugo da cui derivò in seguito la variante  con il pomodoro, conosciuta come: ”Amatriciana”
Le vere origini della ricetta non prevedevano il pomodoro, per il semplice fatto che il pomodoro era troppo delicato per esser trasportato sui monti.
Gli ingredienti più facili da portare e da conservare per i pastori erano il ”guanciale” e la pasta secca,  il formaggio pecorino lo producevano loro stessi grazie alle pecore. Con questi semplici ingredienti potevano mangiare a sazietà. Ricordiamoci che i pastori agli alpeggi non avevano certo i frigoriferi per conservare i cibi, ma vivevano in maniera ”spartana” …  si alzavano all’alba, lavoravano tutto il giorno e andavano a dormire quando calava il sole.

Tra gli ingredienti tipici  del sugo dei pastori c’era quindi il guanciale stagionato (la guancia del maiale) da sempre prodotto ad Amatrice perché saporito e, soprattutto,  duraturo, l’ideale insomma per i pastori del luogo che dovevano trascorrere quattro o cinque mesi all’anno sulle montagne durante il periodo della transumanza.

Schermata 2016-09-12 alle 18.29.06

Molti ”amatriciani” nell’ottocento furono costretti ad abbandonare il paese a causa della mancanza di lavoro e della crisi della pastorizia. L’emigrazione come ben sappiamo, non è un fenomeno del momento, ma è antica come il ”mondo”. L’essere umano va dove può vivere in pace … molti amatriciani quindi emigrarono a Roma dove trovarono lavoro nel settore della ”ristorazione” facendo conoscere la  ricetta. Essendo Roma una città turistica per eccellenza, in pochissimo tempo, la specialità  divenne famosa ovunque.

Per chi volesse cimentarsi, ecco la ricetta originaria:

Ingredienti per 4 persone:
– 500 gr. di pasta “Mezze Maniche Rigate”
– 500 gr. di Guanciale Amatriciano Stagionato già pulito (che corrisponde ad un Guanciale intero che in origine pesa circa 700 – 800 gr.)
– 100 gr. di Pecorino Romano
– sale grosso
– pepe (dose: mezzo cucchiaio di caffé)

.-.-.-..-.-

Preparazione:

Pulire bene il Guanciale, asportando la cotenna e tagliandolo in piccoli pezzi (3 x 1 cm. circa), avendo anche cura di eliminare il pepe.
Mettere il Guanciale in una grande padella (preferibilmente in ferro) e rosolare senza olio, a fuoco lento, per circa 20 minuti, girandolo continuamente finché non appare ben rosolato.
A questo punto scolare con la schiumarola  - mestolo forato –  e appoggiare su “Carta” dove il Guanciale, asciugando, diventerà croccante.
Cuocere le “Mezze Maniche” in acqua bollente già salata e scolarle al dente.
Condire la pasta nella sua pentola, aggiungendo il Guanciale ed il fondo di cottura, nella misura desiderata.
Aggiungere al tutto un’abbondante grattugiata di “Pecorino Romano” , del pepe macinato e … Buon appetito!

Alla prossima

Elena

.-.-.-.-.-.

Ricordo a chi legge che il CIP (Club Italianiste da Provence) assieme al Comune di Frejus  organizza il 16 ottobre  alle ore 15.00 un concerto i cui introiti saranno interamente devoluti ai comuni terremotati.
Siete pregati di venire numerosi …

14264819_904061289725694_230830106835498266_n

Share on Myspace

Terremoto 24 Agosto 2016 … il confine tra la satira e lo squallore …

Share on Myspace

Quando e dove?
La scossa principale di magnitudo 6.0 si è prodotta il 24 agosto 2016 alle 3:36:32 con epicentro situato lungo la Valle del Tronto tra i comuni di  Accumoli e Amatrice, in provincia di Rieti e Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno.

iu

L’area colpita dal terremoto rientra nella fascia ad altissima pericolosità sismica che corre lungo l’asse della catena appenninica.

Il più antico terremoto registrato nell’area risale al 1627, con possibile epicentro proprio ad Accumoli. Le descrizioni storiche in possesso suggeriscono che potrebbe essere stato di magnitudo 5-5.3. Il terremoto più intenso invece, si ebbe nel 1639, con epicentro ad Amatrice e si suppone possa essere stato di magnitudo 6.2, devastò Amatrice e varie località circostanti, quasi una fotocopia di quello avvenuto adesso.

Perché è una zona sismica?

Come si nota dalla particolare disposizione delle Alpi e degli Appennini, si intuisce come vi sia ancor oggi uno scontro tra la ”zolla Africana” di cui l’Italia ne fa parte e la ”zolla Europea”. Nessuna delle due zolle “vuole cedere” pertanto anziché avere una zolla che si infila sotto all’altra abbiamo uno scontro “frontale” con l’innalzamento di conseguenza delle montagne.

Va da se che spostamenti di questa portata creano instabilità nelle aree della nostra penisola.

faglie-mediterranee-2.630x360 

Non è il terremoto che uccide ma sono le case…

In Italia abbiamo una “sfortuna” tutta nostra a causa  della tipologia di terremoto e della tipologia del patrimonio edilizio esistente.
La frequenza delle oscillazione del terreno, sottoposto ad eventi sismici tipici dell’Italia centro meridionale, è simile alla frequenza propria di oscillazione dell’edificio tipico Italiano (casa a 3 piani da 100 mq). L’edificio sotto l’effetto delle oscillazioni del terreno ”entra in risonanza e … crolla”!

Ma non dobbiamo nemmeno dimenticare che molte delle nostre Città nell’Appennino sono medioevali.
Amatrice ad esempio era entrata a far parte dei “borghi più belli d’Italia” ed ha perso quasi completamente il  suo centro storico ed il suo patrimonio storico artistico nel sisma.
Tra i beni lesionati o totalmente distrutti dal sisma sono crollate le Basiliche di San Francesco e di Sant’Agostino, le Chiese di San Giovanni, Sant’Agnese, Santa Maria del Suffragio, di San Giuseppe, Sant’Emidio, la Chiesa del Crocifisso e la Biblioteca comunale.
Crollato il Museo Civico, l’Archivio Comunale, distrutto anche l’Arco di San Francesco. Danneggiate gravemente sono la Porta Romana, la Porta Ascolana e la Torre Civica, storico simbolo delle libertà comunali, unica in tutta la valle del Tronto. Nella chiesa di Sant’Agostino, costruita nel 1428 in pietra arenaria, il tetto e il rosone sono scomparsi.
Il Museo Civico “Cola Filotesio” ospitava le croci processionali di Pinaco–Arafranca e Preta del XV secolo.
La Torre Civica del XIII secolo, con l’orologio in cima, è diventato il simbolo della tragedia con le lancette ferme all’ora del sisma. La Basilica di San Francesco è stata devastata, gli affreschi trecenteschi danneggiati e il Giudizio Universale è andato completamente perduto.
Questi,  per forza di cosa, considerata l’epoca di costruzione, non sono ovviamente edifici anti-sismici!

I Paesi colpiti durante l’anno sono poco abitati e si ripopolano solo in estate. Sono molti coloro che, nell’arco del tempo  sono andati a vivere altrove anziché restare in queste zone economicamente povere.  Ma l’estate si ritorna in questi paesini tranquilli e con l’aria buona, si viene qui per rigenerarsi.  Qui si coltivano amicizie da anni, qui si possiede la casetta, magari dei genitori o dei nonni, ristrutturata a fatica nell’arco del tempo, ecco il motivo per cui il numero dei morti è stato di 291 persone.

La ”misera” satira di Charlie Hebdò

Non mi sembra questa la sede adatta per fare delle polemiche approfondite sulla  malavita organizzata … ma non posso esimermi dal ricordare a quei geni di Charlie Hebdo, che la ”malavita organizzata” non perde tempo per ristrutturare delle piccole casette private, preferisce di gran lunga le ”grandi opere”, dove su importi ben più consistenti si possono fare delle ”creste maggiori”! In ogni caso gli edifici scolastici che sono inagibili a causa del sisma sono stati requisiti dai PM e si sono aperte le indagini. Se ”qualcuno” ci ha fatto la ”cresta” … speriamo finisca in galera al più presto!

iu-1
Non giustifico nulla e nessuno e non sottovaluto il fatto che la terra faccia il suo mestiere e che noi dobbiamo imparare a conviverci, ma … crede forse il giornale satirico Charlie Hebdo che se nella bellissima St. Paul De Vence ci fosse un terremoto del 6° grado, tutto starebbe in piedi? Darebbe, anche in questo caso, la colpa alla ‘Mafia”?

Un tempo la satira, come la ”politica d’altronde”,  era ”elegante ed intelligente”, arrivava al ”cervello” e faceva pensare!  Oggi la ”pseudo-satira” di Charlie Hebdo va solo alla ”pancia” delle persone  e quando va ”solo” alla ”pancia” … ahimè … crea solo ed esclusivamente odio e rabbia! Il che la dice lunga sul livello di squallida regressione che sta coinvolgendo tutti.

Alla prossima

Elena

Segnalo che Il Club Italianiste de Provence organizza un concerto di solidarietà la domenica 16 ottobre  alle 15.00 nella Sala sportiva di Villeneuve a Frejus, il ricavato sarà devoluto ad uno dei Comuni più colpiti.  Ovviamente vi aspettiamo numerosi. 

14237505_10207388564928560_2052253260116128464_n

Share on Myspace

Mattarella invita alla coesione e noi … litighiamo come cani e gatti!

Share on Myspace

Mattarella, il nostro Presidente, ci invita a mantenere la ”coesione sociale” … Belle parole ma la faccenda sta diventando un po’ complicata.

iu-1

La crisi economica che attanaglia i paesi ”occidentali” e che penalizza maggiormente quelli più vulnerabili, quelli cioè che scontano il peso di ”carenze organizzative strutturali”, o per dirla con parole povere, di sistemi economici che potremmo definire per esser gentili: ”clientelari” e per esser cattivi ”malavitosi”, fa si che la ”coesione” vada a farsi benedire!

Credo salti all’occhio di chiunque che la ”coesione” sia facile quando le cose vanno più o meno bene per tutti, mentre al contrario, quando le persone non riescono più a pagare le bollette, quando non trovano lavoro o quando delusi addirittura NON lo cercano più … bè … in questi casi la ”coesione sociale” non è certo una priorità. In parole poverissime: ”quando attaccato all’osso c’è poca ciccia i cani si sbranano”!

La Storia ci insegna che i partiti che ”emergono” in queste situazioni economiche precarie sono partiti che inneggiano alla ”rottura” con quello che è percepito dalla  ”massa” come ”sistema negativo”!
Vediamo infatti che in tutto il cosiddetto mondo ”occidentale” stanno prendendo il sopravvento partiti ”estremisti”.
Quando a ”star bene” rimangono ”quattro gatti” mentre la ”massa” è disperata … come si fa a pretendere che la gente stia tranquilla? Mah …

Quando mancano ”quattrini veri” in circolazione, perché ricordiamoci che sono i ”quattrini veri” quelli che fanno girare tutto l’am ba ra dam, non solo gli investimenti in ”borsa” per pochi!
Noialtri, per far girare l’economia,  dobbiamo avere in mano soldi veri per comprarci le scarpe, andare a mangiare la pizza, andare al cinema, pagare la scuola ai nostri figli, comprarci casa, cambiare la macchina! Piacerebbe a tutti comprare le auto elettriche! Ma con che soldi?
Tornando a noi,  le banche, nonostante gli sforzi di Draghi, sono assolutamente restie a prestar denaro se non sono più che sicure di riaverli indietro!
Le nostre banche infatti sono piene zeppe di crediti inesigibili per il semplice fatto che una marea di cittadini, dopo averli chiesti in prestito, ha perso il lavoro, quindi NON è più nelle condizioni di ripianare il debito che ha contratto con la banca.

Quindi le banche i quattrini o se li tengono  … o li prestano solo a ”chi” o ”cosa” considerano ”sicuri”! Li prestano insomma solo a chi ”sta bene”. Quindi chi sta ”male” perché è in difficoltà economiche, dato che non dà garanzie sufficienti … ”ciccia”!
Peccato che per far ripartire l’economia ”buona” bisognerebbe prestarli proprio a chi ha delle piccole aziendine in crisi … gente che lavora tra mille difficoltà a testa bassa, per tirare avanti la carretta, e non a chi magari li reinveste in borsa!
Insomma è un cane che si morde la coda!

Tra i ”pochi ormai” che danno fiducia, dal punto di vista economico alle banche  … sapete chi sono?
Sono quelli che di soldi ne hanno a ”palate”! Quelli che grazie ad ”entrate particolari” sono solidi come rocce!
Sto parlando di tutta quella galassia di ”aziendine” legate a multinazionali come: Mafia, ‘Ndrangheta, Camorra e Sacra Corona Unita! ”Multinazionali nostrane”  che stanno, a loro volta, combattendo tra loro, per prendere il sopravvento una sull’altra!

Come la Bayer ha fatto un’offerta per acquistare la Monsanto … stiamo pur sicuri che il giorno in cui troveranno Matteo Messina Denaro sarà perché l’Azienda Mafia sta per cambiare ”padrone” oppure  … significa che l’Azienda Ndrangheta”  prende il sopravvento.

Insomma, combattere chi ha quantità industriali di denaro è sempre difficile. La cosa diventa ancora più complicata in periodi di crisi economica, e , guarda caso, in periodi di crisi economica prende il potere politico sempre l’estremismo! Lo stesso estremismo che è percepito dal popolo, come la ”rottura” con il sistema malato …  e dalla malavita organizzata come ”caos e confusione” in cui poter inserire i propri tentacoli …

Meditiamo gente … meditiamo …

Alla prossima

 

 

Elena

 

 

 

 

Share on Myspace

Perché tutto ‘sto accanimento sulla Raggi?

Share on Myspace

Un mio caro amico stamattina scrive sulla sua pagina:

”Come noto, non sono assolutamente un fan del M5S, ma questa vicenda della Raggi & Co. sta occupando giornali e TG senza un secondo di tregua: francamente eccessivo, con tutto quello che accade in giro”!

In un certo senso ha ragione, con tutto quello che accade in Italia e nel mondo sembra quasi un ”accanimento”, e detto tra noi, a me la Raggi fa persin ”pena”! Una ragazza che molto probabilmente è anche bravina,  ma che non ha ”dietro” di sé  niente di concreto, se non le sparate populistiche del blog di Grillo e della Casaleggio Associati. Lei ”pesca” nel mondo che conosce i propri collaboratori … ed il mondo che conosce è quello dello Studio Sammarco,, dove ha fatto il praticantato, che è uno degli studi della galassia di Previti!

iu

Eppure, pur facendomi pena la Raggi,  mi viene spontaneo risponder al mio amico che di solito l’essere umano reagisce in base agli input esterni … mi spiego meglio.

Sono anni che il  M5S, il ”partito” chiamato ”movimento” , perché il termine ”movimento” è di moda,  fa presa sul cittadino, prendendo nel contempo le distanze dalla ”politica politicante’ , partito che ci è stato venduto subdolamente all’inizio come un movimento come tanti, vedi:  ”BO.BI o Popolo Viola”.

Morale, questo portito co-fondato dal comico Beppe Grillo e dal fu Gianroberto Casaleggio (proprietario dalla Casaleggio & Associati azienda di strategie digitali)  per anni non ha fatto altro che sputare su tutto e tutti a 360°!
Qualche esempio? Tutti gli altri partiti erano ”MORTI” , tutti i politici esistenti erano ”ZOMBIE”, tutti i politici esistenti erano ”LADRI”, tutti erano ”IGNORANTI”, tutti erano ”INUTILI”, tutti erano ”COLLUSI”,  tutti i giornalisti erano ”SERVI”, tutti i giornali erano ”DA CHIUDERE”, tutto l’esistente era ”FINITO”,  tutti ”NON CAPIVANO” … il movimento invece … era ”OLTRE”!
Insomma si sono venduti per anni come dei super eroi, qualche cosa da far impallidire di vergogna i Fantastici Quattro della Marvel!
E poi? Bè … con il senno di poi, vedendo che cosa combinano questi ”geni della lampada”, gente salita sul carretto della politica, dando l’impressione più di ”voler sbarcare il proprio lunario”, che lavorare per il proprio Paese, questi ”cavalcatori dell’onda”, questi ”lavatori di meningi in rete” … hanno dimostrato di essere incapaci persino di nominare degli assessori! Senza contare che litigano tra loro come ”cani e gatti”!
Morale … quando uno ”se la tira” da morire … e poi si scopre che è ”tanto fumo e pochissimo arrosto” … bè è chiaro che una ”mazzata” se la merita … o no?
E non sto parlando della Signora Virginia Raggi, sto parlando del Movimento Cinque Stelle!
Un partito che non rispetta  l’etica della reciprocità tra gli individui! Etica che è il fondamento della convivenza pacifica, della legittimità, della giustizia, del riconoscimento e del rispetto per gli altri … bè che cosa si aspetta in ritorno?

Ecco spiegato l’accanimento … insomma, per farla breve: ”Se tu mi prendi a sberle …  bè non aspettare che io ti accarezzi!

Alla prossima

Elena

 

Share on Myspace

Telenovela: ”La giunta Capitolina” …

Share on Myspace

I vertici del Movimento Cinque Stelle e la sindacaVirginia Raggi vanno allo scontro. E oggi sarà a Roma Beppe Grillo per chiedere alla sindaca pentastellata di dare seguito alle richieste arrivate dal direttorio, riunito in sessione fiume a Montecitorio per oltre dieci ore: le dimissioni dell’assessora all’Ambiente Paola Muraro, indagata dal 21 aprile e consapevole di essere iscritta nel registro degli indagati dal 19 luglio, e dell’assessore al Bilancio appena nominato Raffaele De Dominicis, per sua stessa ammissione indicato alla sindaca dall’avvocato Pieremilio Sammarco.
Ma pretendono anche l’allontanamento di chi, per dirlo con le parole della deputata Roberta Lombardi, «con il M5S non c’entra nulla e non c’entrerà mai nulla»: l’attivista Cinque Stelle Salvatore Romeo “promosso” da funzionario comunale a capo segreteria di Raggi con stipendio triplicato da 40mila a 120mila euro, e Raffaele Marra, ex collaboratore di Gianni Alemanno e Renata Polverini, e ancora vice capo di gabinetto, di cui ieri anche l’assessore all’Urbanistica Paolo Berdini ha auspicato «un passo indietro» per la «scellerata lettera all’Anac» costata alla magistrata Carla Romana Raineri la casella chiave di capo di gabinetto (sulla nomina di Raineri, dopo l’esposto di Fratelli d’Italia che ipotizza il reato di abuso d’ufficio, la procura ha aperto un fascicolo).
Ieri, alla fine di una giornata tesisissima e dopo aver incontrato assessori e consiglieri, Raggi ha provato a resistere: De Dominicis non si tocca, Muraro resta «in attesa di leggere le carte», Romeo rimane capo segreteria ma con taglio dello stipendio e delle deleghe (tra cui quella al raccordo con la giunta sulle partecipate), Marra andrà via dal gabinetto, in attesa di nuova collocazione. Grillo le aveva telefonato: «Ce la facciamo se ripartiamo con il piede giusto». Sarebbe stato lo stesso leader a chiedere al direttorio il “depotenziamento” dei due fedelissimi della sindaca. Oggi ribadirà la linea. Un tentativo di ricucire lo strappo nel velo della sbandierata trasparenza e di salvare il salvabile: quell’esperienza romana ritenuta il trampolino di lancio verso il governo nazionale che nell’ultima settimana è stata travolta prima dalla raffica di dimissioni di giovedì e poi dal caso Muraro. Ma la sindaca non vorrebbe essere commissariata in nome del recupero dello «spirito del Movimento». E continua a difendere l’assessora all’Ambiente che, dopo aver consegnato alla commissione Ecomafie il suo dossier di mille pagine sul lavoro svolto per dodici anni da consulente di Ama, la partecipata dei rifiuti, ha chiesto ai pm della procura di Roma di essere ascoltata.

iu

Alla Camera era presente il direttorio al completo: Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista (che ha interrotto il suo tour per il no al referendum sulle riforme), Carla Ruocco, Carlo Sibilia e Roberto Fico. Più tre dei quattro componenti del mini-direttorio (Stefano Vignaroli, Paola Taverna e il consigliere regionale Gianluca Perilli) che avrebbe dovuto coadiuvare Raggi e che, in rotta con molte scelte della sindaca, ha fallito la mission. Tanto che sarà cancellato. Gli animi erano surriscaldati, quasi quanto quelli della base pentastellata in rivolta sui social. La grana da risolvere era anche un’altra: chi ha mentito? Raggi in audizione alla Ecomafie lunedì ha inizialmente affermato di aver informato «i vertici» del M5S sul fatto che Muraro fosse indagata. Poi ha corretto il tiro, sostenendo di averlo comunicato soltanto al mini-direttorio. Ma Luigi Di Maio, nel direttorio, sapeva, come dimostrano le email che il mini-direttorio gli ha inviato a fine luglio. La difesa fatta trapelare dal suo staff suona così: è stato un misunderstanding. Poiché le indagini sono legate ai 14 esposti presentati dall’ex presidente Ama Daniele Fortini, il vicepresidente della Camera avrebbe inteso che il fascicolo era riferito all’affaire Fortini.
Ma che ora Di Maio sia nell’occhio del ciclone lo dimostra il forfait dato al nuovo programma Rai “politics” condotto da Gianluca Semprini, di cui avrebbe dovuto essere ieri sera il primo ospite. Il giornalista ha ironizzato: «Doveva essere #DiMaioRisponde, sarà #DiMaioNonRisponde». È sua la posizione più debole. È lui che rischia la corsa per la candidatura a premier, a vantaggio di Di Battista. Ma è l’intero Movimento che vacilla, e il destino dell’amministrazione capitolina è tutto da verificare. (tratto da: Sole24ore)
.-.-.-.-.-.

Poveri grillini …  un conto è sparare a 360° su tutto e tutti … un conto è gestire la nuda e cruda ”realtà”! Una realtà che per esser gestita ”bene” ha bisogno di ”teste autonome e pensanti”, persone oneste, capaci, preparate e con grande esperienza! Bè … nella ”galassia grillina” pare non ce ne siano poi tantissime di queste ”teste”… quindi, in questo caso,  sono ”costretti” a pescarle nelle conoscenze della Raggi, che, avendo svolto il suo mestiere di praticante avvocato, in uno degli studi di Previti,  ha le amicizie che ha …
Sono pochi gli eletti del M5S con esperienza … come ad esempio quella vantata dalla Signora Paola Taverna, che è membro permanente della Commissione Sanità, grazie al fatto di esse stata ”segretaria” in un poliambulatorio romano!

Quindi o si prende gente ”capace”, sperando sia anche onesta, ma che non ha nulla a che vedere con il M5S … oppure si mettono nei posti chiavi degli onestissimi disoccupati e delle onestissime casalinghe!
Peccato che questi ultimi non sappiano fare una ”cippa”! Quindi ”mafia capitale” se li ”mangerebbe vivi”!   Che fare? mah …
Alla prossima

Elena

 

 

 

 

Share on Myspace

Angelo Vassallo – per la serie: ”non dimentichiamo”!

Share on Myspace

Oggi ricordiamo Angelo Vassallo … nato il 22 settembre del 1953 e ucciso a Pollica il 5 settembre del 2010.

100017387-9041c6e2-fbf7-4f27-ac5b-b43f4cb1dba9Angelo Vassallo il sindaco pescatore …

Chi era?

Angelo Vassallo era il sindaco di  Pollica (Salerno),  lo era stato per tre mandati: dal 1995 al 1999, del 1999 al 2004, dal 2005 al 2010. Nel 2010 si era presentato per un quarto mandato ed era stato rieletto con il 100% dei voti.
Esponente del PD aveva ricoperto precedentemente l’incarico di consigliere provinciale a Salerno, oltre alla carica di sindaco ricopriva anche quella di presidente della Comunità del Parco, organo consultivo e propositivo dell’ente Parco Nazionale del Cilento.
Vassallo faceva della ”protezione dell’ambiente” il suo cavallo di battaglia. Promotore tra l’altro dell’inserimento della ”dieta mediterranea” tra i patrimoni orali ed immateriali dell’umanità. La sua proposta venne accolta dall’Unesco nel 2010.
Era conosciuto come il ”sindaco pescatore”, sia per il suo passato di pescatore che per il suo amore per il mare e per la natura in generale.  Questo ”amore” lo aveva sempre guidato nella sua attività di amministratore. Tra le sue vittorie politiche va ricordata la creazione del “Museo vivo del mare”, istituito nella frazione di Pioppi, presso il castello di Vinciprova.
Ambientalista convinto e amato dai suoi concittadini era solito emettere ordinanze singolari. Nel gennaio del 2010 aveva firmato un’ordinanza che prevedeva una multa fino a mille euro per chi veniva sorpreso a gettare in terra i mozziconi delle sigarette!

Angelo Vassallo aveva riversato il suo amore per la natura in una ”buona politica”  grazie a ciò le acque di Pollica furono premiate con le 5 vele, il massimo riconoscimento di ”Bandiera Blu”,  di Legambiente e del  Touring club.

Evidentemente il personaggio, dato il suo rigore,  dava ”fastidio” a molti …  e la sera del 5 settembre 2010 verso le 22,00,  mentre tornava a casa a bordo della sua auto, fu raggiunto da nove proiettili calibro 9 dei quali 7 andarono a ”segno” e lo uccisero. Vassallo lasciava, non per sua scelta,  una moglie e due bambini.

Chi lo ha ucciso? Ad oggi non è che se ne sappiamo molto, ecco quel che ho trovato in rete

Nel 2011 i pm Valleverdina, Cassaniello e Rosa Volpe, insieme con il procuratore capo Roberti, avevano sentito numerosi testimoni e disposto anche una decina di perquisizioni ad Acciaroli (località marittima vicino a Pollica).   Agli atti è allegata anche la relazione di servizio firmata dal colonnello dei carabinieri Fabio Roberti Cagnazzo,  comandante del Nucleo operativo a Castello di Cisterna. L’ufficiale, che conosceva il territorio della località cilentana, aveva fornito indicazioni ritenute dagli inquirenti utili alle indagini e aveva provveduto a smontare, mettendole subito a disposizione della Procura, le telecamere sistemate sul porto allo scopo di evitare che immagini potenzialmente significative potessero deteriorarsi.
Alla luce di altri accertamenti disposti dai magistrati, era emerso il possibile coinvolgimento di un gruppo più ampio di ragazzi, tutti gravitanti nel mondo del consumo e dello spaccio di stupefacenti e non solo di origine cilentana. Così, con grande riserbo, le indagini si allargarono. La caccia agli assassini di Vassallo è arrivata anche a Napoli, tra Chiaiano e Scampia, i quartieri dove la droga alimenta il motore degli affari illeciti.

Nel 2015 Bruno Damiani, detto il “brasiliano” accusato per primo dell’omicidio di Angelo Vassallo era rimasto in silenzio davanti alle domande del giudice delle indagini preliminari che doveva interrogarlo sullo spaccio nella frazione marina di Acciaroli, uno smercio di droga che secondo la Direzione distrettuale antimafia è all’origine del suo litigio con il sindaco di Pollica e della conseguente decisione di ucciderlo. Pochi giorni dopo il 5 settembre 2010 il Damiani era volato in Sudamerica e solo nel 2015  era rientrato in Italia, estradato dalla Colombia dove quattordici mesi prima era stato arrestato in forza di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’autorità giudiziaria di Vallo della Lucania, proprio per lo spaccio ad Acciaroli.
Durante l’interrogatorio di garanzia nel carcere di Rebibbia, affidato per rogatoria a un gip romano, il Damiani, assistito dal difensore Michele Sarno, aveva però scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere, rinviando eventuali dichiarazioni a un momento successivo al suo rientro a Salerno. Il Damiani ha avuto un processo alla terza sezione penale che lo vedeva imputato per alcune estorsioni agli operatori del mercato ittico di Salerno, messe in atto con il gruppo che faceva capo a Giuseppe Stellato. Nel processo, rinviato più volte per l’impedimento dell’imputato, il pubblico ministero Rosa Volpe ne ha richiesta di condanna. Ma il processo quello sul delitto Vassallo, il procedimento su cui il magistrato Volpe, avrebbe voluto ”chiudere il cerchio”, prima di trasferirsi a Napoli per la nomina a procuratore aggiunto non ha ancora avuto risposte.  Bruno Humberto Damiani è finora l’unico indagato sull’assassinio di Angelo Vassallo con l’accusa di omicidio aggravato dal metodo mafioso.

imageUmberto Damiani de Paula instradato dalla Colombia nel 2015

Nel 2016 pare ci siano altri tre indagati, (non ho trovato i nomi) accanto a Bruno Humberto Damiani de Paula il cittadino italobrasiliano in carcere per altri reati e il primo ad essere accostato all’assassinio.
A tutti e tre pare sia contestata l’accusa di concorso in omicidio con l’aggravante della finalità mafiosa. Intorno alla figura di Damiani, frequentatore degli ambienti dello spaccio di stupefacenti e in Cilento, estradato in Italia dopo una lunga detenzione in Colombia ma mai sottoposto a provvedimenti restrittivi per l’omicidio Vassallo, ruota la pista principale battuta dagli inquirenti: quella del delitto commesso per punire i tentativi posti in essere dal sindaco per arginare il mercato della droga che, durante l’estate del 2010, aveva invaso la sua amatissima Acciaroli.

Archiviati altri filoni dell’indagine, la pista della droga è rimasta l’unica al vaglio dei magistrati. Ma nonostante lo sforzo profuso in questi anni, la ricostruzione della vicenda presenta troppi lati oscuri. Non è mai stata, ad esempio, ritrovata la pistola, una baby Tanfoglio calibro 9.21 da cui sono partiti i colpi.

Il 13 gennaio 2016, Damiani è stato nuovamente interrogato dai magistrati che coordinano le indagini dei carabinieri del Ros. I pm Leonardo Colamonici e Rosa Volpe (ormai procuratore aggiunto a Napoli ma ancora applicata a Salerno proprio per portare a termine questa indagine) hanno chiesto nuovamente al brasiliano se avesse motivi di rancore nei confronti del sindaco di Acciaroli.
Assistito dall’avvocato Michele Sarno, il brasiliano ha  respinto le accuse. E l’omicidio del sindaco pescatore rimane, ancora adesso, avvolto dal mistero.

Nel nostro paese se un disperato ruba una mela perché ha fame, saltano fuori immediatamente una marea di ”zelanti” ed ”onesti” cittadini che lo denunciano alle autorità competenti e che sono disposte, in tribunale, a testimoniare contro il disgraziato!  Se invece qualcuno uccide un sindaco a revolverate … nessuno né vede … né sente …

Che tristezza …

Alla prossima

Elena

 

 

Share on Myspace

Conferenza accordo sul clima … dobbiamo proprio ”festeggiare”?

Share on Myspace

Laurent Fabius – ministro degli Esteri francese e presidente di turno della conferenza Onu sul clima – ha detto, con voce rotta e trattenendo a stento le lacrime: «Un pensiero particolare va a tutti quelli, ministri, negoziatori e soprattutto militanti, che avrebbero voluto essere qui, oggi, in questa circostanza probabilmente storica ma che hanno agito e lottato senza poter conoscere questo giorno». Parole accolte da un lunghissimo applauso da parte delle migliaia di delegati delle 196 “parti” (195 Paesi e l’Unione europea) riuniti nella grande sala del Bourget per la presentazione del testo finale dell’accordo.

iu

Il momento più emozionante è stato quando, alle 19.30, lo stesso Fabius ha annunciato – ottenendo l’ennesima, interminabile standing ovation – che il testo (da “prendere o lasciare”) era approvato. «Il primo accordo universale sul clima», come hanno ricordato il presidente francese François Hollande e il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon. Un accordo, appunto, «storico». Una vittoria per Hollande e la diplomazia francese, con il suo metodo fatto di capacità d’ascolto e ricerca ”senza tregua” del miglior compromesso possibile in nome dell’interesse generale, a sei anni dal fallimento di Copenaghen.

La Cop21 si è chiusa così – dopo due settimane e tre nottate di trattative serrate, in ritardo di appena un giorno rispetto alla scadenza prevista di venerdì 11 – tra applausi, abbracci, pacche sulle spalle, strette di mano, sorrisi. E la diffusa convinzione – anche tra le Ong – che se non tutti i problemi hanno trovato una soluzione, se rimangono ampie zone di opacità, se non c’è la garanzia del raggiungimento degli ambiziosi obiettivi, se rimane la divisione tra Nord e Sud del mondo, se non c’è neppure un riferimento alla questione del prezzo dell’anidride carbonica, è stato fatto un passo rispetto al quale non si potrà più indietreggiare, si è comunque entrati in una fase di non ritorno. Ma ecco i principali punti dell’intesa, che entrerà in vigore nel 2020.

L’obiettivo di lungo periodo

L’articolo 2, come già previsto dall’ultima bozza di giovedì sera, prevede che «l’aumento della temperatura terrestre» a fine secolo «dovrà essere ben al di sotto dei due gradi rispetto all’era preindustriale e l’azione dovrà essere proseguita per limitarla a 1,5 gradi», riconoscendo che questo «ridurrà significativamente i rischi e l’impatto del cambiamento climatico». Si tratta di una concessione ai Paesi più soggetti a fenomeni di siccità e inondazioni, anche se quello di 1,5 gradi è un obiettivo simbolico perché sono più o meno tutti d’accordo nel ritenerlo irrealistico. Basti ricordare che a oggi l’aumento è di 0,86 gradi.

Cosa fare per rispettare l’obiettivo

Il testo non prevede alcun target preciso in termini di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra (principalmente anidride carbonica, dovuta in larga parte all’utilizzo di energie fossili, e metano). Si dice solamente, all’articolo 4, che «il picco dovrà essere raggiunto il più rapidamente possibile», stabilendo che i Paesi in via di sviluppo vi arriveranno più tardi, e che «le emissioni dovranno quindi diminuire rapidamente per arrivare nella seconda metà del secolo a un equilibrio tra le emissioni e il loro assorbimento» (si presume, ma non è esplicitato, da parte delle foreste, dagli oceani e dalle tecnologie di “cattura” della CO2). È scomparso il riferimento esplicito alla «neutralità di CO2», invisa a grandi inquinatori come Cina, India e i Paesi produttori di gas e petrolio. Perché questo accada bisognerà comunque arrivare a un’emissione di 40 miliardi di tonnellate di anidride carbonica nel 2030, mentre gli attuali impegni presi da 186 delle 196 “parti” corrispondono a 55 miliardi di tonnellate. Circa 80 Paesi sembrano già pronti a riconsiderare rapidamente i loro programmi.

Controlli e verifiche

Nel 2018 gli esperti indipendenti dell’Onu diranno qual è il livello di emissioni compatibile con l’obiettivo di 1,5 gradi. Nel 2023 si farà una prima verifica sui risultati raggiunti da ogni Paese. E ci sarà quindi una verifica ogni cinque anni, in occasione della quale si faranno delle correzioni al rialzo degli sforzi da compiere per rimanere sulla retta via. Sforzi che rimarranno comunque volontari e non «giuridicamente vincolanti», come invece le altre parti dell’accordo, per aggirare la possibile opposizione di alcuni Paesi (Stati Uniti in testa). I Paesi più poveri saranno esentati da queste verifiche.

Ripartizione e differenziazione degli impegni

I Paesi sviluppati, in nome della loro responsabilità storica di grandi inquinatori, sono chiamati a realizzare la gran parte degli sforzi. Il compromesso prevede che ognuno farà «in base alle diverse circostanze nazionali». Per evitare che gli emergenti e soprattutto i Paesi in via di sviluppo debbano rinunciare alla loro crescita economica in nome della «decarbonizzazione». In caso contrario avrebbero respinto l’accordo.

Il fondo da 100 miliardi

Si trova in un allegato dell’accordo. Si stabilisce che i 100 miliardi di dollari che i Paesi sviluppati dovranno destinare a emergenti e Pvs ogni anno all’orizzonte 2020 – per aiutarli a evolvere verso un’economia sostenibile – rappresentano un finanziamento base da incrementare nel periodo successivo. Un’implementazione di questo impegno è prevista per il 2025.

Compensazioni per danni ambientali

Anche questo punto è stato stralciato dall’accordo ed è in un allegato. Vi si stabilisce che i Paesi vittime di catastrofi ambientali non potranno chiedere alcun indennizzo ai Paesi sviluppati.

.-.-.-.-.-.-

Mah,  ho il sospetto che questo ”accordo”,  preso sia per il pianeta che per la sopravvivenza della razza umana,  sia soprattutto da vedere come un ulteriore passo avanti nella giusta direzione ma, onestamente, non è che faccia proprio tanto.

D’altronde tutto l’am ba ra dam deve andare avanti no?  Se si ferma succede il finimondo sociale! Inoltre, i cambiamenti climatici penalizzano in modo particolare zone del pianeta ”vulnerabili” in quanto o sono molto povere, o sono poco abitate … quindi ”perché scaldarsi tanto” se muoiono gli orsi bianchi o le popolazioni della Micronesia?

Il giorno che GEA si scoccia … bè … i sopravvissuti, ammesso e non concesso che ne rimangano, ricominceranno tutto da capo! Speriamo in ”meglio”!

 

Alla prossima

 

Elena

Tratto da: Sole24ore

Share on Myspace

I negozi ”compro oro” …

Share on Myspace

Come mai i negozi ”compro oro” nascono come i ”funghi” nelle nostre città?

Sal : negozio compro oro (foto Tanopress)

la spiegazione è anche tra queste righe.

La Russia ha comprato in un mese 18 tonnellate d’oro e la Cina 15 tonnellate.

Solo l’anno scorso Pechino ha aumentato le sue riserve del 70%, Mosca del 18%.

Gli Stati Uniti hanno oltre 8.100 tonnellate di metallo giallo, più di cinque volte quelle russe. Seguono a enorme distanza la Germania (3380 tonnellate), il Fondo monetario internazionale (2800), l’Italia (2452) e la Francia (2436 tonnellate). La Cina è a quota 1800 tonnellate, la Russia a 1500. Se il ritmo degli acquisti restasse inalterato, secondo un’analisi di Market Watch Pechino e Mosca impiegherebbero altri sei anni per raggiungere Italia e Francia.

Chi vende il metallo giallo lo fa perché ha davvero l’acqua alla gola. E questa è una cosa che non solo accade a noialtri,  ma succede anche agli Stati.

E’ il caso del Venezuela, in ginocchio per il crollo del prezzo del petrolio: l’anno scorso Caracas ha liquidato il 43% delle sue riserve auriferee per ripagare i debiti esteri. Ma in giro per il mondo, da Washington a Berlino, da Roma a Parigi passando per Tokyo, il resto delle banche centrali non lascia uscire un lingotto dai forzieri.
In un mondo con tassi a zero, che non cresce e non crea inflazione, anche l’immobiliare, bene per eccellenza, è in crisi, quindi l’oro rimane l’unico ”bene rifugio” …
Alla prossima

 

Elena

Share on Myspace

I negozi ”compro oro” …

Share on Myspace

Come mai i negozi ”compro oro” nascono come i ”funghi” nelle nostre città?
la spiegazione è anche tra queste righe:
La Russia ha comprato in un mese 18 tonnellate d’oro e la Cina 15 tonnellate.
Solo l’anno scorso Pechino ha aumentato le sue riserve del 70%, Mosca del 18%.
Gli Stati Uniti hanno oltre 8.100 tonnellate di metallo giallo, più di cinque volte quelle russe. Seguono a enorme distanza la Germania (3380 tonnellate), il Fondo monetario internazionale (2800), l’Italia (2452) e la Francia (2436 tonnellate). La Cina è a quota 1800 tonnellate, la Russia a 1500. Se il ritmo degli acquisti restasse inalterato, secondo un’analisi di Market Watch Pechino e Mosca impiegherebbero altri sei anni per raggiungere Italia e Francia.
Chi vende il metallo giallo lo fa perché ha davvero l’acqua alla gola. E’ il caso del Venezuela, in ginocchio per il crollo del prezzo del petrolio: l’anno scorso Caracas ha liquidato il 43% delle sue riserve auriferee per ripagare i debiti esteri. Ma in giro per il mondo, da Washington a Berlino, da Roma a Parigi passando per Tokyo, il resto delle banche centrali non lascia uscire un lingotto dai forzieri.
In un mondo con tassi a zero, che non cresce e non crea inflazione, anche l’immobiliare, bene per eccellenza, è in crisi, quindi l’oro rimane l’unico ”bene rifugio” …
Alla prossima

 

Elena

Share on Myspace